Domenica d'ottobre: appuntamenti con il gusto autunnale

Lo Streetfood Village porta a Poggibonsi il cibo di strada certificato. Vernio si tinge di giallo. A Marradi la sagra delle castagne sul treno a vapore. A Palazzuolo sul Senio la Sagra del Marrone e dei Frutti del Sottobosco. Slow Travel Fest a Monteriggioni, un incontro sulla dimensione spirituale del cammino. Benedetta Parodi inaugura Shopping & Food Show, dal 22 al 25 ottobre alla Leopolda di Firenze. I tartufai senesi tornano protagonisti della Mostra–Mercato di San Giovanni d’Asso


Fino a domenica 11 ottobre, lo Streetfood Tour, il giro d’Italia del cibo di strada, fa tappa a Poggibonsi, il bel borgo storico della Val d’Elsa, in provincia di Siena, che ospita la venticinquesima tappa di questo goloso tour promosso dall’Associazione nazionale Streetfood, la prima e unica in Italia che da anni certifica e promuove il vero cibo di strada italiano. Lo Streetfood Village è sistemato nella centrale Piazza Matteotti e per tre giorni porterà in piazza il cibo di strada, quello con la tendina, che delizierà i palati delle migliaia di appassionati che arriveranno per il week end di festa. Una iniziativa promossa in collaborazione con l’Amministrazione comunale, che ne ha esaltato il senso di rendere vivo il centro storico, e dall’Associazione Via Maestra di Poggibonsi. Dagli arrosticini abruzzesi al tradizionale cibo di strada siciliano, arancini e cannoli in testa, passando per i fritti nel cono di Ascoli, o i più toscani lampredotto e porchetta, fino ad arrivare a un assaggio internazionale, il tutto abbinato alla birra a marchio Streetfood, creata proprio per abbinarsi al meglio con queste prelibatezze di strada. Nei tre giorni di Poggibonsi, oltre al cibo di strada, saranno presenti spettacoli musicali e un’area dedicata ai più piccoli. Nell’adiacente Via Maestra (via della Repubblica) infatti sarà presente sabato e domenica la Ludomobile, il magico furgone che con i suoi giochi di strada trasforma una piazza in una vera e propria ludoteca a cielo aperto, 0-99 anni. La ludomobile trasporta grandi giochi di piazza e di strada per proporre una tipologia d animazione che offre la possibilità di approccio al gioco a grandi e piccini con il trucca bambini e tante attività ricreative pensate per i più piccoli. L’associazione nazionale Streetfood nata nel 2004 è stato il primo progetto in Italia a promuovere il cibo come cultura e il cibo di strada come format vincente in quanto “riassume in un cartoccio” storia e tradizioni di ogni regione d’Italia da scoprire e gustare con le mani. Negli eventi di questo primo semestre sono stati consumati oltre 35 quintali di patate, 120 addirittura di melagrane. Oltre 15 mila piadine, poi ancora 8 mila arancine, 600 kg di Pane ca’ Meusa, 300 kg di panelle. Ancora 900 kg di paella, 30 quintali di carne argentina, 15 quintali di pesce e altrettanti di lampredotto. Dalla Puglia sono arrivati più di 30 quintali di bombette e 500 sono i kg di lime per i cocktail “on the road”. Dall’Abruzzo 80 mila arrosticini e oltre mille kg di farina per panigacci di Podenzana (Ms). Per finire 7.500 Panzerotti baresi e 15 quintali di polipo per oltre 6 mila Pucce salentine. 3 mila le spianate casentinesi con porcini e tartufo toscano, 450 i kg di Pastin, piatto di strada bellunese. Il tutto accompagnato da Birra StreeFood, oltre 9 mila i litri somministrati sommando i vari eventi.

Dolce Vernio miele, show cooking, laboratori didattici, percorsi guidati nel mondo delle api e la mostra del pittore Roberto Sguanci. Domenica 11 ottobre alle 10 si apre, sempre all'Ex Meucci, la mostra mercato e il sindaco Giovanni Morganti, insieme all'assessore al Turismo Francesca Bolognesi, inaugurala mostra Dolce Vernio. 16 i produttori che partecipano alla mostra mercato, tutti provenienti dalla Toscana con la sola eccezione di un produttore sardo di biscotti al miele. Alle 11 sarà la volta della Sbruciatata a cura della Società della Miseria e quindi della premiazione del Miglior Miele 2015. Quest'anno la giuria di esperti ha valutato complessivamente 76 campioni di una cinquantina di produttori, 31 per la categoria millefiori, 19 per l'acacia, 17 per il castagno e 9 per altri tipi. I produttori sono in maggioranza della provincia di Prato, ma anche di Massa, Siena e Grosseto. L'annata, rispetto a quella disastrosa dell'anno scorso, si è rivelata piuttosto buona, con risultati particolarmente incoraggianti per le zone di collina (oltre 300 metri) e di montagna (oltre 700 metri) dove le fioriture sono state meno danneggiate dalla siccità. Per gli apicoltori è previsto anche un convegno (alle 9.30) dove saranno affrontati alcuni temi di interesse tecnico come i nuovi antiparassitari e i sistemi di foto trappolaggio per combattere i furti di alveare. Alle 11,30 proiezione del cortometraggioTestare un miele, realizzato dal video maker Matteo Corsi, che documenta l’attività svolta dagli assaggiatori dell’ARPAT per il Concorso Dolce Vernio e quindi premiazione dei primi 3 classificati per ognuna delle quattro categorie del concorso per il miele migliore. Anche domenica sarà possibile partecipare al percorso guidato Dal Barattolo all’arnia.

E’ in arrivo la seconda delle quattro domeniche della 52° “Sagra delle castagne e del Marron Buono di Marradi”, organizzata dalla Pro Loco in collaborazione con l’Amministrazione comunale. Tortelli, marmellate e torta di marroni, castagnaccio, marrons glacés, “bruciate”, biscotti, birra e tanto altro… preparati col prelibato marrone del Mugello Igp. Lungo le vie del paese degustazione e vendita di specialità gastronomiche, prodotti del bosco e sottobosco, prodotti artigianali e commerciali, con un’ampia vetrina dei prodotti tipici e produttori locali all’ingresso della manifestazione. Ed ancora, animazione e intrattenimento con artisti di strada e musicisti itineranti, mostre e iniziative culturali. E poi il treno a vapore per vivere un suggestivo viaggio immersi nel paesaggio dell’Appennino Tosco-Romagnolo: domenica 11 ottobre Pistoia-Prato-Firenze-Marradi e ritorno; domenica 11 e 25 ottobre Rimini-Forlì-Faenza-Marradi e ritorno). Attivati da Fs-Trenitalia treni straordinari sulla linea Faentina per raggiungere la manifestazione (sono indicati sul sito della Pro Loco di Marradi). E in occasione della sagra e della Giornata nazionale dei Parchi Letterari (Marradi, come tutto il Mugello, è nel Parco Letterario di Dante) è prevista l’emissione di un doppio annullo filatelico. Ingresso a pagamento. Per ulteriori informazioni: Ufficio Turistico Marradi, 0558045170, info@pro-marradi.it.

Ancora marroni, funghi e gastronomia nel mese di ottobre a Palazzuolo sul Senio. Domenica 11 ottobre prosegue la parentesi sui prodotti tipici di queste terre. Oltre ai principi dell'autunno, i marroni, si potranno acquistare e degustare funghi, tartufi, prodotti del sottobosco, grezzi e trasformati.Protagonista sarà però il “Marrone del Mugello”, marchio IGP. Frutto coltivato senza l’ausilio di fitofarmaci o concimi chimici. E così da queste preziose testimonianza della cultura contadina dell'Appennino Tosco-romagnolo nascono dolci appetitosi come la torta, il castagnaccio, i topini, i tortellini e la farina di castagne.L’Ottobre Palazzuolese sarà occasione per soddisfare il palato e trascorrere ore di serenità e buon gusto, musica, folklore e stand gastronomici, il tutto arricchito dalla possibilità di raccogliere personalmente il prodotto nei castagneti.Come sempre anche domenica alle ore 11.00 in Piazza IV Novembre e Viale Ubaldini sarà aperto il "Mercatino dei profumi del''autunno" con una mostra mercato del Marrone IGP del Mugello. Sempre in piazza IV novembre sarà presente lo stand “Il Seccatoio” con prodotti a base di marrone come la torta, il Castagnaccio, i topini, i tortellini e altri prelibatezze dell’autunno come le caldarroste e il vin brulè. Sempre in tema di gusto, nella Casa del Villeggiante verrà allestito lo stand “Il castagneto” con menù a base di zuppe autunnali, polenta, dolci a base di marroni e molto altro per solleticare il palato. Nel resto del paese grande fiera paesana. Infine dalle ore 14.00 sul palco di P.zza IV novembre musica tradizionale, balli folk, animazione e truccabimbi mentre per la gioia dei più piccoli "Tinto e l'asinello Giulio" porterà a spasso su di un calesse con accompagnamento di altri animali.Anche domenica sarà l'occasione per conoscere i sapori genuini anche nei ristoranti e nelle aziende agrituristiche locali assieme alla cacciagione, alla polenta e ai numerosi piatti tipici della stagione autunnale.

Si chiuderà con una riflessione sulla dimensione spirituale del viaggio la prima edizione di Slow Travel Fest, domani, domenica 11 ottobre a Monteriggioni (Siena). L’incontro, che si terrà alle 11.30, vedrà sul palco Sergio Valzania, vice direttore di Radio Rai e appassionato camminatore, che dialogherà sul tema con don Domenico Poeta, responsabile dell’arcidiocesi di Siena per l’accoglienza dei pellegrini, e Italo Bertolasi, viaggiatore, fotografo e terapeuta che ha percorso le più importanti vie sacre del mondo. Le attività della terza giornata del festival partiranno all’alba, con cinque diverse proposte di escursioni. Alle 7.00, chi ama svegliarsi di buon mattino potrà partecipare a “deep walking”, un cammino meditativo in compagnia di Luca Gianotti, direttore delle Edizioni dei Cammini e personalità di spicco nel panorama del viaggio lento in Italia (durata: 2 ore). Sulle tracce della storia, e in particolare dei luoghi che hanno testimoniato l’eccidio partigiano che dopo l’8 settembre 1944 segnò le pendici del Montemaggio, condurrà invece il percorso pensato dall’associazione guide ambientali AIGAE, con partenza alle 9.30 e letture lungo la strada (durata: 3 ore e 30, partenza dall’abbazia di Abbadia a Isola). Si continua alle 10.00 con una sessione di nordic walking, lo stile di camminata figlio dello sci di fondo, tra strade bianche e sentieri di bosco, a cura di Nordic Walking Siena Si Va (durata: 2 ore e 30), e sempre alla stessa ora gli appassionati della due ruote potranno raggiungere in bicicletta l’affascinante Eremo di San Leonardo al Lago (durata: 3 ore e 30). Alle 10.30, infine, il geografo ed esploratore Franco Michieli condurrà i partecipanti alla scoperta dei riferimenti naturali che permettono di viaggiare e orientarsi senza l’ausilio di supporti tecnologici (durata: 3 ore). Spazio ai più piccoli, che potranno scegliere di passare una giornata all’aria aperta tra camminate,racconti e spettacoli in compagnia degli asinelli della guida ambientale Massimo Montanari, che da anni insieme alla sua famiglia porta avanti l’antica tradizione dell’addomesticare l’asino come compagno di viaggio e di lavoro (ore 10.00), partecipare a una caccia al tesoro intorno alle mura del castello e alla scoperta della biodiversità dei boschi circostanti (ore 11.00, a cura di associazione Species), e assistere allo spettacolo teatrale itinerante “Storia di un lupo in cammino per 1000 km”, con Paolo Montanari, Andrea Gatti e Mario Ferraguti, che racconta la storia di tutti i lupi d’Appennino e del loro rocambolesco cammino, quello che dalla tangenziale di Parma arriva fino in Francia (11.30). Tanti anche gli incontri della giornata: alle 11.00 Andrea Borchi, animatore del blog Bike Packing e ideatore del percorso per mountain bike Tuscany Trail, introdurrà il pubblico all'arte di fare i bagagli in bicicletta; alle 14.00 Paolo Venti e Giancarlo Cotta Ramusino, autori rispettivamente di “La strada per il Don” e “Il ritorno a Nikolajevka”, ripercorreranno con i loro romanzi le tracce degli alpini che ritornarono dalla campagna in Russia in sella a una bici, in bus, in treno, in autostop e a piedi; alle 15.00, al racconto di un viaggio di 1000 chilometri dalle Alpi Liguri a Roma sarà dedicato invece l’incontro “La Via Francigena è per tutti?”, a cui parteciperanno l’organizzatore del festival Alberto Conte, il fondatore di Radio Francigena Alberto Pugnetti e Pietro Scidurlo, viaggiatore paraplegico e autore della guida “Il Cammino di Santiago per tutti”, che spiegherà cosa significaviaggiare lentamente per chi vive la disabilità. Il festival si concluderà alle 17.30, con il concerto finale dei Piaceri Proletari, formazione fiorentina che farà ballare il pubblico al ritmo di uno swing italiano contaminato col folk americano e un pizzico di balera romagnola.

Dopo l’enorme successo dello scorso anno non poteva che tornare a Pelago la Sagra del Bollito fatto e rifatto. Una sagra che vi offre il piacere di sperimentare prelibatezze tipiche delle nostre nonne e ormai sempre più rare: dal lesso rifatto al gran bollito (con lingua!). Ma c’è di più: le nostre massaie prepareranno per voi tortellini in brodo o al ragù, sugo scappato, durelli (le cipolle del pollo), salse (tartara e verde), crostini ai fegatini, carrettiera. E chi non ama tutte queste prelibatezze non si preoccupi: vi aspettano patatine fritte e un’ottima grigliata di salsicce e rosticciana. Tutto questo al Centro Pastorale G. La Pira di Pelago nei finesettimana del 17-18 e 24-25 ottobre prossimi a cena (dalle 19:00 di sabato e domenica) e a pranzo (solo la domenica dalle 12:30) 

Lo spettacolo è in cucina alla Stazione Leopolda di Firenze dal 22 al 25 ottobre (orari: gio e ven 15-23; sab. 10-23; dom 10-21 / Ingresso gratuito), in occasione di Shopping & Food Show, la fiera dedicata all'enogastronomia, all'arredamento e allo shopping di qualità. Ad accompagnare i visitatori, lungo i quattro giorni di manifestazione, un ricco programma di workshop e show cooking ad ingresso rigorosamente gratuito, che vedrà salire in cattedra alcuni dei principali protagonisti del mondo del gusto. Ad aprire il calendario Benedetta Parodi, la conduttrice televisiva sarà infatti la madrina d'eccezione inaugurando la Fiera con due lezioni giovedì 22 a partire dalle ore 16. (L'ingresso è libero, fino ad esaurimento posti). La regina di Bake Off Italia e del programma Molto Bene in onda su Real Time, svelerà alcuni dei suoi preziosi segreti culinari al pubblico che potrà interagire con la conduttrice durante la preparazione dei piatti, ponendo domande e quesiti, per un momento conviviale nel nome dei buoni sapori e dello scambio di utili consigli. A seguire la food blogger toscana Giulia Scarpaleggia fondatrice del fortunato e seguitissimo blog Julskitchen.com che dal 2009 racconta della sua cucina attraverso i suoi scatti. A Shopping & Food Show,giovedì 22 alle ore 19.30, ci parlerà della cucina d'Autunno e di come esaltare gli ingredienti di stagione attraverso semplici ricette della tradizione toscana. Non mancherà il tanto in voga Cake Design con due lezioni dedicate a questa disciplina, che trasforma semplici dolci in vere e proprie opere d'arte. In programma, giovedì 22 alle 21, un incontro con Francesca e Sara di Dolce Lab per scoprire come farcire e rivestire una torta, sabato 24 e domenica 25, in compagnia di Miss Cinzia Cake, impareremo i segreti di una nuova tecnica per decorare un dolce: la wafer paper e di come guarnire, a tema Halloween, i famosi dolcetti americani, i Cupcake. Venerdì 23 alle ore 15, in collaborazione con Yelp Firenze, è il turno in cucina della chef Maria Probst del ristorante la Tenda Rossa, accompagnata da Natascia Santandrea e con la speciale partecipazione di Aldo Fiordelli giornalista e critico enogastronomico fiorentino. Alle ore 17 ad arricchire la rosa degli ospiti arriva Enrica Della Martira. Fiorentina doc, la passione per la cucina l'ha sempre avuta, nel 2013 è diventata infatti una concorrente del famoso talent culinario ‘Masterchef’ dove si è classificata terza. Ai fornelli di Shopping & Food Show realizzerà in diretta una tartare di ricciola al lime con stracciatella di burrata e centrifugato di pomodoro pachino. A seguire, alle ore 19.30, è in programma una lezione alla scoperta della cucina senese con Lella Cesari Ciampoli. Persino lo chef della principessa Diana ha studiato ai fornelli di Lella, che da vent'anni tiene i suoi corsi nella scuola fondata da lei e inserita da Mondadori tra le prime 100 scuole di cucina d'Italia. A concludere la giornata Carla Marchetti di Spadellandia.com che ci svelerà le numerose versioni per realizzare l'hamburger: da quello vegetariano a quello di pesce passando per quello classico con la carne di manzo alla versione più light con il pollo. Ore 21. Spazio inoltre allo street food firmato da Luca Cai della Tripperia “Il Magazzino” che ci mostrerà, sabato 24 alle ore 12.30, come il classico Lampredotto può cambiare veste e parlare altre lingue: spazio quindi alla variante del cous cous, del sushi e delle meatballs di Lampredotto. Alle ore 15, si parla del nuovo libro “Appetiti Estremi “, scritto a quattro mani da Stefania Pianigiani, giornalista e blogger e Sabrina Somigli microbiologa prestata con successo alla ristorazione in veste di cuoca. Insieme a loro cucineremo una ricetta speciale: la trippa all'Arancia. Non poteva mancare uno show cooking sulla classica pizza, e in particolare sulla pizza napoletana, in compagnia di Giovanni Santarpia, fresco del premio Miglior Pizza Napoletana Tre Spicchi da parte delGambero Rosso. Con lui scopriremo i segreti per realizzare un ottimo impasto e cucinare la famosa pizza fritta. Ore 17. Domenica 25 è in programma un mini workshop sul VisualFood, in compagnia di Antonella Gala del team di Rita Loccisano. Questo nuovo modo di concepire l'allestimento dei piatti, coniuga estetica e funzionalità: grazie ad un insieme di tecniche il VisualFood fa sì che gli alimenti subiscano una metamorfosi e si trasformino in piccole opere d'arte. Ore 11. Spazio inoltre al workshop dedicato al garden design insieme a Centro Servizi Giardini in programma domenica 25, alle ore 15. Si parlerà di orto urbano: come coltivare un piccolo orto nel proprio terrazzo. Tutti gli show cooking sono parte integrante della golosa appendice dedicata ai sapori di Shopping & Food Show con il meglio dei cibi italiani ed esteri, punti di ristorazione e la zona aperitivo con intrattenimento per tutti i gusti. La Fiera prosegue con il meglio di tutti i settori del commercio, dall'arredamento all'oggettistica, dall'abbigliamento agli accessori. Tutti gli show cooking sono a ingresso libero. 

La Mostra Mercato del Tartufo Bianco delle Crete senesi festeggia i trenta anni di attività. Era il lontano 1985 quando per la prima volta a San Giovanni d’Asso (Siena) prendeva vita quello che sarebbe diventato uno dei più importanti appuntamenti italiani dedicati a questo prezioso e prelibato fungo ipogeo. Saranno i due classici week end di novembre (7-8 e 14-15) l’occasione per degustare e acquistare a km0 il “Diamante Bianco” delle Crete Senesi. La trentesima edizione della Mostra Mercato di San Giovanni d’Asso segna un’importante novità che è anche un ritorno alle origini. Sarà infatti l’Associazione Tartufai Senesi a gestire l’organizzazione dell’evento, così come accadeva nei primi anni. “Fu proprio l’associazione – dice il presidente dei tartufai senesi Paolo Valdambrini – a lanciare la proposta e a registrare il marchio del Tartufo Bianco delle Crete Senesi. Dopo le prime pionieristiche edizioni passammo il testimone alle istituzioni: il Comune di San Giovanni d’Asso, la Provincia di Siena e la Regione Toscana. Se oggi la festa è diventata una consolidata tradizione è molto merito loro”. Adesso il testimone torna nelle mani dell’Associazione Tartufai Senesi che curerà direttamente, sempre con il supporto e il contributo delle istituzioni e delle associazioni del territorio, la XXX edizione della Mostra – Mercato del Tartufo Bianco delle Crete. È stata l'amministrazione comunale di San Giovanni d’Asso a promuovere il protocollo d'intesa per la XXX edizione della Mostra Mercato del Tartufo Bianco delle Crete Senesi, individuando l'Associazione Tartufai Senesi come la più adatta all'organizzazione dell'evento anche per la stretta collaborazione con le istituzioni nelle passate edizioni. Il Comune, attraverso la Commissione Consiliare sul Tartufo, mantiene le funzioni di programmazione e indirizzo sull'organizzazione della Mostra Mercato . “In questi anni – continua Valdambrini – anche la nostra associazione è cresciuta molto. Oggi siamo di più e più consapevoli che questa attività è o può diventare una vera e propria professione. Così come abbiamo tutti ben chiaro che la salvaguardia dell’ambiente e del territorio che ospita le tartufaie fa parte dei nostri compiti. La nostra non è solo un’attività lavorativa che non consuma territorio e non inquina, noi lo preserviamo, lo curiamo perché il tartufo prospera solo dove la natura è incontaminata, per questo è considerato una sentinella ambientale. Vi aspettiamo a San Giovanni d’Asso, posso già dire che ci aspetta una stagione di qualità altissima e di minore quantità rispetto al 2014. Un piacere per il palato e, purtroppo, anche un prezzo un po’ più alto. Le quotazioni già adesso arrivano a duemila euro al chilo per le pezzature più piccole”. L’obiettivo dell’associazione è quello di continuare nell’opera di valorizzazione del tartufo delle Crete Senesi con nuove iniziative che valorizzino anche le altre grandi eccellenze enogastronomiche che la provincia di Siena può offrire. “Stiamo già lavorando per il prossimo anno – conclude il presidente dei tartufai senesi – pensiamo a nuove occasioni che accompagnino la Mostra – Mercato in un arco temporale più ampio e stiamo già studiando insieme ad altri comuni della provincia un calendario annuale con nuovi eventi. Intanto posso già dire che il 26 ottobre saremo a Trento ospiti della storica casa vinicola Ferrari per una degustazione del nostro Tartufo Bianco delle Crete Senesi con le più famose bollicine della Trento Doc”.

Nel piccolissimo borgo medioevale di Montisi al Centro delle Crete senesi (a 15 Km da Pienza 20 Km Montalcino e 25 Km da Montepulciano)si svolgerà la sedicesima edizione di "IL PRIMO OLIO E ALTRO ANCORA" nell’ambito della manifestazione "ANDAR PER FRANTOI E MERCATINI" a cura dell’Associazione Nazionale Città dell’Olio. Il 30 e 31 ottobre, un fine settimana all’insegna della cultura gastronomica dove sarà possibile degustare l’olio di nuovissima spremitura di quest’angolo delle crete senesi accompagnato dagli altri prodotti tipici di questa zona (tartufo bianco e Vino Doc Orcia)nelle sede delle contrade e nei ristoranti. Sarà possibile fare visite guidate ai frantoi del paese e fare mini corsi d’assaggio d’olio e vino miele e formaggi nonché visite alle contrade della Giostra di Simone, al Museo della Compagnia ,al Piccolo Teatrino della Grancia recentemente ristrutturato. Ci saranno mercatini e mostre dell’artigianato antiquariato lungo tutto il borgo e spettacoli itineranti d'intrattenimento. L'organizzazione è a cura dell'Ammistrazione comunale di San Giovanni d'Asso e Associazione Pro Loco Giostra di Simone di Montisi.

Dolce Vernio - Testare un miele

Redazione Nove da Firenze