Festa della Donna: eventi in Toscana, con e senza partner

​La festa della donna dalla Toscana fino al cuore di Firenze


La tradizionale Festa dedicata alla Donna è l'occasione di svago e di riflessione: molti gli eventi in Toscana, dallo shopping all'artigianato, dalla bellezza alla cura del corpo, dalla sensibilizzazione su temi delicati come la violenza in famiglia, alla necessità di guardare all'ambiente ed ai problemi quotidiani con il sapiente occhio critico e multidisciplinare delle donne.
Eventi con e senza partner, perché in fin dei conti la festa è festa.

Firenze - Non più solo mimose, insomma, ma regalare una pianta da coltivare e far crescere e compiere un atto concreto per “dare la vita”.
Si presenta con questo slogan l’edizione 2015 della Mostra Mercato “L’altra metà…della terra in piazza” organizzata dall’Associazione Donne in Campo – Cia Toscana che per due giorni, 8 e 9 marzo, ‘invaderà’ il centro di Firenze - in Piazza della Repubblica (dalle 9,30 alle 19,30) – con le migliori produzioni agricole provenienti da tutta la regione. L’iniziativa ha avuto il Patrocinio del Comune di Firenze e la coopromozione dell’Assessorato alle Pari Opportunità.

Produzioni 100% toscane - Vino di qualità, olio extravergine d’oliva, miele, formaggi e salumi tipici, marmellate e confetture, salse vegetali, sott’olio, conserve, ortaggi di stagione, ma anche zafferano, erbe officinali, cosmesi vegetale, trasformati e derivati di frutta e verdura. Sono solo alcune delle prelibatezze toscane che arrivano direttamente dalle aziende delle agricoltrici ai cittadini per testimoniare il valore della nostra agricoltura, difendere il territorio agricolo, valorizzare la storia e le tradizioni che li hanno prodotti. Le imprenditrici agricole provenienti da tutta la Toscana, esporranno i loro migliori prodotti e saranno a disposizione dei cittadini per ‘raccontare’ le loro aziende, i loro territori, le loro produzioni. In Toscana un’azienda su tre è a conduzione femminile.

Il programma - In Piazza Repubblica, domenica 8 e lunedì 9 marzo in occasione della Mostra Mercato delle imprenditrici agricole toscane “L’altra metà …della Terra”, Donne in Campo metterà in vendita tante piantine di lavanda corredate di istruzioni “per l’uso”, da regalare e regalarsi in occasione della Giornata della Donna e per compiere un piccolo gesto simbolico “contro la violenza sulle donne” perché il ricavato della vendita sarà devoluto ad associazioni fiorentine Artemisia Centro Antiviolenza e Nosotras, associazione di donne italiane e migranti.

LAssociazione Tumori Toscana A.T.T. propone un modo diverso di trascorrere l’8 Marzo organizzando una Visita Guidata alla Sede e al Museo della Venerabile Arciconfraternita della Misericordia di Firenze (Piazza Duomo, 20 – Firenze). Un'occasione unica alla scoperta della storia e dei tesori della più antica istituzione privata di volontariato che vanta oltre sette secoli di vita.
Il Museo racchiude, infatti, oggetti legati alla tradizione della Confraternita e pregevoli opere d’arte di maestri quali Lorenzo Ghiberti, Luca della Robbia,Benedetto da MaianoOrario visite 15.00 e 16.30Offerta minima 10 Euro.
I fondi raccolti varranno devoluti all’Associazione Tumori Toscana a sostegno del servizio di Cure Domiciliari Oncologiche gratuite che dal 1999 tutti i giorni, 24 ore su 24, offre ai malati di tumore di Firenze, Prato e Pistoia, grazie ad un’équipe di medici, infermieri, operatori socio-sanitari e psicologi.
Prenotazione obbligatoria: A.T.T. Firenze, Paola Neri, 3356586211


Domenica 8 marzo 2015, lo SPI CGIL del Q3, la sez. soci Coop Gavinana Fireze Sud-Est, Il Circolo Affratellamento e il Circolo Vie Nuove di Firenze, presento "Donne In Festa", una giornata dedicata alla ricorrenza dell'8 marzo, con, dalle 16.30, presso il Circolo Vie Nuove (v.le D. Giannotti, 13 Firenze vienuove@vienuove.it tel. 055 683388) il saluto di ANNA MARIA ROMANO , responsabile donne CGIL/SPI Regionale che anticiperà la conferenza della prof.ssa DINORA CORSI , che interverrà sul tema dei diritti alle donne nella storia del XVIII , XIX e XX secolo. Seguirà poi un'intervento / lettura delle DONNE SENZA TEMPO, che presenteranno un adattamento di Roberto Mazzi da LE DONNE DI BRECHT , a seguire cena in ricordo di Marina Trambusti. Per la cena prenotazione obbligatoria: quota di partecipazione 20 euro.

L’Università di Firenze celebra la Festa della Donna con un doppio appuntamento domenica 8 marzo in Aula Magna (piazza San Marco, 4).

Alle ore 10.30, si svolgerà il quinto appuntamento del ciclo “Incontri con la città. Leggere il presente per comprendere il futuro”. Relatrice Maria Cristina Grisolia, ordinario di Diritto costituzionale, che parlerà del problema del riequilibrio tra i due sessi nella rappresentanza politica e in particolare del rapporto tra i provvedimenti relativi alle cosiddette “quote rosa” e la Costituzione. Gianni Pietraperzia, ricercatore di Chimica fisica, coordinerà l’incontro e le domande del pubblico.

Il programma completo del ciclo “Incontri con la città. Leggere il presente per comprendere il futuro” è online. Guarda il video di presentazione dell’incontro.

Alle ore 16.30, sempre in Aula Magna, per la rassegna musicale “Il Tempio delle Muse” Monica Petrelli ed Enrica Piccolomini si esibiranno nel concerto “Danze europee nel salotto romantico”, un viaggio tra valzer e danze folkloristiche nell’Europa dell’Ottocento romantico grazie alle musiche del repertorio pianistico a quattro mani di Schubert, Brahms, Grieg, Dvorak.

La rassegna è realizzata dalle attività artistiche dell’Ateneo fiorentino, in collaborazione con il Museo di Storia Naturale e con il contributo di Unicoop Firenze.

Un ospedale in rosa. Il Meyer si contraddistingue per una forte prevalenza di donne tra i propri dipendenti, che arrivano alla quota record del 76%. Infatti c’è un rapporto di 3 a 1 tra gli operatori del pediatrico fiorentino.
Una rilevante presenza femminile che, come è evidente, non caratterizza solo la componente infermieristica e di assistenza, ma si riproduce anche tra i dirigenti medici, ove si assiste a una presenza femminile del 61%. Nessun settore al Meyer è di esclusivo appannaggio maschile. Anche tra il personale tecnico sanitario le donne sono in netta maggioranza (70% rispetto al 30% di uomini).
Molti sono infatti gli staff tutti al femminile che operano al Meyer. Tra questi, il team diOdontostomatologia speciale pediatrica ha un ruolo molto importante. “Nei primi anni della professione eravamo poche donne e moltissimi uomini donne – dice la responsabile, la odontoiatra Roberta D’Avenia – Per questo ora sono orgogliosa di questo team tutto al femminile che, con attenzione e sensibilità, si occupa della cura odontoiatrica in età evolutiva”.


Sabato 7 marzo appuntamento a Firenze allo Spazio Alfieri per la decima edizione del Forum Donne di Avis Toscana. 1915 – 2015 saranno i cento anni nei quali la figura femminile verrà ripercorsa attraverso musiche, canzoni, brani e immagini. Quattro bravissimi artisti Maria Grazia Campus (voce), Daniela Morozzi (letture), Stefano Cocco Cantini (sassofono) e Fabrizio Mocata (pianoforte) sono gli interpreti che daranno esecuzione ai pezzi che hanno segnato, nell’immaginario di tutti, la trasformazione della figura femminile, nell’arco di un secolo. Ad accompagnare, dieci tavole originali appositamente realizzate da Sergio Staino.
Tra le canzoni “Come pioveva” del 1918, conosciutissima nell’interpretazione di Achille Togliani, “Oro” del 1984 di Mango, “Dimmi che non vuoi morire” del 1997 interpretata da Patty Pravo e tantissimi altri brani.
Anche per l’edizione di quest’anno la riflessione che nasce dal percorso della donna, diventa pretesto per valorizzare il dono nel rapporto dialettico fra i generi. Alle 13.00 la festa continua con il Buffet della cooperativa sociale i Ragazzi di Sipario.
La partecipazione è libera, previa prenotazione. Info: www.avis.it/toscana, tel.055.2398624, FB: ForumDonneAvisToscana


SieciLuciana Castellina, politica, giornalista, parteciperà, domenica 8 marzo, al dibattito promosso dall'Arci intitolato "Donne e impegno politico e sociale" che si terrà dalle ore 16 alle Sieci (Pontassieve), presso il Circolo Primo Maggio (via Mascagni 39). All'iniziativa prenderanno parte anche Barbara Orlandi, segretaria CGIL Firenze. la senatrice di SEL Alessia Petraglia, la presidente nazionale dell'Arci, Francesca Chiavacci, la sindaca di Pontassieve, Monica Marini, la presidente della Commissione Pari Opportunità della Regione Toscana, Rossella Pettinati. 

Alle 17,15 avverrà la consegna del premio "Mimosa d'argento 2015" a Luciana Castellina. La 'Mimosa d' argento' è il premio che il Circolo ogni anno assegna a personaggi femminili che si sono distinti nei settori della cultura, scienza, politica. Luciana Castellina segue ad altri personaggi insigniti dello stesso riconoscimento: da Margherita Hack a Rita Borsellino, passando per Susanna Camusso, Giuliana Sgrena e Beppino Englaro che ritirò il premio in memoria di Eluana Englaro nel 2013.


Pontassieve - Venerdì 6 marzo alle ore 21.00, presso la Sala delle Eroine-Palazzo municipale di Pontassieve, con la presentazione del libro “DonnArchitettura” a cura di Maria Grazia Eccheli e di Mina Tamborrino, un testo al femminile, scritto da donne che parla di donne, ma che non si ferma a una visione di genere. Le due autrici-architetto raccontano il rapporto difficile, soprattutto nel periodo tra Ottocento e Novecento, tra Architettura e mondo femminile, mettendo in risalto la volontà e le risorse che le donne hanno dovuto e saputo trovare per raggiungere il loro sogno professionale. Durante la serata, oltre alle due autrici, interverranno anche il Sindaco del Comune di Pontassieve, Monica Marini; l’assessore alle pari opportunità, Cinzia Frosolini; la scrittrice e saggista Gabryela Dancygier, e l’archite tto dello studio Archea, Laura Andreini, coordina la Presidente dell'Ordine degli Architetti Paesaggisti Pianificatori e Conservatori della Provincia di Firenze, Architetto Marzia Magrini

Sabato 7 marzo presso la Biblioteca Comunale di Pontassieve alle 16, si inaugura la mostra Segni e sogni di quattro artiste internazionali operanti nella nostra provincia fiorentina. Ciascuna di loro presenta un percorso artistico internazionale particolare e si evidenzia per una precisa e originale impronta stilistica: dall'astrazione di puri segni cromatici, nelle raffinate “ragnatele” a effetto dripping di Libuse Babakova , agli spazi naturali fortemente evocativi nelle tele e le fotografie di Nicole Guillon , per giungere ai collage di tessuti orientali e pittura di Azin Najafi, fino alle atmosfere cosmogoniche delle figure di Maya Cetkovic ( in arte “Maya C.”).

Al Circolo 1° Maggio di Sieci consegna della Mimosa d'argento a Luciana Castellina,
scrittrice, giornalista, esponente politico e fondatrice de "Il Manifesto". Domenica 8 marzo, poi, il Circolo ospita dalle ore 16.15 Donne e impegno politico e sociale, un dibattito a sei voci con il Sindaco di Pontassieve Monica Marini, Francesca Chiavacci (presidente nazionale ARCI); Barbara Orlandi (segretaria CGIL Firenze);Alessia Petraglia (senatrice della Repubblica) e Rossella Pettinati (presidente commissione regionale pari opportunità della Toscana) e infine Luciana Castellina, personaggio alla quale sarà consegnato il riconoscimento "mimosa d'argento" che il Circolo ogni anno assegna a personaggi femminili che si sono distinti nei settori della cultura, scienza, politica. Durante il pomeriggio il Circolo consegnerà a tutte le donne che saranno pr esenti un'originale stampa realizzata per l'occasione dall'artista locale Samanta Milanesi.

Domenica 8 Marzo ore 14.00- al Circolo ricreativo R.Murri di Ellera - la festa della donna, anche quest’anno, si festeggia pedalando: la UISP, insieme a Regione toscana, con il Patrocinio di città di Fiesole e del Comune di Pontassieve, organizza BICI in ROSA un pomeriggio in bicicletta aperto a tutti . In questa seconda edizione il programma prevede il ritrovo alle ore 14.00 presso il circolo ricreativo R.Murri (Via Aretina 308, Ellera, Fiesole) con saluto degli organizzatori e distribuzione di t-shirt ai partecipanti; le letture, a cura dell’Associazione amici della biblioteca di Fiesole, alle ore 14.45 e la partenza pedalata alle ore 15.00. Il percorso si immetterà nella pista ciclabile lungo l’Arno e farà tappa alla Polisportiva Sieci-Via Mandorli 2- che sarà dedicata a letture e proiezioni video a cura dell’Associazione Donne in Cammino“Voci dal futuro”. Questa giornata si concluderà con ulteriori letture, numerosi interventi e la consegna della Mimosa d’Argento alla staffetta partigiana “Angela”-Liliana Benvenuti.


Prato - Un premio all'operosità delle donne e un tuffo nel mondo Etrusco, che ci racconta una storia al femminile inconsueta per il mondo antico. Gli appuntamenti, promossi dall'assessorato alle Pari opportunità del Comune di Carmignano, fanno parte del cartellone di eventi dedicati alla Festa della Donna 2015, che prosegue con tanti appuntamenti fino aluglio.

“Per l'8 marzo abbiamo scelto un viaggio nella cultura etrusca, che affida alla donna un ruolo di primo piano – spiega l'assessore alle Pari opportunità di Carmignano Sofia Toninelli – Domani invece assegneremo un riconoscimento alle donne che si sono distinte per l'operosità in tutti i campi”.

Sabato 7 marzo (ore 21.15) nello Spazio giovani di Comeana si terrà infatti il tradizionale premio “Volti di donna”. Prima della consegna dei premi andrà in scena “Volti di Franca, omaggio a Franca Rame” per la regia di Patrizia Morini. Una doppia iniziativa a cura della Compagnia teatrale “Il Chiodo Fisso” con la collaborazione dell’assessorato alla cultura.

Per conoscere la condizione femminile al tempo degli Etruschi, cultura nella quale la donna rivestiva un ruolo sicuramente meno marginale rispetto ad altre realtà, domenica 8 marzo (ore 16.30) è possibile festeggiare la Festa della Donna con una visita al Museo archeologico di Artimino. Al termine è previsto un brindisi di auguri a “La Cantina del Redi”. Per l'iniziativa è previsto un contributo di 3 euro, altri due per l’ingresso al museo (gratuito, nell’occasione, per le signore residenti a Carmignano).

Per prenotare chiamare lo 055 8718124 o scrivere a parcoarcheologico@comune.carmignano.po.it. L'appuntamento è a cura dell’assessorato alla Cultura, con la collaborazione di Coop.Culture-Chora.

Dall’eleganza delle donne dipinte di Filippo Lippi alla leggiadria di quelle scolpite da Lorenzo Bartolini. Sono tante le suggestioni sulla bellezza femminile che affiorano dalla collezione permanente di Palazzo Pretorio, e l’8 marzo è l’occasione giusta per farle conoscere. Per la festa della donna, Museo vuole omaggiare le visitatrici offrendo il biglietto d’ingresso gratuito per tutta la giornata di domenica, durante l’orario di apertura del Museo (dalle 10.30 alle 18.30: ultimo ingresso alle 18) durante il quale sarà possibile anche visitare negli spazi a piano terra la mostra a ingresso libero Jacques Lipchitz a Monaco, Firenze e Prato. Disegni per sculture 1910-1972, inaugurata lunedì scorso e visibile fino al 3 maggio. 
Per la ricorrenza dedicata al gentil sesso, è previsto inoltre un momento di approfondimento a partire dalle 16 sul ruolo della donna in campo artistico e letterario, con un incontro dal titolo La grande bellezza… femminile: dialoghi attraverso il mito, la letteratura e le arti. Dopo i saluti di Ilaria Santi (presidente del consiglio comunale) e di Mariagrazia Ciambellotti (assessore alle pari opportunità del Comune di Prato), a prendere la parola saranno l’italianista Rossana Cavaliere sul tema La sublime bellezza femminile nelle fabbriche dei sogni mentre la storica dell’arte Cristina Gnoni Mavarelli, responsabile della Soprintendenza ai beni artistici e paesaggistici di Firenze, Prato e Pistoia, approfondirà il tema Modelli di bellezza femminile nell’arte pratese.
Il secondo weekend di marzo al Museo di Palazzo Pretorio dà anche la possibilità di addentrarsi meglio tra i disegni e le sculture di Lipchitz in mostra, in compagnia di una guida esperta: ogni sabato, alle 17, visita guidata gratuita alla mostra e alla collezione Lipchitz del Pretorio.
Prenotazioni direttamente in biglietteria fino a esaurimento posti. Info: www.palazzopretorio.prato.it

Lastra a Signa - Partirà questo fine settimana il programma di iniziative promosse dall’amministrazione comunale insieme alla Consulta del volontariato in occasione della Giornata Internazionale della donna.
“La fantasia delle donne”, questo il titolo scelto per il progetto, focalizzerà l’attenzione sul tema del lavoro e della creatività femminile con mostre, convegni, incontri, iniziative di approfondimento e la tradizionale “camminata rosa”. Domenica 8 marzo alle 16.30 si terrà l’inaugurazione, presso lo Spedale di Sant’Antonio, della mostra “Arte, ingegno e creatività: il lavoro al femminile” che ospiterà una sezione dedicata alla pittura con le opere dell’artista Lorella Pubblici e una dedicata alla fotografia e ai documenti storici con l'esposizione di macchinari e attrezzi d’epoca a cura di Piero Vegni e del Museo della Paglia e dell’intreccio Domenico Michelacci. Durante il pomeriggio si terranno dimostrazioni di cucito, ricamo e intreccio, workshop di pittura e restauro e seguirà brindisi. Interverrà per i saluti istituzionali il sindaco Angela Bagni.
Le esposizioni saranno visitabili fino al 15 marzo in orario pomeridiano dalle 16,30 alle 19,30. Il programma completo di Marzo Donna può essere consultato sul sito del Comune www.comune.lastra-a-signa.fi.it.


 Reggello tra shopping e make up a The Smart Gallery - La Festa della Donna a Reggello quest’anno si festeggia a The Smart Gallery con un piacevole weekend dedicato allo shopping con divertenti sorprese per l’universo femminile.

Sabato 7 e domenica 8 marzo le clienti dell’outlet del Valdarno saranno accolte con una degustazione di prosecco e cocktail mimosa presso il Caffè Terre di Masaccio, vicino all’entrata della galleria di negozi. Approfittando degli ultimi acquisti invernali e curiosando in cerca delle novità nel mondo della moda per la prossima stagione, domenica sarà il giorno ideale per regalarsi una passeggiata tra i negozi di The Smart Gallery. Per la Festa della Donna infatti la galleria si arricchirà di un “Make up Corner”: un angolo speciale dedicato al trucco, dove tutte le clienti potranno farsi truccare gratuitamente da una make up artist professionista. Un’occasione per sentirsi modelle per un giorno, affidandosi alle mani esperte di una truccatrice. Le novità non finiscono qui, ci sarà anche un altro omaggio in vista per l’8 marzo: camminando per le vetrine del fashion outlet sarà possibile incontrare un bellissimo ragazzo in abito da sera che regalerà una rosa a tutte le donne, un dono floreale che accompagnerà il giro tra i negozi come primo assaggio della primavera.
Insieme alle prime giornate di sole, si avvicina il caldo e con lui finalmente arrivano le anteprime delle collezioni moda per la nuova stagione: per la Festa della Donna saranno già in vetrina in molti dei negozi di The Smart Gallery le novità per la primavera-estate 2015. Dalla biancheria di Caleffi agli occhiali di Outly, dagli abiti di Bottega del Sarto fino all’intimo e ai costumi da bagno Pompea, passando per Everlast, Lorena Antoniazzi, Polo Ralph Lauren, Bric’s, Miss Grant e Fride Moto. Tutti pronti per l’arrivo della nuova stagione.
La Festa della Donna è un’occasione imperdibile per visitare il fashion outlet di Reggello, situato a soli cinque minuti dall’uscita dell’autostrada A1 di Incisa-Reggello, a soli trenta minuti dal centro storico di Firenze.
Per ulteriori informazioni sugli eventi e le iniziative promozionali è possibile consultare il sito internet all'indirizzo www.thesmartgallery.it o visitare le pagine dedicate sui social network Facebook e Twitter.


Seravezza Fotografia: domani si apre la mostra “Una storia di donne”, scatti sulla violenza di genere

Sarà inaugurata domani sabato 7 marzo alle ore 17.30 presso le Scuderie Granducali di Seravezza (Lu), Viale L. Amadei 230, la mostra “Una storia di donne” organizzata dal Circolo Fotografico l’Altissimo nell’ambito della dodicesima edizione di Seravezza Fotografia, rassegna diretta da Ivo Balderi e organizzata dalla Fondazione Terre Medicee, dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Seravezza con il patrocinio della FIAF (Federazione Italiana Associazioni Fotografiche). All’evento (ingresso libero), parteciperanno gli autori, il sindaco di Seravezza Ettore Neri, l’assessore alla cultura Riccardo Biagi e il presidente del Circolo Fotografico l’Altissimo Gianluca Morello. La mostra è una collettiva dei fotografi del Circolo e presenta in 36 scatti, 12 storie di violenza ad altrettante donne.
Se per violenza di genere si intende, così come definito nella Dichiarazione delle Nazioni Unite sull’Eliminazione della Violenza contro le Donne del 1993, emerge l’importanza e l'esigenza di mantenerla concettualmente viva per comprenderne origini, cause e ripercussioni nelle sfere pubbliche e private. Spesso infatti la libertà di parlare di violenza di genere e anche di denunciarla si scontrano con una diffusa miopia sociale e culturale che porta, ancora oggi, a giustificare certi comportamenti sottesi alle dinamiche di genere in termini di potere e possesso. In questo senso dare visibilità alla realtà della violenza attraverso scatti fotografici, che ci parlano di singole donne, significa estrapolare dal concetto “violenza di genere” il suo significato corporeo, particolare, singolare, in tutta la sua profonda drammaticità e verità. Fotografare la violenza e i suoi effetti sulla carne è dare forma a questa violenza, portare alla luce qualcosa che spaventa, ma anche e soprattutto tentare di riportare le donne dalla dimensione di oggetti della violenza a quella peculiare di soggetti umani, restituendo loro bellezza e dignità. Il Circolo Fotografico l' Altissimo è un' associazione culturale che opera da oltre venti anni nel settore della fotografia amatoriale. Iscritto alla FIAF, Federazione Italiana delle Associazioni Fotografiche, si fregia del prestigioso riconoscimento BFI, Benemerito della Fotografia Italiana.
Le attività dell' associazione spaziano dalla partecipazione a concorsi alla pubblicazione di immagini dei soci su prestigiosi siti di fotografia, dalla adesione a mostre e manifestazioni fotografiche all'organizzazione di corsi rivolti ai giovani che vogliono avvicinarsi al mondo della fotografia. La mostra sarà aperta ad ingresso libero presso le Scuderie Granducali dal 6 al 15 marzo con orario dal venerdì al sabato 15 – 19, domenica e festivi 10 – 19.
Nel vicino Palazzo Mediceo, prosegue poi fino al 12 aprile nei soliti orari, la la mostra più importante della rassegna, "Colour and B&W" di Francesco Cito (biglietto d’ingresso 6 euro intero e 4 euro ridotto). Si tratta della prima retrospettiva del grande fotoreporter napoletano che in 150 scatti racconta, con rigore, passione e sensibilità davvero uniche, 30 anni di guerre e tensioni sociali in giro per il mondo ma anche una ricerca attenta alla cultura popolare come la serie di fotografie dedicate al Palio di Siena e alle tradizioni della Sardegna.
Il programma completo della rassegna si può leggere cliccando sul sito: www.seravezzafotografia.it per informazioni: Fondazione Terre Medicee, tel. 0584.757443/75604


Radicofani celebra l’8 marzo con un doppio appuntamento, spalmato nel fine settimana, con uno spettacolo teatrale e l’apertura gratuita della Fortezza.

Sabato 7 (ore 21,15) al teatro comunale Costatini va in scena “E la luce fu!”, rappresentazione teatrale a cura della compagnia dei Talenti Tintinanti, scritta e diretta da Giada Guiodotti. Si tratta di una accattivante rilettura della creazione, e soprattutto del ruolo di Adamo ed Eva.

Domenica 8 marzo l’Unione dei Comuni Amoata-Val d’Orcia ha previsto l’ingresso gratuito a tutte le donna alla Fortezza di Radicofani (tutto il giorno, fino alle 18), su proposta della consigliera delegata alle pari opportunità del Comune di Radicofani, Cristina Meloni. L’iniziativa si è resa possibile grazie alla disponibilità degli attuali gestori della Fortezza, nota per essere stata il “nido delle aquile” di Ghino di Tacco.


Borgo San Lorenzo - Ricco e variegato programma di due giorni per festeggiare la "Festa della donna". “Non solo mimose” è il titolo della serie di iniziative che sabato 7 e domenica 8 marzo, tra Villa Pecori Giraldi ed il Centro d’incontro di Piazza Dante, renderanno omaggio alla giornata internazionale della donna; due giornate, come spiegano i promotori, dedicate ad un mercato del sapere, per aprire nuove luci e per costruire contaminazione, per ricordare le conquiste sociali, politiche ed economiche delle donne ma anche le violenze subite ancora oggi in molte parti del mondo.

“Quest’anno abbiamo deciso di raddoppiare – spiega la consigliera comunale con delega alla pari opportunità Emanuela Periccioli – il 7 e 8 marzo saranno due giornate alla scoperta delle donne attraverso competenze diverse in ogni settore, dall’artigianato alla pittura, dalla scrittura alla musica, all’insegna della concertazione”.

SABATO 7 MARZO - Il programma si aprirà a Villa Pecori Giraldi alle ore 16 con il saluto del sindaco Paolo Omoboni e della giunta di Borgo San Lorenzo e con gli interventi di Alessandra Salvato del coordinamento regionale donne SPI CGIL ed Emanuela Periccioli. Tutte le donne saranno omaggiate da un’opera realizzata in estemporanea dagli artisti presenti all’inaugurazione.

Il pomeriggio proseguirà quindi tra gli intermezzi musicali di Carlotta Bottoni e Viola Frizzi, l’apertura del percorso espositivo “La donna Ieri e oggi” realizzato dai ragazzi delle scuole e la presentazione, a cura di Niccolò Niccolai, di "Arte a pennello e… Per talento e per passione”, la collettiva di artisti locali di pittura, scultura, sartoria e patchwork. In contemporanea si aprirà anche il mercatino di oggettistica al femminile “MANOfatto - Il fai da te libera la mente” curato dalla Sartoria Auser e delle volontarie dell’associazione Artemisia, il cui ricavato sarà utilizzato per l’evento del 5 giugno “Una finestra su Artemisia”. Al ChiniLab con la collaborazione del centro ReMida, dell’Atelier di scrittura SPI e gli alunni della scuola ‘Giovanni Della Casa’, si potranno invece realizzare diari creativi.

Nel corso della giornata ci sarà quindi la presentazione del libro “Il tempo imbiancato” di Fiorenza Giovannini. Oltre all’autrice, con la giornalista Serena Pinzani, saranno presenti Maria Frati, presidente dell'Università dell’età libera e la sociologa Mariella Orsi. Seguiranno quindi gli interventi di Sonia Spacchini, Sandra Cerbai e della criminologa sociale Veronica Vargiu sul tema “Essere donna oggi” e del Progetto Accoglienza su “Donne e l’immigrazione”.

A seguire si svolgerà la presentazione del libro “Chiodi e farfalle” di Anna Maria Fabiano con Ida Fontana della società Dante Alighieri e le letture di Paola Capitani ed Emanuela Periccioli. Si proseguirà quindi con le letture in musica sulla “Poetica al femminile tra le due guerre” con gli allievi di Anna Scalabrini di Arcoscenico, e dopo l’apericena offerto dalla sezione Unicoop di Borgo San Lorenzo e con il servizio di sala degli Studenti del Chino Chini, alle 21.30 la giornata si chiuderà con lo spettacolo “Secondo me la donna”, a cura di Marco Paoli e con Gabriella Vallini (ingresso allo spettacolo 6 euro).

DOMENICA 8 MARZO - Il giorno successivo le celebrazioni per la festa della donna proseguiranno dalle 16,30, presso l’Auditorium del Centro d’Incontro in piazza Dante. La giornata sarà aperta dalla musica con la suggestiva presentazione-concerto a cura dell'Associazione culturale "Camerata de' Bardi" che proporrà un percorso musicale da Ruggero Leoncavallo a Richard Wagner, attraverso i saggi al femminile di Sabrina Landi Malavolti. Sarà quindi presentato il servizio “Siamo Donne, io ti ASCOLTO”, il filo rosso telefonico di compagnia, ascolto e consulenza, integrato nelle attività della Banca del Tempo. Con la partecipazione della consigliera comunale ed ex assessore alle pari opportunità della Provincia di Firenze Sonia Spacchini saranno quindi commentati i dati sulla violenza sulle donne dello sportello Artemisia, l’iniziativa del 14 marzo “Donne con le Donne” e l’evento del 5 giugno al Villaggio La Brocchi “Una finestra su Artemisia”. Si concluderà quindi con un brindisi di chiusura per tutte le donne e chi vorrà partecipare.


Rapolano Terme - Uno spettacolo tutto al femminile che indaga sui rapporti affettivi di oggi, tra arte e spunti di profonda riflessione. Così il Comune di Rapolano Terme celebra la Festa della donna con “Dimmi che mi ami”, della Compagnia Motus, in scena al Teatro del Popolo sabato 7 marzo alle 18. Temi forti, quelli che verranno portati sulla scena, come la denuncia al femminicidio, la solitudine, la violenza e l’inadeguatezza dell’uomo di oggi.

“Dimmi che mi ami” - Interpretato da Veronica Abate, Martina Agricoli, Andrè Alma, Maurizio Cannalire, Simona Gori, su coreografie di Simona Cieri e regia di Rosanna e Simona Cieri, lo spettacolo è frutto della collaborazione con il compositore napoletano Daniele Sepe, che ne firma le musiche originali. Sulla scena, il progressivo asservimento dell’amore a logiche di utilitarismo e convenienza giunge a reclamare il possesso dell’altro, arrogandosi il diritto di vita e di morte. Il tutto in un crescendo che riporta all’attualità, per ricordare che, se nel mondo vengono uccise circa 66mila donne ogni anno, i dati dell’Italia non sono più rassicuranti perché, solo nel 2013, sono state uccise 128 donne, una ogni due giorni. Un dato ancor più impressionante se si pensa che gli uccisori sono soprattutto i partner delle vittime.

Info – Invito a teatro per le donne e le loro famiglie, attivo un servizio di animazione per bambini nella sala adiacente il Teatro del Popolo. Costo del biglietto: 10 euro (8 euro il ridotto, 1 euro per i bambini). Per informazioni su biglietti e costi contattare l’Ufficio Programmazione del Comune di Rapolano Terme (tel. 0577-723208/10; programmazione@comune.rapolanoterme.si.it).


Forte dei Marmi - In Capannina si festeggia la Festa della Donna con i California Dream Men. Il mese di marzo del locale più antico al mondo comincerà con "Aspettando la Festa della Donna", appuntamento che si prospetta da tutto esaurito e che renderà omaggio al pubblico femminile. L’evento, in programma Sabato 7 Marzo, prenderà il via già nel pre-serata con la cena curata in ogni minimo dettaglio dallo chef David Romagnoli, che come sempre soddisferà i palati più esigenti, spaziando tra prelibati piatti di mare e di terra.

La Cena sarà accompagnata dallo spettacolo dei “California Dream Men”, abilissimi nel mescolare ironia e sensualità. Il gruppo di ballerini e strip-teasers americani proporrà un vero e proprio show con cui scalderanno la sala infiammando signore e signorine. Discoteca a partire da mezzanotte con i deejay Stefano Seppia e Stefano Natali, Niko Mammato Voice, e ovviamente spazio alla musica live con la Shoulder Band e Stefano Busà al pianobar.
Anche in questa parte della serata è previsto lo spettacolo dei California Dream Men, che saranno disponibili per tutta la notte anche per foto ricordo e autografi.
Partner della serata Terme della Versilia, centro termale official partner della Capannina e ValentinaD, marchio distribuito da Robydem che vende i prodotti ValentinaD nelle profumerie di tutta Europa e sul sito www.nonsolotrucchi.com. Per l'evento di Sabato 7 Marzo tutte le donne saranno omaggiate con trucchi e smalti e ovviamente… con tantissime mimose!
Per prenotazioni: 0584.80169/ 366.6608407/ 335.8090085 oppure tramite il sito www.lacapanninadifranceschi.com


Livorno - Presentate questa mattina le iniziative organizzate dall’Azienda USL 6 in occasione della Festa della Donna rivolte soprattutto, ma non solo, al pubblico femminile. Prevenzione, consigli sanitari, ma anche attività fisica ed alimentazione: è un ricco programma quello offerto nelle quattro zone in occasione della manifestazione “Donna...Lavoro, Famiglia e Salute”.

“Nel mese di marzo l’Azienda USL 6 – dice Antonella Valeri, Direttore Amministrativo Azienda USL 6 - promuove tradizionalmente alcune iniziative di prevenzione rivolte alle donne. Quest’anno abbiamo voluto concentrarci soprattutto alle donne nostre dipendenti che, lo ricordiamo, rappresentano il 71 per cento del personale. Per questo abbiamo deciso di lanciare proprio in questa occasione il progetto “WWW: Workplace, Wellbeing, Women & Men” che si svilupperà nel tempo attraverso il coinvolgimento diretto degli stessi lavoratori che, per la loro stessa formazione, sono particolarmente sensibili alle tematiche sulla salute”.

“Un’Azienda che per scopo istituzionale produce salute – spiega Carlo Giustarini, Direttore Sanitario Azienda USL 6 – non può non avere un occhio di riguardo per i propri dipendenti. Favorire lo star bene dentro e fuori dall’Azienda non può che essere una nostra attenzione”.

“Il progetto è articolato in quattro aree tematiche di intervento - illustrano Daniela Becherini e Rosa Maranto, rispettivamente Responsabile e Coordinatrice del Progetto “WWW” - prevede, sia opportunità concrete fruibili da parte degli operatori, sia azioni di più ampio respiro volte a facilitare la diffusione di una cultura organizzativa orientata alla tutela della salute dei dipendenti e alla valorizzazione delle diversità in una prospettiva di genere.

Redazione Nove da Firenze