La Toscana celebra la Pasqua all'aria aperta

Pasquetta a piedi, o a cavallo? Tutti gli appuntamenti delle feste tra tra natura e gastronomia. Riapre il Parco di Pratolino. Caccia al Tesoro Botanico a Villa Bardini. A Greve in Chianti l’apertura di Villa San Michele. La Battitura dell'uovo sodo a Palazzuolo sul Senio. "Chocolate Days" sino al 2 aprile a Chianciano Terme. Sulle acque di Ridracoli, con gli equini in Casentino e in scampagnata tra Rincine e l'Aina


Profumo di primavera, uova di cioccolato e brezza di montagna. Saranno una Pasqua e Pasquetta con il sole e la neve.

Quasi 4 italiani su 10 di italiani (36%) hanno scelto di mettersi in viaggio nel lungo weekend di Pasqua per raggiungere parenti e amici, andare in vacanza o semplicemente fare una gita in giornata. Ad attendere la schiera dei vacanzieri rurali una accoglienza agrituristica nella campagna toscana di alto livello. In effetti dei 22 mila gli agriturismi presenti nel nostro Paese che offrono la possibilità di stare all'aria aperta lontano dalle preoccupazioni ben 4.500 si trovano in Toscana. Leader dell’ospitalità agrituristica regionale è Siena con 1150 aziende seguita da Grosseto con 960 e Firenze con 600. I posti letto dell’agriturismo toscano parlano di 31 mila camere, in struttura od appartamento, e 700 piazzole per una ricettività di oltre 60 mila persone. Crescono gli agriturismi che oltre all’ospitalità fanno anche attività di somministrazione pasti, con prodotti “made in Tuscany”, sono oltre 2000.

Il Parco Mediceo di Pratolino riapre al pubblico dopo la pausa invernale proprio il giorno di Pasqua e sarà aperto anche per Pasquetta con orario 10-20. L'apertura proseguirà fino ad ottobre nei giorni di venerdì, sabato, domenica e festivi, dalle ore 10.00 alle ore 20.00 (ottobre dalle 10.00 alle ore 18.00). L'ingresso è libero e gratuito.

A Firenze aperto Palazzo Medici Riccardi (con la mostra "Made in New York. Keith Haring,- Subway drawings - Paolo Buggiani and co. La vera origine della Street Art"), con orario 8.30-19. Nella Galleria della Carrozze del Palazzo è in corso la mostra che ripercorre i 95 anni dell'Aeronautica Militare e gli 80 anni dell'Istituto di Scienze Militari Aeronautiche, già Scuola di Applicazione A.M. e successivamente Scuola di Guerra Aerea. Per Pasqua e Pasquetta apertura solo la mattina, dalle 10 alle 13, mentre la mostra resterà poi aperta al pubblico tutti i giorni con orario 10-18 fino al 24 giugno. L'itinerario è sviluppato in sei aree corrispondenti ad altrettanti diversi periodi storici dell'Aeronautica Militare: a partire dall'epoca dei Pionieri fino ai tempi d'oggi attraverso tavole fotografiche, modelli in scala di aereo ed uniformi d'epoca. 95 anni raccontati con tante immagini, spesso inedite, che mostrano un'Aeronautica fatta di uomini comuni che con coraggio hanno affrontato le sfide dei conflitti e della continua innovazione tecnologica che ha reso il mezzo aereo sempre più veloce, potente e indispensabile per la sicurezza del Paese.

A Pasquetta torna l’appuntamento annuale con la ‘Caccia al Tesoro Botanico’ nel Giardino Bardini, evento ideato e promosso da Fondazione CR Firenze, Fondazione Parchi monumentali Bardini e Peyron e dal network Grandi Giardini Italiani, per far avvicinare i bambini al giardino ed alla natura facendo loro riconoscere in maniera giocosa le piante e la natura. Prenotazione obbligatoria e acquisto dei biglietti esclusivamente su: www.beemyguide.it – Tel 055 20 066 233. Organizzato in quattro scaglioni della durata di un’ora e mezza ciascuno (90 minuti), il gioco ha inizio alle ore 10, 12, 14.30, 16.30 ed ha come punto di partenza l’ingresso al giardino da Via dei Bardi 1 rosso; è anche possibile accedervi da Costa San Giorgio 2 ma l’avvio della ‘caccia’ è sempre da via dei Bardi. E’ possibile usufruire del parcheggio gratuito in Via del Forte di San Giorgio, accanto all’ingresso del Forte Belvedere. La caccia al tesoro, guidata dall’architetto paesaggista Claudia Mezzapesa, coinvolge tutta la famiglia e ha inizio nella parte bassa del parco dove un tempo sorgeva l’hortus conclusus medievale, un giardino segreto murato nel quale venivano custodite piante mediche, ortaggi e fiori preziosi. Dopo aver attraversato il giardino ammirando il panorama mozzafiato su Firenze, viene fatta una sosta nel frutteto dove crescono varietà antiche di mele, pere e susine. Quindi, dopo aver attraversato il tunnel di glicine, si scopre l’orto-labirinto più panoramico di Firenze e si scoprono altre sorprese tra le immagini della splendida collezione della casa editrice Salani esposte in villa nella mostra, aperta fino al 3 giugno, “Pinocchio, Harry Potter, Topolino, Heidi e tutti gli altri…”.. Al termine i partecipanti riceveranno un simpatico omaggio. Il costo di ingresso e della caccia al tesoro, comprensivo di ingresso al giardino e alla mostra, è di 7 euro per gli adulti; i bambini sotto i 3 anni entrano gratis. Per informazioni Tel. +39 055 20 066 233 martedì e giovedì dalle 10 alle 13 e il mercoledì dalle 14,30 alle 16,30 - villabardini@bardinipeyron.it.

A Empoli si è aperta la terza edizione del Mercato Internazionale, la fortunata kermesse dedicata alla gastronomia e all’artigianato da tutto il mondo, ideata dalla Confcommercio con la collaborazione di Federazione Italiana Venditori su Area Pubblica, il patrocinio del Comune di Empoli e il sostegno del Gruppo Scotti. Gli stand, 150 dislocati fra piazza Matteotti e piazza Ristori, resteranno aperti nei quattro giorni dalle 9 a mezzanotte. 27, in totale, i Paesi del mondo rappresentati. Dall’America sono arrivati Stati Uniti, Argentina, Brasile, Messico, Ecuador e Venezuela con prodotti artigianali, dolci tipici, specialità del cibo di strada e carni da gustare arrostite sulla griglia. Dall’Africa: Senegal, Tunisia ed Egitto fra artigianato etnico, sculture in legno, ceramiche e dolci della tradizione araba, come baklava e sarma, da gustare con un profumatissimo tè o il caffè turco. Dal Medio Oriente è arrivato Israele con i falafel e altre leccornie della cucina kosher. Poi c’è la Russia con vodka, caviale e altri prelibati alimenti, ma anche modernariato, pellicce, gioielli e oggettistica varia da indossare o collezionare. L’Europa schiera in campo, oltre naturalmente all’Italia, Francia, Spagna, Grecia, Finlandia, Germania, Austria, Svizzera, Olanda, Belgio, Slovenia, Repubblica Ceca, Polonia e Ungheria, poi Regno Unito e Irlanda. La visita agli stand offre dunque l’opportunità di conoscere e apprezzare prodotti diversi per storia, tradizione e provenienza geografica, in una allegra confusione che mescola colori e sapori da tutto il mondo. Un vero paradiso per gli occhi e per la gola. Dalle tazze da the con l’effige dei reali inglesi ai tessuti ricamati, dai cosmetici bio a guanti e cappelli nordici fino alle sculture africane e agli originali foulard di bambù, non c’è davvero che l’imbarazzo della scelta per fare, o farsi, un regalo. Ancora più ampia, poi, la scelta nel settore gastronomia: dal churros spagnolo all’asado argentino, dai cannoli siciliani a fudge inglesi e macarons francesi, dai risotti italiani alla moussakà greca fino al cartoccio di frittura mista in cui pescare con le mani. Senza dimenticare il classico panino con l’hamburger, la salsiccia o i salumi toscani. Ma nel Mercato Internazionale di Empoli c’è spazio anche per la solidarietà. Sono presenti infatti anche gli ottimi prodotti tipici da Amatrice e Norcia: salumi, formaggi, tartufi, legumi e dolci. Acquistarli equivale a contribuire alla rinascita di quelle terre ancora ferite dal terremoto.

Tra le colline di Greve si respira un’aria diversa. E’ l’arrivo della Pasqua montanara che invita cittadini e visitatori ad indossare zaino e scarponi per scalare le cime del Chianti. Sul monte San Michele il Comune, da domenica 1 aprile, apre ufficialmente la propria terrazza ad alta quota, a più di 800 metri di altezza. Un parco, di elevato pregio naturalistico, immerso tra i boschi che dominano il Chianti e il Valdarno, dove il punto ristoro di Villa San Michele, con tutti i servizi ad esso connessi, mette a disposizione lo spazio bar e accoglienza. Il Monte San Michele rappresenta una delle risorse più importanti sotto il profilo ambientale e paesaggistico di Greve. Siamo nel cuore della foresta toscana, popolata da boschi di conifere e latifoglie, castagneti, querceti, pini neri e silvestri, abeti rossi, saliceti, ontani, pioppeti. Il parco è accessibile ai visitatori attraverso una rete di sentieristica attrezzata, segnalata e fruita dal Club Alpino Italiano. I percorsi sono stati realizzati grazie ai finanziamenti ottenuti dal Comune nell’ambito di un’ampia opera di valorizzazione turistica che ha previsto anche specifici interventi silvo-colturali. Nell’area sono presenti aree di sosta, pannelli e totem informativi sui vari siti di maggior interesse. Il parco, di proprietà del Comune, si estende sui 120 ettari circa. All’interno è situata una struttura su cui il Comune ha deciso di investire per rilanciare le potenzialità turistico-ricettive dell’area. Tra gli edifici del complesso anche una chiesa di origine medievale, situata nei 25 ettari del parco di proprietà della curia arcivescovile di Fiesole, gestiti in comodato gratuito dal Comune di Greve. Originariamente l’intera area apparteneva ad una famiglia grevigiana, i Bertini, e si estendeva tra le località di Poggio Corno e Poggio Sereno.

Lunedì 2 aprile a Quadalto, frazione di Palazzuolo sul Senio, si tiene la tradizionale "Battitura dell’uovo sodo". Come ogni anno il giorno di Pasquetta è dedicato a questo avvincente e popolare gioco, legato alle tradizioni gastronomiche del luogo. La battitura dell’uovo sodo è una disfida che si svolge a coppie, i quali si contendono le uova attraverso il tocco ben assestato delle punte, il guscio che cede al battito perde. Il gioco si basa su uno dei prodotti e simboli più consumati durante le festività pasquali. I partecipanti al gioco saranno impegnati nella battitura di uova cotte in acqua con tutto il guscio, le stesse che compaiono sulle tavole imbandite dei toscani in questi giorni. La "Battitura dell’uovo sodo è organizzata dal bar Quadalto di Manuela Bellini a Palazzuolo sul Senio. L'appuntamento è quindi per il lunedì di Pasqua a partire dalle ore 15 con tradizione, musica e karaoke. Per informazioni: Bar Quadalto 055-8046808.

Il Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato sarà aperto nelle giornate di Pasqua e Pasquetta per dare l'opportunità a tutte le persone interessate e ai turisti di passare le vacanze a contatto con l'arte, visitando le mostre attualmente in corso: la personale dedicata all'artista inglese Mark Wallinger e il nuovo percorso espositivo di una selezione di opere della collezione permanente del museo. Domenica 1° aprile, giorno di Pasqua ma anche prima domenica del mese dalle ore 20 alle ore 23 per i residenti in Toscana sarà possibile visitare gratuitamente il Centro. Per usufruire dell'omaggio è obbligatorio presentare in biglietteria un documento d'identità valido. L'ultimo ingresso consentito è alle 22.30.

Un viaggio sulle ali del tempo nella storia e nei segreti di un edifico simbolo della città e splendido esempio di architettura sveva della metà del Tredicesimo secolo. Una iniziativa aperta a tutta la famiglia per festeggiare insieme Pasquetta, lunedì 2 aprile alle 17.30, con la visita al Castello dell’Imperatore, una fra le più antiche testimonianze medievali pratesi, e al camminamento del Cassero in compagnia di una guida esperta intenta a raccontare le abitudini e modalità di vita fra Duecento e Trecento. L’occasione per una Pasquetta al Castello dell’Imperatore e al Cassero la propongono le cooperative Chora e CoopCulture con la speciale visita didattica adatta a grandi e piccini. Per partecipare è necessario prenotarsi al numero 0574 38207 entro le 13 del giorno precedente l’attività. Costo attività 5 euro a partecipante, sconti per i tesserati Gispi e i loro familiari. Con aprile varia l’orario di apertura al Castello che sarà possibile visitare tutti i giorni, martedì escluso, dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 20.

C'è grande soddisfazione in tutte le località della montagna toscana, con il meteo che annuncia belle giornate di sole, soprattutto per domenica 1 aprile e per lunedì 2. La neve in pista non manca e molte stazioni hanno già annunciato il proseguimento della stagione fino a domenica 8 aprile e anche oltre, se il meteo lo consentirà.

Uno dei modi più divertenti e rilassanti per ammirare gli scorci più nascosti del lago di Ridracoli è il battello elettrico. Rappresenta anche un'occasione per approfondire con una guida , a disposizione per qualsiasi informazione, le caratteristiche del parco nazionale delle Foreste casentinesi nel quale è immerso. Ma Ridracoli è anche una grande opera ingegneristica, ricca di curiosità da scoprire. Il natante elettrico si stacca dal molo sabato alle 14, alle 15, alle 16 e alle 17. Pasqua e Pasquetta effettuerà anche le corse mattutine (che si aggiungono a quelle pomeridiane): alle 11 e alle 12.  Il biglietto intero costa tre euro, il ridotto 2, 60 (disabili, accompagnatori, bambini fino a 12 anni, over 65). I bambini fino a tre anni, se tenuti in braccio, possono salire gratuitamente. Idro, ecomuseo della acque di Ridracoli è stato appena rinnovato, anche nelle sue strumentazioni tecnologiche, e merita senz'altro una visita.

Molto accattivante il programma di Pasquetta sul versante fiorentino del parco nazionale delle Foreste casentinesi, dove è prevista una escursione, a piedi e a cavallo, con percorso ad anello, nell’area demaniale di Rincine. Ci si fermerà per una sosta picnic al Lago dell’Aina. Viste panoramiche speciali lungo il percorso. Cioccolata calda al camping a Poggio Mandri. Ritorno al centro polifunzionale. Difficoltà E. Il ritrovo è alle 9,30 a Rincine (Londa - Fi) presso il centro polifunzionale dell'Unione Comuni Valdarno e Valdisieve. Il pranzo al sacco è a cura dei partecipanti. Si consiglia abbigliamento da trekking (scarpe con carrarmato) e giacca a vento. Per informazioni sull'escursione a piedi si può contattare il centro visita del Parco nazionale di Londa (tel. 348 7375663 cv.londa@parcoforestecasentinesi.it). Per partecipare a cavallo è necessario contattare il centro ippico "Il bosco di Rincine" (Tel 055. 8354080; centroippicoilboscodirincine@gmail.com). La partecipazione all’escursione è gratuita, previa prenotazione. Percorso adatto ai bambini. L'organizzazione è a cura del centro visite del parco nazionale delle Foreste casentinesi di Londa, proloco Londa, centro ippico Il Bosco di Rincine, Auser Londa, camping Campo All'Oca. Patrocinio del Comune di Londa.

Sul versante casentinese (Pratovecchio Stia) si potrà partecipare a "Pasqua 2018 -Tutti in fattoria con l'asinello!". E' un programma per tutte le famiglie, ed i più piccoli: un tuffo nei ritmi della natura, negli odori e nei colori che la caratterizzano. Si verrà accompagnati a visitare i vari allevamenti, a vedere e a dare da mangiare alle caprette, a preparare la pappa alle galline ed alle paperelle nel laghetto, a toccare i coniglietti ed andare a prendere le uova nel pollaio. Ma, soprattutto, i bambini avranno tutto per sè un asinello in questa avventura e potranno salire in groppa e cavalcarlo per la prima volta.
L'attività prevede un numero massimo di bambini ed il numero chiuso, per questo occorre prenotare preventivamente. Per la giornata di Pasqua sono previsti momenti per la pratica manuale: spazzolare e coccolare gli asinelli, gioco e attività esperenziale e passeggiate "in groppa" nella campagna casentinese. Ci saranno due appuntamenti della durata di due ore e mezza circa: la mattina alle 10 e il pomeriggio alle 15. L'attività prevede un numero massimo di bambini, per questo occorre prenotare in anticipo. "In attesa della luna piena…" è una passeggiata pomeridiana del sabato di Pasqua in uno dei luoghi più mistici dell'area protetta, il comprensorio di Camaldoli. Il ritrovo è previsto al punto informazioni del Parco alle 16, 30. Si tratta di una facile escursione ad anello che attraversa il castagneto e l'abetina dell'insediamento religioso. Lunghezza 6 km circa, dislivello 300 m . Necessarie scarpe impermeabili da trekking. Informazioni e prenotazioni al numero 328. 3094444.
Per i giorno di Pasquetta "A cavallo di un caval…" è una proposta del centro equestre EquiNatura, Pratovecchio Stia (Ar), dalle 10. Pensata per i i bambini che amano gli animali e non si accontentano di montare in sella ma vogliono conoscerli, accudirli e comprendere le loro necessità. Prenotazioni e informazioni al numero 328.3094444.

In occasione delle festività pasquali l'Oasi Lipu Massaciuccoli, in collaborazione con il Parco Regionale Migliarino-S.Rossore-Massaciuccoli, organizza una serie di escursioni per tutti gli appassionati di natura in alcuni degli ambienti naturali più suggestivi del Parco. Durante le giornate proseguiranno le ordinarie attività dell'Oasi di accoglienza dei visitatori, di svolgimento di visite guidate coi barchini da palude e il servizio di noleggio di canoe e barche a remi. Per informazioni e prenotazioni: Oasi LIPU Massaciuccoli tel 0584 975567 mail: oasi.massaciuccoli@lipu.it.

Un lunedì di pasqua nel segno del turismo lento per godere appieno della natura e del fascino delle Crete Senesi sbocciate con la primavera. E’ “Pasquetta in Lauretana…a piedi o a cavallo”, l’iniziativa per gli amanti del trekking e dell’equitazione che si svolgerà lunedì 2 aprile. La manifestazione è organizzata dall’associazione il Prato in collaborazione con il Gruppo Escursionisti Berardenga e il Siena Riding II Jumping team. Da Arbia ad Arbia a piedi o in sella ad un cavallo nel cuore delle Crete Senesi per riscoprirne il fascino paesaggistico e la cultura rurale; un’escursione nel mare immobile di calanchi e biancane tra i poderi che hanno fatto la storia delle Crete Senesi: Medane, San Martino in Grania, Mezzavia, Vescona, Mucigliani e Leonina. Da Arbia a Arbia in un anello da 20 chilometri che permette di toccare con mano il fascino di un paesaggio unico e la storia di quell’antica tradizione rurale sviluppatasi intorno alla via Lauretana. L’appuntamento prevede anche un punto tappa a San Martino in Grania, a metà percorso, dove sarà effettuato il ristoro. Per tutti coloro che volessero trasformare un’escursione a piedi in una piacevole camminata da 9 chilometri la possibilità di ritorno ad Arbia con bus navetta. La partenza è fissata alle ore 9.30 al Centro Civico Il Prato ad Arbia in viale Toscana 6 (ritrovo ore 9).

Dopo il grande successo di pubblico nel primo settimana di apertura, la mostra “Amos Cassioli e gli amici puristi. Opere dell’800 senese da una collezione privata” sarà aperta anche nei giorni di Pasqua e Pasquetta, per i residenti e i tanti turisti che vengono in visita nelle Crete senesi. Infatti il primo weekend di apertura ha visto oltre duemila presenze al museo Cassioli di Asciano (Siena), grazie anche alle Giornate di Primavera del FAI. L’esposizione, organizzata dalla Pro Loco insieme al Comune di Asciano e allo stesso Fai-Delegazione di Siena e provincia, ha il patrocinio della Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio per le province di Siena, Grosseto, Arezzo. Nel giorno di Pasqua, 1 aprile, la mostra sarà aperta dalle 15.00 alle 18.00, mentre nella giornata del Lunedì di Pasquetta, 2 aprile, sarà possibile visitarla dalle 10.00 alle 16.00. La mostra espone al pubblico, per la prima volta, circa 40 opere provenienti da una collezione privata, tra dipinti, disegni, acquarelli realizzati da Amos Cassioli e altri pittori senesi di metà Ottocento, quali Luigi Mussini, Alessandro Franchi, Cesare Maccari, Pietro Aldi, Riccardo Meacci, Giuseppe Cassioli.

A Chianciano Terme profumo di cioccolato sino al 2 aprile in Viale Roma grazie alla terza edizione di “Chocolate Days”, la festa del cioccolato artigianale promossa da Articolo 93, Centro commerciale naturale e dall’amministrazione comunale. Dalle ore 9 alle 20 si potrà degustare e acquistare prodotti di qualità e originali regali di Pasqua negli stand di cioccolato artigianale. Un’occasione da non perdere per tuffarsi in tutta la dolcezza della Pasqua passeggiando tra le vie dello shopping chiancianese e gustare alcune delle prelibatezze dolciarie italiane più ricercate.

Redazione Nove da Firenze