Expo Rurale 2014, programma di sabato

Minicorsi per adulti e bambini per potare ortensie e fare i cesti


FIRENZE - Un mercato contadino con 40 aziende agricole provenienti da tutta la Toscana, degustazioni, laboratori e attività didattiche per adulti e bambini per tramandare la tradizione rurale delle regione: si presenta così la Cia Toscana ad Expo Rurale 2014, in programma fino a domenica 21, a Firenze, nel Parco delle Cascine.

I sapori e le produzioni agroalimentari di eccellenza direttamente dalle campagne toscane saranno al Mercato Contadino lungo il Viale della Tinaia. Produzioni che - spiega la Cia - saranno proposte direttamente dagli agricoltori, donne e uomini, per ribadire ancora una volta ai consumatori che l’agricoltura toscana, oggi più che mai è impegnata al mantenimento della tipicità legata al territorio, della biodiversità, ed alla produzione di prodotti alimentari sani e di qualità. Si va dai vini Docg e Doc agli oli extravergine d’oliva; frutta e verdura fresca, miele, marmellate, cereali, farine, formaggi, salumi, conserve, zafferano, birre artigianali, fiori e piante aromatiche. Per i quattro giorni di Expo Rurale (dalle 10 alle 20), negli stand della Cia Toscana, gusto e qualità saranno i protagonisti ed i visitatori oltre che avere l’opportunità di acquistare potranno assaggiare e sperimentare il gusto della qualità.

IL PROGRAMMA DI SABATO 20 SETTEMBRE

Laboratori Expo Rurale 2014 – a cura di Cia Toscana e Donne in Campo

(spazio Cia – Prato della Tinaia)

Sabato 20 settembre

“Impariamo ad intrecciare e a fare i cesti” (ore 10-12 e ore 15-17) - Laboratorio per adulti e bambini (partecipanti 5/6) a cura di Giotto Scaramelli - Azienda Agricola Beccacivetta – Scandicci (Fi). Seguendo il maestro verrà insegnata la tecnica dell’intreccio con l’obiettivo di realizzare un piccolo cestino rotondo utilizzando i materiali più semplici da usare, midollino e salice.

“La potatura delle ortensie” (ore 15-17) - Lezione dimostrativa a cura di Rita Paoli dell’Associazione POLLICI ROSA…..di rare piante (Pt).

“Cagliando d’impara” dal latte al formaggio (ore 17) - Laboratorio per bambini (partecipanti: 15/20) a cura della Fattoria Lischeto di Giovanni Cannas di Volterra (Pi)

Il laboratorio si svilupperà in due parti. Prima parte: cos’è il latte primo contatto con la materia prima, gli strumenti del casaro, assegnazione dei ruoli nella lavorazione (casaro, aiuto casaro) i bambini saranno adeguatamente vestiti con dei grembiulini dove verranno applicati dei cartellini con il ruolo assegnato! Inizio dei lavori, estrazione del formaggio dalla caldaia e messa negli stampi. Seconda parte: nel tempo utile a far raffreddare il formaggio prima dell’assaggio, ci sarà un momento riservato al racconto o al disegno libero, Tecnica dell’assaggio del formaggio e utilizzo dei 5 sensi: vista; tatto; olfatto; udito e gusto. Condivisione delle sensazioni provate.

Labroratori ed attività Cia nelle filiere (Prato del Quercione)

Filiera “Foresta bosco e sistema montagna” – ore 15

Preparazione e degustazione dei “Necci della montagna pistoiese” a cura di Lucia Andreotti dell’azienda agricola L’Alberaccio di Piteglio Pt

FILIERA “Volti, racconti esperienze” – ore 11 e ore 16

“Il racconto nell’aia” con l’Associazione Pensionati della Cia A.N.P.

FILIERA “Volti, racconti esperienze” - Esperienze di ospitalità toscana. Il valore dell’ospitalità in agriturismo e degustazione di piatti della cucina del non spreco. Aziende Agrituristiche della Toscana

La “Zuppa di Cece Pergentino” (ore 12) minestra di ceci e non solo, presentata da Elisa Bigiarini dell’Azienda Agricola Tenuta la Casuccia di Pergine Valdarno (Ar)

EXPO RURALE: DALL’AGRI-BABY FARM AL GELATO CONTADINO,

AL PARCO CASCINE LA CAMPAGNA AMICA

Quattro aree, oltre 350 aziende coinvolte: il programma completo delle iniziative di Coldiretti e Campagna Amica

Agri-intrattenimento per tutte le età, lezioni pratiche di cucina da come si prepara la sfoglia perfetta “fatta in casa” a come si “sfiletta e si prepara il pesce povero”, un mercato della filiera corta “mega” con quasi tutti i prodotti e le specialità alimentari che fanno della nostra regione la più ricca a livello nazionale, e ancora, agri-baby farm, agri-merende, l’ortolandia, la sfida sui mini-trattori e le degustazioni con abbinamenti dei celebri della Strada del vino e dell’olio della Costa degli Etruschi. Con Coldiretti Toscana eCampagna Amica (info su www.toscana.coldiretti.it) l’agricoltura all’Expo Rurale Toscana, al Parco delle Cascine (FI) in programma fino a domenica 21 settembre diventa un’esperienza da provare e da condividere con chi ci sta intorno. Uno spazio “sostenibile” dove cibo fa rima con cultura, agricoltura con intrattenimento, ambiente con rispetto. Quattro le aree realizzate da Coldiretti Toscana e Campagna Amica che coinvolgeranno complessivamente circa 350 aziende della Toscana: un’area mercatale dove fare la spesa, assaggiare e scoprire, un’area dedicata ai bambini con una miriade di attività, un’area didattica per le dimostrazioni e le lezioni ed un’area espositiva

Il mercato. Quasi 100 produttori, oltre 300 specialità agroalimentari del nostro paniere tra prodotti a denominazione, biologici etradizionali, grandi e piccole eccellenze, varietà popolari e quasi in estinzione. Campagna Amica, la più importante rete di vendita diretta d’Europa, porta all’Expo Rurale Toscana i vantaggi della filiera agricola italiana che garantisce, insieme a prodotti Made in Italy (e Made in Tyscany), la serietà di un progetto, il primo, che ha fatto della trasparenza, della genuinità, delle regole, della sicurezza alimentare, della tracciabilità e del rapporto qualità-prezzo le colonne del suo successo. In vendita, tutti i giorni, più della metà del totale delle specialità alimentari censite: dal vino all’olio extravergine, dai formaggi, tutti i tipi, varietà e stagionatura ai fiori, dalle confetture alla pasta biologica, dal pane alle piante carnivore, dal miele alla carne, dai salumi ai biscotti, dai legumi ai prodotti dello zafferano, dalle piante officinali alle grappe.

AgriBaby Farm & Fondazione Meyer. L’Expo Rurale sarà il “Paese dei Balocchi” per i più piccini. Dall’agricircuito da effettuare con i mini trattori della Peg Perego all’ortolandia per imparare a coltivare con l’aiuto del Kit Contadino Giò, dall’agrispaziogioco all’agrimerenda di Campagna Amicaogni giorno alle 16.00 in punto per iniziare a conoscere le cose buone fino allo spazio didattico “La Storia siamo noi” per ascoltare storie incredibili e magnifiche di come si viveva nelle campagne dieci, cent’anni fa con la guida di Giampiero Gelli. Si gioca, si impara, ci si diverte nell’area realizzata in collaborazione con Coldiretti Donne Impresa e la Fondazione Meyer di Firenze.Agricoltura del cuore: l’ingresso ad ogni attività prevede la donazione minima di 1 euro a bambino per un periodo di 10 minuti nell’area Agricircuito, per il tempo di svolgimento dell’attività nello spazio Agrispaziogioco, Benvenuti ad Ortolandia, Agrimerenda, La storia siamo noi. Il denaro raccolto sarà interamente devoluto alla Fondazione Meyer per la realizzazione di un progetto di valorizzazione dell’agricoltura all’interno del pediatrico fiorentino. In programma il percorso agri-sensoriale (dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 16.00), l’agrigiochi dei contadini (dalle 12.00 alle 14.00 e dalle 16.30 alle 20.00) mentre tra sabato e domenica l’agri-yoga (dalle 14.00 alle 16.00) e l’agri-gioco dell’Oca (dalle 16.30 alle 20.00).

Dallo zafferano al gelato contadino. Dalle ricette delle nonne alla pasta fatta in casa, dal gelato contadino alla polenta. C’è tanto da imparare con Campagna Amica nell’area didattica. Tra pentole e fornelli debuttano i tutor della cucina fai da te di Campagna Amica per insegnare ai visitatori-consumatoti come si mangia bene e sano. Sette i laboratori in agenda: L’oro in pentola: tutti i segreti per preparare la polenta (dalle 10.00 alle 11.00), Educazione al gusto con assaggi piccanti (dalle 11.00 alle 13.00), Dalla Terra al…cono: il gelato contadino (dalle 13.00 alle 15.00), Le conserve fai da te (dalle 16.00 alle17.00), Le proprietà dell’oro rosso: la pregiata spezia delle nostre colline (dalle 17.00 alle 18.00) e Le ricette della Nonna per l’igiene della casa e della persona (dalle 18.00 alle 20.00).

L’ABC del pesce, dalle ricette ”segrete dei marinai” al vademecum. Il pesce a miglio zero, dei nostri mar, grande protagonista della kermesse. Nello spazio allestito al Prato del Quercione, organizzato e realizzato dal Coldiretti Impresa Pesca, Provincia di Livorno e Strada del vino e dell’olio della Costa degli Etruschi, in programma lezioni dimostrative, degustazione di piatti “poveri” del ricettario segreto dei marinai abbinata ai vini bolgheresi e della costa etrusca, ma anche momenti di “formazione ed informazione” per imparare, per esempio, a riconoscere senza esitazione un pesce fresco, appena “catturato”, da uno arrivato dall’altro capo del mondo che finisce sulle nostre tavole senza accorgersene. Il programma: venerdì 18 settembre, dalle ore 17.00 alle 18.30“Quant’è buono il pesce a miglio zero: lezione dimostrativa per imparare a scegliere il prodotto dei nostri mari epresentarlo in tavola” con lo chef Sergio Pedruzzi. Sabato dalle 12.00 alle 13.30, e dalle 16.00 alle 17,30 “L’ABC per scegliere ed acquistare il pesce”; domenica 21 settembre, dalle 12.00 alle 13.30, e dalle 16.00 alle 18,30 “Dalla cattura alla cottura: tecniche di pulizia, squamatura, eviscerazione, sfilettatura, lavorazione e conservazione del pesce”.

L’UNIONE DI COMUNI VALDARNO E VALDISIEVE AD EXPO RURALE 2014

Tra le eccellenze presentate alla manifestazione: la Foresta Modello delle Montagne Fiorentine e il Centro di Formazione e addestramento al lavoro in bosco di Rincine

RUFINA- L’Unione di Comuni Valdarno e Valdisieve partecipa alla festa del mondo rurale in svolgimento in questi giorni al parco delle Cascine a Firenze. L’iniziativa si svolge con la collaborazione con la Foresta Modello delle Montagne Fiorentine di cui l’Unione si è fatta promotrice fin dal 2010.

E proprio la Foresta Modello, prima ad essere riconosciuta in Italia, presenta ad Expo Rurale un’ampia sezione dedicata a tutte le attività, imprenditoriali, associative e istituzionali, connesse all’agricoltura e alle foreste che adottano un approccio sostenibile e condiviso con le comunità. Oltre a ciò sarà predisposta un’area dimostrativa curata specificatamente dal Centro di Formazione e Addestramento al lavoro in bosco di Rincine, dove gli operai forestali formatori dell’Unione di Comuni Valdarno e Valdisieve mostreranno come si lavora in bosco salvaguardando sicurezza degli operatori e dell’ambiente. Le dimostrazioni si svolgeranno tutti i giorni dalle 16.00 alle 18.00.

Redazione Nove da Firenze