Il 1° maggio è domenica

Musiche di J. S. Bach al Museo di Orsanmichele. A Empoli un concerto pro autismo. Padule di Fucecchio: aperti il Centro Visite e l'osservatorio della Riserva Naturale. Il Treno Natura a Siena


Anche se per domenica 1° maggio è previsto maltempo, non mancano le cose da fare. A Firenze, in Pza SS. Annunziata c'è la Mostra mercato dell'artigianato naturale tradizionale: oggetti d'uso in ceramica, legno, metallo, tessuti con colori naturali, sapone, cuoio conciato al vegetale, mobili per la casa. In piazza saranno presenti anche gli "artigiani della terra" con verdure di stagione, grani antichi macinati a pietra, pasta di ceci, olio, vino, miele, formaggi, pane con lievito madre. Oltre alle dimostrazioni delle tecniche lavorative, sotto il Loggiato troverete laboratori di manualità per i ragazzi. La partecipazione è gratutita.

Alla Fortezza da Basso la Mostra dell’Artigianato chiuderà i battenti domenica alle ore 20,00. Fra le tante iniziative in programma, domani, da non perdere la rievocazione storica dell’antico Mercato di Sant’Egidio presso la Palazzina Lorenese a cura dell’Associazione Rinascimento nel Borgo di Sansepolcro. Sarà come fare un tuffo nel passato con i partecipanti vestiti con costumi rinascimentali. Fra i prodotti in mostra anche le originali stoffe azzurre colorate con il ‘guado’, il cosidetto ‘oro blu’, un pigmento vegetale che andava a ruba nel Medioevo e nel Rinascimento prima dell’indaco e che serviva per la coloritura di lane, sete, arazzi. Anche il celebre pittore Pier della Francesca ne fece largo uso per i suoi capolavori. Per i più giovani, nello spazio di Mani Creative al piano Inferiore del Padiglione Spadolini, andrà in scena il Contest Nazionale di Facepanting e Bodypainting, seguito da un contest fotografico con la partecipazione di artisti da tutta Italia che si esibiranno dal vivo davanti al pubblico. Le uniche tecniche ammesse, quelle che prevedono pennello e spugna.

Domenica primo maggio, alle ore 21, al Museo di Orsanmichele (via dei Calzaiuoli - biglietti 12/15 euro, prevendite www.boxol.it e cassa del Museo, orario 10/21), un viaggio nel tempo e nella musica del compositore tedesco Bach, con qualche rimando alla contemporaneità. Oltre al terzo “Concerto Brandeburghese BWV 1048” e al “Concerto per pianoforte e orchestra d’archi BWV 1052”, spiccano infatti il “Tredicesimo canone di Bach dal segreto dell'immagine riflessa” (tratto dai “Diversi canoni sulle prime otto note fondamentali dell'aria precedente” BWV1087) e il “Concerto per pianoforte, oboe e orchestra d’archi BWV 1059”. Si tratta di due trascrizioni – in un caso di vera ricostruzione - ad opera dello stesso Mario Ruffini. Incaricato di rileggere il tredicesimo canone utilizzando le prime otto note del basso delle Variazioni Goldberg, il musicologo, direttore e compositore fiorentino ha scelto una doppia chiave interpretativa, fedele al Canone originale come ai grandi figli dodecafonici di Bach. Ancora più in là, Ruffini si è spinto con il “Concerto BWV 1059”, di cui ci sono arrivati solo alcuni frammenti. Frammenti che ha ricostruito in modo “ragionato”, dandole quindi alle stampe con l’editore Suvini Zerboni. Mario Ruffini ha ideato il World Bach-Fest insieme a Ramin Bahrami ed è l’anima del progetto Bach in Black inaugurato l’anno passato con gli studenti di sei Conservatori italiani. Ha fondato insieme al Cardinale Giuseppe Betori l’Associazione Onlus “La Pasqua di Bach” ed è autore del volume “J.S. Bach. Lo specchio di Dio e il segreto dell’immagine riflessa”. Docente di composizione all’Istituto Boccherini di Lucca, Pietro Rigacci vanta una carriera trentennale che lo ha portato a suonare in ogni continente e a ricoprire molteplici ruoli affini alla musica. Molto “cliccati” i suoi recital pianistici su Youtube. L’edizione 2016 di Bach in Black è dedicata alla memoria del compositore Claudio Boncompagni, scomparso di recente. Biglietto intero 15 euro. Biglietto ridotto a 12 euro per studenti (muniti di tesserino) e over 65 (muniti di un documento). Ai titolari della “Firenze Card” del Comune di Firenze è riservato uno sconto del 15% (o tre biglietti al prezzo di due).

Ad Empoli “Coming Soon!”, ovvero una serata in musica per raccogliere fondi da destinare alla Casa di Ventignano. La nota struttura che si occupa di terapie e riabilitazioni per coloro che sono affetti da autismo, in collaborazione con Sinergic@ e gli Ortolani Coraggiosi. L’appuntamento è per domenica 1° maggio dalle 20,00 in poi presso l’Antica Gelateria Viti in Piazza Don Minzoni. Sarà una iniziativa all'insegna della buona musica, eseguita da musicisti di cuore per una nobile causa. Sul palco ci sarà una house band in cui suoneranno, Luca Solini alla batteria, Niccolò Pizzicori al basso, Big Alex Solenni alla tastiera. Special guest, la cantante Enza Gelli. Poi sarà un alternarsi di tanti musicisti: Simone Pacini (chitarra) e Max Laurel (voce), Max Neri (chitarra e voce), Stefano Gallerini (chitarra) e Claudia Mugnaini (voce), Silvano Leporatti (chitarra), Lorenzo Pellegrino (chitarra) e Marzia Dolfi (voce), Luka Rielli (batteria) ed Emiliano Geri (voce), Massimo Londi (chitarra e voce). Conduce la manifestazione Emiliano Geri. Al termine dell'esibizione degli ospiti si aprirà una lunga jam session.

Anche per la Festa del 1 maggio sarà possibile visitare la Riserva Naturale del Padule di Fucecchio: saranno aperti sia il Centro Visite di Castelmartini sia l'osservatorio faunistico de Le Morette (ad accesso libero, con operatore del Centro RDP Padule di Fucecchio); inoltre sono in programma visite guidate al Lago di Sibolla e nell'Area Righetti. Grazie alla disponibilità di collaboratori e volontari, gli interessati potranno quindi visitare il Centro (ore 9-12 e 15-18), con l'esposizione permanente sull'area umida e le mostre di fotografia e disegno naturalistico; negli stessi orari sarà possibile visitare l'area protetta raggiungendo l'osservatorio faunistico de Le Morette dove sarà presente un operatore del Centro, pronto a mostrare con un potente cannocchiale le varie specie di uccelli acquatici. Nella mattinata del 1 maggio (ore 9-12) è prevista anche una visita guidata nella Riserva Naturale del Lago di Sibolla che è da considerare, dal punto di vista floristico, uno dei più importanti biotopi palustri della Toscana; camminando intorno al lago si potranno osservare i caratteristici “aggallati" di torba ricoperti di sfagno, un muschio di origine nordica tipico delle "tundre" scandinave, su cui crescono rigogliose le Felci reali, maestosi relitti di clima caldo umido. La zona palustre è prevalentemente coperta dal “magnocariceto”, costituito da elofite appartenenti al genere Carex, mentre ai margini del lago si trovano piccoli boschi igrofili a prevalenza di Ontano nero e prati umidi acidofili. Visitando oggi la Riserva Naturale del Lago di Sibolla è possibile immaginare (seppure in proporzioni ridotte) quale doveva essere l'aspetto paesaggistico ed ambientale dei vicini Paduli di Fucecchio e di Bientina prima delle bonifiche del secolo scorso. Negli ultimi anni, con l’istituzione dell’area protetta, sono aumentate anche le presenze di uccelli acquatici e sulle rive del lago si è insediata una colonia di aironi; la visita offre quindi spunti interessanti anche per gli appassionati di birdwatching. Chi vuole potrà visitare nella stessa giornata anche l'altra zona che costituisce, insieme con Le Morette, la Riserva Naturale del Padule di Fucecchio, visto che nel pomeriggio (ore 15-18) è in programma anche una escursione guidata nell'Area Righetti per scoprire le fioriture di stagione ed osservare le colonie degli aironi e dei cormorani in piena attività. Prima dell'open day, sabato 30 aprile (ore 15-18) è in programma un itinerario sul percorso dei mulini di Vinci fra boschi, torrenti e resti di antichi edifici, con degustazione finale di olio al frantoio cooperativo; la visita viene ripetuta, a grande richiesta, dopo il grande successo della prima edizione a metà mese.

L’Acquario di Livorno, che ha da poco ripreso la stagione 2016 con un nuovo percorso espositivo dedicato ad insetti, anfibi e rettili al primo piano e glisquali zebra nella vasca indopacifica, festeggia il 1° Maggio con i suoi visitatori con attività edutainment per famiglie e bambini nel week end e l’apertura prolungata il 1° Maggio fino alle 19 (ultimo ingresso 18). Nell’area adiacente il Surfer Joe, dalle ore 15.00 del 1 Maggio, si terrà la III Edizione del Concertone del 1° Maggio, organizzato da Surfer Joe. Tutti coloro che, durante il week end del 1° Maggio, desidereranno visitare l’Acquario di Livorno potranno ammirare al primo piano della struttura il nuovo percorso espositivo dedicato ad insetti, anfibi e rettili tra cui emergono il mimetico camaleonte, gli insetti stecco, le blatte soffianti ed ancora le velenose rane freccia e la rana cornuta, un fantastico esemplare di iguana e molto altro ancora. Altra novità, i nuovi arrivati – gli squali zebra – che nuotano nella vasca indopacifica. Lo squalo zebra (Stegostoma fasciatum) appartiene all’ordine degli orectolobiformi, di cui fanno parte i gattucci ed altri squali tappeto. Prende il nome dalla livrea che hanno i piccoli alla nascita: crescendo le bande nere lasciano il posto a “pois” neri. Vive ai margini della barriera, dove passa molto tempo sul fondo in cerca di crostacei e piccoli pesci di cui si ciba. Ad aspettare i visitatori, gli altri protagonisti della struttura: le due splendide tartarughe verdi “Ari” e “Cuba”, gli squali pinna nera e due esemplari di pesce Napoleone.

Appuntamento, ormai consueto, quello con il Primo Maggio a bordo del Treno Natura per raggiungere Sant’Angelo Scalo. La festa, la “Maggiolata”, offre una piacevolissima giornata all’insegna della tradizione con musica, bancarelle e buon cibo. Come sempre il treno a vapore con le sue carrozze “centoporte”, lascerà la stazione di Siena, alle 8.55, e attraverserà la Val d’Arbia e la Valle dell’Ombrone per arrivare a Monte Antico. Dopo una breve sosta in questo avamposto tra Siena e la Maremma, il treno ripartirà, in un viaggio senza tempo, allietato da musica e paesaggi mozzafiato, per Sant’Angelo Scalo. Qui si parteciperà alla festa con i tradizionali appuntamenti, con esibizione dei gruppi folk e dei maggiaioli. E’ prevista la possibilità di una visita guidata alle Cantine Banfi. Alle 16:40 il treno a vapore ripartirà alla volta di Siena, attraversando la Val d’Orcia e le Crete e godendo del bellissimo, verde paesaggio di questa primavera. Il calendario completo e le modalità di prenotazione sono disponibili su www.trenonatura.terresiena.it

Redazione Nove da Firenze