Rubrica — In cucina

Taste edizione 14 dal 9 all'11 marzo 2019

​Il salone dedicato alle eccellenze del gusto e del food lifestyle alla stazione Leopolda. Pianeta Pane, Bottura e Alajmo, e gli eventi Fuori di Taste


Taste, alla sua XIV edizione si terrà alla Stazione Leopolda dal 9 all'11 marzoIl salotto italiano del mangiare bene e stare bene è l'appuntamento dei migliori operatori internazionali dell'alta gastronomia, ma anche del sempre più vasto e appassionato pubblico dei foodies.

Prodotti tipici, ricette segrete tramandate di generazione in generazione e tanto amore per le materie prime. Quest'anno Taste presenta, tra le new entries, una serie di aziende storiche e di nuovi brand che rendono unico il patrimonio gastronomico italiano. Come l'Antica fabbrica del buccellato Taddeucci, attiva a Lucca dal 1881; il Riso Maratelli 1914, la varietà di riso più antica d'Italia; lo zafferano coltivato sulle montagne aquilane dall'azienda SilviaRosae gli stecchi gelato 100% naturali, made in Puglia, di Arte Gadì.

Al Teatro dell’Opera verrà allestito il Panificio Taste, che per tre giorni sarà il cuore dei laboratori tematici A scuola di pane, condotti dai migliori maestri panificatori, che lavoreranno in diretta il Pane di Taste. E naturalmente il pane avrà i suoi talk: la scrittrice Laura Lazzaroni condurrà l'incontro Nuove bakery. Evoluzione e rivoluzione; e il Gastronauta Davide Paolini modererà il dibattito Geografia e lessico del Pane. E per i più piccoli ci sarà il laboratorio Mani in pasta in collaborazione con Style Piccoli.

Domenica 10 marzo, alle 16.30, Davide Paolini ci guiderà alla scoperta dell'anima solidale di due grandi cuochi stellati con un Ring dal titolo “Il sociale nel piatto degli chef”. Massimo Bottura, dell'Osteria Francescana di Modena, racconterà la nascita e i nuovi sviluppi del Refettorio Ambrosiano - progetto nato con EXPO Milano 2015 e poi esportato a Londra, Parigi, Rio de Janeiro - che recupera le eccedenze alimentari per nutrire chi è in difficoltà. Mentre Massimiliano Alajmo del ristorante Le Calandre a Rubano (Pd), illustrerà i risultati conquistati con Gusto per la Ricerca, evento annuale che dal 2004 riunisce le eccellenze gastronomiche per raccogliere fondi destinati al progresso scientifico sulle neoplasie infantili e alle strutture di sussistenza rivolte all’infanzia.

I visitatori della manifestazione, ogni giorno alle 16.00 possono recarsi allo stand per “Pane e Cioccolato: la merenda della nonna 3.0”, appuntamento in collaborazione con Guido Castagna, pluripremiato maitre chocolatier famoso per il suo Metodo Naturale, che parte dalla selezione delle migliori fave di cacao al mondo. La degustazione continua poi alle 16.30 presso lo stand di Guido Castagna (Taste Tour – Stand D/96). Chi non ha dolci ricordi legati al momento della merenda con pane e cioccolato nella propria infanzia? Renato Bosco reinterpreta in esclusiva per Taste un grande classico della tradizione italiana, con un pane che si sposa perfettamente con la tavoletta di cioccolato al gianduia dell’artigiano del cioccolato Guido Castagna, esaltandone il gusto.

Renato Bosco, noto pizza-ricercatore veneto, che quest’anno ha inaugurato un nuovo locale Saporè a Prato, sarà presente durante tutta la manifestazione con il proprio stand (Sezione: Taste Tour – Stand D/36), dove proporrà degustazioni tematiche e presenterà i suoi prodotti, in tema con il focus principale dell’edizione di Taste. Oltre ad un assaggio di pizza contemporanea firmata Renato Bosco sono presenti allo stand anche diversi tipi ti pane e pandoro. Renato Bosco, da vero artista del dolce veronese più tipico, per il quale ha ricevuto diversi riconoscimenti, porta a Taste una collection di pandori caratterizzati dal colore, sia nel packaging che nelle farciture. Soffici e delicati al tatto e intensi e avvolgenti nel gusto, i pandori di Renato Bosco sono puro piacere per il palato quanto per gli occhi, grazie anche alla varietà delle diverse cromie.

Orario di mostra: 9 e 10 Marzo dalle 9.30 alle 19.30 - 11 Marzo dalle 9.30 alle 16.30

INGRESSO RISERVATO per operatori del settore orari dedicati. Sabato: dalle 9.30 alle 14.30. Dalle 14 la fiera apre anche al pubblico generico. Domenica: dalle 9.30 alle 14.30. Dalle 14.30 la fiera apre anche al pubblico generico lunedì: ingresso anche per il pubblico generico dalle 9.30 alle 16.30.

Per il Pubblico Generico: sabato: dalle 14.30 alle 19.30. Domenica: dalle 14:30 alle 19:30. Lunedì: dalle 9:30 alle 16:30.

Fuori di Taste: il calendario di eventi a tema che si svolgono in città

Con il ricco programma off di FuoriDiTaste, i prodotti presentati alla Leopolda moltiplicano le occasioni per uscire, degustare, incontrarsi. Tra quelli di questa edizione: giovedì 7 marzo, si inizia con i vini dell'azienda friulana Zorzettig: degustazione guidata e, a seguire, cena con quattro portate abbinate a quattro diverse etichette (“Zorzettig: il vino secondo Annalisa spiegato da Leonardo Romanelli”, presso il ristorante L'Ortone). Venerdì 8, “Fish Tapas & Forte beer” all'Hotel Savoy: una selezione di deliziosi assaggi di pesce e chips, accompagnati dai prodotti del Birrificio del Forte di Pietrasanta, vincitore della prestigiosa World Beer Cup 2018. Sabato 9, “La merenda ai giorni nostri” al Grand Hotel Minerva: alta pasticceria di tendenza, accompagnata dagli infusi de La Via del Tè. Mentre domenica 10, “Al brunch con Acquerello”: lo chef stellato del Four Seasons Hotel, Vito Mollica, propone un risotto alle cime di rapa con mosaico di crostacei.

In occasione di Fuori di Taste 2019, Obicà Mozzarella Bar presenta WineMix: uno speciale aperitivo con DJ set in collaborazione con Mazzei, storica azienda vinicola toscana, in programma domenica 10 marzo, dalle 18.00. WineMix è una serata esclusiva da vivere in compagnia nell’ambiente moderno e accogliente di Obicà nel suggestivo Palazzo Tornabuoni, disegnato nel 400 da Michelozzo. Qui, dove il design incontra la storia, si crea un’atmosfera conviviale in cui il cibo è protagonista. L’aperitivo prevede la degustazione dei prestigiosi vini della Tenuta Belguardo di Mazzei abbinati a una selezione di specialità Obicà. Per l’occasione è possibile scoprire in anteprima assoluta il nuovissimo Belguardo Tirrenico, servito con Polpette di Chianina e Salsiccia con Pomodoro Biologico e Stracciatella Pugliese. La nuova annata di Vermentino è invece proposta abbinata con i Bocconcini di Mozzarella di Bufala con Peperoni al Forno e Filetti di Acciuga. Mentre il Rosé è servito con la Pizzetta Verdure Grigliate con Mozzarella di Bufala Affumicata, ideale come proposta vegetariana. E grazie al sound contemporaneo del DJ set, WineMix unisce ai piaceri del palato il piacere della buona musica. Vino pregiato e gli ingredienti di qualità di Obicà sono l’abbinamento perfetto per una serata all’insegna di cibo e musica durante Fuori di Taste. Che si voglia far colpo con una proposta romantica ma non sdolcinata o che si preferisca trascorrere una serata diversa in compagnia di amici, WineMix è l’iniziativa da non perdere. Il prezzo della degustazione di un calice di vino con abbinamento di specialità Obicà è di 8 euro, per la degustazione completa dei tre vini con tre specialità il prezzo è di 20 euro. E per chi non potesse partecipare al WineMix, la proposta di degustazione di vini Mazzei con specialità Obicà è disponibile durante tutti i giorni di Taste, dal 9 all’11 marzo, in orario aperitivo. Per prenotazioni e maggiori informazioni: eventifirenze@obica.com, tel. 055 277 3526.

Domenica 10 marzo, all'interno del calendario di Fuori di Taste, si terrà al ristorante Konnubio a Firenze, nelle affascinanti cantine da poco ristrutturate, la presentazione di un libro molto speciale, Il cibo Ideale, che accende i riflettori su un tema delicato: l'importanza di una sana alimentazione per i malati oncologici. Il libro è parte della tesi di laurea sull’alimentazione nei pazienti in chemioterapia che Francesca Pirozzi, scomparsa a 24 anni per un linfoma, stava scrivendo dal suo letto di ospedale. Il padre, Marco Pirozzi, ha voluto proseguire il lavoro di sua figlia pubblicando quelle ricerche universitarie e arricchendo il testo grazie al contributo di importanti firme: il professore Giorgio Calabrese, Docente di Dietetica e Nutrizione Umana, il dottore Luca Imperatori, Dirigente Medico U.O.C. Oncologia Medica, la chef Nadia Santini del Ristorante Dal Pescatore, lo chef Mauro Uliassi del Ristorante Uliassi, lo chef Massimiliano Alajmo del Ristorante Le Calandre, lo chef Riccardo Camanini del Ristorante Lido 84, lo chef Pietro Leemann del Ristorante Joia e lo chef Paolo Simioni del Forte Village Resort. È nato così un libro che cerca di dare risposte a domande cruciali: Che cosa vuol dire mangiare sano oggi? Che cosa sappiamo veramente del cibo? E il continuo lavoro di ricerca degli chef aiuta a migliorare la qualità delle materie prime? Interverranno alla presentazione Leonardo Romanelli, in veste di moderatore, che da molti anni lavora per promuovere e diffondere la cultura enogastronomica italiana, e non solo, Marco Pirozzi e lo chef stellato Massimo AlajmoIl ricavato della vendita del libro, che sarà possibile acquistare anche in occasione della presentazione, sta finanziando i ricercatori del Dipartimento di Scienze Biomolecolari dell’Università di Urbino che hanno identificato e sviluppato una classe di composti caratterizzati dalla capacità d’indurre una spiccata attività biologica nei confronti delle cellule tumorali. Dalle ore 19.30 fino alle ore 22.00, sempre nella cantine di Konnubio, si terrà un gustoso aperitivo a cura della chef Beatrice Segoni abbinato ai vini dell'azienda agraria dell'Università degli Studi di Firenze, Villa Montepaldi, produttrice di Chianti Classico Docg. Costo dell'aperitivo comprensivo di degustazione vini: 15 euro a persona.

Si chiama 24 Hour Pizza People, nuovissimo bookmagazine ideato da Salvatore e Matteo Aloe, fondatori di Berberé, che racconterà la cultura della pizza attraverso uno sguardo inedito sulle città italiane. In occasione di Pitti Taste, 24 Hour Pizza People farà la sua presentazione ufficiale a Firenze: ospite speciale per l’occasione, la Direttrice Martina Liverani, insieme ai fratelli Salvatore e Matteo Aloe, che racconteranno nei dettagli il progetto. Appuntamento per il 9 marzo alle 10:00 presso Berberè in via de' Benci, per una chiacchierata cui seguirà un aperitivo con degustazione delle loro migliori pizze.

Chi desidera sperimentare la pizza contemporanea di Renato Bosco in tutte le sue forme può approfittare dell’evento in calendario a FuoriDiTaste. La sera di sabato 9 marzo nel nuovo locale di Prato verrà infatti proposto uno speciale menù degustazione dal titolo La pizza di Bosco: Verona-Prato Andata/Ritorno con MozzarelladiPane®, PizzaDoppioCrunch®, AriadiPane® e la Pizza Tonda e un Dolce del Viaggio. Tutte le pizze sono rigorosamente farcite con prodotti locali, in un viaggio gastronomico tra gli impasti che hanno reso famoso Renato Bosco e le eccellenze del territorio.

Redazione Nove da Firenze