Domenica a Firenze: Cool Aperitif, l'8 febbraio, al Cavalli Club.
Fichimori protagonista all’Aperishow di Otel


Aperitivo cool della domenica al Cavalli Club. Si inizia alle ore 20 con un buffet a base di finger food, assaggi di carne e pesce e tempura mista. Alle ore 22,30 ogni settimana sul palco della ex chiesa adiacente alla Basilica del Carmine in programma dj session accompagnate da performance live. Questa domenica di scena il live drums di Matteo Zarcone, polistrumentista della band Trikobalto. Salendo al primo piano, il ristorante Cavalli Club propone un menù che fonde internazionalità e tradizioni gastronomiche locali. Tra le portate spiccano come antipasti “Insalatina di astice alla mediterranea con avocados e lime”, “Tempura di gamberoni e fiori di zucca con salsa agrodolce” e “Gran piatto di Crudo di mare”. Come Primi piatti “Risotto Cavalli Club” e “Paccheri agli scampi cotti e crudi”. Fra i secondi “Filetto al rosso Cavalli Selection con galletta di patate”, “Tonno del mediterraneo al sesamo con caponatina di verdure al basilico” e “Vitello con impanatura di nocciole ed erbe aromatiche servito con mele alla senape e asparagi”. All’American bar regna la linea di cocktails firmata dallo stilista: “Cavalli Serpentine” (vodka RC, crema di amarene, succo di lime), “Cavalli Leopard” (vodka RC, Martini dry, un cappero) e “Cavalli Scorpion” (vodka RC, succo di mirtillo, vermouth Noilly Prat, crema di pesca). Cavalli Club, un locale cangiante nel corso delle ore. Da bar a ristorante dalla cucina moderna, a club per spettacoli e live music.
Nel corso dell’aperitivo di questa domenica, al Ristotheatre verrà offerta una degustazione di vino Fichimori (delle tenute Antinori), il primo rosso da bere freddo. Appuntamento che si rinnova alle 19,30 con un maxi-buffet e, dalle 22, riflettori puntati sul palco, dove andranno in scena, quadri di danza contorsionismo e performance canore a cura di Otel Ballet. Un contenitore artistico quello di Fancy Flair, che offre ogni sera showcase in stile Broadway, Moulin Rouge e Las Vegas, strizzando l’occhio all’avanspettacolo ed ai caffè concerto di una volta. Dalle 23 musica per tutti i gusti con gli ultimi successi happy-house e gli evergreen ’70-’80-’90. Si ricorda che parte integrante di Otel è la sua area congressi. Una location corredata di tutte le strumentazioni necessarie per presentazioni aziendali, meeting, corsi di formazione e convegni. Gli spazi al suo interno, suddivisi nelle aree ‘Raffaello’ (piccola), ‘Michelangelo’ (media) e ‘Leonardo’ (grande), sono modulabili a seconda delle necessità e dimensionabili fino ad una capienza di 380 persone, con livelli intermedi di 40/80/120/240 posti.

Redazione Nove da Firenze