Rubrica — Mostre

Uffizi: cento opere da mezza Europa raccontano la storia di Pietro Aretino

Focus importante ed inedito su un vero e proprio "regista" del Rinascimento


(DIRE) Firenze, 26 nov. - Fu poeta, commediografo, drammaturgo, sferzante penna satirica, consigliere di potenti, talent scout di grandi artisti: Pietro Aretino (Arezzo, 1492 - Venezia, 1556), oggi noto principalmente per i suoi celeberrimi quanto scandalosi Sonetti lussuriosi, è stato, nei fatti, una delle voci culturali più autorevoli del Cinquecento, un intellettuale assai temuto da signori e alti prelati, amico del condottiero Giovanni dalle Bande Nere, del cardinale Giulio de' Medici, che lo porto' a Roma alla corte di Papa Leone X, e di maestri come Tiziano, Raffaello, Parmigianino, che lo ritrassero nelle loro opere e con i quali intratteneva fitte e appassionate corrispondenze epistolari.

Alla poliedrica figura di Aretino, anticipatore (per stessa ammissione di Giorgio Vasari) della storia e critica dell'arte come disciplina autonoma, gli Uffizi dedicano ora, per la prima volta in assoluto, una grande mostra arricchita da importanti prestiti di musei internazionali. Il percorso espositivo, visitabile da domani al 1 marzo 2020, raccoglie oltre cento opere tra pittura, grafica, libri a stampa, scultura, arti decorative, che raccontano la vita e lo spirito di Aretino nei luoghi simbolo del Rinascimento, dove egli visse ed esercitò la sua grande influenza sul fervido mondo culturale della prima metà del Cinquecento: la Roma dei papi Medici, la Mantova dei Gonzaga, la Venezia del doge Gritti, la Firenze dei duchi Alessandro e Cosimo I, ma anche Urbino, Perugia, Arezzo, Milano.

Ad aprire la mostra è il Ritratto di Pietro Aretino, uno dei capolavori di Tiziano: conservato nella Galleria Palatina di Palazzo Pitti, si trova a Firenze dal 1545, anno in cui fu donato dallo stesso letterato al duca Cosimo de' Medici. Opere celeberrime testimoniano alcuni tra i principali momenti della vita di Pietro, dagli esordi tra Arezzo e Perugia, all'approdo alla corte pontificia a Roma, dove entra in contatto con Raffaello (in esposizione il Ritratto femminile prestato dal Museo di Strasburgo e un arazzo dei Musei Vaticani), fino al trasferimento nel nord Italia, a Mantova prima, infine a Venezia, rappresentata soprattutto da altre opere di Tiziano, tra le quali lo Stendardo della Resurrezione, prestito speciale della Galleria delle Marche di Urbino. 

Da segnalare poi la rassegna dei ritratti dei potenti con i quali Aretino fu in contatto (tra questi, anche un busto in bronzo di Carlo V opera di Leone Leoni dal Louvre), e la sezione finale della mostra, intitolata 'Imago Petri' e focalizzata sulla efficace promozione visiva che Aretino seppe fare della sua figura, con una attenta strategia di marketing comunicativo: dipinti, medaglie, stampe, libri, oggetti di uso 'griffati' con il suo nome e il suo volto, quasi una sorta di 'linea', grazie alla quale il sagace intellettuale toscano riusci' a far conoscere se stesso e la propria immagine. Protagonista di questa parte dell'esposizione è il ritratto del Kunstmuseum di Basilea recentemente attribuito a Tiziano, in cui Aretino appare assai giovane, con in testa un copricapo allora assai di moda, lo 'scuffiotto'. Di origini umili (era figlio di un calzolaio e di una cortigiana) Aretino ebbe a Perugia una formazione artistica e, per qualche tempo, coltivo' velleità di carriera nell'ambito della pittura.

Il suo vero, grande talento naturale fu però la scrittura, che praticò in varie forme a partire dai poemetti satirici (le Pasquinate), fino a comporre, nel 1526, i Sonetti lussuriosi, caratterizzati da contenuti esplicitamente pornografici che lo resero immediatamente famoso tra i suoi contemporanei. 

In mostra si possono ammirare le pagine dell'edizione originale (illustrata a Venezia su ispirazione dei disegni eseguiti dall'allievo più talentuoso e versatile di Raffaello Sanzio, Giulio Romano), miracolosamente scampata ai roghi di successive messe all'indice da parte della censura e poi appartenuta anche al figlio del compositore e musicista Arturo Toscanini. Una ricca selezione epistolare testimonia poi l'altra grande novità della produzione di Aretino, costituita dall'immenso corpus di oltre 4.000 lettere attraverso le quali l'intellettuale toscano ebbe modo di parlare e condividere le proprie idee con i principali protagonisti della sua epoca. Nella loro caratteristica di storia in presa diretta, le Lettere - per la prima volta redatte per essere pubblicate e diffuse a una crescente platea di lettori - sono un colossale giornale ante litteram, in cui i pensieri dell'Aretino sulle arti assumono l'aspetto di vere e proprie recensioni, ponendosi dunque alle basi della nascita della moderna storia e critica dell'arte.

Pietro infatti fu amico e corrispondente di alcuni tra i maggiori artisti del tempo, come Raffaello, Michelangelo, Parmigianino, Sebastiano del Piombo, Tiziano, Tintoretto e Jacopo Sansovino. Il costante confronto con questi personaggi gli forni' gli strumenti necessari per comprenderne i segreti, raccontarli al suo pubblico e sviscerarne vari aspetti, stili e caratteristiche. Fu cosi' che pote' intuire, come un vero e proprio talent scout, le capacita' dei giovani piu' dotati sulla piazza, quali Leone Leoni, Tintoretto, Danese Cattaneo e di promuoverli sulla scena internazionale grazie alla autorevolezza della sua parola. La mostra include anche un 'cameo' cinematografico: per rendere omaggio alla profonda amicizia tra Aretino e Giovanni dalle Bande Nere, vengono proiettati segmenti del 'Mestiere delle armi', film di Ermanno Olmi dedicato alla figura del grande condottiero mediceo, nel quale l'intellettuale, interpretato dall'attore Sasa Vulicevic, svolge il ruolo di voce narrante e compare in numerose scene.
'Pietro Aretino e l'arte del Rinascimento' si inserisce nell'ampia serie di eventi organizzati dalle Gallerie degli Uffizi e dalla citta' di Firenze nell'anno 2019 per il cinquecentenario della nascita di Cosimo I e anticipa, al tempo stesso, le celebrazioni per l'anno di Raffaello, tra pochi mesi. "Questa mostra sofisticata e composita- commenta il direttore delle Gallerie degli Uffizi, Eike Schmidt- è un'avvincente narrazione 'per immagini' dell'Italia del Cinquecento attraverso la vita di una delle figure più emblematiche di quel tempo. Il concetto narrativo che presiede alle varie sezioni, con capolavori prestati da collezioni sparse in tutto il mondo, pare ispirato dall'animo stesso di questo grande intellettuale dalla fecondissima penna. Ne risulta che il lavoro di raccolta delle opere e il profondo, informatissimo studio da parte dei curatori, finisce per rispecchiare il carattere degli scritti stessi di Pietro Aretino, appassionati e rivolti a lettori d'ogni estrazione: lo studioso e il profano, il letterato, l'artista, l'ascoltatore occasionale e divertito". La mostra è a cura di Anna Bisceglia, Matteo Ceriana e Paolo Procaccioli.
(Dip/ Dire)

Redazione Nove da Firenze