Castagne, a Marradi e San Godenzo si festeggiano i marroni

Appuntamenti da domenica con le tradizionali manifestazioni


TRADIZIONI LOCALI —
Per tutto ottobre Marradi celebra il marrone. Secondo appuntamento domenica 16 ottobre con la 48° edizione della “Sagra delle castagne” (e anche 23 e 30), manifestazione che si ripete anno dopo anno sempre con notevole successo, richiamando migliaia di visitatori dalla provincia di Firenze, dalla Toscana e dai vicini territori dell’Emilia Romagna.

Paese “imbandito” a festa, tra stand gastronomici con le tradizionali leccornie, come i tortelli, a torta e le marmellate di marroni, il castagnaccio, i marrons glacés, le “bruciate”, e spazi riservati ai classici prodotti del bosco e sottobosco insieme ad altri prodotti artigianali e commerciali. Non mancheranno artisti di strada e musicisti itineranti che animeranno le domeniche di festa, con attrazioni anche per bambini. Per l’occasione, è prevista l’emissione di un annullo filatelico e saranno aperte e visitabili la mostra del mobile in castagno e mostre di pittura. E visitabili saranno anche il Centro di Studio e Documentazione sul Castagno, il Centro Studi Campaniani e il Museo “Artisti per Dino Campana” in cui sono presenti opere d’arte contemporanea dedicate al poeta marradese.

E sempre in occasione della “Sagra delle castagne” a Marradi si arriva anche con i tradizionali treni a vapore

San Godenzo festeggia i marroni con tre appuntamenti uno al Comunello di Casale, e due a Castagno D’Andrea, all’interno della rassegna promossa dall’Unione di Comuni Valdarno e Valdisieve “Autunno in Valdarno e Valdisieve” e de “Il Cammino del Marrone”.

Il primo appuntamento è previsto per domenica prossima 16 ottobre a Casale in Comune di San Godenzo con “La Marronata”. La manifestazione, organizzata dal Comunello di Casale e dal Comune di San Godenzo, offrirà ai visitatori per tutta la giornata la possibilità di degustare e di acquistare marroni, altre specialità a base di questo frutto e di altri prodotti autunnali del bosco annaffiati dal buonissimo vin brulè.
Ci sarà anche una mostra-scambio di oggetti ed una lotteria che mette in palio 5 kg di marroni. Per i buongustai sarà a disposizione un ristorante con piatti tipici
(è consigliata la prenotazione al numero 335332139, info@comunellodicasale.it).

I “festeggiamenti” proseguiranno il 23 e il 30 ottobre, a Castagno d’Andrea con la 42^ edizione della Ballottata, sagra del marrone, organizzata dall’Associazione Andrea Del Castagno in collaborazione con Marrone del Mugello IGP, Unione dei Comuni Valdarno Valdisieve, Comune di San Godenzo e Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi.
Nelle due domeniche di festa si potranno acquistare marroni del Mugello IGP, miele, farina di castagne, assaporare dell’ottima birra artigianale e altri prodotti tipici nel mercato dei produttori locali. Ci sarà anche il mercato degli antiquari e degli artigiani. Si potranno fare escursioni all’interno del Parco Nazionale adatti a grandi e piccini, ci saranno percorsi per riscoprire luoghi e strumenti della coltivazione e lavorazione del marrone, con possibilità di visitare le marronete e gli essiccatoi accesi ed in funzione. Non mancherà l’animazione per i bambini e la musica dal vivo.

Presso il centro visita del Parco ci sarà la mostra mercato delle antiche cultivar, alberi da frutto recuperati nella zona e reimpiantate presso il vivaio di Rincine. Sempre al centro visita ci saranno due mostre: “Meraviglie del quotidiano” con oggetti di ingegno popolare delle genti di montagna e “I funghi del parco” con riproduzioni delle specie che si possono trovare nella zona.

Nel posto tappa G.E.A. ci saranno diverse mostre fotografiche , tra questa quella a cura di Alessandro Mannucci su la storia e le persone di Castagno. Per il pranzo si può scegliere il Circolo Arci, l’Osteria il Rifugio, il Caffè Falterona o il micro birrificio Conte di Campigna. Nella zona della Chiesa c’è “Il Paese dei Marroni” dove è possibile gustare delizie a base di impasto di castagne.

Redazione Nove da Firenze