Pitti Uomo 87: 40% in più di aziende internazionali

Alla Fortezza da Basso dal 13 al 16 gennaio in contemporanea con Pitti W. Oliviero Toscani all’Istituto Europeo di Design. Cuoio di Toscana celebra il valore e la gioia del camminare con un’installazione nel Cavedio del Padiglione Centrale


FOTOGRAFIE — Al via alla Fortezza da Basso Pitti Immagine Uomo n.87, la kermesse internazionale di riferimento per la moda maschile ed i percorsi di lifestyle contemporaneo. Dall’eccellenza delle aziende del nuovo classico alla ricerca del mondo dell’accessorio con il suo ruolo sempre più decisivo sul mercato, ai brand che hanno saputo spostare in avanti la definizione di sportswear. E ancora, gli stili del menswear di domani e le nuove correnti luxury underground, i progetti speciali dei designer di punta internazionali e le anteprime sulle collezioni donna, fino al supporto ai nuovi talenti. Con un numero record di richieste di partecipazioni internazionali (+40% da oltre 30 paesi) la mostra offrirà ancora una volta un viaggio esclusivo fra moda, arte, sport e design. Al nastro di partenza 1090 marchi di moda maschile a cui si aggiungono le 70 collezioni donna di Pitti W. Attesi oltre 30.000 visitatori (dati ultima edizione) in rappresentanza dei più importanti negozi e department store internazionali. Guest Nation di questa edizione, la Russia. Walkabout Pitti è il tema guida del salone che esplorerà la dimensione inesauribile del viaggiare a piedi trasformando la Fortezza in un mixed terrain di esperienze e percorsi diversi, fra i padiglioni illustrati da guide, piante geografiche, application e altri device. In contemporanea, sempre in Fortezza, all’Arena Strozzi, Pitti Immagine W. n.15, l’evento sulle collezioni di moda donna che, grazie ad un layout rinnovato e scenografico, presenterà in anteprima assoluta con preview, capsule, installazioni e iniziative speciali, le nuove collezioni per l’autunno/inverno 2015-16.


Sarà Oliviero Toscani, uno dei grandi innovatori della scena fotografica internazionale, l’ospite d’eccezione dell’Istituto Europeo di Design di Firenze (via Bufalini, 6/r) domani, martedì 13 gennaio, alle ore 19.00 (ingresso libero su prenotazione), in occasione delle iniziative dedicate all’87/ma edizione di Pitti Immagine Uomo. Toscani si confronterà con Antonio Carloni, direttore artistico del festival Cortona on the Move, in un talk aperto al pubblico su creatività e provocazione nel linguaggio della fotografia di moda dal titolo “Oliviero Toscani on fashion”. L’iniziativa nasce dalla collaborazione tra CNA Comunicazione, T.A. Toscana, CNA Federmoda Toscana per Artigiano Contemporaneo 2015. A inaugurare le tre giornate di eventi (workshop, laboratori e incontri da domani fino al 15 gennaio) dal titolo “Generations and re.generations” sarà So/Fashion, il workshop tenuto da Moreno Ferrari (designer di Stone Island e Moleskine) e dai docenti Marina Nelli e Nicole Leonardi che si concentrerà sul tema del riutilizzo di scarti di pelle e tessuti unito al recupero di antiche tecniche e saperi artigianali (dal 13 al 15 gennaio, dalle 10.00 alle 17.00, ingresso libero su iscrizione). Il laboratorio è organizzato con il centro studi Poltronova, la storica azienda italiana nata nel 1957 in Toscana, leader nel campo del design (quella della famosa poltrona a guanto); Bisbag (azienda di Scandicci di oggetti e borse in pelle) e con il sostegno di Archivio Store (concept store on line). A conclusione del percorso i partecipanti presenteranno le proprie creazioni in una mostra aperta al pubblico (15/01 alle ore 18.00). Alle 17.30 si terrà Ied for Colmar Originals, la presentazione in anteprima italiana di 8 piumini realizzati dagli studenti dello Ied in collaborazione con il marchio Colmar Originals. Interverranno Giulio Colombo (amministratore delegato Colmar) e Maurizio Cortese (direttore generale del gruppo Ied). Il programma della tre giorni continua mercoledì 14 gennaio alle 17.30 con l’incontro “Expo in viaggio”; un progetto di comunicazione che trasferisce il grande racconto di Expo2015 nelle maggiori città italiane (curato proprio dal social media team di Expo 2015). Tutti gli eventi sono organizzati in sinergia con l’accademia Aldo Galli di Como.


Il passo come ritmo naturale del pensiero. Il pensiero che nel cammino fluisce più libero e più armonioso. Nel Cavedio del Padiglione Centrale della Fortezza da Basso, importante punto di collegamento e d’incontro per i visitatori di Pitti Uomo, il marchio “Cuoio di Toscana”, simbolo di prodotto artigianale di eccellenza, nell’ambito di Pitti Immagine darà vita a una sorprendente installazione di passi e parole famose: “Words of walking”. Da Ippocrate a Diogene, dal cardinale Richelieu a Emile Zola, da William Shakespeare a Marilyn Monroe, da Confucio a Barack Obama: quarantaquattro aforismi, versi, strofe e proverbi, colti e pop, trasversali per epoche e geografia, per celebrare il valore del movimento e della parola, impronta di se' nel mondo. Declinati quasi esclusivamente nella loro lingua originale, dal latino all’italiano, dal francese all’inglese per finire col tedesco, in omaggio alla molteplicità e alla ricchezza delle culture presenti a Pitti, i “Words of walking” sono fonte d’ispirazione, sprazzi di ironia, lampi di intuizione. Metafore potenti del cammino dell’esistenza. Ecco dunque Diogene (“Solvitur ambulando”), il poeta indiano premio Nobel Rabindranath Tagore (“Ho il suono dei tuoi passi dentro il cuore…vieni”), i filosofi Friedrich Willehlm Nietzsche, grande camminatore (“I migliori pensieri vengono camminando”), John Locke (“Se si cammina in tanti nello stesso punto, appare un sentiero”), e Confucio (“Non camminare davanti a me, perché potrei non seguirti”), ma anche la cantante e attrice Dolly Parton (“Se non ti piace la tua strada, inizia ad asfaltartene un’altra”). E poi l'attrice statunitense Marilyn Monroe (“Ho imparato a camminare da piccola e non ho mai preso lezioni”) e la top model Cara Delevingne (“Camminare lungo una passerella è niente. So fare di meglio”). “Words of walking” è una festa mobile di parole e movimento, per accompagnare le intense giornate di Pitti con uno spunto di riflessione e un cocktail vitaminico, da sorseggiare lungo i gradini.



POP-EYE è un’area interamente dedicata al mondo dell’occhialeria all’interno di Pitti Immagine: un progetto ambizioso che nasce con l’intento di esplorare il rapporto sempre più stretto tra fashion e eyewear, all’insegna della creatività, del design più sofisticato, dell’alta qualità e della ricerca stilistica. Dopo il grande successo dell’edizione pilota di giugno 2014, si rinnova la collaborazione tra Pitti. Immagine, il salone-evento dedicato ai progetti speciali di moda e lifestyle, e MIDO, la manifestazione internazionale leader nel settore dell’occhialeria. In programma a Firenze, presso il Padiglione Centrale di Pitti Uomo 87 dal 13 al 16 gennaio 2015 POP-EYE, che godrà per l’allestimento del talento creativo di Alessandro Moradei, rappresenta un importante momento di incontro tra i più esigenti top buyer nazionali ed internazionali e le più rinomate aziende dell’eyewear in cerca di nuove ispirazioni e contaminazioni creative. Per l’edizione di gennaio 2015 POP-EYE propone un’attenta selezione di marchi dell’occhialeria che trovano nel mondo del fashion la propria distinzione: da David Marc, Dom Vetro, Etnia Barcelona, a Eyepetizer, Finlay & Co.; da Les Pieces Uniques, Oxydo, a Pugnale & Nyleve, Sunpocket, Spektre.



Marsala, melograno, ma anche coriandolo, timo, liquirizia: non solo sapori, e aromi, ma sensazioni e colori che fondano la cultura e il gusto italiano. Il viaggio di Zerosettanta Studio verso le nuovi capitali del lusso inizia dalla Toscana; non solo terra d’origine della storica azienda Landi, ma allegorica visione di italianità in cui trovare tutta la tradizione accompagnata dalle nuove tendenze, le nuove contaminazioni culturali, il nuovo modo di "saper vivere”.


Enn+W, linea di giacche e capispalla da uomo, dopo il debutto assoluto della scorsa primavera estate, si presenta al primo appuntamento con la stagione autunno inverno. Il brand, cuore fiorentino ma anima cosmopolita, attinge il nome dall’acronimo del suo fondatore, Niccolò Mugnaini e nasce da una forte passione per la moda e da una ricerca continua sul nuovo stile di vestire al maschile che raccoglie emozioni e contaminazioni dallo street style. In questa collezione l’uomo che si profila è un’interazione di identità diverse, una fusione di modi di essere e di vivere, che gioca combinando le tradizionali “uniformi da lavoro” con l’abbigliamento sportivo dei sobborghi, tipico delle gang afro-americane, con il loro way of life e il senso di appartenenza alla strada. Una ricerca che porta l’evoluzione dello stile skater fino a fonderlo con l’essenza classica dello stile sartoriale, senza perdere la sua origine di abbigliamento streetwear. L’abito da lavoro esce dai tradizionali schemi di regole e rigore per contaminarsi con le forme over dell’hip-hop anni ‘90, per un look anticonvenzionale e moderno. Un’ispirazione che si traduce in giacche da lavoro tradizionali rivisitate che combinano tessuti diversi e colori differenti a contrasto (indigo e verde bottiglia accostati a dettagli nei toni del bianco e nero). L’essenza del classico completo in tweed o velluto è stravolta da blue jeans dal taglio ampio e da una vestibilità “maleducata”, trasandato chic. Pezzi semplici si bilanciano con modelli più strutturati per reinterpretare archetipi di strada in maniera innovativa, mantenendo sempre come ispirazione guida un urban style elegante.

Redazione Nove da Firenze