Rubrica — Agroalimentare

Vallepicciola: da una grande passione la volontà di investire sul futuro

Fotografie di Miriam Curatolo

In visita all’azienda agricola della famiglia Bolfo, sul versante orientale di Castelnuovo Berardenga


Vallepicciola è un’azienda vinicola in provincia di Siena, che oggi si estende per 265 ettari tra boschi, viti e ulivi di varietà Moraiolo, Leccino e Frantoio, gode di un microclima mite, condizione ideale per la produzione vitivinicola: gli ettari vitati sono 105 e vedono la presenza del re dei vitigni toscani, il Sangiovese, destinato prevalentemente alla produzione di Chianti Classico, e di vitigni internazionali quali Pinot Nero, Merlot, Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Petit Verdot e Chardonnay, utilizzati per i vini a marchio Igt Toscana.

Distribuiti sui territori collinari a sinistra del fiume Arbia a circa 400 sul livello del mare, i vigneti sono stati impiantati selezionando i vitigni a seconda della composizione dei suoli, in cui si alternano amalgami di argille, marne calcaree, marne bluastre, tufo, arenarie e sabbie. La grande variabilità dei suoli di Vallepicciola la caratterizza per ricchezza ed eleganza dei vini che vi nascono.

Di proprietà della famiglia BolfoVallepicciola impiega a tempo pieno 24 dipendenti, coordinati dall’Amministratore Alberto Colombo. Il consulente enologo è Riccardo Cotarella, mentre il responsabile tecnico è Erasmo Mazzone. Custode delle vigne, in veste di agronomo, è Francesco Beni. La filosofia aziendale è orientata al suo terroir: “Il principio è che i vini debbano essere espressione del proprio terreno, del clima e del lavoro svolto in vigna -spiega Riccardo Cotarella- i nostri vigneti sono lavorati con un approccio sostenibile, in una prospettiva di lungo periodo”.

La storia di Vallepicciola ebbe inizio nel 1999, quando l'imprenditore Bruno Bolfo e sua sorella Giuseppina, originari della Liguria, decisero di ristrutturare un vecchio convento di suore abbandonato da decenni che si trovava nelle vicinanze della loro casa di campagna a Pievasciata, frazione di Castelnuovo Berardenga, a pochi chilometri da Siena. Oggi il convento è il meraviglioso hotel 5 stelle Le Fontanelle che attira turisti di alto livello, grazie a circa 50 tra camere e veri e propri appartamenti, curati con elegante in ogni minimo dettaglio.

Nei pressi dell’hotel è nata l’azienda agricola, che, con i suoi 105 ettari di vigneti, dalle cui uve cui oggi nascono 13 vini. Partita poco meno di 20 anni fa con pochissimi ettari, a forza di progressive acquisizioni e nuovi impianti, oggi Vallepicciola è arrivata a produrre annualmente 350 mila bottiglie, con l’intenzione di giungere, quando gli ultimi vigneti impiantati entreranno in produzione, a 5/600 mila.

La nuova cantina

Nei giorni scorsi è entrata in funzione la nuova cantina. 6.000 mq. interrati per l’80% e caratterizzati dal processo per caduta naturale delle uve. In effetti i primi due piani, quelli interrati, erano in funzione dal 2006, ospitando tutte le fasi della produzione, dalla pressatura fino alla spedizione dei vini.

Ad essi adesso si aggiunge il piano superiore, che ospita l'enoteca, con ampie vetrate sul Chianti, due sale degustazioni, di cui una più ampia adatta anche a meeting, e gli uffici amministrativi. Nel wine shop è possibile acquistare i vini, ma anche fare degustazioni in abbinamento con prodotti gastronomici locali.

Nata da un progetto pensato per dare vita ad una struttura che potesse avere un rapporto armonioso con la natura circostante, è stata ideata dall'architetto Margherita Gozzi, che si è ispirata ai principi di Frank Lloyd Wright. Il risultato è una cantina dove, in equilibrio con l’ambiente naturale si manifesta l’avanguardia tecnologica al servizio dell’efficienza delle fasi produttive.

I vini di Vallepicciola

PERLINETTO SPUMANTE BRUT METODO CLASSICO

100% Chardonnay. Resta sui lieviti almeno 48 mesi. Scorrevolezza e bevibilità.

PERLINETTO SPUMANTE ROSÉ METODO CLASSICO

100% Pinot Nero. Resta sui lieviti almeno 48 mesi. La prima annata prodotta, il 2015, verrà presentata a Natale 2019. Cremoso ed ampio.

LUGHERINO CHARDONNAY

100% Chardonnay provenienti dalla vigna Poggione. Armonico e persistente.

LUGHERINO PINOT NERO ROSATO

100% Pinot Nero provenienti dalla vigna Boscobruno. Vendemmia dedicata a metà agosto. Fresco, armonico e carico di frutto.

CHIANTI CLASSICO DOCG

100% Sangiovese. Espressione simbolica del territorio, ha un sorso agile e fresco e di buona struttura.

CHIANTI CLASSICO RISERVA DOCG

100% Sangiovese. Selezione tra tutti i vigneti più vecchi. Ricco di frutto, con tannini ben integrati.

CHIANTI CLASSICO GRAN SELEZIONE DOCG

100% Sangiovese proveniente dal vigneto Lapina vicino alla nuova cantina. Elegante e persistente.

BOSCOBRUNO PINOT NERO

100% Pinot Nero proveniente dal vigneto Boscobruno, il più alto dell'azienda. Fine all'olfatto ed al gusto con un tannino elegante.

QUERCEGROSSE MERLOT

100% Merlot che viene raccolto nel vigneto che guarda Siena. Morbido, con un frutto fresco e delicato.

MORDESE CABERNET FRANC

100% Cabernet Franc raccolto nel vigneto più vecchio. Vellutato dai tannini carezzevoli.

PIEVASCIATA IGT TOSCANA

Esclusivo assemblaggio di Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Merlot e Sangiovese. Sorso rotondo ed ottima struttura.

OLIO

Varietà Moraiolo, Leccino e Frantoio. Intenso e con una bassa acidità.

VIN SANTO

Uve Trebbiano e Malvasia. Dolce, vellutato e morbido.

GRAPPA

Nasce da vinacce Sangiovese e Merlot. Complessa, avvolgente ed articolata.

Agroalimentare — rubrica a cura di Nicola Novelli

Nicola Novelli

Nicola Novelli — Fondatore e direttore responsabile di Nove da Firenze, dal 1997 il primo quotidiano on line fiorentino. Laureato in Scienze politiche è giornalista pubblicista dal 1989. Dal 1999 presiede Comunicazione democratica, associazione di promozione sociale che edita www.nove.firenze.it. Per 5 anni consigliere regionale dell'Ordine dei giornalisti della Toscana, attualmente è tesoriere della Fondazione OdG Toscana

E-mail: direttore@nove.firenze.it