Novembre: riflettori puntati sull'olio e sul tartufo

Rassegna dell'extravergine d'oliva a Reggello. Nel Mugello si brinda al Pinot nero. Nei ristoranti aderenti a Vetrina Toscana il 7 e l'8 menù particolari a base di 'olio nuovo'. Per la Mostra Mercato di San Giovanni d’Asso (7-8 e 14-15 novembre) appuntamenti golosi per i gourmet e gli appassionati. A Chianciano Terme viaggio nel paese di Babbo Natale


Si parlerà del segmento alimentare legato al castagno e dell'economia dell'intero settore forestale della montagna al convegno che la Camera di Commercio di Firenze terrà a Palazzo Medici Riccardi sabato 31 ottobre dalle 9 alle 13. Un'occasione per stilare "a 20 anni dalla nascita dell'Igp Marrone del Mugello, bilancio e prospettive per il futuro del territorio montano della Valdisieve e del Mugello", e così tracciare le future linee guida dell'economia della montagna dell'area metropolitana fiorentina, anche alla luce della programmazione del nuovo Piano di Sviluppo rurale 2014-2020. Tra gli enti che hanno collaborato all'organizzazione anche l'Unione montana dei Comuni del Mugello. Che sarà rappresentata dal dirigente del Settore Agricolo-Forestale Giovanni Miccinesi che farà il punto, con bilancio e prospettive, sull'economia agricolo-forestale della montagna mugellana. Particolarmente interessante sarà la presentazione dello studio realizzato dalla Camera di Commercio nel 2014 dal titolo "Processo partecipativo per il rafforzamento del Marrone del Mugello Igp e lo sviluppo della filiera castanicola". Numerosi i partecipanti, tra i quali figurano: il responsabile del Consorzio Marrone del Mugello Igp Emanuele Piani con l'intervento "L'Igp Marrone del Mugello compie 20 anni", Rita Neri dell'associazione "Strada del Marrone del Mugello di Marradi" con la presentazione dell'esperienza di marketing di territorio "Marrone fa rima con Giappone", il presidente del Centro di Studio e Documentazione sul Castagno Elvio Bellini. A moderare sarà il direttore del Gal Start Leonardo Romagnoli.

Entra nel vivo la 42^ edizione della Rassegna dell’Olio Extravergine d’Oliva di Reggello che si protrarrà fino a domenica, organizzata dal Comune di Reggello con il sostegno dell’Unione di Comuni Valdarno e Valdisieve. Tra gli appuntamenti di domani, sabato 31 ottobre segnaliamo per tutta la l’apertura degli stand dei produttori oltre a questo la mattina ci sarà il tradizionale mercato del sabato. Nel pomeriggio per i bambini, a partire dalle 15 sono previsti i laboratori dal titolo “La nuova fattoria” a cura dell’Associazione gECO e sempre dalle 15 nello spazio conferenze si svolgeranno gli incontri tra gli operatori agricoli e le attività del territorio. Alle 15,30 si svolgerà la visita guidata gratuita dal titolo “San’Agata in Arfoli: una Chiesa, un Popolo” prevista nell’omonima Chiesa, al chiostro ed all’antico frantoio, a cura dell’Associazione Culturale Gruppo della Pieve di Cascia. Alle 17,30 nella sala della Filarmonica Giuseppe Verdi di Reggello (via Dante Alighieri) sarà presentato il libro “50 Pievi, Chiese e Badie nel Valdarno Superiore” (Aska edizioni) a cura del Cai Valdarno. Domenica 1 novembre gran finale della manifestazione per tutto il giorno saranno aperti gli stand dei produttori, il “Mercatino dei Santi” per le vie e le piazza a cura della Pro Loco di Reggello e Cascia e il mercato della terra “I Nostrali” a cura di Terra Libera tutti. La mattina avrà luogo anche la 40^ edizione della corsa podistica “Firenze-Reggello” a cura del gruppo sportivo Resco-Reggello. Inoltre alle 9,30 in piazza Aldo Moro, prenderà il via un’escursione naturalistica dedicata alle famiglie con l’accompagnamento di guide ambientali dell’Associazione gECO. Nel pomeriggio alle 15,30 in piazza Aldo Moro ci sarà il concerto dell’Orchestra “Giovanni da Cascia” – “Filarmonica Giuseppe Verdi” diretta da Massimo Cardelli, alle 16,30 proseguiranno i laboratori per ragazzi “La nuova fattoria”. Nei giorni di manifestazione ci saranno gli stand delle Associazioni di Volontariato Auser, Calcit, @uxilia Toscana e Istituto Comprensivo di Reggello e si potrà visitare la Mostra Collettiva d’arte “La Figura Femminile” a cura dell’Associazione Culturale Le Balze, il Centro Visite di Ponte a Enna recentemente inaugurato sarà visitabile il 31 ottobre e primo novembre dalle 10 alle 17.

Sabato 31 ottobre e domenica 1 novembre nel centro storico scarperiese si tengono "Scarperia Wine-Pinot nero del Mugello" e la sagra del tartufo e dei prodotti tipici.
Ma il tartufo sarà ancora protagonista in Mugello: sempre a Scarperia il 7 e 8 novembre e poi nel fine settimana 13-14-15 novembre a Borgo San Lorenzo con la 20° edizione della Mostra mercato del tartufo bianco e nero del Mugello.

“Si torna finalmente a parlare di olio, dopo la pessima annata 2014 che ha visto decimati i raccolti finalmente nel 2015 la produzione olivicola, pur non ancora ai livelli eccellenti del 2013, torna a essere importante.” Ha esordito così il consigliere provinciale di Prato Alberto Vignoli presentando la nuova edizione di Oleum Nostrum, un concorso e un cartellone di eventi pensati per promuovere uno dei prodotti di punta della gastronomia locale: l'olio extravergine di oliva. E' uno dei prodotti che meglio rappresenta le tante eccellenze enogastronomiche che caratterizzano il nostro territorio, l'olio è infatti uno degli ambasciatori di gusto e qualità che sempre più spesso trova un posto di primo piano sulle tavole toscane e italiane. Per presentare le peculiarità dell'olio extravergine pratese è stato messo in piedi un ricco programma di eventi che coinvolge tutto il territorio e che vede la collaborazione di Vetrina Toscana, il progetto di Regione e Unioncamere che unisce ristoranti, botteghe e amanti della buona cucina promuovendo i prodotti tipici del territorio.Oleum Nostrum prevede degustazioni, incontri, conferenze e tanti appuntamenti pensati per stimolare nei consumatori la conoscenza di un prodotto eccellente, educandoli a distinguerne differenze e qualità. Tutti d'accordo gli amministratori intervenuti alla presentazione della rassegna, nel sottolineare “l'importante sinergia e il lavoro di squadra promosso fra tutti i comuni e i soggetti partecipanti – hanno sottolineato – La promozione di un prodotto che è patrimonio della nostra terra è vincente quando ci trova uniti a fare rete per ottimizzare la sua diffusione e conoscenza.”

Oltre alle tantissime iniziative dislocate su tutti i comuni è impostante anche la stretta e felice collaborazione con Confcommercio, Confesercenti e Vetrina Toscana. Fra gli eventi promozionali di punta ci sono infatti gli appuntamenti disabato 7 e domenica 8 novembre di “Olio e territtorio” che vedono protagonisti i ristoranti di Vetrina Toscana intenti a valorizzare le produzioni locali di olio con piatti e preparazioni tipiche. Nei ristoranti aderenti (info 0574 560701 0574 40291) sarà possibile trovare menù particolari che hanno come base l'olio nuovo pratese appena uscito dal frantoio. Oltre alla programmazione di queste due prime giornate nei prossimi giorni saranno comunicate ulteriori date. Si articola invece lungo tutto il mese di novembre, con alcune appendici anche in dicembre e gennaio, il programma di iniziative dislocate su tutti i comuni della provincia che prevede degustazioni, feste, ma anche momenti formativi per i produttori con corsi sulla potatura e apposite iniziative per i più piccoli, con laboratori sensoriali e manuali. Oleum Nostrum è una rassegna di iniziative, ma non solo. Anche quest'anno a decretare la migliore produzione olivicola pratese ci sarà il concorso al quale possono partecipare tutte le aziende produttrici locali con un solo tipo di olio prodotto. Le domande dovranno pervenire entro il 18 dicembre. I campioni degli olii partecipanti saranno sottoposti all'esame organolettico dalla Commissione giudicatrice e fra questi saranno scelti i 10 che verranno sottoposti all'esame chimico-fisico. Il vincitore sarà decretato mercoledì 3 febbraio 2016, ma a tutti i finalisti sarà rilasciato un attestato di qualità. La partecipazione al concorso è gratuita.

Per tutti i visitatori della Mostra Mercato di San Giovanni d’Asso (Siena) e per tutti i gourmet amanti del diamante bianco delle Crete Senesi, i due weekend centrali di novembre (7-8 e 14-15) offrono numerosi appuntamenti golosi. A San Giovanni d’Asso, infatti, la Coop “Il Tartufo delle Crete Senesi” organizza la manifestazione “Lungo il Borgo”. Due appuntamenti al giorno, nei due week end della Mostra Mercato, denominati “Aperi…Bianco!”. Sono aperitivi abbinati a tartufo e prodotti locali. Camminando fra le vie di San Giovanni d’Asso si potranno degustare i prodotti tipici locali (olio extravergine, vino Doc Orcia, formaggi pecorini, miele, salumi e tanto altro) in abbinamento con il tartufo bianco delle Crete Senesi e con le sue creme ricavate dal prodotto fresco. L’appuntamento con “Aperi…Bianco!” è alle 12 e alle 17.45 in entrambi i weekend. Per chi cerca un confronto più approfondito con il tartufo bianco delle Crete Senesi e con i numerosi piatti della gastronomia tradizionale e non, c’è a disposizione lo stand gastronomico e un vasto bouquet di ristoranti che per tutto il mese di novembre presentano menù speciali dedicati ai profumi e ai sapori che il diamante bianco può offrire. Dalle proposte più classiche della cucina senese agli abbinamenti più innovativi, gli chef presentano i loro migliori piatti per esaltare le qualità del tartufo bianco delle Crete Senesi. Sabato 7 novembre, alle ore 16 (Castello, Sala del Camino) ci sarà la degustazione di vini Orcia Doc, guidata da Walter Speller, uno dei maggiori esperti di vino italiano del mondo. Alle 20.15, sempre al Castello, la Cena di Gala “Tartufo, vino e seduzione”. Avrà come ospite d’onore Francesca Negri, wine lover, giornalista e autrice del divertente romanzo “Sex and the wine. L’altra metà del vino”. Domenica 8 novembre, alle ore 10.30 il Museo del tartufo ospita “La domenica in pasta”, un laboratorio di pasta fresca (raviolo all’occhio di bue e tagliolini) da abbinare al tartufo. In collaborazione con l’azienda Montigiani (si replica anche la domenica successiva). Alle 11.30 torna l’appuntamento con il “Premio Sapori Senesi – XIX edizione”, concorso per il miglior pecorino senese con una degustazione guidata. Il concorso è organizzato con il contributo e la collaborazione del Consorzio Agrario Provinciale di Siena. A seguire il focus su: “Il formaggio marzolino che nessuno conosce: da Benozzo Gozzoli a Jacopo da Empoli”. Pillole dal progetto di ricerca sul formaggio marzolino. Chiude la domenica gourmet (ore 18 al Castello) la degustazione guidata di grappa, brandy e acquavite in abbinamento al cioccolato al tartufo. In collaborazione con le Distillerie Bonollo e la Pasticceria Marabissi. Sabato 14 novembre, invece, appuntamento sempre al castello con la degustazione guidata di tartufo e bollicine, in collaborazione con Castello Banfi. Alle 21 nella Sala del Camino va in scena “Tartufo ad Arte: esperienza sensoriale con assaggi, musica e immagini”. Si tratta di una degustazione guidata di tartufo e Vinsanto Orcia DOC. In collaborazione con l’Azienda Atrivm. A seguire “Visual performing San Giovanni”, installazione VJing a cura di Andrea Bassega. Domenica 15 novembre, ultimo giorno della Mostra Mercato del tartufo bianco, si apre ancora con il laboratorio di pasta fresca. Il pomeriggio, alle ore 15.30 nella Sala del Camino, sarà presentato il cooking show di “Architettando in cucina” a cura della foodblogger Sabrina Fattorini, con la straordinaria partecipazione dello “gnomo” della “Prova del cuoco”, Augusto Tocci. Si consiglia sempre di prenotare.

 Quando si dice Chianciano il pensiero corre subito alle terme, a quell’angolo incantato della Valdorcia dove potersi riappropriare del nostro tempo attraverso la bellezza dei luoghi e un benessere d’avanguardia, supportato da una formula moderna di wellness che continua la tradizione termale di etruschi e romani. La leggenda vuole che Sillene, dea della bellezza per gli antichi etruschi, si celasse proprio in questi bagni, nelle acque delle preziosi sorgenti della città a cui poi ha dato il suo nome. Di personaggi celebri, mitologia a parte, Chianciano ne ha ospitati davvero tanti, attratti dal fascino di questi luoghi, che coniugano preziose risorse termali ad un’offerta più ampia: dal premio Nobel Luigi Pirandello fino a Federico Fellini, che proprio qui ambienta il suo capolavoro autobiografico “8 e ½”. Nessuno stupore quindi desta il fatto che anche Babbo Natale abbia deciso di fare qui il suo quartier generale, in una magnifica residenza storica, nel cuore pulsante della città: il celebre Grand’hotel di Chianciano Terme, la stessa residenza estiva di Fellini durante i suoi soggiorni termali. Un maestoso palazzo dei primi del Novecento, divenuto hotel dalla trasformazione della sontuosa Villa dei Conti Bastogi, una ricca famiglia di origini livornesi. Immerso nel grande e ombreggiato parco, vi si entra superando un’imponente e magico cancello. Vi farà da subito compagnia il rumore degli Elfi, occupati giorno e notte nella loro officina per costruire i regali. All’interno dell’ampio e romantico giardino dell’hotel, artigiani e venditori espongono i loro prodotti all’interno di caratteristici chalet in miniatura, sapientemente addobbati in tema natalizio: prodotti tipici tradizionali e artigianali, antichi giocattoli in legno, saponette naturali dagli inconfondibili aromi invernali, decorazioni natalizie e addobbi di ogni tipo, piccoli o grandi, in vetro, legno o preziosa ceramica. Non mancheranno le migliori prelibatezze gastronomiche, come il vino caldo e speziato, i biscottini, le ciambelline colorate, i waffel, i bomboloni, i cioccolatini e la cioccolata calda, di cui gli elfi sono davvero ghiotti. Nelle maestose sale del Grand’Hotel l'incontro con Babbo Natale è preceduto da una successione di scenari fatati e dalla presenza di renne, elfi e folletti. Allestimenti, scenografie e recitazione sono a cura di professionisti, e nulla viene lasciato al caso, perché si sa i bambini meritano il meglio. Percorrendo un magico corridoio arriveremo dritti dritti in Lapponia, immersi in un’ambientazione glaciale in compagnia di orsi e pinguini. Ma il viaggio all’interno della mia casa è solo all’inizio! Ogni stanza dell’hotel riproduce un magico contesto, come quello del mondo fatato degli elfi, dove si trovano le loro piccole casette, che sarà possibile visitare. Uscendo si materializzerà la macchina dei giocattoli, dove vengono costruiti i giocattoli per tutti i bambini del mondo. In alcuni locali del palazzo poi si svolgono spettacoli e performance: suoni, colori e mille animazioni. Qui i sogni diventano realtà, soprattutto quelli dei più piccoli, che proveranno la gioia di incontrare di persona Babbo Natale, fotografarlo e, se l’emozione non toglie la parola, confidargli all’orecchio i propri desideri. Ma le suggestioni non finiscono all’interno della storica abitazione di Santa Claus, ma coinvolgono l’intera città: Chianciano Terme d’inverno si trasforma in una vera e propria città del Natale, ospitando tantissime attrazioni che rendono più interessante e piacevole la presenza dei migliaia di turisti che trascorrono le loro vacanze natalizie nella cittadina termale. Sarà così possibile percorrere la città alla scoperta delle tante occasioni di svago e divertimento. Ci imbatteremo così nella Pista su ghiaccio posta nella piazza principale della città, la spaziosa Pista di Go Kart elettrici, situata nell’ampio parcheggio del meraviglioso Parco Termale Acquasanta. E dentro un altro celebre parco di Chianciano Terme, il Parco Fucoli invece, sarà possibile immergerci in una vera e propria avventura, all’interno di un incredibile e misterioso World of Dinosaurs, dove spaventosi dinosauri di dimensioni reali si aggirano nella vegetazione copiosa del parco che offre loro ristoro. E per spostarsi da un’animazione all’altra, sarà possibile utilizzare il mitico Polar Express, il trenino arrivato direttamente dal Polo Nord, e che ricrea la stessa magica atmosfera del film d’animazione Polar Express. Questo in fondo rispecchia la filosofia del benessere contemporaneo: il piacere di regalare e regalarsi tempo in luoghi di benessere speciali, circondati dalla bellezza materiale, ma anche e soprattutto da quella dei nostri sogni.

Redazione Nove da Firenze