Unità d'Italia a tavola

4° tappa della seconda edizione del tour enogastronomico delle tipicità regionali, ideato e realizzato in occasione dei festeggiamenti dei 150 anni dell’Unità d’Italia


EMPOLI — Da venerdì 9 a domenica 11 marzo l’Italia enogastronomica si riunisce in Piazza Farinata Degli Uberti ospitando le peculiarità culinarie regionali per la prima volta riunite in un unico evento. “UNITA’ D’ITALIA A TAVOLA” non può essere definita come una semplice rassegna o mostra-mercato, ma è l’esaltazione di uno dei temi che il resto del mondo ci invidia: le tipicità regionali enogastronomiche.
L'eccellenza regionale nazionale conta ben 4606 prodotti agroalimentari censiti dalle Regioni nel 2011, questi non sono solo un’antica arte del sapere e del fare o una tradizione, ma sono anche motore culturale, turistico e soprattutto economico. La manifestazione, patrocinata dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari Forestali e dal Comune di Empoli, è ideata e organizzata da Arte Group.
20 regioni, 20 stand, una vera e propria parata gastronomica di unità nazionale per gustare e vivere Novara in una maniera differente.

Durante la mostra mercato verrà allestita unʼarea dedicata alle iniziative collaterali. Sabato 10 marzo 2012 alle ore 16,30 la manifestazione sarà impreziosita dall’evento:

“APPARECCHIARE LA TAVOLA” a cura del Maestro Alberto Presutti. I partecipanti potranno scoprire i segreti per preparare la tavola con stile e armonia, secondo le regole del Galateo. Apparecchiare bene la tavola non è solo un fatto di galateo. Pasteggiare davanti a una tavola ben imbandita predispone il commensale ad avere un pasto soddisfacente. Specialmente in occasione di un pranzo particolare o di una cena importante, il modo in cui apparecchiate la tavola è la prima cosa che balza agli occhi dei vostri ospiti. E allora, come mettere le posate? Quali e quanti piatti serviranno per tutte le portate? Se non sapete proprio dove mettere le mani, non perdetevi questo appuntamento a cura del MAESTRO PRESUTTI. Ingresso gratuito.

Infine Domenica 11 marzo 2012 alle ore 11 l’Associazione Cuochi Fiorentini, realizzerà uno SHOW COOK insegnando la preparazione di una ricetta a tema Pasquale. L’Associazione Cuochi Fiorentini è erede di una tradizione antichissima. La categoria dei “liberi professionisti della cucina” non poteva del resto nascere che a Firenze, la prima città del mondo in cui la prevalenza sociale di un potente ceto borghese consentì la creazione di arti e mestieri autonomi, con la possibilità reale di proporsi sul libero mercato del lavoro, offrendo per una giusta mercede i propri qualificatissimi servigi. Ingresso gratuito.
Alcune peculiari eccellenze presenti: .

Dal Trentino Alto Adige: SPECK DELLʼALTO ADIGE IGP
Lo Speck Alto Adige IGP è un prosciutto crudo IGP leggermente affumicato e stagionato per un minimo di 20 settimane. Viene prodotto sull’intero territorio della provincia di Bolzano. Il sapore è assolutamente particolare, con un aroma fortemente caratterizzato da evidenti sentori di fumo e dal ricco condimento utilizzato durante la lavorazione (pepe nero, aglio, bacche di ginepro). Prodotto in oltre 2 milioni di pezzi annui, è un salume IGP molto esportato anche all’estero (circa il 30%), sui mercati tedeschi, austriaci, belgi, francesi. Entra in numerosi piatti tipici locali, ma è consumato soprattutto al naturale, accompagnato da vini rossi. Oltre allo Speck, potremmo degustare direttamente dall’Alto Adige i Canederli, il Pane Nero, lo Strudel e gli Wuster.
. Dalla Liguria: Olio dʼoliva RIVIERA LIGURE
L’area di produzione di questo extra vergine DOP comprende l’intero territorio della regione Liguria. Sono previste tre menzioni geografiche aggiuntive: Riviera dei Fiori, Riviera del Ponente Savonese e Riviera del Levante. Il Riviera dei Fiori è di colore giallo, ha un odore di fruttato maturo, un sapore fruttato con sensazione decisa di dolce. Il Riviera di Ponente ha un colore giallo-verde, un odore fruttato maturo, un sapore fruttato con sensazione decisa di dolce. Il Riviera di Levante ha un colore che varia dal verde al giallo, un odore di fruttato maturo, un sapore fruttato con sensazione media di dolce ed eventuale leggera sensazione di amaro e piccante. A Empoli sarà presente un’azienda agricola della Riviera del Ponente Savonese. L’olio è prodotto con olive della varietà taggiasca e pignola direttamente coltivate dalla loro azienda. Oltre all’olio porterà il pesto ligure e le salse ligure tipiche delle due riviere, la focaccia ligure e la pasta tradizionale essicata (trofie, corzetti)

Da Lazio: LA PORCHETTA DI ARRICCIA IGP
Il 16 Giugno 2011 la "porchetta di Ariccia" ha ottenuto ufficialmente il riconoscimento come prodotto IGP. E’ un prodotto di carne suina con un peso tra i 27 Kg. e i 45 Kg. Le caratteristiche peculiari del prodotto sono: la crosta, che ha nella parte superiore una consistenza croccante, colore marrone e gusto sapido; nella zona sottopancia, la crosta può presentare consistenza morbida. La carne sapida e di colore fra il bianco e il rosa è arricchita dall'uso sapiente del rosmarino, del pepe e dell'aglio. La croccantezza della crosta, che rappresenta una delle principali caratteristiche distintive del prodotto, è ottenuta attraverso un'adeguata cottura, rimanendo inalterata anche dopo svariati giorni dalla cottura. Sicuramente non mancherà oltre alla porchetta nello stand della regione Lazio, il Pecorino Romano Dop.
. Dalla Sardegna: FIORE SARDO DOP E’ un formaggio DOP a pasta dura, cruda, ottenuto utilizzando solo latte intero di pecora prodotto in tutta la Sardegna. Ha una forma caratteristica costituita da due tronchi di cono uniti tra loro per la base maggiore che conferisce al “Fiore Sardo DOP” la tipica forma “ a schiena di mulo”. Stagionato dai due ai sei mesi ha una crosta color giallo carico che tende al marrone con il tempo. Ha un sapore piccante, più o meno intenso a secondo della durata della stagionatura. La produzione di questo formaggio si aggira sulle 500 tonnellate annue. Nel banco sella Sardegna, oltre al Fiore Sardo, non mancherà sicuramente il Pane Carasu e Guttiau e il famosissimo Liquore di Mirto.

Dalla Calabria: LIQUIRIZIA DI CALABRIA D.O.P. La liquirizia è impiegata in diversi settori industriali, soprattutto quello dolciario, per la produzione di caramelle, pastiglie, bastoncini, sciroppi, tisane o per il tipico liquore alla liquirizia. Da secoli è un alimento molto apprezzato per i suoi effetti benefici sull’apparato respiratorio, grazie al principio che riduce la tosse e favorisce l’espettorazione. La pianta da cui si estrae è originaria dell’area mediterranea e, in Italia, cresce spontaneamente lungo la zona costiera della Calabria dove trova le opportune condizioni climatiche ed è favorita dalle caratteristiche del suolo. Per questi motivi, la Calabria offre l’80% della produzione nazionale e nel 2011 la “Liquirizia di Calabria D.O.P.” ha ottenuto l’ambito riconoscimento della Comunità europea.
UNITA’ D’ITALIA A TAVOLA - EMPOLI , Piazza Farinata Degli Uberti Venerdì 09, Sabato 10 e Domenica 11 marzo 2012 dalle ore10 alle ore 20 -Ingresso gratuito

Redazione Nove da Firenze