Martedì a Firenze si accendono gli alberi di Natale

In Oltrarno un mese di feste. Natività e presepi in tutta la Toscana. . Da martedì 8 dicembre anche sul sagrato della cattedrale. Eventi per grandi e piccini, canti, artigianato, caldarroste


Un abete di quindici metri in piazza Duomo, regalato alla nostra città dal Comune di Pinzolo. Come da tradizione, il sindaco accenderà l’albero di Natale martedì prossimo, per la festa dell’Immacolata. Anzi, gli alberi, visto che ce ne sono altri due in piazza della Repubblica e al piazzale Michelangelo (oltre a quello nel cortile di Palazzo Vecchio). Sono arrivati dal Trentino a fine novembre e in una settima di lavoro sono stati sistemati e zavorrati da tecnici, operai e muratori della direzione ambiente del Comune. Il sistema di illuminazione è stato invece predisposto dal personale della direzione servizi tecnici. Senza dimenticare che una nuova luce illuminerà Firenze, le sue piazze, i suoi monumenti e le sue vie dall’8 al 27 dicembre grazie a F-Light, il Festival delle luci Le luci di F-Light partiranno tutte insieme proprio l’8 dicembre alle 18 quando il sindaco Nardella accenderà l’albero di Natale in piazza Duomo.

Nel periodo natalizio sul sagrato della Cattedrale di Firenze sarà allestito, come ogni anno, un presepe con statue in terracotta a grandezza naturale, realizzate a mano da una fornace di Impruneta. Il presepe sarà benedetto l’8 dicembre dal Cardinale Giuseppe Betori, prima della celebrazione della Santa Messa in Duomo per la festa dell'Immacolata Concezione. Il presepe rimarrà sul sagrato del Duomo fino all'Epifania, quando per la Cavalcata dei Magi le figure in terracotta saranno sostituite da persone e animali viventi che renderanno l'installazione ancora più suggestiva. Le statue in terracotta sono pezzi unici realizzati a mano, a tutto tondo, dall'artigiano Luigi Mariani della storica fornace di Impruneta di Angiolo Mariani e figli, la M.i.t.a.l., che le ha donate all'Opera di Santa Maria del Fiore.

Il 25 dicembre si avvicina e in piazza della Repubblica, da oggi e per tre fine settimana di dicembre, ci sarà Babbo Natale. I tassisti del 4390 si vestiranno da Santa Claus, per la gioia dei più piccini. L'appuntamento è per domani 6 dicembre, per il 12 e 13 e per il 19 e 20 dicembre, sia mattina che pomeriggio. I Babbo Natale del 4390 distribuiranno ai bambini caramelle e gadget. Sarà anche possibile fare le foto con Babbo Natale e gli scatti, previa liberatoria dei genitori, saranno pubblicate sulla pagina Facebook del 4390 Taxi Firenze.

Dalle mostre d’arte moderna e contemporanea ai percorsi alla scoperta delle botteghe artigiane, dai momenti ludico-ricreativi per bambini agli aperitivi a tema, fino ai classici canti di Natale, alle opere liriche e al gospel: è un calendario denso di appuntamenti per tutte le età, quello che dall’8 dicembre al 6 gennaio animerà l’Oltrarno per l’iniziativa “Natale è…l’Oltrarno”, promossa dal Comune di Firenze e dalla Camera di Commercio di Firenze, con il patrocinio della Regione Toscana. L’iniziativa, ideata da “Oltrarno Promuove 2.0”, è stata presentata questa mattina a Palazzo Vecchio dall’assessore allo sviluppo economico e al turismo Giovanni Bettarini e Manetti. In piazza del Carmine, la seconda edizione de “Il Villaggio di Babbo Natale” con mercatino natalizio, pista di pattinaggio sul ghiaccio con ingresso gratuito, giochi e appuntamenti pomeridiani di carattere ludico-ricreativo gratuiti per tutti i bambini. Per l’occasione, saranno coinvolte tutte le scuole primarie e d’infanzia del territorio fiorentino. Oltre 23.000 bambini saranno raggiunti dalla letterina di Babbo Natale che potranno venire ad imbucare al Villaggio tutti i pomeriggi dalle 16.30 alle 18.00, incontrando così il vero Babbo Natale. In via Maggio, la storica strada dell’antiquariato fiorentino e interazionale, si svolge la V edizione di “Contemporaneamente” tra arte, design, artigianato e cultura contemporanea. Appuntamenti musicali sono in programma sul sagrato della chiesa, in n piazza Santo Spirito; coro della St. Mark’s English Church, Trio Godot e musici fiorentini dal 17 al 27 di dicembre, ultimo appuntamento il 6 gennaio. Eventi per grandi e piccini in via Romana al Boboli Centro Commerciale Naturale. C’è poi ‘Passeggiando in San Frediano’ lungo le mura di Santa Rosa: martedì 8 dicembre dalle 9.00 alle 20.00 il trenino di Babbo Natale e Cioccolata calda gratis per tutti. Il ‘Villaggio di Babbo Natale’ promuove poi due iniziative solidali. La prima, in collaborazione con il Comune, in favore del progetto Villa Lorenzi. Presso la casa di Babbo Natale sarà allestito un punto raccolta doni dove i bambini e le famiglie potranno lasciare un gioco, un regalo o un libro che il 23 dicembre il sindaco Dario Nardella consegnerà al presidente di Villa Lorenzi Zaira Conti. La seconda, in favore di Busajo ONLUS, nata nel 2009 per sostenere progetti di istruzione e formazione dei bambini di Soddo in Etiopia. Questa iniziativa vede uniti gli sforzi di Unicredit e Giunti al Punto (che destinerà il 10% della vendita dei libri alla Onlus) e da Unicredit che offrirà a tutti i bambini la possibilità di scattarsi una foto con Babbo Natale (l’immagine verrà stampata direttamente in piazza del Carmine e donata gratuitamente, lasciando comunque l’opportunità a quanti vorranno effettuare una donazione nei confronti della Onlus). Sempre al Villaggio di Babbo Natale tutti i pomeriggi, laboratori, incontri, performance e spettacoli a partecipazione gratuita per tutti i bambini.

Piazza San Donato si accende della magia delle feste. Sino al 6 gennaio torna, dopo il successo di un anno fa, il Giocamuseo. Al primo piano del centro commerciale (XL-Luogo Comune) tra via di Novoli e via Forlanini sarà possibile divertirsi con tutta la famiglia coi giochi provenienti da ogni parte del mondo. L’iniziativa, a ingresso libero, rientra nel fitto calendario di eventi ‘Il Natale che vorrei…’ organizzati dall’associazione Piazza San Donato in collaborazione con, tra gli altri, Quartiere 5 e Unicoop Firenze.Musica, solidarietà e balli saranno gli ingredienti del Natale a Novoli, che vedrà il centro commerciale impreziosito dagli addobbi creati dai bambini della scuola Mameli.Da non perdere la festa di San Nicola il 6 dicembre e, l’8, le esibizioni di ballo della scuola Quinto Blu. Giornata di solidarietà il 12 dicembre, durante la quale saranno raccolti, in collaborazione con le associazioni impegnate sul sociale, doni per i bambini bisognosi del quartiere.Ma ‘Il Natale che vorrei’ prevede anche una gara letteraria tra gli studenti delle medie, una mostra fotografica sui cambiamenti vissuti dal quartiere nell’ultimo secolo e, dal 17 al 19, ‘L’Universo sopra di noi’, ovvero spettacoli sulle stelle e mercatino dei bambini per raccogliere fondi per le scuole.E poi il concerto della banda La Polverosa il 23 e la Ray Bepi Big Band il 29 dicembre. Il 6 gennaio, l’immancabile Befana che farà divertire tutti a XL-Luogo Comune.

e festività natalizie iniziano in grande stile a Fiesole con una serie di appuntamenti durante il ponte dell’Immacolata assolutamente da non perdere. Domenica 6 dicembre ci sarà il tradizionale “Mercato del Piccolo Antiquariato” che si terrà dalle 8 fino al tramonto in piazza Mino. Sulle bancarelle per la gioia di collezionisti, amanti dell’antiquariato o per semplici curiosi si potranno trovare oggetti di ogni tipo come mobili antichi, ceramiche, porcellane, cristalleria, dipinti, libri e riviste, bambole antiche e molto altro. In serata l’accensione delle luminarie in tutto il centro storico con l’accensione dei due alberi, uno in piazza Mino e uno in piazza Garibaldi, e l’inaugurazione del presepe in piazza Garibaldi. Per festeggiare questo evento dalle 17:00 alle 19:00 gli zampognari allieteranno la serata con le loro classiche esibizioni. Lunedì 7 e martedì 8 andrà in scena in piazza Mino dall’alba al tramonto il mercato ‘Artigiani e non solo … Mercatino natalizio’ con un tocco tutto dedicato alle tradizioni e alla festa più bella dell’anno. Il 7, vista la chiusura delle scuole, ci sarà un appuntamento particolare per i bambini che potranno trovare tra Piazza Mino, Via Gramsci e Piazza Garibaldi, dalle ore 10:00 alle ore 19:00, Babbo Natale (grazie alla collaborazione della Sezione soci della UNICOOP Firenze).

Hanno iniziato a lavorare diversi mesi fa per realizzare il mercatino natalizio, che ogni anno riesce a stupire per l’originalità degli oggetti proposti e per la fantasia nell’utilizzo di materiali diversi. Sono i ragazzi di Castelfiorentino che frequentano il laboratorio di Villa Balli i protagonisti di questa iniziativa solidale, la cui inaugurazione è prevista per lunedì 7 dicembre, dalle ore 16.30 alle ore 20.00, nei locali del Centro diurno Disabili “Villa Balli” in via Magenta n. 2. Promosso dagli educatori del centro insieme ai ragazzi del “gruppo laboratorio”, il mercatino propone ogni anno un’ampia scelta di manufatti, rigorosamente artigianali e molto creativi, che sono il frutto del lavoro svolto dai ragazzi durante i mesi autunnali: composizioni natalizie, angeli, babbi natale in legno, presepi, alberini, candele decorate, ghirlande, vasi in terracotta personalizzati, ecc. Ogni ragazzo contribuisce, secondo le proprie possibilità, realizzando una parte degli oggetti, colorando o scartando il legno oppure decorandone alcune parti, per un risultato finale che è davvero una piacevole sorpresa. Ogni anno sono sempre più numerose le persone che visitano il mercatino e ne apprezzano le proposte. Acquistando poi questi manufatti, per i consueti pensierini natalizi, si è certi di fare felici i destinatari, ma altrettanto coloro che hanno realizzato questi oggetti con le proprie mani. Il mercatino di Villa Balli (che si trova al piano primo del Centro) rimarrà aperto fino a mercoledì 23 dicembre nei seguenti orari: da lunedì a venerdì ore 14.00-16.00 (il giorno dell’inaugurazione l’apertura sarà invece prolungata fino alle ore 20.00), mentre martedì 8 dicembre il mercatino sarà chiuso.

Dai festoni luminosi, intrecciati tra le vie e le piazze di borghi e castelli, dalle vetrine scintillanti dei negozi, dai presepi e dai canti nelle pievi al gusto intenso delle castagne accompagnato da vin brulè: il viaggio senza sosta di un intramontabile Babbo, deciso a regalare pillole di felicità ai più piccoli, è partito e con lui la lunga e magica scia del Natale promette di pervadere ogni angolo del Chianti. Un vero e proprio show da assaporare, guardare ad occhi aperti, condividere con tutti e cinque sensi è quello che si preannuncia a San Casciano. “Grazie alla collaborazione delle associazioni locali e dei commercianti - dichiara l'assessore alle Attività produttive Roberto Ciappi - quest'anno il Natale sarà particolarmente ricco e diversificato, anche nelle frazioni gli eventi natalizi, soprattutto per i bambini, non mancheranno”. Domani, domenica 6 dicembre, i riflettori sono accesi sul palco di piazza Pierozzi dove alle ore 16 è di scena il cabaret di Piero Torricelli. Saranno presenti i volontari della Protezione Civile con caldarroste, vin brulè e zucchero filato, oltre alle performances di alcuni artisti di strada. Ci sarà anche la possibilità di visitare il Museo Giuliano Ghelli, il Museo di Arte Sacra, la Torre panoramica dell'acquedotto, la Chiesa della Misericordia e la Biblioteca comunale. Il programma degli eventi natalizi è promosso dal Centro Commerciale La Dolce Gita con il contributo di ChiantiBanca, il patrocinio del Comune e della Pro Loco. La direzione artistica è a cura di Chianti Life e !Uau!. Una domenica di festa è prevista domani anche nel territorio grevigiano. Il Natale entra nel vivo con il mercatino Aprilante per le vie di Panzano in Chianti (ore 10-18) e la celebrazione della Santa Messa animata dai canti del Coro Polifonico del Chianti a San Polo dalle ore 11. “Il binomio musica e artigianato – commenta Lorenzo Lotti, assessore alla Cultura - è il filo conduttore del nostro programma, il Natale diventa l'occasione per valorizzare le radici della cultura grevigiana incentrata anche sui mestieri di una volta”. A Barberino l'onda natalizia continua l'8 dicembre con i mercatini dell'Immacolata a cura delle associazioni locali per le vie dell'antico borgo dalle ore 15,30. Sarà presente, in forma itinerante, anche il presepe vivente interpretato e animato dai bambini e dai ragazzi del catechismo della Parrocchia di San Bartolomeo.

Un grosso abete, destinato a trasformarsi in un albero di Natale formato “maxi”, si nota da stamani in Piazza del Popolo. Nel frattempo, c’è chi strappa le erbacce, chi allestisce le vetrine, chi si occupa dell’illuminazione. Fervono i preparativi per la “Via dei Presepi” di Castelfiorentino, che all’ultima edizione è stato perfino visitato da “Striscia la Notizia”, e che sarà inaugurato martedì 8 dicembre, alle ore 15.30, con partenza dal “Grande Leccio”. Oltre sessanta i presepi artistici e artigianali disseminati per le vie e piazze del centro storico alto (dalle strade ai vicoli, dai davanzali ai balconi, dai negozi alle chiese) che renderanno ancor più magica e suggestiva l’atmosfera natalizia a Castelfiorentino, offrendo peraltro spunti di notevole interesse per quanto riguarda la creatività dei suoi autori, impegnati ad allestire un presepe sempre più bello e originale. Presepi da ammirare, dunque, ma anche opere per far riflettere e pensare. La manifestazione, che è organizzata dall’Associazione All’Ombra di Membrino con il patrocinio del Comune di Castelfiorentino, è giunta ormai alla 7° edizione ed è anche quest’anno inserita nella rete “Terre dei Presepi” che riunisce quasi 300 km di presepi nel cuore della Toscana. Essa presenta anche quest’anno un nutrito calendario di eventi che arricchiranno ulteriormente l’animazione nel centro storico con spettacoli, concerti, lancio di mongolfiere, effetti laser. Uno dei presepi di maggior effetto scenografico sarà sicuramente quello allestito ormai in via permanente nell’Oratorio di San Filippo (via Attavanti), ribattezzato da “Striscia la Notizia” lo scorso anno come “Presepe meteorologico” grazie alla nebbia che si diffonde al mattino, alla neve che cade durante la giornata, al temporale improvviso accompagnato dalla pioggia (“il rumore dei tuoni ce l’hanno in tanti, ma la pioggia vera soltanto noi” sottolinea con un pizzico di orgoglio Stefano Mattiii). Ma ci saranno presepi per tutti i gusti: in terracotta e di materiale riciclato, da quelli di carta a quelli in miniatura. Oltre cinquanta sono infatti le postazioni dove si potranno ammirare fino al 6 gennaio. Si ricorda che l’ingresso alla “Via dei Presepi” è completamente gratuito, ma è gradita un’offerta che è possibile lasciare in un’apposita cassetta nel presepe allestito dai volontari dell’Associazione “All’Ombra di Membrino” nell’Oratorio di San Filippo (via Attavanti, vicino alla casa dove nacque Santa Verdiana). In omaggio a Membrino esiste anche la contrada omonima, che ha collaborato all’allestimento e all’illuminazione delle fioriere in Piazza del Popolo.

Il Centro Visite della Riserva Naturale del Padule di Fucecchio ospita un'esposizione permanente sull'area umida e mostre temporanee come "La Voce del Silenzio", con immagini di Riccardo Niccolai, che è stata prorogata fino al 31 dicembre.
In periodo natalizio i visitatori del Centro troveranno in una delle sale dell'edificio anche un singolare presepio intitolato “La Natività nel Padule di Fucecchio", ambientato in un paesaggio che ricorda la palude e la Valdinievole. Il presepio è stato realizzato da un gruppo di ragazzi diversamente abili che sta imparando le tecniche tradizionali dell’intreccio e le sta rivisitando per creare un nuovo lavoro che coniughi il valore dell’identità storica con quello di una futura prospettiva economica. Il Padule di Fucecchio è sempre stato fonte di guadagno e sostentamento per gli abitanti della zona, ed in questo presepio i ragazzi hanno rappresentato la vita rurale del Padule con le sue attività tradizionali: l’allevamento del baco da seta nella casa colonica, la pesca con le attrezzature realizzate in casa (reti, nasse, zucche da pesce..), la caccia nel cesto, la raccolta del “sarello “e il suo utilizzo per impagliare sedie, fiaschi e borse, la lavorazione delle canne per fare cannicci, scope e scopini. In modo fantasioso è stato rievocato anche il paesaggio agrario con la via del Sale e la via Francigena, il confine del Fossetto, i castelli in collina, la pianura con il paese nuovo e il suo mercato, i campi coltivati, con argini alberati, l’area umida con canneti, cesti di “sarello” e alcuni animali della palude. Nel mese di dicembre il Centro Visite di Castelmartini è aperto il sabato con orario 14,30-17,30, la domenica con orario 9-12 e 14,30-17,30 (grazie alla disponibilità di collaboratori volontari) e nei giorni feriali su appuntamento. La domenica e nei giorni festivi (ore 9-12 e 14-16) rimane aperto anche l'osservatorio faunistico de Le Morette con personale del Centro e cannocchiale a disposizione dei visitatori per vedere e imparare a riconoscere i numerosi uccelli acquatici che passano l'inverno negli specchi d'acqua della Riserva Naturale.

A Figline Valdarno rivive ancora una volta la “magia”del Natale nel bellissimo allestimento curato dai volontari del “Calcit Valdarno Fiorentino”,la Onlus territoriale che dal 2004, anno della sua fondazione, si occupa del sostegno ai malati oncologici: la Mostra dei Presepi giunta ormai alla sua nona edizione, quasi un appuntamento natalizio con la solidarietà. Ideata quale strumento di sensibilizzazione e raccolta fondi contro la patologia oncologica, l’esposizione si pone, oggi, tra i principali appuntamenti di arte presepiale della Toscana, presentando in uno spazio molto esteso, circa cento presepi artistici provenienti da varie regioni italiane ed estere, realizzati nelle più differenti forme e nei materiali più originali, firmati anche da grandi maestri di questa particolare arte. La Mostra, situata nel cuore di Figline, esattamente in corso Mazzini, al civico 82, sarà visitabile, gratuitamente, per l’intero periodo natalizio, dal prossimo martedì 8 dicembre alle ore 16, giorno della sua inaugurazione, fino a domenica 10 gennaio 2016, nel seguente orario: mercoledì e venerdì dalle 16 alle 19, mentre ogni sabato, festivo e prefestivo dalle 9,30 alle 12 e dalle 16 alle 19,30. Le offerte donate dai visitatori saranno interamente devolute a sostegno delle molteplici attività del “DH Oncologico” del Presidio Ospedaliero “Serristori” di Figline e Incisa Valdarno, oltre che per il suo imminente ampliamento.

I tradizionali mercatini natalizi (6 e 13 dicembre) organizzati dal Comune con l’associazione “Graticola d’Oro”, e una nuova occasione di festa (20 dicembre) promossa dall’associazione locale Confcommercio. Così ci si prepara al Natale a Marradi, nell'Alto Mugello. Domenica 6 dicembre il primo dei due appuntamenti domenicali (poi il 13) con bancarelle e spazi con prodotti tipici e natalizi, intrattenimento per i bambini, cori e la gastronomia locale. Dalle 10 lungo le vie del paese “Mercatini di Natale” con prodotti artigianali, idee regalo, decori, mentre dalle 11 apre il villaggio di Babbo Natale con l’omone vestito di rosso e dalla lunga barba bianca, la sua slitta e il laboratorio degli elfi, uno speciale ufficio postale per scrivergli la letterina e l’asinella Pippi. Dalle 12, riscaldati dal fuoco del grande braciere allestito in piazza, si potranno degustare i piatti della cucina marradese negli stand dei “Ristoranti in piazza” oltre a salsicce, caldarroste e vin brulé. Nel pomeriggio per i più piccoli “All’incirco”, teatro di marionette e burattini realizzati con materiali di riciclo e lo spettacolo di bolle di sapone. E l’atmosfera si fa ancora più natalizia con musiche e cori, dalle 15,30: domenica 6 dicembre si esibirà il coro gospel “Voices of Joy” di Faenza, domenica 13 dicembre il “Coro degli Animosi di Marradi”. Ancora, tra gli appuntamenti natalizi, la festa che organizzano i commercianti il 20 dicembre, con polenta degli alpini, caldarroste e vin brulé, animazione per bambini con clown e Babbo Natale. Infine, tutte le domeniche sarà visitabile il presepe semimovente allestito nella Chiesa del Suffragio in piazza Scalelle.

A Lido di Camaiore è già clima di Natale. E' infatti partito ieri, con l'inaugurazione dei giochi per i bambini, della slitta di Natale e del marcatino il “Natale a Lido di Camaiore”, il ricco calendario di eventi organizzato dal 5 dicembre al 6 gennaio dall'associazione Albergatori, Balneari e Commercianti di Lido e finanziato dalle realtà imprenditoriali locali. In programma per la giornata di domenica 6 dicembre e per lunedì 7 dicembre i gonfiabili per bambini allestiti dalle 10 alle 20 in piazza Nassirya e in piazza Principe Umberto I, così come il trenino Christmas Express che girerà su tutto il territorio di Lido per l'intera giornata. Chi al trenino preferisce la slitta di Babbo Natale la troverà attiva, sempre nelle giornata del 6 e 7 dicembre, su tutta la Passeggiata di Lido. Resta allestito nelle giornate del 6, 7 e 8 dicembre anche in grande mercatino di Natale aperto dalle 10 alle 20. Fino al 7 dicembre si troverà in piazza Lemmetti, mentre l'8 dicembre sarà allestito in uno spazio insolito: in viale Colombo.

A Montecarlo bancarelle ed animazioni sparse per tutto il Centro Storico ed il Villaggio di Babbo Natale allestito nell’Istituto Pellegrini Carmignani. Un calendario ricco di eventi che coinvolge interamente il borgo antico con il ritorno dei mercatini di Natale sparsi tra strade e troncatoie, uniti agli esercizi commerciali aperti per l'occasione, ed il Villaggio di Santa Claus, per allietare grandi e piccini in questi giorni di festa. I mercatini di Natale offriranno tantissime idee regalo, il Centro storico sarà animato da canti musica ed intrattenimenti, laboratori per bambini e gonfiabili, con il grande presepe allestito nella Collegiata di S.Andrea Apostolo e negozi, ristoranti ed esercizi pubblici aperti. La Fortezza del Cerruglio sarà visitabile dai turisti la domenica pomeriggio. Nel Villaggio di Santa Claus famiglie e bambini potranno trovare la casa di Babbo Natale, il presepe della Misericordia con il grande albero di Natale allestito con le decorazioni realizzate dai bambini delle scuole di Montecarlo, le specialità locali presso gli stands gastronomici. La vigilia di Natale, il 24 dicembre dalle 15 alle 18,00, Babbo Natale con la sua slitta, prima di partire per la consegna dei regali, saluterà tutti i bambini che verranno a trovarlo in Piazza Carrara.

Sarà ancora il Mercato nel Campo il protagonista del primo week end di “Tutto in Natale di Siena”, il cartellone di iniziative organizzato dal Comune, con il sostegno di Banca Mps, in programma fino al 31 gennaio 2016. Domani, domenica 6 dicembre, in Piazza del Campo, dalle ore 8 alle ore 20, sarà lo storico mercato medievale con i prodotti dell’enogastronomia e dell’artigianato al centro della giornata, insieme a Vinarte, il percorso sensoriale dedicato al settore vitivinicolo che si snoderà tra degustazione e vendita nel Cortile del Podestà. In concomitanza con il Mercato nel Campo, alle ore 10 da Fonte Gaia prenderà il via la visita ai luoghi della città, dove le vicende storiche dell’antica Repubblica si sono intrecciate con il commercio e le attività economiche della città. Il percorso ha una durata di 2 ore circa ed è curato dalle Guide turistiche Federagit Confesercenti Siena. L’iniziativa è a pagamento, senza obbligo di prenotazioni. Per informazioni è possibile chiamare i numeri 334 8418736, 348 6626632 oppure scrivere afederagit.siena@libero.it.

Un Concerto di Natale si svolgerà sabato 12 dicembre alle ore 21:15 in Collegiata a Casole d’Elsa, l’ingresso è gratuito. Il Coro F. Bianciardi di Casole d’Elsa augurerà buone feste con un concerto di canti natalizi Sabato 12 Dicembre alle ore 21:15 nella collegiata di Santa Maria Assunta.

Come ogni anno vengono invitati altri cori per offrirci un concerto sempre diverso. Quest’anno ospiti del coro casolese saranno il gruppo polifonicoSardus in su coro e la Corale di Valle. Il Coro “Francesco Bianciardi” è intitolato all’omonimo musicista nato a Casole d’Elsa nel 1572 e morto a Siena nel 1607. Anche se tale denominazione è relativamente recente il coro esiste, pur con alcuni cambiamenti, dagli inizi del ‘900 ed è una delle istituzioni musicali più antiche di tutta la provincia di Siena esistenti ancora oggi. In passato è stato anche diretto dal celebre soprano casolese Patrizia Ciofi. Il Coro è nato con delle funzioni prevalentemente liturgiche ma, negli ultimi anni, si è dedicato anche alla musica profana (madrigali e cantate popolari) e ha moltiplicato le esibizioni concertistiche, organizzando regolarmente concerti e rassegne, come il “Concerto di Primavera” e il “Concerto di Natale”. Il gruppo polifonico "Sardos in su Coro" nasce, invece, nel novembre 2011 per iniziativa del presidente Piero Floris e del direttore Eugenio Dalla Noce. I coristi risiedono in Toscana e arrivano da zone diverse della Sardegna. lo scopo è ritrovarsi insieme per cantare e far conoscere la bellezza di una tradizione corale che ha radici antichissime. La “Corale di Valle” prende il nome dalla Valle in cui si trovano i paesi di Montecerboli e Larderello e nasce appunto dalla fusione di coristi provenienti da queste due realtà del Comune di Pomarance. Il suo repertorio è costituito prevalentemente da brani di musica sacra e profana ma esegue anche brani operistici e di folclore nazionale ed internazionale. Conta al suo attivo concerti in Toscana, Liguria, Emilia Romagna, Marche, Lazio Umbria. Ha partecipato a diversi concerti operistici, collaborando con il M° Maurizio Morgantini, a Riccione e Viareggio.

Aspettando il Natale, Radicofani propone un tradizionale mercatino dell’Avvento, ricco di attrazioni, per domenica 6 dicembre, lungo le vie del centro storico. Sono previsti musica dal vivo, degustazioni di olio e vino nuovo, castagne, vin brulé. Inoltre, ci sarà l’interessante percorso di Babbo Natale: teatrino, truccabimbi, tatuaggi, castello gonfiabile, giri in slitta, preparazione e consegna delle letterine a Babbo Natale. Ci sarà il concorso per il miglior disegno sul Natale e in serata (ore) una tombola al teatro comunale. L’iniziativa, che ha il patrocinio del Comune, è organizzata dalle contrade, dall’associazione dei commercianti, dall’Auser e dalla proloco di Radicofani.

Redazione Nove da Firenze