Rubrica — In cucina

Dentro e Fuori di Taste nel fine settimana fiorentino

Dal 12 al 14 Marzo 2016 i saloni del gusto alla Stazione Leopolda, targati Pitti Immagine. In degustazione alla manifestazione una selezione delle nuove annate vinicole


Si accendono di nuovo i riflettori su Taste, la manifestazione fiorentina dedicata alle ricchezze del gusto che offre ad ogni appuntamento la possibilità di conoscere e degustare prodotti unici della nostra tradizione e di alta qualità. Sabato prossimo apre Taste, il salone per degustare insieme, giunto alla 11° edizione.

Il percorso di Taste è fatto di sapori, di persone e di unicità. Un vero e proprio viaggio che Pitti propone attraverso il gusto. Ecco il viaggio a tappe di questa undicesima edizione. Taste Tour è il viaggio alla scoperta e all’assaggio dei prodotti di oltre 330 aziende, selezionate tra le migliori produzioni di nicchia e di eccellenza provenienti da tutta Italia. E a questa edizione il percorso espositivo si arricchisce della nuova area allo spazio Alcatraz, vestita per l’occasione di un nuovo layout. Tools sono gli strumenti dello chef, ma anche quelli di chi ama stare tra i fornelli. Oggetti di food & kitchen design, capi di abbigliamento, attrezzature e proposte innovative per la cucina. Shop è il negozio di cibi esclusivi. Qui potrete acquistare tutto ciò che avete assaggiato durante il tour, ma anche ciò che ancora vi manca. oltre 1.850 prodotti e un totale di quasi 40.000 pezzi in catalogo per oltre 22.000 pezzi venduti alla scorsa edizione. Lungo il percorso di Taste anche la speciale area Press dedicata ai libri e alla stampa specializzata nel settore enogastronomico.

In questo panorama si “incastona” Dianella (posiz. A24), l’antica residenza medicea di Vinci che produce vini ed olio extra vergine di oliva secondo la più genuina tradizione toscana. Padrone di casa, oltre all’olio Dianella, “Il Matto delle Giuncaie” 2013 il rosso (Toscana IGT), sangiovese in purezza di un unico cru, divenuto ormai simbolo dell’azienda. Proprio quest’annata è stata premiata con il prestigioso “International Trophy” il più alto fra i riconoscimenti dei Decanter World Wine Award (su oltre 16.000 vini in concorso, provenienti da tutto il mondo, solo 3 gli italiani che hanno ricevuto questo riconoscimento). Questo vino rappresenta Dianella perché racchiude in sé tutta la filosofia dell’azienda, da sempre quella di creare prodotti legati al territorio, che raccontino la tradizione secolare di questa terra ma che siano nel contempo fruibili secondo le esigenze di consumatori moderni. Dianella è quindi l’anello di congiunzione fra un passato -ricco di tradizione e conoscenza- e un futuro ormai sempre più prossimo; a partire dai prossimi mesi racconterà questo ruolo affascinante attraverso una comunicazione “social” ed interattiva. Tutti gli appassionati potranno “sintonizzarsi” su Dianella Winery di Facebook ed Instagram per conoscere in tempo reale tutti i veri “ingredienti” dei vini e dell’olio Dianella; perché non si tratta semplicemente di uve ed olive ma soprattutto di passione, conoscenza del terreno e delle sue necessità, sensibilità e massima cura in tutte le operazioni in campo e poi ancora tutta la vita in cantina con il “lungo sonno” del vino nei tini e la sua lenta maturazione in bottiglia.

Molino Rossetto, specializzata nella produzione di farine e preparati innovativi e funzionali, torna anche quest'anno. L’azienda di Pontelongo porterà alla kermesse fiorentina tutta la qualità, la creatività, la passione di una realtà in forte sviluppo, ma nel contempo profondamente radicata nel proprio territorio e vocata alla sostenibilità. Una sensibilità non solo ambientale – vedi il ricorso alle energie rinnovabili con i pannelli solari installati su una superficie di 5000 mq per una capacità produttiva di 350.000 kWh all'anno, che soddisfa il 70% del fabbisogno energetico dell'azienda e consente un risparmio annuo di 115.000 kg di CO2, l’utilizzo per quasi tutti i packaging di carta FSC, proveniente da foreste gestite in maniera responsabile, e l’imminente progetto di inserimento on pack di tutte le informazioni utili a riciclare correttamente le confezionima anche sociale. Basti ricordare il sostegno a Oxfam Italia, che vede in prima linea Chiara Rossetto, AD dell’azienda veneta, impegnata nelle vesti di testimonial della campagna #sfidolafame, e che l'ha vista coinvolta, lo scorso luglio, in un viaggio in Ecuador alla scoperta del progetto di aiuto alle comunità di donne impegnate nella coltivazione di quinoa e amaranto, antichi grani andini che anche l’Italia sta cominciando ad apprezzare. Un'esperienza molto coinvolgente che verrà raccontata anche nell'ambito di Taste sabato 12 marzo, alle 14.00, presso lo stand dell’azienda, postazione T10. Ma l'agenda di Molino Rossetto a Taste prevede anche altri appuntamenti, tra degustazioni di pani, dolci e tutorial/incontri con personaggi del mondo della cucina, come quello di sabato 12, alle ore 16.00, con la famosa foodwriter Csaba dalla Zorza, o quello di domenica 13, alle ore 14.00, dal titolo “Pasta e Pasticci”: in partnership con Marcato, storica azienda veneta produttrice di macchine per la pasta, Molino Rossetto proporrà una dimostrazione di impasto e tiratura della pasta fatta in casa. "Taste è diventato un appuntamento ormai irrinunciabile - sottolinea Chiara Rossetto, amministratore delegato di Molino Rossettoper i protagonisti del food & beverage d’eccellenza e per il sempre più ampio pubblico dei foodies a cui vogliamo raccontare la nostra filosofia orientata a valorizzare non solo il ruolo economico ma anche quello sociale dell'impresa". Non mancano, come sempre, le novità di prodotto: Lievito Madre Integrale, Preparato per Pizza e Focaccia al Farro e Preparato per Pizza Integraleper il brand Molino Rossetto, destinato alla grande distribuzione; Preparato per Torta con Farina di Castagne e Cookies con i Cereali per il brand CUOREdi, destinato al canale delicatessen shop e gran gourmet.

La Cucina Giramondo e Senza Glutine delle blogger Forchettinagiramondo e GingerGlutenFree torna con un nuovo appuntamento in occasione di Pitti Taste.
All’interno del calendario di FuoridiTaste, domenica 13 Marzo, le due blogger presenteranno il Sunday Brunch, tipico pasto di tradizione anglosassone che si consuma la domenica, a metà strada tra una colazione ed un pranzo. Una location d’eccezione ospiterà l’evento, la scuola di cucina MamaFlorence, tradizionalmente sede di corsi tenuti da chef stellati e nomi di prestigio del panorama gastronomico italiano. Il menù proposto sarà naturalmente giramondo per l’impostazione dei piatti e naturalmente senza glutine per l’utilizzo di prodotti privi di questo allergene, oppure grazie all’uso di ingredienti specifici gluten free. Si parte con i classici pancake, realizzati con grano saraceno, per proseguire con muffin dolci e salati. Non potrà mancare la granola da abbinare con un fresco yogurt e le uova strapazzate, nella versione con radici e spezie, accompagnate da un fragrante pane da toast, ovviamente gluten free. E per concludere,budino di cioccolato fondente. Il tutto accompagnato da succhi di frutta biologici, caffè filtrato, tisane bio e vino rosato di Ruffino. L’iniziativa, che si inserisce nel programma iniziato lo scorso anno con i corsi svolti alla Scuola LdM presso Mercato Centrale, è volta a raccogliere fondi per la campagna SfidolaFame di Oxfam Italia ed è realizzata grazie alla collaborazione di aziende sponsor che hanno fornito a titolo gratuito gli ingredienti per il corso ed il buffet. In particolare si ringraziano:

- Molino Rossetto, per le farine speciali ed i chicchi soffiati
- Ruffino per il vino Rosatello Prima Cuvée
- Probios per gli ingredienti secchi senza glutine
- Demetra per le tisane ed il miele biologico
- Le Colombaie per tutti gli ingredienti bio freschi

Già sold-out da alcune settimane, andando ben oltre le rosee previsioni delle organizzatrici, tutti ai fornelli domenica 13 marzo presso la Scuola MamaFlorence, Viale F.Petrarca 12, alle ore 11. Si inizierà con il corso di cucina per concludere con il buffet brunch con i piatti che saranno preparati insieme ai partecipanti.

Redazione Nove da Firenze