Il 10 marzo torna la “Domenica del fiorentino”

Musei Civici gratuiti per i nati e/o residenti a Firenze e provincia. Aperte le prenotazioni


ARTE —
Domenica 10 marzo, torna la “Domenica del fiorentino”, la giornata di apertura gratuita dei Musei Civici Fiorentini per i nati e/o residenti a Firenze e provincia. Sarà sufficiente mostrare la card “Un bacione a Firenze”– o un documento di identità valido per entrare gratuitamente, senza alcuna prenotazione ai seguenti musei: Palazzo Vecchio (eccezionalmente aperto con orario prolungato 9.00/24.00), Santa Maria Novella (orario 13.00/17.00), Museo Stefano Bardini (orario 11.00/17.00), Fondazione Salvatore Romano (orario 10.00/16.00) mentre laprenotazione è obbligatoria per gli accessi alla Torre di Arnolfo (ingressi ogni mezz’ora in orario 10-17) e alla Cappella Brancacci in Santa Maria del Carmine (ingressi ogni venti minuti in orario 13-17). La “Domenica del Fiorentino” di marzo propone inoltre un ricco programma di visite e di attività: in Palazzo Vecchio si va dalla tradizionale “Visita a Palazzo” ai “Percorsi segreti”, dalle visite agli scavi archeologici alla “Visita a Tracce di Firenze”, un racconto per immagini della storia della città; mentre le famiglie potranno partecipare, a seconda dell’età dei bambini, all’evento “Il Palazzo gioca”, agli atelier “In bottega” e “la pittura su tavola” e al racconto “La storia del furto nello Studiolo di Francesco I”. Anche presso il Museo Stefano Bardini e la Fondazione Salvatore Romano saranno proposte visite guidate alle collezioni. Per partecipare al programma di visite e attività la prenotazione èobbligatoria e gratuita: si può effettuare telefonando dal lunedì al sabato dalle 9.30 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 17.00, domenica e festivi dalle 9.30 alle 12.30 ai numeri 055-2768224 oppure 055-2768558 o inviando una e-mail all’indirizzo info.museoragazzi@comune.fi.it. All’atto della prenotazione sarà possibile riservare una sola visita o attività nel corso della giornata per un massimo di 10 persone.

Info: www.museicivicifiorentini.it; www.palazzovecchio-museoragazzi.it; www.facebook.com/museodeiragazzi.
Di seguito il programma completo delle attività, realizzato grazie al sostegno di Giotto-Fila. (fp)



MUSEO DI PALAZZO VECCHIO



Visita a Palazzo

target: per tutti, a partire dagli 8 anni
orari: 10.00, 10.30, 11.00, 11.30, 12.00, 12.30, 14.30, 15.30, 16.30, 17.30
durata: cinquanta minuti
Palazzo Vecchio è il cuore di Firenze, simbolo della storia della città. Una storia che comincia nel 1299, quando nasce per ospitare i governanti della Firenze medievale, e che conosce un’età dell’oro nel momento in cui la famiglia Medici vi porta la propria residenza trasformandolo in una vera Reggia. La visita permette di comprendere come architetture, arti minori, sculture e dipinti concorrano alla creazione di un unicum ricco e complesso che si è trasformato, stratificato e rinnovato nel corso dei secoli.



Percorsi Segreti

target:per tutti, a partire dai 10 anni
orari: 10.00, 12.00, 12.30, 14.30, 15.00, 15.30, 17.00
durata: un’ora e quindici minuti

La proposta consente di visitare alcuni ambienti particolarmente preziosi: fra questi la scala realizzata per volere di Gualtieri di Brienne e ricavata nello spessore della muraglia; lo Studiolo di Francesco I de’Medici, raffinatissimo scrigno “di cose rare et pretiose”, e lo Scrittoio del padre Cosimo I (più conosciuto come Tesoretto); infine l’imponente struttura a capriate che sorregge il soffitto a cassettoni del Salone dei Cinquecento.


Visita agli scavi archeologici dell’antico teatro romano

target: per tutti, a partire dagli 8 anni

orari: 12.00, 12.45

durata: trenta minuti

Palazzo Vecchio poggia le sue fondamenta sui resti dell’antico teatro romano di Florentia. Sorto probabilmente appoggiandosi all’angolo sudoccidentale delle mura urbane della città romana, il teatro viene costruito verso la fine del I secolo a.C. e ampliato in età adrianea, quando la città è oggetto di un forte investimento da parte dell’Impero. La visita consente di leggere la stratigrafia degli scavi archeologici e di rievocare lo spirito degli spettacoli che i florentini cives tanto amavano.


Tracce di Firenze. Palazzo Vecchio racconta la città
target: per tutti, a partire dai 10 anni
orari: 10.30, 15.00
durata: 50 minuti

La visita consente di comprendere gli sviluppi architettonici e urbanistici della città di Firenze nel corso dei secoli, ripercorrendone le tappe salienti grazie a testimonianze d’eccezione: fra queste le chiavi delle porte urbane medievali, la monumentale Veduta della Catena, le incisioni settecentesche di Giuseppe Zocchi, i dipinti di Augusto Marrani o i progetti di Giuseppe Poggi. Un immaginario “viaggio in Firenze” che si spinge fino al contemporaneo.



A corte con Donna Isabella

target: per tutti, a partire dai 10 anni
orari: 11.30, 16.00, 17.30
durata: un’ora e quindici minuti
La dama favorita della Duchessa Eleonora di Toledo, la spagnola Isabel de Reinoso, accompagna gli ospiti tra i fastosi ambienti della nuova Reggia medicea. Le sue parole rievocano le feste e i grandiosi eventi che avevano luogo nella Sala grande; i servigi offerti agli ospiti illustri che transitavano a corte; le abitudini quotidiane di una “famiglia” tanto importante.

In bottega, la pittura su tavola

target: per famiglie con bambini dagli 8 anni
orari: 10.00, 16.30
durata: un’ora e quindici minuti

“Da Cimabue in dietro, e da lui in qua s’è sempre veduto opere lavorate a tempera in tavola…E temperavano i colori da condurli col rosso dell’uovo o tempera…”. Così Giorgio Vasari introduce la tecnica della tempera all’uovo; e per il tempo di un laboratorio il pubblico si cala nei panni di apprendisti di bottega per sperimentare direttamente le fasi di lavoro, dal macinare i colori al dipingere.



Il Palazzo gioca

target: per famiglie con bambini dai 6 anni
orari: 11.30
durata: un’ora e quindici minuti

Il Biribissi è uno dei giochi più diffusi in età moderna. Rimodellato sull’iconografia di Palazzo Vecchio, i partecipanti saranno dotati di un kit per individuare in autonomia, nelle sale del Museo, una serie di immagini tratte da affreschi e dipinti, per riunirsi poi intorno a una grande tavola da gioco e poter scommettere sui dettagli trovati. Vinca il migliore.



Storia del furto nello Studiolo di Francesco I

target: per famiglie con bambini dai 4 ai 7 anni
orari: 11.00, 16.00
durata: un’ora
I topi da Museo abitano nel Palazzo da secoli, sono stati testimoni di tutte le vicende accadute dentro le sue antiche mura e si tramandano, di generazione in generazione, le storie da ricordare. Il venerabile topo-nonno Goffredo dai lunghi baffi racconta al nipote la storia di un furto avvenuto la notte del 3 novembre 1579 nello Studiolo di Francesco I de’ Medici, dove erano custoditi raffinati oggetti d’arte e meravigliose rarità. Al termine della storia i bambini potranno visitare lo Studiolo di Francesco.



Accesso alla Torre di Arnolfo

target: per tutti, a partire dai 6 anni
orari: 10.00 – 10.30 – 11.00 – 11.30 -12.00 – 12.30 – 13.00 – 13.30 – 14.00 – 14.30 – 15.00 – 15.30 – 16.00 – 16.30
durata: 30 minuti

La proposta offre ai fiorentini la possibilità di accedere alla Torre di Palazzo Vecchio, che con i suoi 95 metri di altezza svetta sulla città e ne è uno dei suoi inconfondibili simboli. Accompagnata dal merlato camminamento di ronda è il coerente compimento del primo nucleo del palazzo di governo, edificato a cavallo tra Duecento e Trecento come sede dei Priori delle arti, il cui progetto è attribuito ad Arnolfo di Cambio.



FONDAZIONE SALVATORE ROMANO

Visita alla Fondazione

target: per tutti, a partire dai 10 anni
orari: 10.30. 11.15
durata: 30 minuti
Visitando la Fondazione Salvatore Romano si respira un’aria solenne: tutto è disposto con equilibrio e simmetria; fontane zoomorfe dialogano con antichi capitelli; vere da pozzo con frammenti lapidei; portali monumentali con leoni marini. Opere e frammenti di ogni genere, recuperati grazie all’acume dell’antiquario Romano e capaci di raccontare storie, stili e funzioni di ogni angolo della penisola.



Libri tattili

target: per famiglie con bambini dai 6 anni
orari: 12.00
durata: un’ora e quindici minuti
La Fondazione Romano è un luogo particolarmente affascinante. Dopo una breve visita i bambini, in piccoli gruppi, lavoreranno su alcune opere scelte per rielaborarle in forma tattile: materiali eterogenei in grado di richiamare, in chiave simbolica, la materia delle diverse opere d’arte e le loro originarie provenienze, per dare vita a un grande libro multisensoriale…da guardare e da toccare.


CAPPELLA BRANCACCI

Accesso alla Cappella Brancacci

target: per tutti
orari: 13.00 – 13.20 – 13.40 – 14.00 – 14.20 – 14.40 – 15.00 – 15.20 – 15.40 – 16.00 – 16.20
durata: 20 minuti
Anche la Cappella Brancacci è entrata nel circuito della Domenica del Fiorentino consentendo l’accesso gratuito a tutti i nati/residenti a Firenze e in provincia: un’icona del Quattrocento italiano che, grazie all’apporto del committente Brancacci, dei frati carmelitani del convento e dei sapienti artisti al lavoro – Masolino, Masaccio e Filippino Lippi – restituisce uno sguardo sorprendente sulla storia sacra e sugli inediti sviluppi che l’arte conosce rinnovando l’antica visione gotica nel pieno spazio del Rinascimento.


MUSEO STEFANO BARDINI

Visita al Museo

target: per tutti, a partire dai 10 anni
orari: 14.00, 15.30
durata: un’ora e quindici minuti

Nel museo si respira la passione che ha animato l’antiquario e connoisseur Stefano Bardini nell’acquisire nel corso della sua vita una quantità così ingente di opere d’arte. La visita permetterà di conoscere la sua straordinaria collezione, dalle grandi opere – fra cui la Carità di Tino di Camaino o la Madonna dei Cordai di Donatello – alle preziose testimonianze di arti minori quali cassoni, maioliche, tappeti, armi, bronzetti.

Redazione Nove da Firenze