Da stanotte nuova allerta neve e ghiaccio

Situazione sotto monitoraggio costante. Cittadini invitati a tenersi aggiornati su condizioni di viabilità, prima di muoversi nelle prossime 48 ore. Continua la “strage” di tubi e contatori. Dall’inizi​o del gelo riparate 91 tubazioni a Firenze


METEO — Nuova allerta neve e ghiaccio. E’ stata emessa dalla Regione per tutto il territorio provinciale da stanotte fino a sabato prossimo, 11 febbraio. Le previsioni indicano che nelle prossime ore si abbatterà sull’Italia un’altra ondata eccezionale di neve e gelo. Nevicate diffuse e molto abbondanti sulle zone appenniniche, e sono attese anche in Mugello e soprattutto Alto Mugello. Allerta anche per il ghiaccio, fino a martedì 14 febbraio: permangono condizioni favorevoli a formazione/mantenimento di ghiaccio a tutte le quote nelle zone innevate.

VIABILITA'
dalle 00. del 10/02 disposta ordinanza prefettizia di blocco della circolazione per gli autocarri con massa complessiva superiore alle 7,5 t. nel tratto della A1 - Firenze Nord - Bologna e su tutta la Firenze - Siena. Libero transito al momento sulla A11 e sulla Fi-Pi-Li.

A Firenze 'unità di crisi riunita presso la sede della Protezione civile all'Olmatello ha deciso che alle 22 di stasera partirà la fase di 'stand by', ovvero il posizionamento di spalaneve e spargisale nelle 18 postazioni della città previste dal Piano neve, pronti a spargere sale e togliere eventuali cumuli. Domani le scuole saranno regolarmente aperte. Alla riunione erano presenti la comandante della Polizia municipale Antonella Manzione, il responsabile della Protezione civile Paolo Dolfi, l’assessore all'ambiente Caterina Biti, tutti i responsabili dei servizi comunali, aziende partecipate, ospedali, Asl, 118 e vigili del fuoco. I mezzi a disposizione per fronteggiare la nevicata sono 51 e saranno distribuiti in piazza di Trespiano, piazza Gaddi, piazza Vittorio Veneto angolo via Fosso Macinante, via Baccio da Montelupo angolo via della Casella, piazzale di Porta Romana, via De Nicola angolo via della Casaccia, via Mariti angolo Ponte di Mezzo, via Caravaggio angolo viale Nenni, via Pacinotti, viale Redi angolo viale Belfiore, piazza Pier Vettori, via Alamanni angolo viale Rosselli, via di Scandicci angolo via delle Bagnese, via Bolognese angolo via di Careggi e angolo via Salviati, viale Lavagnini angolo piazza Libertà, via Pistoiese angolo via Baracca, via Chiantigiana/piazzale Ponte a Niccheri. Sono disponibili ulteriori trenta posti per l'emergenza freddo (venti per uomini all'Albergo popolare, gli altri per donne distribuiti in altre strutture), in aggiunta a quelli ordinari, pari a 156.

Il numero della Protezione civile per le emergenze è 055-7890, altrimenti è sempre attivo il numero del call center comunale 055-055, o quello della sala operativa della protezione civile 055-410047. Continui aggiornamenti ci saranno anche sulla rete civica del Comune, nei consueti notiziari radiofonici con collegamenti con la centrale operativa della Polizia municipale, sul profilo Facebook del Comune nonché su Twitter (#firenzeneve). Per l'allerta meteo è stato attivato dalla Protezione civile un nuovo servizio sms per non udenti, che possono essere inviati al numero di cellulare 335-1343711. E' attivo 24 ore al giorno per la segnalazione di emergenze.

Continuano a salire i numeri della “strage” di tubazioni e contatori causati dall’ondata di gelo nelle province di Firenze, Prato, Pistoia e Arezzo. Publiacqua sta mettendo in campo un lavoro straordinario facendo fronte a problematiche provocate da rotture di tubazioni, reti e contatori ghiacciati. Tutte le squadre continuano ad essere impegnate giorno e notte, con ferie e permessi annullati anche per il prossimo weekend, e con un altrettanto significativo apporto delle ditte esterne, dando risposte tempestive alle migliaia di chiamate al numero verde guasti (800314314). Da venerdì scorso ad oggi, dopo 6 giorni di ghiaccio e neve, il call center ha ricevuto circa 9000 segnalazioni. Nel Valdarno (Tosi, Pian di Melosa – Reggello) e nel Mugello (Marcoiano – Scarperia), dove neve e ghiaccio non permettevano alle autobotti di transitare, l’acqua è stata portata anche con taniche e tubi volanti. In attesa di un altro fine settimana glaciale rinnoviamo l’invito ai cittadini a proteggere i contatori con panni di lana e materiali isolanti come il polistirolo per evitare nuove rotture. La prevenzione fino ad ora è stata molto importante.

A Sesto Fiorentino sono previste nevicate di scarsa intensità in pianura e molto abbondanti nelle zone collinari a partire da stanotte, con la tendenza a un aggravamento delle precipitazioni nella giornata di sabato 11 febbraio. Decine di tonnellate di sale sono già state stoccate nel Centro operativo della Protezione Civile di Sesto Fiorentino e nel pomeriggio di oggi altri sacchi di sale sono stati distribuiti di nuovo nelle scuole e nei punti sensibili della città, compresi i sottopassi e gli snodi nevralgici della viabilità principale. Al momento le previsioni meteo non sono tali da far ipotizzare la chiusura delle scuole nella giornata di domani, venerdì 10 febbraio. Eventuali provvedimenti di altra natura saranno decisi solo nelle prime ore di domattina e comunicate in tempo reale sul sito internet del Comune. In caso contrario tutte le scuole di Sesto Fiorentino saranno regolarmente aperte e il servizio mensa e prescuola funzioneranno come di consueto.

Il Comune di Empoli ha ristabilito il livello di preallarme per tutti i soggetti impegnati nel "piano neve". Al momento non sono state emanate ordinanze di chiusura delle scuole, che saranno comunque valutate in sede di Circondario Empolese Valdelsa e comunicate con tutti gli strumenti di informazione disponibili.

A Montespertoli il Sindaco ha emesso l'ordinanza di chiusura di tutte le strutture scolastiche di ogni ordine e grado e dei servizi educati all'infanzia per venerdì 10 febbraio 2012.

L’Unione dei Comuni di Barberino e Tavarnelle si prepara ad attuare il piano di evacuazione per le scuole in caso di forti nevicate. Un programma organizzativo che è già stato sperimentato con successo lo scorso martedì, in occasione della prima forte precipitazione nevosa, e che verrà messo in campo se le nevicate, previste a partire da domani, comprometteranno la viabilità degli scuolabus. Il piano prevede le seguenti procedure: alle ore 12,45 l’uscita degli alunni della scuola primaria di Tavarnelle, alle ore 13,15 l’uscita della scuola secondaria di Tavarnelle, alle ore 14 l’uscita degli alunni trasportati provenienti da tutti gli altri plessi. Qualora la situazione meteorologica dovesse precipitare, con un peggioramento repentino nel corso della mattina, gli orari di uscita saranno anticipati: ore 12-12,30 per gli allievi della scuola secondaria e della scuola primaria di Tavarnelle, ore 13,30 per i bambini trasportati iscritti negli altri plessi. Info: ufficio scuola 055 8052228.

Allertati personale del Centro intercomunale di Protezione civile Mugello, personale e mezzi comunali, oltre al personale del volontariato del territorio.

A Prato si è tenuta presso la sala operativa della Protezione Civile una riunione alla quale hanno partecipato i rappresentanti di Comune, Provincia e Prefettura. "La decisione presa - ha affermato al termine l'assessore alla Protezione Civile del Comune, Dante Mondanelli - è quella di effettuare una salatura preventiva di tutti i punti sensibili presenti sul sistema viario cittadino a partire da questa notte. Le operazioni proseguiranno a tappeto per tutta la giornata di domani. Le scuole resteranno aperte ma invitiamo i cittadini a fare uso dei mezzi pubblici, che viaggeranno regolarmente, limitando l'uso di mezzi privati che comunque dovranno essere equipaggiati con pneumatici invernali o catene a bordo, come da ordinanza. Raccomandiamo senso di responsabilità da parte di tutti. Attenzione ai marciapiedi dove sarà impossibile intervenire. La macchina della Protezione Civile è in moto con tutti i mezzi disponibili, pronta ad applicare il "Piano Neve" in piena collaborazione con Asm. Auspichiamo di garantire ai cittadini una giornata relativamente tranquilla, al massimo con qualche lieve rallentamento o disagio".

Il Comune di Colle Valdelsa invita i cittadini a tenersi costantemente aggiornati anche sulle condizioni della viabilità locale e delle possibili conseguenze legate alle precipitazioni nevose, quali la chiusura delle scuole, che saranno comunicate tempestivamente con tutti gli strumenti a disposizione, dal sito internet al servizio sms fino alla pagina Facebook del Comune di Colle di Val d’Elsa (Colle di Val d’Elsa) e al pannello luminoso presente al terminal, in Via Bilenchi. Allo stato attuale, infatti, il carattere moderato dell’allerta diffusa non pone le condizioni per assumere decisioni preventive sul fronte della viabilità e dell’attività didattica. In caso di precipitazione nevosa, il Comune di Colle di Val d’Elsa metterà in atto il piano di azioni predisposto nei mesi scorsi e attuato anche pochi giorni fa, che conta sulla collaborazione di Polizia municipale, cantiere comunale, Protezione civile e associazioni di volontariato, con la chiusura dei tratti stradali più pericolosi e l’azione di mezzi sgombraneve e spargisale.

E' bassa la possibilità che a Livorno domani si verifichino nevicate abbondanti. Per questo la Protezione Civile del Comune ha deciso di agire in maniera “selettiva” sulle varie zone del territorio cittadino, tenendo uomini e mezzi comunque “allertati” per eventuali emergenze.

Si ricordano comunque alcuni comportamenti da tenere da parte dei cittadini.

1 I proprietari di fabbricati, cortili o spazi verdi che confinano con le strade pubbliche per quanto possibile devono provvedere a spazzare la neve da queste ultime lungo tutto il fronte della loro proprietà per una fascia di larghezza di almeno un metro.
2 . in caso di precipitazioni perché si possa intervenire tempestivamente e con efficacia, e che i mezzi possano operare, non lasciare le auto in sosta lungo le strade, in particolare in quelle più strette, qualora vi sia la possibilità parcheggiare le autovetture all'interno dei garage, dei cancelli delle abitazioni o comunque al di fuori delle carreggiate stradali.
3 . Non sostare né parcheggiare le auto sotto gli alberi.
4. Considerato l'abbassamento delle temperature si consiglia inoltre di proteggere i contatori dell'acqua.

Redazione Nove da Firenze