Stalattiti sui tetti di Firenze, pericolo per i passanti

Stamani in via de' Cerchi sono dovuti intervenire i Vigili del Fuoco per 'sbrinare' una grondaia. emergenza in tutto il territorio comunale per le tubature rotte


GELO — Via della Condotta, angolo con via de' Cerchi, a pochi metri piazza della Signoria. Questa mattina Firenze si è svegliata con il termometro sotto lo zero ed una perdita presente in una grondaia ha fatto scattare l'allerta in strada a causa delle stalattiti pericolanti che cadevano sugli ignari passanti.

La Polizia Municipale ha chiuso la strada di grande passaggio e sono intervenuti i Vigili del Fuoco per sbrinare le tegole, con scalpello e martello hanno staccato i lastroni di ghiaccio accumulatisi sul tetto.

L’emergenza gelo continua a colpire, come non era mai accaduto in queste proporzioni, le tubature idriche più vetuste su tutto il territorio gestito da Publiacqua. Tra la notte scorsa e la mattinata si sono contate oltre 120 rotture, di cui 40 nella sola Firenze. Le riparazioni sono iniziate immediatamente nelle ore notturne, grazie alle numerose squadre e alle ditte allertate da giorni dall’azienda.

Nella sola mattinata di oggi, al numero verde guasti – 800314314 - sono arrivate oltre 1000 chiamate e segnalazioni, e complessivamente il numero delle telefonate arriva a oltre 5000 dall’inizio dell’ondata di gelo, quasi tutte risolte positivamente in poche ore.

Firenze, al momento, è la città con maggiori problemi. Nella zona di Careggi si è avuta la contemporanea rottura notturna di tubature in Via di Careggi e Via Incontri nella zona dell’ospedale e, per non bloccare il traffico, l’intervento ha visto alternarsi i due cantieri con conseguenti chiusure delle strade. Altre tubazioni schiantate dal gelo anche in Via Ugo Foscolo, Via Gran Bretagna, Via delle Gore, Via Giovanni da San Giovanni, Via Doni, Via Modigliani, Via del Mezzetta, Viale Duse, Vicolo de Bardi, Via Valdera, Viale Guidoni e Via delle Panche.

Per le rotture dei contatori la media è di 30 al giorno, con un picco di oltre 400 contatori congelati in soli due giorni tra Prato e Pistoia. Rinnoviamo l’invito a proteggere i contatori con materiali isolanti come polistirolo o panni di lana. Grazie alla prevenzione stiamo riducendo i danni.
E’ stabile, infine, l’erogazione di acqua anche frizzante dei Fontanelli. Anche se continuano a congelarsi nel corso della notte, grazie all’intervento di una squadra dedicata di Publiacqua tornano a funzionare regolarmente ad inizio mattinata.

Redazione Nove da Firenze