Covid-19: i cuochi degli asili comunali cucinano per la Protezione Civile

Al lavoro in via Torre degli Agli per volontari e cittadini. Funaro: “Grande entusiasmo del nostro personale che si è messo a disposizione in sostegno alla cittadinanza”. Giachi: “Un modo per contribuire alla lotta contro il Coronavirus”


La cucina dell’asilo nido Nuvola Maga di via Torre degli Agli apre per preparare pranzi e cene ai volontari della Protezione civile. A partire da oggi la Direzione Istruzione, grazie alla collaborazione dei suoi operatori cucinieri, degli esecutori dei servizi educativi in servizio presso i nidi di infanzia gestiti dal Comune e degli operatori del magazzino della refezione scolastica, garantirà i pasti e le cene per i volontari e i cittadini individuati dalla Protezione civile.

“Un grande messaggio da parte dei nostri cuochi e del personale delle nostre cucine interne ai nidi – ha detto l’assessora all’educazione Sara Funaro – che ringrazio moltissimo per la disponibilità dimostrata nel mettere con grande entusiasmo la propria professionalità a sostegno della cittadinanza in questo momento davvero molto difficile. I nostri cuochi, che sono già un punto di riferimento per i nostri bambini, entrano adesso nel circuito della solidarietà”.

“Solidarietà e senso civico non si fermano nemmeno in questo momento così difficile - ha sottolineato la vicesindaca e assessora alla protezione civile Cristina Giachi - si può contribuire alla lotta contro il coronavirus anche in questo modo, aiutando gli operatori della protezione civile che da giorni sono in prima linea 24 ore su 24. Grazie ai nostri cuochi perché la collaborazione tra tutti è la risposta più bella e intelligente ”.

Già da stamattina presto cuochi e operatori sono entrati in servizio presso la cucina dell’asilo nido e hanno cominciato a cucinare. Le ricette sono gustose e il menù spazia dalla pasta al ragù di vitella, al risotto asparagi e ricotta con secondi di scaloppine al limone o saltimbocca alla romana fino alla zuppa di lenticchie e orzo, allo spezzatino con patate, e alla pizza; nel menù è prevista anche mozzarella e pomodoro, pasta alle olive, pasta gratinata, piselli alla fiorentina, arrosto di vitella, patate arrosto, pasta con tonno. Sarà inoltre fornito pane, frutta o yogurt. Per cucinare vengono utilizzate le derrate dei nidi di infanzia a gestione diretta da parte del Comune.

La cucina del nido Nuvola Maga sarà aperta e cucinerà ogni giorno. In 17 si sono già messi a disposizione e sono stati organizzati turni che coprono anche la domenica con inizio del servizio alle 7 del mattino fino al ritiro dei pasti da parte degli operatori della Protezione Civile. Per il momento il servizio è previsto fino al 25 marzo ma è prorogabile per un periodo più lungo a seconda delle necessità della Protezione Civile. Tutto il personale è dotato di vestiario e dei dispositivi necessari alla sicurezza. Inoltre gli ambienti e le attrezzature saranno oggetto di quotidiane operazioni di pulizia e sanificazione. 

Redazione Nove da Firenze