8 marzo, eventi in tutta la Toscana

L’8 marzo ingresso gratuito per le donne nei musei civici


FESTA DELLA DONNA — Ingresso gratuito per tutte le donne, sabato 8 marzo, nei musei civici fiorentini: è questo il modo con cui il Comune di Firenze festeggia la Festa della Donna.
Senza alcuna prenotazione sarà possibile visitare Palazzo Vecchio (ore 9.00 - 19.00); il museo Stefano Bardini (via dei Renai 37, ore 11.00 - 17.00); il museo Salvatore Romano (Piazza Santo Spirito 29, ore 10.00 – 16.00); e il complesso di Santa Maria Novella (ingresso momentaneo solo da Piazza Stazione 4, ore 9.00 - 17.00).
La prenotazione è invece obbligatoria e gratuita per le visite alla Torre di Arnolfo di Palazzo Vecchio (ore 10.00 - 17.00, ultimo ingresso ore 16.30) e alla Cappella Brancacci (Piazza del Carmine 14,
ore 10.00 - 17.00, ultimo ingresso ore 16.20).
La prenotazione si può effettuare telefonando dal lunedì al sabato dalle 9.30 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 17.00 ai numeri 055 2768224 o 055 2768558, oppure inviando una e-mail a info@muse.comune.fi.it (la prenotazione fa fede solo con la mail di conferma).

Prato – 100 persone, fra cui anche una ventina di datori di lavoro sono stati i protagonisti di “Donne, salute e sicurezza nei luoghi di lavoro”, un percorso di formazione e informazione sulla sicurezza realizzato dalla Provincia di Prato e dal Centro per l'impiego insieme a un prezioso gruppo di partner: Azienda Usl 4, Inail, Inps, Unione industriale pratese, Confartigianato, Confcommercio, Sindacati e Consulenti del lavoro. I partner hanno presentato questa mattina a palazzo Buonamici insieme alla vice presidente della Provincia Ambra Giorgi la pubblicazione che raccoglie i risultati del percorso, compresa l'indagine realizzata fra i partecipanti utilizzando alcuni questionari. In particolare hanno partecipato il direttore del Dipartimento di prevenzione dell'Asl Aldo Fedi e Letizia Sommani, medico del lavoro che insieme a Annamaria Loi ha coordinato il corso.
“Abbiamo iniziato l'8 marzo 2011 e concludiamo questo interessante percorso proprio in prossimità dell'8 marzo 2014 – ha detto Giorgi – Ma sono molti gli elementi scaturiti da questo lavoro che meritano di essere approfonditi. I partecipanti dicono che a Prato non facciamo abbastanza per la conciliazione dei tempi e la riduzione del rischio, ma danno anche per scontata la differenza di ruoli fra uomo e donna. Inutile dire che il nostro paese è in ritardo, manca la flessibilità e l'organizzazione. Ma da progetti come questo possono arrivare incentivi a cercare soluzioni”.
Infatti è proprio ciò che è emerso dal questionario di approfondimento sui rischi a far luce su bisogni, aspettative, proposte e anche sugli stereotipi che spesso influenzano modi di pensare e comportamenti. Tenendo conto che indagare sulla sicurezza nel distretto pratese in uno dei momenti più difficili dal dopoguerra ad oggi è stato sicuramente un atto coraggioso, va segnalato che la maggior parte dei partecipanti ha dichiarato che non si fanno abbastanza programmi per la riduzione dei rischi.
La conciliazione tra i tempi di vita e di lavoro appare infatti difficile al 48% dei partecipanti, sia uomini che donne. Ma al tempo stesso non viene messa in discussione la separazione dei ruoli uomo-donna ancora molto netta. Ancora oggi sembra naturale che l’accudimento dei figli, degli anziani e della casa siano occupazioni 'da donne' (lo pensa il 71% dei partecipanti). E le donne si difendono soprattutto con soluzioni individuali per conciliare la propria organizzazione di vita e lavoro, perché i tempi della collettività e delle leggi sono davvero troppo lenti. Appare infatti più facile conciliare vita e lavoro nell'ambito familiare (ad esempio tra parenti per la cura dei figli e degli anziani) piuttosto che all'interno dell'azienda o con l'intervento di servizi sociali. Però oltre il 60% ritiene che sia possibile intervenire in questo ambito, soprattutto a livello individuale da parte dell'azienda o in collaborazione con le istituzioni. Insomma un quadro non certo esaltante riguardo alla parità di genere, ma anche un'indicazione precisa sulla necessità - e per fortuna c'è grande consapevolezza su questo - di ascolto, informazione e interventi mirati. I partecipanti lanciano anche molte proposte per cercare possibili vie alla conciliazione, da quelle strutturali alla creazione di servizi alle famiglie, come asili nido aziendali o convenzioni con strutture private. E particolare importanza è riconosciuta al ruolo della società e delle istituzioni nel costruire occasioni e organizzazioni finalizzate a conciliare, in particolare offrendo incentivi o aiuti o migliorando ad esempio orari dei servizi pubblici e dei trasporti cittadini. I lavoratori insistono di più dei datori di lavoro su una migliore organizzazione, intesa soprattutto come una maggiore elasticità o flessibilità degli orari e dei turni. Il progetto di formazione, nato alla fine del 2011 all’interno del tavolo tecnico provinciale a seguito del seminario “La salute e la sicurezza delle donne sul lavoro” e della XI conferenza provinciale in cui è stato affrontato il tema della diversità di genere, è partito in una data simbolica, l'8 marzo, e si è svolto attraverso tre unità didattiche.

RUFINA- Tre appuntamenti per celebrare la Festa della Donna. Il comune di Rufina, Assessorato alle Pari Opportunità, in collaborazione con le associazioni del territorio presenta tre iniziative per ridere e pensare dedicate interamente all’universo femminile.
Il primo appuntamento è previsto per giovedì prossimo, 6 marzo, alle 21,15 al piccolo teatro di Rufina con lo spettacolo teatrale “Se il pomodoro dorme l’insalata russa?!” portato in scena dalla compagina “La quinta Abbondante”. Domenica 9 marzo alle 17,30 in villa Poggio Reale nei locali dell’Enoteca del Chianti Rufina c’è “Cosa bolle in pentola”, cucina, gusto e cultura a cura delle donne Rufinesi, con la collaborazione delle associazioni di volontariato. Il giorno successivo, lunedì 10 marzo alle 21,15 nella sala consiliare sarà proiettato il film “The Help: il vento della libertà inizia a soffiare” diretto da TateTylor, tratto dal romanzo “L’aiuto” di Kathryn Stokett” in collaborazione con L’ANPI Rufina sezione Martiri di Berceto.
Infine per chi volesse dedicarsi a letture che si rifanno al mondo femminile potrà usufruire dell’iniziativa Bibliodonna, fino al 15 marzo in biblioteca comunale ci sarà uno scaffale a tema (apertura dal lunedì al venerdì dalle 14 alle 18,30, il martedì ed il sabato anche dalle 9 alle 13,30).

Una Festa della donna per riflettere sulla condizione femminile e per stare insieme. E’ quella che sarà organizzata sabato 8 marzo dal Comune di Castenuovo Berardenga, in collaborazione con i Comuni di Castellina in Chianti, Gaiole in Chianti e Radda in Chianti, nella sede del Museo del Paesaggio. La giornata si aprirà alle ore 17.30 con il saluto di Annalisa Giovani, assessore alle pari opportunità e con la presentazione del bilancio di genere da parte dell’assessore al bilancio Letizia Pacenti. Alle ore 18.30, in collaborazione con la Biblioteca comunale si svolgerà l’incontro dal titolo “Alle origini del femminismo nel '600. Vita e romanzo capolavoro di Madame De La Fayette”, intrattenimento storico letterario di Luigi Arista, con assaggi di lettura; l'incontro è organizzato in collaborazione con l’associazione culturale Sylloge Officina per l'Arte. Alle ore 19.45 è previsto un buffet, mentre alle ore 21.15 al Teatro Alfieri andrà in scena “Il divorzio” di Vittorio Alfieri con la regia di Beppe Novello, una produzione della Fondazione Teatro Piemonte Europa.

Sabato 8 marzo ore 17,30 sarà inaugurato nel palazzo Sansoni Trombetta un grande dipinto del Maestro Silvestro Pistolesi raffigurante uno sguardo sulla storia rurale di Pontassieve, dal titolo Vino e Pane.
Una tempera murale, tecnica che risale al periodo cinquecentesco, con preparazione gesso ad oro e pigmenti con colla di coniglio è stata realizzata nell'ingresso del Palazzo Comunale Sansoni Trombetta di Pontassieve. A realizzarla il celebre Maestro Silvestro Pistolesi, già allievo di Pietro Annigoni e già autore di alcune opere presenti sul nostro territorio come le lunette nella Pieve Romanica di Lubaco o l'affresco del San Sebastiano nella Cappella della Misericordia di Pontassieve. Il grande dipinto murale - che il Maestro ha voluto donare al nostro Comune senza nessuna spesa per l’Amministrazione delle dimensioni di 3 metri di lunghezza per oltre due di altezza - si intitola "Vino e pane" e rappresenta la storia rurale di Pontassieve, vuole valorizzare la nostra città, il fiume Sieve e i mestieri antichi che rappresentano la storia della città come le Fiascaie, rappresentate dalla figura femminile che campeggia nel dipinto. "Un ringraziamento al Maestro - spiega l'assessore alle politiche culturali Alessandro Sarti - che nel rapporto di amicizia con la nostra città (Pistolesi ha già esposto a Pontassieve ndr) ha voluto lasciare il segno con la sua pittura per arricchire il patrimonio culturale del Palazzo Comunale, regalando un'opera che resterà dunque patrimonio della comunità nella pinacoteca civica".
Alla presentazione oltre alle autorità parteciperanno Antonio Agnoletti, Presidente del Lions Clud Valle del Sieve, che anche in questa occasione ha contribuito a sostenere il progetto legate artistico e il critico d’arte Pier Francesco Listri.

Sabato 8 marzo ore 21.15 - OFFICINE DELLA CULTURA CREDOINUNSOLODIO EVENTO TEATRALE-MUSICALE PER ATTRICE E ORCHESTRA di Stefano Massini con AMANDA SANDRELLI
Un esperimento fra musica e teatro vede impegnati per la prima volta sullo stesso palco i musicisti dell’Orchestra Multietnica di Arezzo e la passione civile di Amanda Sandrelli. È lei a dar lettura del testo appositamente concepito da Stefano Massini, una vera partitura per fondere la voce dell’interprete con le sonorità dell’Orchestra. Ecco nascere allora un recital in cui parola, canto e musica si alleano per svelare al pubblico una spietata quanto semplice indagine geologica nelle viscere del vulcano mediorientale. A prendere vita sul palco sono infatti i ritratti di tre donne e un labirinto. Tre storie intrecciate, tre identità. Quasi uno zoom su tre visi anonimi in una folla di città. Eden Golan, docente di storia ebraica. Mina Wilkinson, in forza all’esercito degli Stati Uniti. E infine Shirin Akhras, ventenne studentessa palestinese. Ognuno di questi nomi è una matassa da snodare, un groviglio di motivazioni, la punta dell’iceberg. I loro monologhi, paralleli, si specchiano uno nell’altro, scoprendo abissi di differenze e barlumi di simmetria. Perché c’è sempre una geometria nel caos.
TEATRO MANZONI via Mascagni 18 - CALENZANO (Fi)

SABATO 8 MARZO alle ore 21,15 - CORTE DEL BARDO in collaborazione con GIARDINI DELL'ARTE presenta
UNA DONNA SOLA di Franca Rame con Caterina Boschi regia di Marco Lombardi

Interrotta da continui imprevisti, in un ritmo sempre più incalzante e travolgente, Maria, casalinga del nord Italia, si trova a svelare tutto il proprio assurdo mondo familiare ad un'immaginaria dirimpettaia, in un crescendo tragicomico di eventi, fino a decidere – senza rendersene conto – se cambiare rotta o continuare la solita vita. Il testo, caratterizzato da una forte dose di comicità ed ironia, fa parte di una raccolta di monologhi satirici sulla condizione della donna. Per far ridere. E poi riflettere.
Il ricavato della serata sarà devoluto ad
“Artemisia - centro antiviolenza sulle donne”
TEATRO NUOVO SENTIERO
VIA DELLE PANCHE, 36 – FIRENZE
INFO E PRENOTAZIONI 338 366 35 26

L’Acquario di Livorno ha studiato la speciale promozione “Festa della Donna” per favorire la visita a tutte le donne che vorranno trascorrere questa speciale giornata visitando l’Acquario di Livorno, alla scoperta delle bellezze e delle curiosità del mare. Prosegue fino al 9 Marzo, la speciale promozione di Carnevale per tutti i bambini ed i ragazzi.
Nel fine settimana del 8 e 9 Marzo, disponibili le animazioni in compagnia del polpo Otto e lo speciale percorso “Dietro le quinte”. Queste iniziative rientrano nella costante attenzione che da sempre Costa Edutainment pone ai visitatori e famiglie, proponendo speciali offerte economiche ed attività in stile edutainment nei fine settimana, che uniscono l’educazione al divertimento.
Durante la giornata di sabato 8 Marzo, l’Acquario di Livorno offre a tutte le donne Adulte uno speciale ingresso alla struttura a metà prezzo. Tutte le donne che – nella giornata dell’8 marzo nell’orario di apertura al pubblico – si presenteranno alla biglietteria dell’Acquario con il coupon promozionale compilato in tutte le sue parti ed accompagnate da 1 adulto pagante intero, avranno diritto allo sconto del 50% sul biglietto per l’ingresso libero alla struttura, ossia € 6,00 (anziché € 12,00).
E’ possibile scaricare e stampare il coupon promozionale direttamente dal sito www.acquariodilivorno.it nella sezione Tariffe/Promozioni. Le interessate ad usufruire della speciale promozione, dovranno stampare il coupon, compilarlo in ogni singola parte e consegnarlo alla biglietteria l’8 Marzo, accompagnate da 1 adulto pagante intero.
La promozione è valida nella sola giornata dell’8 Marzo, applicabile al biglietto Adulto donna dietro presentazione del coupon e se accompagnate da 1 adulto pagante intero; non cumulabile con altre in corso.
Fino al 9 Marzo, speciale promozione di Carnevale per bambini e ragazzi
Si ricorda che fino al 9 Marzo incluso, prosegue la speciale promozione riservata a bambini e ragazzi in occasione delle festività di Carnevale.
Fino al 9 Marzo, tutti i bambini ed i ragazzi che si presenteranno alla biglietteria dell’Acquario indossando una maschera di carnevale o con un accessorio, avranno diritto allo sconto del 50% sul biglietto di ingresso Ragazzo (sopra 1 metro di altezza fino a 12 anni di età) se accompagnati da 2 adulti paganti intero. La promozione è valida fino al 9 marzo 2014 incluso e non cumulabile con altre in corso.
Animazioni e speciale percorso “Dietro le quinte”
Proseguono nel fine settimana e giorni festivi, le animazioni in compagnia della simpatica mascotte – il polpo Otto – e lo speciale percorso “Dietro le quinte”. Questi gli appuntamenti:
- Animazione “Tutti sotto insieme ad Otto”: sabato, domenica e festivi alle ore 11.00 – Durata 1h – Incluso nel biglietto di ingresso. La simpatica mascotte – il polpo Otto – accompagna bambini e ragazzi lungo il percorso di visita alla scoperta delle bellezze del mare con domande, giochi e curiosità.
- Speciale percorso “Dietro le quinte”: sabato, domenica e festivi alle ore 16.00 ed in altri orari al raggiungimento del numero minimo di partecipanti – Durata 40’ - Costo: 4 Euro a persona (oltre al biglietto di ingresso per la visita alla struttura). Un esperto biologo guiderà i visitatori alla scoperta dei locali dedicati alla cucina, del laboratorio di analisi e delle vasche curatoriali utilizzate per la nursery per le varie specie ospitate nella struttura.
A conclusione della visita, sarà possibile accedere all’area tecnica situata sopra le vasche espositive ed ammirare dall’alto la Vasca del Relitto e le vasche del Percorso “Fondale Roccioso” e “Le Scogliere Coralline”.

Orari di apertura al pubblico
A marzo, la struttura sarà aperta al pubblico il sabato, la domenica ed i giorni festivi dalle 10.00 alle 18.00 (ultimo ingresso 17.15).
Su prenotazione, per gruppi e scuole, la struttura è aperta tutti i giorni dell’anno.


Acquario di Livorno
Un viaggio alla scoperta delle meraviglie del mare: 3.000 mq di superficie espositiva, 32 vasche che ospitano oltre 1.600 animali di 300 specie diverse. Star della struttura una splendida tartaruga verde “Cuba” che nuota nella vasca Indo-Pacifico assieme ad altri animali tra cui degli esemplari di squali pinna nera ed un esemplare di pesce napoleone.
Al primo piano, la mostra “Kosmos: il cielo e le stelle dall’antichità a Galileo” ideata dal Museo Galileo – Istituto e Museo di Storia della Scienza di Firenze, a cura di Giovanni Di Pasquale.

Per informazioni aggiornate su orari e prezzi, tel. 0586/269.111-154 (dal lunedì al venerdì, 8.30-13.00 e 14.00-17.30),
info@acquariodilivorno.it – www.acquariodilivorno.it - Per prenotazioni: booking@acquariodilivorno.it

Redazione Nove da Firenze