Rubrica — Agroalimentare

Un fine settimana con FirenzeBio alla Fortezza da Basso

Inaugurazione venerdi 23 ore 10. Mukki festeggia 23 anni d'impegno nel biologico


Il termine “Biologico”, oggi, è facilmente comprensibile da tutti. Non era lo stesso vent’anni fa. Sembra trascorso un secolo in due decenni, durante i quali i consumatori sono diventati più educati alla qualità degli alimenti, attenti alla sostenibilità dei prodotti che quotidianamente finiscono sulle nostre tavole.

Arriva la prima edizione di FirenzeBIO. Expo, mercato, degustazioni, cooking show e laboratori alla Fortezza da Basso da venerdì 23 a domenica 25 marzo.120 aziende, 35 appuntamenti.L’anteprima con la giornata di studio dell’Accademia dei Georgofili e FederBio.I 40 anni di Probios. 120 aziende, in gran parte toscane, alla Fortezza da Basso per la prima edizione di FirenzeBio. L’occasione per un pubblico, sempre più interessato alla salute e alla qualità dei prodotti, per entrare direttamente in contatto con alcune delle più significative realtà imprenditoriali che hanno fatto la scelta di produrre senza veleni. Tanti i settori merceologici rappresentati, dai cereali ai latticini, dai salumi ai vini ma anche tanti prodotti per la cura della persona. Il consumo di prodotti biologici negli ultimi anni è cresciuto costantemente, in Toscana in maniera particolare e qui è anche in corso una massiccia conversione dei terreni alla cultura del biologico. FirenzeBIO offrirà anche l’occasione per ragionare su tutto questo grazie a una serie di incontri dedicati al mondo dell’agricoltura e ai consumi.C’è anche un anteprima, giovedì 23 marzo, con la giornata di studio promossa da FederBio e Accademia dei Georgofili sull’innovazione nell’agricoltura biologica (Teatrino Lorenese, ore 9.30). L’inaugurazione è venerdì 23 marzo alle ore 10.00 all’entrata del Padiglione Cavaniglia.

FirenzeBio è un’occasione per conoscere meglio ed apprezzare un mondo e uno stile di vita in crescita costante sempre più diffusi: gli operatori nella nostra regione sono oltre 5 mila, con un incremento nell'ultimo anno del 4,8%. Oltre 110 le aziende presenti all’evento, con un ricco calendario di appuntamenti e cooking show per parlare del presente e del futuro dell'agricoltura pulita e della qualità della vita.

Mukki ha imboccato questa strada nel 1995, con le prime produzioni di latte biologico che sono la base della gamma di prodotti bio contraddistinta dal nome “Podere Centrale”. Partecipare a Firenze Bio è l’occasione per Mukki di ricordare il suo impegno per garantire la tradizionale qualità del latte con la salvaguardia e lo sviluppo di una zootecnia locale ecologicamente compatibile. A Firenze BioMukki racconterà questa storia, parlando dell’origine delle materie prime, degli allevamenti e delle fattorie dove si vive e si lavora secondo i valori e le regole dell’agricoltura biologica. Non potrebbe esserci occasione migliore, quindi, per presentare il nuovo prodotto che amplia la gamma del biologico Mukki: il nuovo yogurt biologico.

Ci sarà anche Anci Toscana a FirenzeBio. A fronte dei molti Comuni toscani che hanno deciso di partecipare, l’Associazione avrà uno stand dedicato, dove si potranno conoscere le attività dedicate al mondo dell’agricoltura e degustare alcuni prodotti tipici dei territori, naturalmente e rigorosamente bio. Inoltre Anci è tra gli organizzatori del convegno “Cambia la terra. No ai pesticidi, sì al biologico” che si terrà il 23 marzo alle 16 al Teatrino Lorenese. L’impegno dell’Associazione sul tema dell’agricoltura negli ultimi anni si è fatto sempre più importante e concreto, con i Comuni devono e vogliono avere un ruolo decisivo e strategico nella tutela del patrimonio rurale toscano, per salvaguardare e valorizzare un settore che sta alla base dell’economia e della stessa identità della nostra regione. Per questo è stato istituito un tavolo di lavoro specifico in materia di agricoltura e forestazione, che è ormai un punto di riferimento irrinunciabile nel settore. Sono state siglate intese con associazioni e sindacati; c’è un confronto continuo con i referenti nazionali e regionali; vengono organizzati convegni, seminari, incontri tematici, corsi professionali; ci si avvale del supporto delle principali università e istituti di ricerca toscani. E particolare attenzione viene data alle politiche per la Montagna, che in Toscana rappresenta il 50% del territorio. Tantissimi i progetti messi in campo sui temi più importanti: dagli orti urbani alle biomasse, dai contratti di fiume ai prodotti locali, dai tour nei territori alle attività di informazione. E in questo quadro il biologico ha un’importanza sempre maggiore, anche per i Comuni.

Rete Qualità Toscana si presenta a Firenze Bio. La ‘Rete’ valorizza le produzioni di qualità regionali, e con il progetto Agr-Eat cofinanziato dal Psr Regione Toscana, in particolare le produzioni biologiche, ma anche l’olio extravergine Igp Toscano e i Vini Igp Toscana IgtLa partecipazione di Rete Qualità Toscana a FirenzeBio prevede per venerdì 23 marzo (ore 17.45)un incontro in cui verranno illustrate le produzioni biologiche delle aziende aderenti alla rete: “RQT presenta l’agroalimentare toscano di qualità”.  All’incontro interverranno il presidente di RQT Valentino Vannelli e il coordinatore del progetto AGR-EAT Marco Failoni. RQT è una rete di imprese agricole toscane nata con l’obiettivo di promuovere l’aggregazione della filiera agroalimentare per valorizzare le produzioni di qualità regionali. RQT è promotore del progetto integrato di filiera Agr-Eat, co-finanziato dal PSR della Regione Toscana, che opera per sviluppare una efficiente filiera corta dei prodotti dell’agricoltura toscana, incentrata sulla vendita diretta e l’agri-ristorazione, e per promuovere alcuni dei sistemi di qualità che rappresentano un valore fondamentale nel panorama agroalimentare toscano. 

Nell’anno del suo 40° Anniversario, Probios SpA - azienda leader in Italia nella distribuzione di prodotti biologici vegetariani e per intolleranze alimentari – organizzerà anche uno speciale brindisi presso il suo stand (B 21-22/41-42), alle ore 10:30. All’evento prenderanno parte anche il Presidente, Fernando Favilli, e il Chief Financial Officer, Rossella Bartolozzi.

Redazione Nove da Firenze