Tramvia di Firenze: T1 Leonardo unisce Villa Costanza a Careggi passando per Santa Maria Novella

​Taglio del nastro per la Linea 3 della Tramvia fiorentina


Da oggi la Linea 1 si unisce alla Linea 3 formando la T1 Leonardo, da Villa Costanza al polo ospedaliero-universitario di Careggi.

Alla prima corsa non poteva mancare il sindaco Dario Nardella, insieme agli assessori alla mobilità Stefano Giorgetti, all’urbanistica Giovanni Bettarini, alla sicurezza urbana e Polizia Municipale Federico Gianassi, al welfare Sara Funaro e all’ambiente Alessia Bettini (successivamente si sono aggiunti gli assessori al bilancio Lorenzo Perra e allo sviluppo economico Cecilia Del Re), numerosi consiglieri comunali e presidenti dei Quartieri 4 Mirko Dormentoni e 5 Cristiano Balli. Arrivato a Careggi, il sindaco ha ripreso il tram, dopo diverse tappe lungo la linea anche per testare l’accoglienza da parte dei cittadini, con l’assessore Bettini ha inaugurato la nuova sistemazione dell’area verde antistante la stazione di Santa Maria Novella. Poi di nuovo sul tram fino a Careggi dove, intorno alle 9.30, si è svolta l’inaugurazione ufficiale alla presenza delle autorità, dei rappresentanti del concessionari Tram Spa e delle diverse ditte che ne fanno parte, degli ex ministro e viceministro alle infrastrutture Graziano Delrio e Riccardo Nencini, dell’assessore regionale ai trasporti Vincenzo Ceccarelli.

Dal palco il sindaco Nardella ha ringraziato i cittadini che hanno subito i disagi dei cantieri e sottolineato: “Oggi è una giornata indimenticabile e di festa per Firenze e i fiorentini. È a loro che dico il primo grazie perché la pazienza, la fiducia e la tenacia hanno avuto la meglio su tutto il resto. Abbiamo vinto contro gli scetticismi, i contrari per principio, i problemi della burocrazia, le difficoltà tecniche. Viviamo in un paese dove è più facile non fare che fare le cose ma con la forza e la perseveranza, se si vogliono fare alle fine si fanno. Firenze può essere un modello in questo: quattro anni per realizzare una linea di tramvia è un tempo europeo e quasi un record italiano”. Il sindaco ha ricordato le accuse di “sventramento” della città: “Sono passato da via dello Statuto ho visto città moderna, nuova che ha saputo coniugare il suo passato e la modernità del futuro siamo davvero una città europea. E siamo orgogliosi di questo risultato come pure della ricaduta occupazionale: per la messa in esercizio del prolungamento della T1 sono stati assunti 40 nuovi autisti tra i quali molti del nostro territorio”.

“La linea T1 collega Villa Costanza a Careggi con una percorrenza di 40 minuti – ha aggiunto l’assessore Giorgetti – con una frequenza attualmente di 6 minuti come previsto dall’orario estivo, ma abbiamo già chiesto a Gest, visto il gran numero di utenti in particolar modo turisti che arrivano a Villa Costanza, di anticipare la frequenza un convoglio ogni 4-4.20 minuti programmato per l’inizio delle scuole”.

La cerimonia si è conclusa con la benedizione del Cardinale Giuseppe Betori e poi tutti in tram fino alla stazione di Santa Maria Novella. 

Parte la linea che collega Careggi a Villa Costanza in 40 minuti, senza dover cambiare tram alla Stazione. Con il prolungamento della T1, vengono introdotte modifiche alle linee bus Ataf a partire dal 21 luglio. 

Nello specifico: nascono quattro nuove linee: 33, 51, 55, C4, cambiano percorso: 2, 8, 13, 14, 17, 20, 23, 24, 28, 40, 43, 48, 49, 59, vengono soppresse perché migliorate e ampliate o sostituite dalla Tramvia: 4, 19, 54, 60, 81, 85, D, R.

Alla cerimonia inaugurale, che ha coinvolto centinaia di cittadini, rappresentanti dei lavoratori ospedalieri, degli studenti e dei commercianti, ha partecipato anche l'assessore regionale ai trasporti Vincenzo Ceccarelli insieme al sindaco di Firenze Dario Nardella, all'arcivescovo e cardinale di Firenze Giuseppe Betori, all'amministratore delegato di Gest Jean Luc Laugaa ed ai rappresentanti delle imprese costruttrici. Presenti anche l'ex ministro per le infrastrutture Graziano Delrio e l'ex viceministro Riccardo Nencini.

"Oggi è un giorno di festa - ha detto Ceccarelli - la Regione è felice di questo risultato. Abbiamo co-finanziato l'opera ed abbiamo strettamente collaborato con l'amministrazione comunale di Firenze e con tutti i soggetti che hanno reso possibile la realizzazione di quest'opera. Festeggiamo il frutto di un impegno corale, ringraziamo tutti coloro che hanno collaborato, dagli operai che hanno materialmente realizzato l'infrastruttura, fino all'Europa, che di solito viene ricordata per la burocrazia e per i paletti, mentre in questo caso ha messo a disposizione risorse per una migliore qualità dell'aria e per una mobilità più sostenibile".

"La tramvia - ha aggiunto Ceccarelli - sarà al servizio dei fiorentini e dei turisti, ma anche di tutti questi toscani che vengono a Firenze per lavorare o magari anche per essere curati a Careggi. D'ora in avanti chi dovrà raggiungere l'il più grande ospedale della Toscana troverà un mezzo che darà tempi certi e comfort di viaggio". "Ricordo - ha concluso l'assessore - che sono in fase di progettazione anche le estesioni verso Campi Bisenzio, Sesto Fiorentino ed anche i prolungamenti verso Scandicci e Bagno a Ripoli".

La Tramvia fiorentina è stata co-finanziata dalla Regione Toscana con circa con 50 milioni di euro provenienti dal provenienti dal programma comunitario Por Fesr.

L’inaugurazione della linea della tramvia ‘Leonardo T1’ sancisce un momento storico per la nostra città; come Confesercenti siamo soddisfatti per il risultato raggiunto e per la fine dei lavori. – commenta Santino Cannamela Presidente Confesercenti Città di FirenzeProprio in virtù dell’importanza di questo nuovo servizio per l’intera cittadinanza, erano presenti all’inaugurazione numerosi commercianti e piccoli imprenditori che hanno vissuto in prima persona tutta la fase dei lavori della tramviaCon la linea ‘Leonardo T1’ si vanno a collegare due luoghi strategici della nostra città: l’ospedale di Careggi e Scandicci, un importante realtà all’interno della Città Metropolitana. – continua Cannamela – Grazie a questo nuovo collegamento, la città diventa maggiormente fruibile; tutti noi dobbiamo essere in grado di sfruttare al meglio le opportunità di questo servizio, sia in un’ottica commerciale che turisticaIl commercio vuole essere e sarà protagonista di questa nuova e positiva stagione per Firenze; nelle vie e piazze lungo il percorso della nuova linea della tramvia, organizzeremo eventi ed iniziative per far conoscere e promuovere l’uso di questa. – conclude Cannamela – Dopo tanti anni di sacrifici e sofferenze a causa dei lavori che hanno messo a dura prova tanti imprenditori, possiamo dirci soddisfatti dei risultati ottenuti. Auspichiamo naturalmente la rapida conclusione dei lavori, anche, per la linea 2”.

Per informazioni dettagliate www.cambianoitempi.ataf.net e per qualsiasi dubbio potete contattare il call center di ATAF 800-424500 da fisso, 199-104245 da cellulare.

Redazione Nove da Firenze