Rubrica — Spettacolo

Musica: ancora rassegne estive in Toscana

A Firenze dal 1 al9 settembre 2018 il Festival Internazionale di musica rinascimentale. La VIII edizione del Livorno Music Festival dal 22 agosto al 7 settembre. Mercoledì e venerdì tornano le “Cartoline Liriche” a Seravezza. Fino al 26 agosto a San Quirico d’Orcia


L’Associazione L’Homme Armé, attiva da 35 anni e che da oltre venti organizza rassegne dedicate alla musica antica, dal 1 al 9 settembre 2018 dà vita alla seconda edizione di «FloReMus. Rinascimento Musicale di Firenze». La manifestazione, che si svolgerà in concomitanza con la II edizione del Corso Internazionale di Musica Rinascimentale di Firenze, tenuto sempre da L’Homme Armé (presso i locali della Scuola di Musica di Fiesole), colma una lacuna sul territorio fiorentino, dato che Firenze, oltre a essere notoriamente la culla del Rinascimento pittorico ed architettonico, è stata un importantissimo laboratorio dei principali indirizzi musicali del Rinascimento e non solo. La seconda edizione del Festival sarà incentrata sul repertorio musicale coevo del passaggio dalla terza Repubblica fiorentina alla creazione del Granducato. Saranno presentate opere particolarmente significative della musica europea di quel periodo, tra le quali: “Tua est potentia” un programma dedicato al codice Medici, il codice musicale che papa Leone X, Giovanni de’ Medici, fece preparare nel per le nozze del nipote Lorenzo Duca d’Urbino con Madeleine de la Tour d’Auvergne 1518; “Il banchetto di Bacco e Cupido” dedicato alle svariate forme della chanson francese del tempo; “Musica invictissima”, un programma incentrato sulle raffinatezze musicali della corte degli Asburgo. Oltre a L’Homme Armé, parteciperanno alcuni fra i più famosi e ricercati gruppi europei: l’Ensemble Janequin (Francia), che festeggerà a Firenze i quarant’anni di attività, l’Ensemble Cinquecento (Germania, ma composto da sei cantanti professionisti provenienti da cinque Paesi europei), l’ensemble La Pifarescha, oltre al virtuoso del cornetto Andrea Inghisciano.I concerti del Festival saranno integrati da incontri a carattere divulgativo (spesso conferenze-spettacolo) volti a formare-informare il pubblico degli appassionati. Sullo stesso periodo storico verteranno le lezioni del corso parallelamente tenuto da L’Homme Armé alla Scuola di Musica di Fiesole. I concerti si terranno in luoghi della città significativi del Rinascimento fiorentino: il Museo di San Marco (Piazza San Marco) e il Museo degli Innocenti (Piazza SS. Annunziata); alcuni saranno all’Auditorium di Sant’Apollonia, che pure è ricavato nella chiesa di un ex-convento tre-quattrocentesco, il cui cenacolo conserva un magnifico affresco di Andrea del Castagno. Ci saranno ospiti internazionali, tra i quali l'Ensemble Janequin e l'Ensemble Cinquecento oltre, naturalmente, all’ensemble L’Homme Armé, che nella sua lunga carriera ha dedicato una costante attenzione al repertorio fiorentino dal Trecento al primo Seicento. I concerti si alterneranno con una serie di conversazioni, non di rado conversazioni-spettacolo (con la presenza di un musicista), affidate a studiosi tanto competenti quanto comunicativi che, con una taglio da alta divulgazione, faranno conoscere meglio quella parte di storia musicale, ignota ai più, che una radicata visione storico-estetica italiana ha tenuto in disparte rispetto al vasto panorama della storia dell’arte. Queste saranno alla Biblioteca delle Oblate, nella Sala Sibilla Aleramo. Il Corso Internazionale di Musica Rinascimentale sfocerà il 9 settembre in concerti finali a ingresso libero alla Villa Medicea della Petraia.

BIGLIETTI: nei luoghi dei concerti un’ora prima dello spettacolo per i concerti serali del 2, 3, 5, 6, 8 e 10 settembre (biglietto intero euro 18, ridotto euro 12); biglietto per corsisti euro 5. I biglietti prenotati, data la capienza limitata degli spazi, vanno ritirati 30 minuti prima dell’inizio dei concerti. I concerti pomeridiani di domenica 10 sono a ingresso gratuito. Le conversazioni dei giorni 4, 7, 8 e 9 sono tutte a ingresso gratuito. Informazioni e prenotazioni: tel. 055/695000/3396757446 informazioni@hommearme.it

19 concerti ed eventi si svolgeranno dal 22 agosto al 7 settembre a Livorno. 14 i concerti serali a prezzi popolari, cinque i concerti pomeridiani a ingresso gratuito al Palazzo Gherardesca. Nove saranno i luoghi che vedranno protagonisti 31 artisti di fama internazionale e 48 giovani talenti selezionati. A fare da palcoscenico ci saranno il Mercato Centrale, dove gli eventi quest’anno raddoppiano, il Grand Hotel Palazzo, la Villa del Presidente, la Fortezza Vecchia, il Museo di Storia Naturale, il Museo Piaggio di Pontedera, la Palazzo Gherardesca. Si aggiungono per la prima volta a questi, la splendida biblioteca dei Bottini dell’Olio e il Cisternino di Città. Si inizia mercoledì 22 agosto al Mercato Centrale con un mondo di suoni e di voci senza confini per la straordinaria cantante Cristina Zavalloni e il pianoforte di Andrea Rebaudengo, in un viaggio attraverso le mille strade intraprese dalla vocalità nella canzone del Novecento. E forse proprio il viaggio e la musica dal mondo sono un po’ il filo conduttore di questa ottava edizione. Il pianista Daniel Rivera, due giovanissimi pianisti e i danzatori del duo AmableTango, ci porteranno in Argentina, con il tango e le altre danze di questo straordinario Paese; andremo in Spagna con la chitarra di Andrea Dieci e la celebre Ritirata di Madrid di Boccherini, in Russia con le musiche di Rachmaninov eseguite dal duo composto dalla violista Anna Serova e il pianista Filippo Faes con un concerto dedicato alla Nostalgia per il mondo dorato dell’aristocrazia zarista che sarà spazzato via dalla Rivoluzione di Ottobre. Andremo in Brasile con le canzoni dei più importanti autori dai primi del Novecento ad oggi; in Germania con tre grandi Classici: Mendelssohn, Schumann e Beethoven con il capolavoro del Trio in si bemolle maggiore; in Azerbaijan, con un concerto dedicato a Kara Karaev, nel centenario della nascita, compositore, insegnante, studioso di tradizioni popolari e massima autorità della musica Azera, esponente emblematico del panorama musicale del suo Paese. Mario Marzi, Valerio Barbieri e la Saxophone Voice, orchestra di sax composta dai giovani musicisti selezionati dal Livorno Music Festival, condurranno il pubblico in un entusiasmante viaggio all'interno della storia della musica con un programma ricco di arrangiamenti e trascrizioni realizzate in chiave jazzistico-improvvisativa camminando lungo i segreti percorsi della Fortezza Vecchia per una conclusione sul grande palco. Un omaggio a Livorno con un programma che ci racconterà il suo ruolo di Città Storica delle Nazioni attraverso le sonorità proprie delle varie Nazioni che storicamente ne hanno costituito il fulcro economico e sociale. Ospiti di questa edizione anche Alexander Romanovsky pianista affascinante e sottile che eseguirà, per la prima volta a Livorno, alcuni dei maggiori capolavori di Chopin e di Liszt, due grandi della letteratura pianistica dell’Ottocento Europeo; Mario Caroli, flautista eclettico e virtuoso, con le famosissime Folies d’Espagne di Marin Marais per un programma vario che si conclude con il quartetto op.47 di Schumann eseguito dal Quartetto Klimt, presente anche nel concerto del 2 settembre insieme a 7 giovani talenti del LMF con un programma di rarità cameristiche tra cui il bellissimo e schumanniano quintetto di Reinecke; Marco Rizzi, violinista particolarmente apprezzato per la qualità, la forza e la profondità delle sue interpretazioni insieme al violino di un giovanissimo talento del LMF, a Vittorio Ceccanti e al contrabbasso di Alberto Bocini con le Sonate a Quattro per due violini, violoncello e contrabbasso, scritte da un Rossini appena dodicenne. Evento speciale quello che si svolgerà al Cisternino di Città dove verrà proiettato, in collaborazione con la Cineteca Nazionale, il Pinocchio del 1911, il primo tratto dal libro di Collodi, con una colonna sonora scritta appositamente dai giovani compositori del Festival ed eseguita dal vivo. Anche quest’anno saranno disponibili pacchetti speciali per cui sarà possibile: prima del concerto al Museo di Storia Naturale, visitare le sale del Muso stesso; ai Bottini dell’Olio, visitare le sale espositive del museo con ingresso ridotto come da tariffario e alla Fondazione Piaggio, visitare le nuove sale del Museo Piaggio, la mostra Centomani una città per tutti di Aleandro Roncarà e la degustazione di un gelato artigianale. Inoltre, dopo il successo dello scorso anno, sono confermati i pacchetti con aperitivo per i concerti in Fortezza Vecchia e al Mercato Centrale “Alle Vettovaglie”.

Terza stagione per le “Cartoline Liriche”, i concerti estivi promossi dal Comune di Seravezza e dalla Fondazione Terre Medicee in collaborazione con il Teatro dei Giglio di Lucca. L’iniziativa, avviata nel 2016 per volontà del sindaco Riccardo Tarabella con l’intento di interpretare attraverso l’arte le molte anime del territorio, per promuoverlo e valorizzarlo nelle sue bellezze e nelle sue peculiarità, propone come di consueto due appuntamenti, entrambi in questo mese di agosto: mercoledì 22 in piazza Europa a Ripa e venerdì 24 in piazza Pertini a Querceta. Le serate, con inizio alle ore 21:15, sono ad ingresso libero. Prevista una raccolta di offerte destinate a finalità benefiche. Quello di mercoledì 22 agosto a Ripa sarà un recital di arie, duetti e concertati tratti dalla Tosca di Giacomo Puccini. Ad esibirsi con l’accompagnamento al pianoforte del Maestro Massimo Morelli saranno Marina Gubareva nel ruolo di Floria Tosca, Samuele Simoncini in quello di Mario Cavaradossi e Ricardo Crampton nei panni di Scarpia. Il programma di venerdì 24 agosto a Querceta contempla invece una selezione di arie da la Bohème, sempre di Puccini. Ad esibirsi saranno nell’occasione Lona Mohr Villadsen Beccau (Mimì), Hyo-Ju Mariella Kim (Musetta), Tiziano Barontini (Rodolfo) e Byoungjin Lee (Marcello). Maestro concertatore e pianista sarà ancora Massimo Morelli.

Ultima settimana di appuntamenti con Paesaggi Musicali Toscani la rassegna di musica classica organizzata da Comune di San Quirico d'Orcia con il patrocinio della Regione Toscana in collaborazione con l'associazione culturale "Musica Insieme" e in programma a San Quirico d’Orcia (Si) fino al 26 agosto. La pianista Gloria Campaner, pluripremiata e affascinante virtuosa di fama internazionale sarà protagonista (martedì 21 agosto ore 21.15 San Quirico a Palazzo Chigi) mentre mercoledì 22 agosto doppio appuntamento alle ore 17.00 a San Quirico nel Teatrino di Palazzo Chigi con I Bassifondi Alfabeto Falso e alle ore 21.15 a Palazzo Chigi I Solisti di Milano Classica e Choi Tung Yeung al violino solista sulle musiche di Schubert Saint-Saëns. Giovedì 23 agosto ore 6.00 San Quirico Chiesa di Vitaleta Gli Otto Violoncelli di Torino con Max Tan violino solista nel Concerto all’alba su musiche di Williams, Bach, Vivaldi, Verdi, Bartok, Villa-Lobos, Murgia. Giovedì 23 agosto ore 21.15 San Quirico Palazzo Chigi Weiyin Chen al pianoforte e Ania Filochowska al violino su musiche di Mozart, Bolcom, Beethoven, Wienawski. Venerdì 24 agosto ore 18.00 a Castelmuzio (Santo Stefano in Cennano) Apollo’s Fire in concerto su musiche di Pachelbel, Bach, Telemann. Il concerto dedicato alla memoria di David Bellugi è invece in programma con La follia Barocca, Enrico Casazza al violino, Marcello Scandelli al violoncello, Lenka Molcanyiova al flauto dolce (sabato 25 agosto ore 21.15 Chiesa Collegiata). A chiudere l’edizione 2018 sarà domenica 26 agosto ore 18 a Palazzo Chigi di San Quirico d’Orcia Aizuri String Quartet con Ariana Kim e Miho Saegusa violini, Ayane Kosaza viola, Karen Ouzuonian violoncello.

Redazione Nove da Firenze