Rubrica — Editoria Toscana

Fenysia: l'opposizione chiede le dimissioni della presidente del Gabinetto Viesseux

Grassi: “Intrecci tra associazione, politica e nomine. Un legame a doppio filo con Nardella”


“Il Gabinetto Viesseux presieduto da Alba Donati ha patrocinato l'associazione Fenysia fondata e guidata sempre da Alba Donati. Poco importa che sia un'associazione culturale e non una società per azioni. E' un atto grave e ne chiediamo le dimissioni. E lo facciamo perché è venuta meno la correttezza e trasparenza della presidente con questa iniziativa. Oggi le non risposte dell'amministrazione non sono altro che rivelatrici di una situazione imbarazzante”. Così Tommaso Grassi, capogruppo di Firenze riparte a sinistra, tuona in Consiglio comunale. E attacca: “Essere al vertice di un'istituzione culturale comunale e fondare durante il mandato un'associazione che trae benefici di immagine dal ruolo e dai contatti che derivano dal suo ruolo è inaccettabile. Ha anche svolto la conferenza stampa di presentazione con la presenza del sindaco in Palazzo Vecchio, ospitata dal Comune, il cui patrocinio compare ripetutamente sul materiale dell'associazione Fenysia, anche in quelli eventi di cui oggi viene detto non essere mai stato rilasciato. Perché non è stato richiesto un canone e rimborso spese all'associazione Fenysia come a chiunque richieda la possibilità di organizzare un'iniziativa di questo tipo?” "Che dire poi del patrocinio dell'asp Montedomini e dell'accordo che avrebbe consentito dal gennaio 2018 a due ospiti delle strutture dell'azienda servizi alla persona di partecipare ai corsi dell'associazione Fenysia? Oggi, dopo oltre un anno, la risposta dell'assessore Gianassi ammette che non sia mai stato indicato alcun over 65 anni da far partecipare ai corsi. Quale interesse pubblico ha avuto nel concedere un patrocinio e fare un accordo che non ha portato in più di un anno alcun risultato?" “Oggi siamo costretti a chiederne le dimissioni e a rispondere di quanto accaduto. La responsabilità politica di Nardella è palese. I due fondatori dell'associazione Fenysia erano candidati in sostegno del sindaco alle elezioni amministrative 2014: chi li ha candidati nelle proprie liste, ne ha nominata una nelle istituzioni e che non ha avuto alcunché da dire quando hanno confuso i due ruoli ricoperti non può ritenersi privo di responsabilità”. 

La scuola di Linguaggi della Cultura Fenysia 

Nata da un’idea di Alba Donati, poetessa e presidente del Gabinetto Vieusseux, e diretta con Pierpaolo Orlando, Scuola Fenysia è la prima scuola di linguaggi dedicata alla cultura. Scuola Fenysia, fondata a Firenze nel 2017, con sede in Palazzo Pucci, organizza corsi bimestrali e trimestrali sui linguaggi delle diverse discipline culturali: arte, cinema, narrazione, musica, giornalismo culturale, editoria e comunicazione, traduzione di testi letterari. Scuola Fenysia si avvale del patrocinio del MiBact, del Comune di Firenze, del Gabinetto Vieusseux e di Montedomini e dell’importante contributo della Fondazione CR Firenze finalizzato ad offrire borse di studio per studenti meritevoli e in difficoltà economiche, con il progetto ‘Fenysia City Art’, festival organizzato direttamente da giovani tra i 18 e i 28 anni sul tema del racconto della città di Firenze.

La fondatrice della scuola, Alba Donati vive tra Firenze e Lucignana. Ha pubblicato: La Repubblica contadina (1997, Premio Mondello Opera Prima e Premio Sibilla Aleramo), Non in mio nome (2004, Premio Diego Valeri, Premio Cassola), Idillio con cagnolino (2013, Premio Dessì, Premio Ceppo). Ha tradotto con Fausta Garavini le poesie di Michel Houellebecq Configurazioni dell’ultima riva (2015). Ha curato Poeti e scrittori contro la pena di morte (2001) e, insieme a Paolo Fabrizio Iacuzzi, Il Dizionario della libertà.

Redazione Nove da Firenze