Nuova influenza: un caso sospetto ad Arezzo.
Il maiale non fa male: grigliata di carne suina toscana a Ruralia


Firenze- Un caso sospetto di nuova influenza ad Arezzo. Positivi i primi esami fatti a Siena, in serata ci saranno i risultati degli accertamenti sul campione inviato, come prevede la prassi, all'Istituto Superiore di Sanità. Ad oggi in Toscana sono 36 i casi sospetti, due dei quali sono risultati positivi al virus. Si tratta di un uomo di 32 anni, tornato il 4 maggio da New York, e che dopo tre giorni ha accusato una lieve sintomatologia influenzale (mal di gola, raffreddore). Nei giorni successivi, a seguito di un rialzo febbrile e disturbi di natura gastroenterica, si è presentato all'ospedale aretino, dove sono stati eseguiti i primi accertamenti. Dai primi esami, eseguiti dall'azienda ospedaliera di Siena, il tampone è risultato positivo per influenza di tipo A, ma questo non significa che ci troviamo di fronte a un caso conclamato. Spetterà ora all'Istituto Superiore d i Sanità - unica struttura deputata all'accertamento finale - chiarire se si tratta di comune influenza stagionale (che è ancora in circolazione) o di nuova influenza A/H1N1. I risultati degli esami dell'ISS sono attesi in serata. Il giovane aretino, ricoverato in osservazione nel reparto di malattie infettive dell'ospedale San Donato di Arezzo, ha già iniziato una terapia specifica e le sue condizioni generali di salute sono buone. Anche i familiari conviventi con lui hanno iniziato, sempre a scopo precauzionale, la profilassi; anche loro stanno tutti bene. Ad oggi, in seguito alla sorveglianza effettuata dai servizi territoriali delle Asl, sono stati segnalati in Toscana 36 casi sospetti di nuova influenza. Di questi, 32 sono risultati negativi, 2 positivi al nuovo virus A/H1N1 (segnalati da Massa e Firenze), 1 aveva contratto un'influenza di tipo stagionale (con un ceppo virale di vecchio tipo) ed 1 - quello appunto segnalato dalla Asl 8 di Ar ezzo - è ancora in corso di accertamento.
Torna da venerdì 22 fino a domenica 24 maggio Ruralia: la festa dell’agricoltura che si svolge nel Parco mediceo di Pratolino, promossa e organizzata dalla Provincia di Firenze. La rassegna agricola, arrivata quest’anno alla tredicesima edizione, è un’occasione per concentrare conoscenza e innovazione, sostenibilità ambientale e cura del paesaggio, tradizione e cultura, per condividere temi ed esperienze che si sviluppano nell’ambito rurale. Una tre giorni che offrirà quest’anno molte novità. Prima tra tutte, l’appuntamento con “Il maiale non fa male”, una ricca e golosa grigliata di carne suina toscana a cui potrà partecipare chiunque lo vorrà. Un’occasione per mangiare all’aria aperta e in compagnia e per scongiurare le recenti paure dell’“influenza suina”, gustando uno dei prodotti più succulenti della tavola fiorentina. L’edizione 2009 di Ruralia si rivolge in particolare agli studenti del territorio con le visite guidate e gratuite all’interno del Parco. Tre itinerari (il percorso Appennino, il percorso Montili e il percorso Acqua), in calendario nelle mattine di venerdì 22 e sabato 23 maggio, per scoprire le bellezze di Pratolino: dall’Appennino del Giambologna alla Grotta di Cupido, dalla Cappella del Buontalenti al Viale degli Zampilli, dal Casino di Montili alla Scalinata a Mezzogiorno della originaria Villa Medicea. Altro appuntamento molto atteso è il “Farmer’s market”, a cura di Coldiretti e Cia: un mercato a “chilometro zero” di prodotti tipici delle campagne di Firenze. E ancora, spazio alla promozione delle buone pratiche ambientali. Grazie alla collaborazione con Ataf, Federcaccia, Arcicaccia e Italcaccia, chi si recherà a Villa Demidoff con i mezzi pubblici avrà diritto ad un primo piatto gratuito allo stand dei cacciatori. Nel corso di Ruralia, anche stand a cura di Enel, che spiegherà ai bambini l’importanza dell’energia alternativa grazie al prototipo del “Diamante” in via di installazione proprio nel parco di Pratolino. Per gli addetti ai lavori e per i cittadini sono previsti anche momenti di studio e dibattito: in particolare con i convegni “Oltre un secolo insieme: la risposta dell’agricoltura alle sfide della crisi economiche” (venerdì 22 maggio, ore 15/17 – Sala Rossa), “Agroenergie: opportunità e sfide per i territori rurali” (sabato 23 maggio, ore 9/12.30 – Sala Rossa) e ” Obiettivo biodiversità: studio e tutela della biodiversità in Provincia di Firenze” (sabato 23 maggio, ore 10/13 e domenica 24 maggio, ore 10/13 – Sala Rossa). Ruralia è un appuntamento atteso anche da famiglie e bambini, che sanno di poter contare sulla ricchezza e la curiosità degli eventi espositivi, educativi, ludici e gastronomici. Un vero festival del mondo rurale, dove le associazioni di categoria, allevatori, agricoltori, cacciatori e pescatori, insieme a rappresentanti delle istituzioni e della società civile, si confrontano sui temi dell’ambiente e del mondo agricolo fiorentino, alla ribalta di una vetrina aperta ai visitatori professionali e al grande pubblico.

Redazione Nove da Firenze