XXV Firenze Marathon: numeri e curiosita'


Novemila atleti iscritti, 60 nazioni rappresentate. La Firenze Marathon dei record è ai blocchi di partenza con il suo carico di storie e personaggi che domenica mattina, 30 novembre, alle 9,18 prenderanno via da piazzale Michelangelo. Un grande evento di sport che coinvolgerà la città, attraversata dal colorato e allegro serpentone degli atleti, arricchito dalla Ginky Family Run, la manifestazione non competitiva di solidarietà per bambini, ragazzi e famiglie che prenderà il via alle 9,30 da piazza Santa Croce per concludersi, dopo due chilometri corsi nel centro storico, ai piedi del sagrato della chiesa.
STORIE E PERSONAGGI
Non mancano i personaggi e le storie in questa XXV edizione della Firenze Marathon. Al via domenica mattina ci saranno, fra gli altri, l’attrice inglese Phoebe Thomas, 25 anni, capelli rossi e carnagione chiara, famosissima oltremanica per i ruoli interpretati nelle fiction “Night and Day”, “Family Affairs” e “Holby City” e protagonista nel 2008 di un film di produzione indipendente, ispirato al libro “Lady Godiva” e diretto da Vicky Jewson. La bella attrice britannica, che ha scelto Firenze per il fascino della città, non è nuova a imprese sportive, avendo corso nel 2007 la Race for Life e nel 2008 la maratona di Londra, legando il suo nome a iniziative di solidarietà. In gara anche imprenditori e politici, come Andrea Benetton, 38enne esponente della dinastia veneta, attuale amministratore unico di Cirio Agricola e consigliere di Maccarese, Luca Valotta, presidente e direttore generale di Virgin Italia, Carmelo Alberto D’Addese, assessore allo sport del Comune di Carpi, e Nino Capriotto, assessore allo Sport della Provincia di Ascoli Piceno. Piccola sorpresa per i tifosi viola, con l’esordio in maratona di Niccolò Prandelli, 24 anni, fresco di laurea in Scienze Motorie, figlio di Cesare, allenatore della Fiorentina. Al via anche diversi giornalisti, fra cui Benedetto Ferrara, inviato dello sport di Repubblica, e Antonio Ruzzo del Giornale. Impresa storica per William Govi, emiliano 53enne, che si appresta a vivere la sua 25^ Firenze Marathon. Non ne ha mai persa una, lui che è arrivato alla sua 698^ maratona, a cui vanno aggiunte anche 19 ultramaratone, fra cui 10 presenze al Passatore e 5 alla Pistoia-Abetone, e che nella sua carriera di podista stima di aver già corso più di 135mila chilometri in giro per il mondo. Festeggerà le 100 maratone, invece, Bent Baisgard, 49 anni, giunto dalla Danimarca con un allegro gruppo di amici. Esordio sulla lunga distanza per Mattia Ganucci e Sonia Sherpa, i più giovani in gara, con 18 anni appena compiuti, mentre la palma dell’atleta più esperto spetta a Ennio Tassani, che di anni ne ha 81, e alla francese Marianne Mengin, di 72. Testimonial della Ginky Family Run sarà Igor Cassina, ginnasta azzurro, oro alla sbarra a Atene 2004, che sarà allo stand del Frantoio Santa Tea al Marathon Expò sabato dalle 16 alle 17 e domenica mattina in piazza Santa Croce, per accompagnare i partecipanti alla corsa di solidarietà.
MARATHONABILE INTERNAZIONALE
Sono una cinquantina gli atleti diversamente abili che prenderanno il via nella IV edizione del Marathonabile, organizzato dalla Firenze Marathon e dal Gs Unità spinale di Firenze, in collaborazione il Comune e la Provincia di Firenze, valido come Trofeo Giuliano Vignozzi. Grande favorito fra le handy bike l’altoatesino Roland Ruepp, 43 anni, tre medaglie alle Olimpiadi invernali di Salt Lake City, oro nella 5 e 10 km di fondo e argento nel biathlon, e una a Nagano, sui 10 km, già vincitore lo scorso anno a Firenze e trionfatore nel 2003, 2004 e 2007 a Roma. A contendergli la vittoria il polacco Bogdan Krol, 52 anni, vincitore a New York nel 2003 e già quattro volte primo a Firenze. Fra le donne, favortite la polacca Monika Pudlis, prima a Treviso quest’anno e seconda a Roma nel 2007 e a New York nel 2006, la friulana Rosanna Menazzi, prima a Treviso nel 2007 e seconda nel 2008, nona a Berlino lo scorso anno. In gara anche Raffaella Congiu, 53 anni, recente vincitrice della Roma-Ostia, che ha ricevuto pochi mesi fa anche il Premio Donna del XIII Municipio di Roma per essersi distinta nei campi delle arti, della cultura e del sociale. Al via anche un vero e proprio simbolo dello sport paralimpico azzurro, come il sessantaduenne trevigiano Carlo Durante, atleta non vedente che aveva annunciato il ritiro dopo l’ultima maratona di Venezia e invece ha deciso di ripensarci per essere anche a Firenze. Nel suo palmares la medaglia d'oro alle Paraolimpiadi di Barcellona nel '92, quella d'argento ad Atlanta nel '96 e quella di bronzo a Sidney nel 2000 (2h48''45'); la settima piazza ad Atene 2004; la medaglia d'oro su maratona ai Campionati del Mondo a Berlino nel '94 e il quarto posto ai Campionati Mondiali in Giappone nel '98, solo per citarne alcuni, e sempre un grande impegno nel sociale. MARATHON EXPÒ AL VIA Apre i battenti, domani alle 9,30, il Marathon Expò, mostra-mercato e centro accoglienza atleti. La struttura sarà aperta nei due giorni precedenti l’evento, venerdì 28 e sabato 29 novembre (orario 9,30-20 – ingresso libero), e proporrà uno spazio di oltre 4 mila metri, nell’area indoor del nuovo stadio di atletica ‘Luigi Ridolfi e nel centro sportivo ‘Gen. Barbasetti di Prun’ (ingresso da viale Malta 10), con più di settanta stand con il meglio dei prodotti per chi fa sport e tante iniziative rivolte ai maratoneti e ai loro accompagnatori. All’Epò saranno presenti anche le associazioni di volontariato che partecipano alla Ginky Family Run e che saranno presentate ufficialmente alle 18. Sabato alle 12 la consegna dei pettorali ai top runner e alle 15,30 la loro presentazione ufficiale.
TAMBURI GIAPPONESI E BANDA DEI CARABINIERI
A dare un ulteriore tocco di internazionalità alla Firenze Marathon, sarà quest’anno anche la presenza di uno dei gruppi italiani che meglio rappresenta la tradizione dei tamburi giapponesi, i Taiko KyoShinDo, formazione che segue lo stile Mitsuuchi, insegnamento proposto dal Maestro Kurumaya Masaaki che è caratterizzato dall'improvvisazione personale, unendo alla potenza dinamica tipica del Taiko (il nome del tamburo giapponese) gli spunti creativi di ogni singolo esecutore. Il gruppo sarà ad accompagnare il passaggio dei maratoneti sul viale Lincoln alle Cascine. Protagonista sul Lungarno Pecori Giraldi e poi in piazza Santa Croce, sarà invece la Banda Marescialli e Brigadieri dei Carabinieri che accoglierà gli atleti a suon di marce trionfali prima dell’arrivo.
REGIONI E PROFESSIONI
Tanti gli italiani in gara, con la Toscana che resta la regione più rappresentata con Toscana: 1782 atleti, di cui 920 fiorentini, seguita da Lombardia 825, Lazio 551, Emilia Romagna 547, Veneto 415, Campania 404, Puglia, 337, Piemonte 221, Umbria 168, Marche 147, Sardegna 147, Abruzzo 132, Friuli Inezia Giulia103, Trentino Alto Adige 102, Liguria 101, Sicilia 75, Basilicata 61, Calabria 23, Molise 20, Valle D'aosta 11. Fra le professioni primeggiano sempre gli impiegati che sono ben 1798, seguiti da operai 604, liberi professionisti 457, ingegneri 344, imprenditori 342, medici 327, dirigenti 301, commercianti 267, pensionati 257, artigiani 239, insegnanti 206, bancari190, forze dell'ordine 186, studenti 164 e avvocati 156.
I NUMERI DELLA FIRENZE MARATHON
25 le edizioni della gara, 1.700 volontari sul tracciato, 196 volontari per il servizio sanitario, 200 agenti della Polizia municipale operativi sul tracciato, 10 medici, 8 nelle postazioni fisse e 2 in moto sul percorso , 2 mezzi della Misericordia di Lastra a Signa per i servizi ai diversamente abili in gara, 10 punti di ristoro, 7 punti di spugnaggio, 8 controlli cronometrici lungo il percorso, 1.850 kg di banane ai ristori e 1.500 kg di arance 400 kg di mele 250 kg di limoni 23 mila crostatine, 15 mila barrette energetiche 67 kg di zucchero in bustine da 5 grammi, 4 mila litri di tè, 75 mila bottigliette d’acqua, 6 mila litri di integratori salini, 60 mila spugne, 37 pacer in gara, 8.500 metri di transenne, 25 moto al seguito della gara per servizio, operatori Tv e fotografi, 70 stand presenti al Marathon Expò

Redazione Nove da Firenze