Notte bianca: domani sera centro storico pedonalizzato e ztl notturna dalle 19.30

Dodici ore no stop, dalle 18 alle 6 dell’indomani mattina. Trasporto pubblico in funzione tutta la notte. Quadrifoglio: intervento di pulizia delle piazze interessate. Installazione per il Cortile di Palazzo Strozzi. Histoire du Soldat all'Institut francais. L'aperitivo fa bene alla ricerca. I bambini in piazza santissima Annunziata. La Notte di Misericordia e CGIL


VIDEO — L’attesa sta per finire. Tra meno di 24 ore spettacoli, musica e tanti eventi culturali animeranno le vie e le piazze di Firenze, per dare inizio alla quinta edizione della Notte Bianca. Un appuntamento divenuto ormai classico per la città, che a partire dal pomeriggio di mercoledì 30 aprile si trasformerà in un grande palcoscenico a cielo aperto, convogliando i partecipanti attraverso ogni forma d’arte. Tante le novità di questa edizione 2014 che vedrà, oltre alla realizzazione di eventi di straordinaria portata, anche una particolare attenzione dedicata alla periferia e, nello specifico, ai luoghi meno “convenzionali”. Per la prima volta nella storia della Notte Bianca di Firenze, infatti, è stato deciso di coinvolgere anche gli ospedali, dove a partire dalle prime ore del pomeriggio si svolgeranno, in una sorta di “preview”, una serie di eventi e concerti. All’ospedale pediatrico Meyer, a partire dalle 15, sarà allestito il concerto di Teotronico - il robot musicista, che dalle 21,30 suonerà alla Loggia del Porcellino - e di Alessandra Ammara, mentre nell’aula magna di Careggi si esibirà il pianista Sandro Ivo Bartoli (ore 16,30). L’inizio ufficiale della kermesse è però fissato alle 18, nella suggestiva cornice del Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio, dove il vicesindaco “reggente”, Dario Nardella darà il benvenuto e il via alla Notte Bianca 2014, accompagnato dal direttore artistico Gianluca Balestra e dall’architetto Stefano Boeri, che terrà la Lectio Magistralis “La città. Natura e artificio”, dedicata al rapporto tra architettura, paesaggio ed agglomerato urbano, con la collaborazione dell’Osservatorio sull’Architettura di Firenze diretto da Pino Brugellis. Alle 21 seguirà il concerto “Toccare la musica”, del pianista Danilo Rea con interventi di Leonardo Diana (danzatore e performer). Purtroppo, per grave indisposizione improvvisa di Silvia Azzoni, la coppia di ballerini dell’Hamburg Ballet Silvia Azzoni e Thiago Bordin non potrà essere presente all’evento Body as living architecture, previsto alle 22. È invece confermata, la presenza di Paul Dennis (già Limon Dance Company). L’artista parteciperà, insieme a Giancarlo Cauteruccio, anche alla Lectio Magistralis, con un intervento sul rapporto tra il corpo e lo spazio e anticiperà la sua performance alle 19,15, a chiusura della Lectio. Sempre in Palazzo Vecchio, nel cortile della dogana, prenderà il via dalle 19 “MyFace4aBook”, progetto multimediale che porterà alla presentazione di un video, dedicato alla Notte Bianca, dove i protagonisti saranno giovani ragazzi tra i 14 e i 25 anni, che hanno partecipato ad un casting curato dalla compagnia “Inquantoteatro” e la collaborazione di Elsinor Teatro Stabile d’Innovazione, Teatro Cantiere Florida e Fondazione Fabbrica Europa. Per tutta la durata della Notte Bianca, sarà inoltre possibile accedere al camminamento di ronda (massimo 30 persone ogni mezz’ora, con prenotazione obbligatoria) e visitare la mostra “Jackson Pollock. La figura della furia”. Il programma è studiato per durare tutta la notte - fino alle 6 del mattino - e vedrà esibirsi artisti di grande spessore, appartenenti sia a realtà artistiche locali, sia a compagnie provenienti da ogni parte d’Europa. Tra i vari eventi proposti (consultabili sul sito www.nottebiancafirenze.it) l’installazione video/laser in piazza della Signoria, curata da Giancarlo Cauteruccio e collegata al debutto del nuovissimo allestimento dell’Eneide di Krypton (dalle 00.00 alle 3.00), il concerto sull’Arno della “Bass Gang”, all’altezza del Ponte Vecchio (ore 19,30), lo spettacolo alla Biblioteca Nazionale (Sala Dante, ore 19) “Giulio Cesare-pezzi staccati” della Socìetas Raffaello Sanzio, o il doppio appuntamento, a San Miniato al Monte (ore 19,45) e alla Pergola (ore 21,45) con “Poesia sulla città” e “Per l’amor dei poeti”, con Gabriele Lavia, Sergio Givone, Angela Torriani Evangelisti, Andrea Ulivi e altri. Tra i tanti concerti in programma, quello alle 23 dell’Electric Guitar Orchestra alle rampe di San Niccolò, o quello in Santo Spirito, alle 22, dove si esibiranno Markus Stockhausen (tromba) e la sua partner Tara Bouman (clarinetto). Da non perdere poi la performance coreografica “David”, delle 23, alla Fondazione Salvatore Romano. Curata da Ayelen Parolin, si tratta di un’esposizione sensibile nell’immobilità e nella posa, e costituisce un viaggio dentro l’uomo attraverso uno dei modelli canonici di virilità: il David di Michelangelo. Quest’anno la direzione artistica della Notte Bianca è stata affidata a Gianluca Balestra, direttore del Teatro Cantiere Florida, in coordinamento con Angela Torriani Evangelisti (Versiliadanza) e Laura Croce (Murmuris Teatro) e la consulenza musicale di Luigi Attademo, mentre l’organizzazione è a cura dell’Associazione Mus.e.


Per consentire lo svolgimento della manifestazione è stata predisposta una serie di provvedimenti di circolazione come la ztl notturna straordinaria estesa, in Oltrarno, fino alla Porta San Frediano, la pedonalizzazione del centro e le modifiche per il trasporto pubblico. Predisposto inoltre un servizio aggiuntivo della Polizia Municipale (oltre 80 vigili).

Ztl notturna dalle 19.30
La maggior parte dei provvedimenti prenderà il via domani alle 19.30, orario in cui scatterà in anticipo nella versione notturna estiva in vigore dal 4 aprile. Ovvero le zone della ztl diurna A e B comprese all’interno dei viali e le ulteriori due aree individuate specificatamente per il provvedimento notturno, ovvero settori F e G: il primo corrisponde grossomodo a San Niccolò fino al viale dei Colli (a partire da piazza Ferrucci), il secondo riguarda l’area tra piazza Piave e piazza Cavalleggeri. Le porte telematiche rimarranno quindi accese per 24 ore, dalle 7.30 di domani alle 7.30 di giovedì. In vigore anche i provvedimenti collaterali alla ztl notturna: l’istituzione del senso unico in viale Poggi (con direzione da via dei Bastioni a viale Galilei), la chiusura parziale della corsia di destra di viale Giovine Italia in prossimità di piazza Piave (prechiusura del varco della ztl presente nella piazza), la chiusura parziale della corsia di canalizzazione di via Duca degli Abruzzi direttrice viale Giovine Italia-via dell’Agnolo (prechiusura dell’accesso ztl di via dell’Agnolo). I provvedimenti della ztl notturna saranno estesi anche in via Lungo le Mura di Santa Rosa, Borgo San Frediano (nel tratto via Pisana-piazza dei Nerli), via Bartolini e piazza Verzaia.

Centro storico pedonale
Sempre alle 19.30 di domani e fino alle 6 di giovedì sarà istituita una grande zona pedonale in centro storico: l’area sarà quella compresa nel perimetro via dei Benci (tratto Ponte alle Grazie-Corso Tintori), Corso Tintori, piazza Cavalleggeri, via Tripoli, via delle Casine, via Ghibellina, via delle Conce, via dell’Agnolo, via Santa Verdiana, piazza Ghiberti, via della Mattonaia, Borgo La Croce (incluso), piazza Sant’Ambrogio (inclusa), via dei Pilastri, via degli Alfani, via della Pergola, via Sant’Egidio, piazza Santa Maria Nuova, via dei Bufalini, via dei Servi (tratto via dei Bufalini-via del Castellaccio), via dei Servi (tratto via del Castellaccio-via Alfani – inclusa), via degli Alfani, via Guelfa, via dei Ginori (inclusa), via Taddea (tratto via dei Ginori-via Rosina – inclusa), via Rosina, piazza del Mercato Centrale, via Santa Chiara, via Nazionale, largo Alinari, piazza Stazione, via Santa Caterina da Siena, via della Scala (tratto via Santa Caterina da Siena-via dell’Albero), via dell’Albero, via Maso Finiguerra, via Melegnano, Ponte Vespucci, via Sant’Onofrio, piazza dei Nerli (inclusa), via di Camaldoli (inclusa), piazza Tasso (inclusa, eccetto le carreggiata di collegamento tra viale Pratolini e viale Petrarca e tra viale Petrarca e via del Campuccio), via del Campuccio, via dei Serragli (tratto via del Campuccio-piazza della Calza), piazza della Calza (eccetto direttrice di collegamento via dei Serragli-Porta Romana), via Romana (inclusa), piazza San Felice (inclusa), piazza Pitti (inclusa), via Guicciardini (inclusa), piazza Santa Felicita (inclusa), via dei Bardi (tratto via Guicciardini-piazza Santa Maria Soprarno – inclusa), piazza Santa Maria Soprarno (inclusa, eccetto carreggiata di collegamento tra lungarno Torrigiani e via dei Bardi), lungarno Torrigiani, Ponte alle Grazie. In deroga sarà consentito il transito ai mezzi di soccorso e delle forze di polizia. All’interno della zona interdetta rimarranno in vigore le discipline delle aree pedonali già in vigore, come quella del Duomo, di piazza Signoria, via di Tornabuoni, di Por Santa Maria e di piazza Pitti.

Trasporto pubblico
Per quanto riguarda il trasporto pubblico, la tramvia viaggerà tutta la notte. Il servizio Ataf sarà potenziato sulle linee 6, 14, 17, 22, 23 e 37 con l’incremento del numero di vetture in circolazione alcune delle quali viaggeranno tutta la notte. Il servizio aggiuntivo sarà effettuato dalle 21 alle 6 (massimo potenziamento previsto tra le 24 e le 4 per consentire il rientro dei partecipanti dalla zona centrale verso l’esterno). Per quanto riguarda il consueto servizio, dalle 20 sono previste deviazioni sia per la pedonalizzazione delle vie interessate dagli eventi sia per il prevedibile notevole afflusso di cittadini che renderà le strade difficilmente percorribili da parte dei bus. Ecco i dettagli delle linee che effettueranno il servizio aggiuntivo:
- linea 6: effettua tutte le corse come 6B (via Soffiano). Non transita da Borgo San Frediano ma viene deviata su Ponte alla Vittoria..
- linea 14: effettua tutte corse come 14A fino al Girone. Viene deviata lungo i viali Amendola, Gramsci, piazza San Marco.
- linea 17: invariata.
- linea 22: limitata alla stazione Santa Maria Novella. Non raggiunge Piazza Santa Maria Maggiore.
- linea 23: da piazza Ferrucci deviata lungo i viali poi piazza San Marco e stazione.
- linea 37: da Porta Romana verso il centro deviata sui viali Petrarca, Aleardi, Sanzio poi Ponte alla Vittoria fino alla stazione Santa Maria Novella. Utilizzerà i viali anche la linea verso il Galluzzo: da via della Scala viale Fratelli Rosselli, Ponte alla Vittoria e viali Sanzio, Aleardi e Petrarca.


Saranno circa un centinaio gli addetti di Quadrifoglio che alle ore 05.00 del 1° maggio inizieranno a spazzare e lavare le piazze cittadine interessate dalla Notte Bianca del 30 aprile. L’organizzazione ricalca quella del Capodanno: con l’ausilio di oltre 60 automezzi (tra spazzatrici, autobotti, compattatori, etc. ) ed interventi mirati manuali, la pulizia sarà effettuata nelle piazze cittadine interessate (S.M. Novella - S. Croce - Signoria - Pitti), lungo le direttrici del Castrum Romano e dell’Oltrarno (San Niccolò), toccando tutti i punti interessati dalle iniziative del programma della Notte Bianca 2014.Il servizio di pulizia a fondo continuerà anche in orario pomeridiano finché le condizioni di pulizia e decoro saranno riportate alla normalità su tutto il territorio comunale.Da ricordare che:- giovedì 1° maggio 2014 sono sospesi tutti i servizi di spazzamento diurno nei 12 comuni serviti;- sempre il 1° maggio 2014 non sarà effettuata la raccolta “porta a porta” dove attiva (niente esposizione del materiale previsto il giovedì), saranno chiuse le Ecostazioni e non sarà presente l’Ecofurgone ai mercati del giovedì a Peretola, Le Cure e San Casciano in Val di Pesa;- a Firenze la sera del primo maggio è sospesa la raccolta carta e cartone utenze domestiche e la notte tra il 1° ed il 2 maggio 2014 è sospeso lo spazzamento notturno delle strade.

Sarà una Notte bianca anche per i bambini grazie a un’“anteprima” d’eccellenza tutta dedicata a loro nel palcoscenico naturale di piazza Santissima Annunziata. Protagonisti i giovani cantanti del Piccolo Coro Melograno: a partire dalle 18, diretti da Laura Bartoli, proporranno un concerto-spettacolo che va da Bach, Haendel e Mozart fino a brani pop e canzoni per l’infanzia in un percorso narrativo adatto ai bambini, ma che piace a tutti. Il Piccolo Coro Melograno si è recentemente fatto conoscere a livello nazionale dopo aver ottenuto il Diploma di eccellenza al primo concorso COROPIU’ ad Arezzo per "l'elevato grado di preparazione tecnica e musicale unita a competenza esecutiva". Ha recentemente conquistato anche il terzo premio al primo festival e concorso nazionale per cori di voci bianche “In…canto Piceno” con il plauso personale della giuria.

Anche la Misericordia di Firenze prende parte alla Notte Bianca 2014 “La Città Continua”, aprendo le porte della propria sede a cittadini e turisti. Il programma della serata prevede l’esibizione a partire dalle 20 di 5 gruppi musicali che si esibiranno sul palco allestito sul sagrato della sede di piazza Duomo. I primi a esibirsi saranno i The Gentle Young, rock band fiorentina nata nel 2011 i cui componenti sono ragazzi under 15 che proporranno brani dei R.E.M., Queen, Deep Purple e Police. Seguiranno i Cross of Paul con il loro repertorio rock-pop contemporaneo. Il terzo concerto rappresenta l’esordio per i Nothing For Breakfast, gruppo nato nel gennaio 2014 e uscito da poco con un mini album di debutto, che per l’occasione proporranno sei brani fra post punk, rock e indie composti dai quattro componenti. Subito dopo salirà sul palco The Art of Music Jazz Ensemble Featuring Achille Succi, un sestetto internazionale di musicisti che studiano jazz a Firenze nel programma The Art of Music prodotto dall'Accademia Europea di Firenze. Chiuderà la serata la Sunrise Orchestra, una delle prime orchestre jazz della Toscana. Contemporaneamente al concerto sarà proiettato sulla facciata della sede un video nel quale sono messi in relazione luoghi e tempi della città in funzione all’identità della Misericordia di Firenze, un progetto di installazione visiva realizzato da Tommaso Cappelletti and Co. dell’ISIA Design di Firenze. Per l’occasione sarà aperto al pubblico anche il Museo dove sarà possibile effettuare visite gratuite, alcuni volontari accompagneranno i visitatori alla scoperta della storia, della tradizione e del patrimonio artistico della Misericordia di Firenze. In più, davanti alla sede sarà allestita un’Isola Formativa, rivolta ai bambini, dove i formatori della Misericordia spiegheranno e simuleranno manovre di pronto soccorso, con l’ausilio di manichini e tavole spinali. Il pubblicò potrà interagire e rivolgere domande ai volontari. La ditta Spencer regalerà dei piccoli gadget che saranno offerti a coloro che si fermeranno all’isola. Saranno inoltre a disposizione i volumi dell’ABC, piccolo manuale di pronto soccorso rivolto ai bambini. In piazza saranno presenti due automobili storiche, un’ambulanza 238 bianca e rossa e 238 Verde. Facendo un’offerta si potrà ritirare un premio: bottiglie di olio, cravatte, pashmine, T-shirt personalizzate Notte Bianca 2014 e libri. Le offerte raccolte nel corso della serata saranno devolute al nostro Servizio di Aiuto Alimentare che sostiene oltre 200 nuclei familiari in città.


In occasione della Notte Bianca fiorentina il Coordinamento Telethon di Firenze organizza un apericena per sostenere la ricerca scientifica a favore della Fondazione Telethon in collaborazione con Harry's Bar. Previste presenze vip, istituzionali e non, nello storico locale fiorentino affacciato sull’Arno. Da oltre 20 anni Telethon sostiene la migliore ricerca scientifica sulle malattie genetiche rare. Sono attualmente 21 le patologie per le quali i ricercatori sono vicini alla cura, mentre una temibile patologia, l’Ada-Scid, è stata già definitivamente sconfitta. È del luglio scorso, invece, la notizia che un altro studio di successo finanziato da Telethon ha arrestato nei pazienti coinvolti nella sperimentazione clinica l’insorgenza di altre due terribili malattie, la leucodistrofia metacromatica e la sindrome di Wiskott-Aldrich.

Per la Notte Bianca il ristorante “Meat Market” in via Sant'Agostino al 23, presenta il concerto dei padovani “Heartbeat”, una delle tribute band più apprezzate in Italia, che propone un tributo ai Beatles, solo dal vivo con le stesse sonorità dei primi anni sessanta, utilizzando strumenti ed amplificatori rigorosamente originali e vintage, tutto in una vibrante ed immediata energia per offrire una performance scenica il più fedele possibile ai Fab Four. Il concerto è gratis.

myFace4aBook, un flusso ininterrotto di interpretazioni, che con il proprio ritmo raccontano una storia fantastica in una città reale, accendendo i riflettori sulla bellezza e la particolarità dei suoi giovani abitanti. MyFace4aBook (durata: 30') sarà visibile al pubblico sugli schermi del Cortile della Dogana e nella Sala Multimediale del Museo di Palazzo Vecchio il 30 aprile dalle 18.00 alle 2.00. inQuanto teatro è un gruppo di artisti basato a Firenze che raccoglie contributi e aspirazioni 

differenti. È composto da Andrea Falcone (drammaturgo), Giacomo Bogani, Floor Robert (attori), Giulia Broggi (video-maker e tecnica) e Julia Lomuto (organizzatrice). La giovane formazione, affacciata dal 2010 sulla scena, ha ottenuto numerosi riconoscimenti, avviando una circuitazione nazionale dei propri spettacoli. Parallelamente inQuanto si dedica alla progettazione di eventi multimediali basati sull'interazione con una comunità artistica allargata, realizzando nella pratica teatrale un'idea di sconfinamento e messa in rete, ampliando il meccanismo di creazione condivisa su cui si basa il quotidiano lavoro del collettivo. Dal 2011 il gruppo è residente nello Spazio K a Prato, accompagnando Kinkaleri nella realizzazione della rassegna e dello spazio web isitmyworld?.



Mercoledì 30 aprile 2014 il Centro di Cultura Contemporanea Strozzina (Fondazione Palazzo Strozzi, Firenze) partecipa alla Notte Bianca di Firenze con la videoinstallazione Standard Time di Mark Formanek che verrà sospesa al centro del cortile di Palazzo Strozzi. Il video presenta uno spazio urbano di periferia in cui settanta operai sono impegnati nella frenetica costruzione di cifre. Senza mai fermarsi costruiscono e smantellano quattro grandi numeri, fatti di aste di legno alte dodici metri, che compongono un orologio che funziona in tempo reale. I numeri cambiano in corrispondenza del passaggio di ogni singolo minuto, creando un compiuto sistema di misurazione temporale, un vero orologio in sincronia con l’effettivo orario del luogo di presentazione dell’opera. Nata in origine come una performance svoltasi in diverse città come Berlino e Rotterdam, Standard Time propone una riflessione sul rapporto dell’uomo con il tempo e con il concetto di produzione. L'attività degli operai diviene l'unità di misura dello scorrere del tempo. La loro azione, che si ripete continuamente secondo una precisa orchestrazione di gruppo, diventa una metafora della vita lavorativa e sociale che caratterizza l'esistenza dell'individuo. L'installazione può essere letta come un'analogia con la nozione stessa di produzione del lavoro, secondo la sua duplice natura: la creazione di qualcosa di nuovo e la contemporanea distruzione di un elemento di partenza. Gli operai sono sempre sul punto di fallire nella loro missione. Se infatti l'indicazione numerica non è pronta al momento giusto, si passa alla successiva. La frenesia del lavoro diviene ansia, sebbene quasi divertita, in chi guarda: il tempo scorre inesorabile e non sappiamo se gli operai riusciranno sempre a compiere il loro lavoro. Standard Time sarà visibile gratuitamente nel cortile di Palazzo Strozzi dalle 17.00 alle 2.00 di mercoledì 30 aprile 2014. In occasione della Notte Bianca, le mostre Questioni di famiglia e Pontormo e Rosso Fiorentino saranno eccezionalmente aperte fino alle 24.00 (chiusura biglietteria ore 23.00) con speciale biglietto congiunto a € 5,00 a partire dalle 19.00.

La battaglia per la Seves e per il cotto fiorentino, e quella per i diritti delle commesse costrette a lavorare durante le festività. Le dimostrazioni pratiche dell'abilità di restauratrici e artigiani. Le mostre, la musica e una fotopetizione per i candidati a sindaco con le richieste per precari a atipici. Tutto questo e molto altro ancora, compresi un rinfresco e un dj set finale, alla Camera del lavoro di Firenze in Borgo Greci in occasione della Notte Bianca, domani 30 aprile, a partire dalle 20. La sede della Cgil fiorentina, alla vigilia delle celebrazioni del Primo maggio, si apre fisicamente e simbolicamente perché, in una sera di festa per Firenze, vuole dare anche uno spaccato del mondo del lavoro che soffre ma lotta per difendersi e reinventarsi. Nome della serata: “Il lavoro non dorme”. I temi: la battaglia per la Seves, la protesta contro i negozi aperti nelle festività, il reinventarsi il lavoro, le lotte dei restauratori per stare a galla in un settore in crisi e quelle dei precari per I propri diritti.

All'esterno della Camera del lavoro, ci sarà uno striscione della Filcams Cgil di Firenze con scritto “La festa non si vende”, con dei volantinaggi contro le aperture dei negozi nelle festività e per pubblicizzare la serata del Primo maggio all'Obihall, dove la Cgil Toscana premierà alcuni personaggi che hanno difeso il lavoro (tra cui Francesco Guccini). Sempre all'ingresso, sarà posto un leggìo sul quale si potrà leggere un libro sulla storia del Primo maggio. All'interno, nell'area del Plas, oltre ad iniziative per la battaglia a difesa del cotto fiorentino ecco lo spazio Seves, la più grande fabbrica fiorentina in crisi: ci sarà un muretto costruito coi famosi vetromattoni (per l'occasione, col giglio disegnato) prodotti, e si potranno firmare (e anche acquistare a offerta libera, in una sottoscrizione per la vertenza) così come uno striscione di solidarietà ai lavoratori. Sempre lì, ci sarà la mostra di quadri di Roger Sepùlveda e una esposizione di un artigiano che lavorava il ferro ed ora si è reinventato nella produzione di orecchini e catenine dalle polveri di pietre. Il Plas ospiterà anche la fotopetizione di Nidil Cgil Firenze, chiamata “Vuoi davvero?”: chi entra può farsi una foto, con tanto di cornice e cartello con le richieste ai candidati a sindaco per i precari e gli atipici (i temi: accesso ai servizi per le madri, sostegno affitto, clausola sociale nei cambi di appalti comunali, accesso al credito, promozione del coworking). Le foto saranno pubblicate in tempo reale sui profili Facebook e Twitter di Cgil Toscana e Cgil Firenze (che assicureranno una diretta per tutti gli eventi). Nel cortile, sarà imbandito un rinfresco per gli ospiti, sono previsti il concerto dei Rabarbaro Trio (swing, jazz con inflessioni di musica popolare), la mostra della Fiom fiorentina sugli operai “Instafiom” e quella dedicata al mondo Lgbt, in vista di un evento il 4 maggio sulle famiglie omogenitoriali. In tutto questo, non mancheranno due restauratrici all'opera, una sulla fontana del cortile e una sul legno, per delle performance dall'elevato livello spettacolare. Durante la serata (che finirà con un dj-set), gli ospiti potranno fare una visita guidata per ammirare le bellezze del palazzo, dagli affreschi alle statue. Presente anche un punto Emergency.

Nicola Novelli