Luci sul '900 a Palazzo Pitti

La Galleria d'arte moderna celebra il centenario della sua fondazione con una mostra sui maestri del Novecento


Dal 28 ottobre 2014 Fino all'8 marzo 2015 nella Galleria d'Arte Moderna di Palazzo Pitti è esposta la raccolta di opere del '900 possedute dal museo.

Le opere esposte provengono in gran parte dai depositi. Nel percorso dell’esposizione, curato da Simonella Condemi e Ettore Spalletti, sono visibili interessanti lavori e capolavori finora inediti, con la speranza che presto avranno uno adeguato spazio permanente.

Attraverso i lavori selezionati per la mostra scorre un secolo, con tutte le idee, i fermenti, gli eventi storici, il fiorire di correnti, evoluzioni pittoriche vissute in stretto contatto con il percorso storico e culturale della città, come radici che diffondono il proprio frutto in un contesto internazionale.

Fu Diego Martelli, nel 1896, critico, attivo nel movimento macchiaiolo, a proporre una Galleria che raccogliesse le opere di importanti protagonisti dell’arte ottocentesca toscana, soprattutto macchiaiola, con la possibilità di essere presentata al pubblico in un percorso unitario ai lavori di artisti contemporanei.

La Galleria dell’Accademia di Firenze, vide la luce, a gennaio 2013, con il Direttore generale del Ministero, Arduino Colasanti, in una prima piccola sezione di spazi dedicati all’arte moderna che traslocò, nel giugno 1924, nell’attuale sede di Palazzo Pitti.

All’inizio le opere di proprietà della Galleria, consistevano soprattutto nei premi Accademici e nelle raccolte lorenesi e sabaude, che già efficacemente illustravano la complessità storica della fondazione museale, evoluta in seguito, attraverso donazioni e acquisti, in quella che è attualmente la raccolta di opere e patrimonio del museo.

Le opere esposte in mostra “Luci del ‘900”, acquistate alle Biennali veneziane tra il 1925 ed il 1945, alla Quadriennale Romana del 1935, e nella Società di Belle Arti di Firenze, ma soprattutto alle Sindacali Toscane, dedicate alla cultura figurativa regionale, presentano i protagonisti dell’arte figurativa italiana del secolo scorso, fra cui Felice Carena, Felice Casorati, Giorgio De Chirico, Filippo De Pisis, Gino Severini, Giuseppe Capogrossi, Guido Peyron, Ottone Rosai, insieme al gruppo del “Novecento toscano” di Baccio Maria Bacci, Giovanni Colacicchi, Oscar Ghiglia, Achille Lega, Ardengo Soffici, Lorenzo Viani, Libero Andreotti, Italo Griselli e altri, che al caffè delle “Giubbe Rosse”, avevano il loro punto di riferimento, rendendo Firenze, negli anni Venti uno dei più vivaci centri culturali italiani.

Le edizioni del “Premio del Fiorino” sono rappresentati dai dipinti di Felice Casorati, Filippo De Pisis, Primo Conti, Fausto Pirandello, Vinicio Berti, Fernando Farulli, Sergio Scatizzi, Corrado Cagli, Alberto Burri e Jasper Jones.

Il percorso della mostra finisce con le acquisizioni ultime, dal 1985 ad oggi, tra questi Armando Spadini, Mario Cavaglieri e una "Veduta di Grizzana" di Giorgio Morandi.

Luci sul '900

Il centenario della Galleria d’Arte Moderna di Palazzo Pitti 1914 - 2014

Galleria d’Arte Moderna di Palazzo Pitti - Firenze

28 ottobre 2014-8 marzo 2015

Info: www.unannoadarte.it