Rubrica — Spettacolo

L’eredità delle donne, dal 21 al 23 settembre a Firenze il festival del talento femminile

locandina del festival
Locandina del festival

La manifestazione si svolge in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio, in gemellaggio con l’evento Les Journées du Matrimoine di Parigi, ed è dedicato alla figura della Elettrice Palatina che è celebrata nelle tre giornate con specifici appuntamenti


In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio, la prima edizione del festival L’Eredità delle Donne sta per invadere Firenze. Dal 21 al 23 settembre, tre serate teatrali originali ideate e condotte da Serena Dandini per mettere in scena capacità, biografie e professionalità diverse a rappresentare tutte le sfumature del talento femminile. Quasi 100 appuntamenti, 26 location da visitare e da scoprire, talk, incontri, visite guidate, percorsi urbani, reading, rassegne cinematografiche, spettacoli, concerti, e 140 ospiti nazionali e internazionali, tra cui Franca Valeri, Lina Wertmüller, Natalia Aspesi, Jhumpa Lahiri.

Con un messaggio augurale di Ruth Bader Ginsburg, giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti, seconda donna a coprire questo ruolo, il Festival accende un riflettore gigantesco sulla donna come creatrice, intellettuale e simbolo della città di Firenze. Musa ispiratrice e madrina d’eccezione del Festival è Anna Maria Luisa de’ Medici, nota come l’Elettrice Palatina, la prima ‘Madre della Patria’ e Madre della Cultura Italiana ed europea ante litteram. Grazie al suo generoso contributo è stato possibile mantenere integro l’intero patrimonio culturale e artistico della città di Firenze, rendendola lo scrigno mondiale che tutti conosciamo.

L’accesso a tutte le iniziative è gratuito fino ad esaurimento posti. In alcuni casi è richiesta la prenotazione. Gli eventi sono numerosissimi, è consigliata la consultazione del programma completo.

I PRINCIPALI EVENTI

Venerdì 21 settembre

Al Teatro della Pergola ore 20.15 l’apertura ufficiale de L’eredità delle donne alla presenza del sindaco. La prima ospite internazionale è Ségolène Royal, politica francese già candidata all’Eliseo, in dialogo con Serena Dandini. A seguire il dibattito “Dacci oggi il nostro fare quotidiano: le cre-attive” con grandi personalità provenienti da diversi settori e ambiti della cultura: Suad Amiry, scrittrice e architetto palestinese, Liza Donnelly, vignettista del New Yorker che disegnerà live i contenuti della serata, Amalia Ercoli-Finzi, prima donna ingegnere aerospaziale, Cecilia Laschi, bioingegnere e pioniera nel campo della robotistica soft, e la scrittrice Angela Terzani Staude.

Sabato 22 settembre

Al Cinema Teatro Odeon alle 18.30 “Donne che fanno notizia”, il talk con le giornaliste Lucia Goracci e Fiorenza Sarzanini, Annamaria Testa, esperta di comunicazione, la scrittrice Igiaba Scego e il giornalista e scrittore Adriano Sofri ; modera Tiziana Ferrario. Alle 21 sarà la volta de “L’Abbecedario delle donne”, una serata di discorrimento teatrale dal ritmo serrato affidato a donne di grande capacità narrativa per illustrare le parole chiave di un mondo riscritto al femminile. In scena le scrittrici Silvia Avallone, Teresa Ciabatti e Michela Murgia, le attrici Anna Bonaiuto, Lunetta Savino, Alessandra Faiella e Francesca Reggiani, Marica Branchesi, astrofica italiana definita da Time magazine come una delle 100 persone più influenti del mondo, Donatella Carmi Bartolozzi, vicepresidente della Fondazione CR Firenze, e Livia Sanminiatelli Branca, nipote di Donna Elena Corsini.

Al Cinema La Compagnia alle 11 si parlerà di cinema con la straordinaria partecipazione di Franca Valeri che, insieme a Serena Dandini, presenterà la proiezione del suo film “Il segno di Venere”. Alle 20.30 la scrittrice Elena Stancanelli intervisterà Lina Wertmüller, prima donna candidata all'Oscar come regista (introducono Maresa D’Arcangelo e Paola Paoli del Festival internazionale Cinema e Donne), e a seguire il film “Un complicato intrigo di donne, vicoli e delitti”. Alle 19 Alice Rohrwacher, Francesca Marciano, Maura Misiti, Velia Santelli e Adele Tulli, condotte da Simonetta Fiori, animeranno l’incontro “Il senso delle donne per il cinema”.

Si parlerà di musica nella serata “Melodie” alle 19.30 nella Basilica di Santa Croce, con Cristina Scabbia, Dori Ghezzi, Ladyvette, Chiara Galiazzo, Irene Grandi; conduce Gino Castaldo, con la partecipazione di Ernesto Assante. Assante e Castaldo saranno i protagonisti anche dell’appuntamento “Le voci femminili della musica – Speciale lezione di rock” (ore 16 allo Spazio Alfieri).

Infine, le strade di Firenze saranno invase nel pomeriggio dalla caccia al tesoro fotografica dell’Eredità delle Donne che partirà alle 15 da piazza Santa Maria Novella. Iscrizioni su ww.ereditadelledonne.eu e su www.disturbo.net.

Domenica 23 settembre

Al Cinema Teatro Odeon alle 18.30 l’appuntamento con Jhumpa Lahiri, scrittrice statunitense di origine indiana e vincitrice del Premio Pulitzer, che si racconterà insieme a Pierluigi Battista in occasione dell’uscita del suo ultimo libro “Dove mi trovo”, portato in scena con letture di Lunetta Savino. Alle 21 l’intervista di Serena Dandini a una decana del giornalismo nazionale, Natalia Aspesi. Si prosegue con il talk “Nessuna donna è un’isola: una per tutte e tutte per una” che vedrà la presenza sul palco della spagnola Itziar Ituño, nota per il suo ruolo dell'ispettore Murillo nella serie “La Casa di Carta”, Dori Ghezzi, autrice e presidente della Fondazione De Andrè, Elena Ioli, fisica e reduce da una spedizione scientifica tutta al femminile in Antartide, Donatella Lippi, storica della medicina a capo di una ricerca internazionale sulle salme della famiglia Medici, la giurista Livia Pomodoro e l’attrice Carla Signoris.

Alla Terrazza della Biblioteca delle Oblate ore 18 l’incontro “Protagoniste dell’industria culturale”, con la partecipazione di Ilaria Bortoletti Buitoni, già sottosegretario al MIBACT, la collezionista d’arte Valeria Napoleone, l’imprenditrice Giannola Nonino, la gallerista Lia Rumma, Patrizia Sandretto Re Rebaudengo, Presidente dell’omonima Fondazione e Silvia Foschi, Responsabile Patrimonio Storico Artistico e Attività Culturali Intesa Sanpaolo. Modererà la giornalista Michela Ponzani.

Allo Spazio Alfieri Il festival ospita anche il punto di vista maschile, con la lectio di Stefano Bartezzaghi “Cosa ci andavano a fare le donne di mondo, a Cuneo?”, sabato 22 alle 18, e spettacolo teatrale “Il maschio inutile”, con Telmo Pievani, Federico Taddia e la Banda Osiris domenica 23 alle 16.

LE MOSTRE

L’Eredità delle Donne celebra un’altra grande protagonista della cultura e dell’arte con le visite guidate alla mostra alla Fondazione Palazzo Strozzi “Marina Abramovic. The Cleaner”, condotte in esclusiva per il festival dal critico Costantino D’Orazio. Sabato e domenica pomeriggio, su prenotazione.

Nello spazio mostre della Fondazione CR Firenze, in via Bufalini, sarà allestita fino al 18 novembre la mostra “Artiste. Firenze 1900 – 1950”. L’esposizione ha per perno le figure di Leonetta Pieraccini e Filide Giorgi che furono unite da una profonda amicizia; allieve di Giovanni Fattori all’inizio del Novecento, si interessarono alle novità artistiche internazionali, dimostrandosi pittrici di grande qualità.

CALENDARIO OFF

Oltre 130 gli eventi per il calendario OFF: Firenze ha risposto ad una chiamatalanciata dal festival e ha condiviso così lo spirito dell’Eredità delle donne, con una miriade di appuntamenti organizzati spontaneamente nella tre-giorni della prima edizione del festival.

Grazie al programma OFF, la città diventerà un vero laboratorio dove esperti, professionisti e pubblico si confronteranno sull’eredità culturale delle donne in tutte le sue forme.

Le realtà culturali, creative e produttive della città fino ai singoli cittadini propongono appuntamenti in biblioteche, musei, librerie, associazioni in difesa delle donne, associazioni culturali, spazi insoliti e open air. Programma.

Il progetto è patrocinato dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, dal Comune di Firenze e dall’Estate Fiorentina, con la partnership di Gucci, con il contributo di Poste Italiane, Intesa Sanpaolo e Banca CR Firenze, Pitti Immagine e “Tuscany, la bellezza della carta”, un marchio di Cartiere Carrara, in collaborazione con Publiacqua SpA, con Unicoop Firenze sponsor tecnico, in gemellaggio con HF Ile-de-France e con l’Associazione MèMO. Media partnership di RAI Radio 2.

Spettacolo — rubrica a cura di Francesca Cecconi

Francesca Cecconi

Francesca Cecconi — Fiorentina. Giornalista pubblicista, esperta in strategie, tecniche e gestione della comunicazione. Per "Nove da Firenze" segue i concerti musicali in Toscana

E-mail: nuppolina@gmail.com