Marradi, Sagra della Castagna compie 50 anni

La kermesse nelle 4 domeniche d’ottobre. Protagonista il marrone


TRADIZIONI GASTRONOMICHE — Tortelli, marmellate e torta di marroni, castagnaccio, marrons glacés, “bruciate”, biscotti, birra e tanto altro ancora… Il marrone è servito. In tutti i modi e per tutti i gusti.
Arriva l’autunno e a Marradi le domeniche d’ottobre (6, 13, 20, 27) sono scandite dalla tradizionale “Sagra delle Castagne” che quest’anno festeggia le 50 edizioni. E quella del 50° compleanno sarà una sagra più “slow” e “doc”, facendo risaltare la tracciabilità del prodotto.
Protagonista indiscusso della kermesse sarà, naturalmente, il marrone e in particolare il Marrone del Mugello Igp col marradese “Marron buono”. E come sempre lungo le vie del paese, degustazione e vendita di specialità gastronomiche, prodotti del bosco e sottobosco, prodotti artigianali e commerciali. Ed ancora, animazione e intrattenimento con artisti di strada e musicisti itineranti. E l’immancabile treno a vapore.
Nelle quattro domeniche della manifestazione, che ogni anno riscuote un enorme successo di presenze e visitatori, Trenitalia intensificherà il servizio ferroviario con corse aggiuntive da Faenza e Firenze, come richiesto dall’Amministrazione comunale.
“Abbiamo varato un disciplinare per la gestione e organizzazione della manifestazione - sottolinea l’assessore al Turismo Andrea Sartoni - indicando esplicitamente la tracciabilità del prodotto. In sostanza, chi verrà alla 50° edizione della sagra troverà in ogni stand ben evidenziata la tracciabilità del prodotto e avrà così la certezza di poter chiedere e scegliere marroni a km zero, quelli nostrani. A causa del cinipide la produzione non è ancora a livelli ottimali ma è in incremento e in quantità tali che gli estimatori del nostro marrone non rimarranno affatto delusi”. Una decisione, quella sull’obbligo di indicare la tracciabilità, che l’Amministrazione comunale ha preso per“la valorizzazione del prodotto - aggiunge l’assessore Andrea Sartoni - è una forma di sostegno all’economia locale, ai nostri produttori che con professionalità e passione lavorano per offrire un prodotto buono e di qualità come il marrone di Marradi, conosciuto in tutto il mondo”. Ed è “un primo passo per potenziare nei prossimi anni questa nostra bella e fortunata manifestazione -conclude -, dopo aver toccato l’importante traguardo delle 50 edizioni”.
“Nel 2013 l’andamento climatico è stato favorevole al castagno e, nonostante gli attacchi del cinipide - spiega il presidente del Centro di Studio e Documentazione sul Castagno Elvio Bellini - , si prevede una produzione da discreta a buona, stimabile intorno al 30-40% della media registrata negli anni antecedenti la comparsa del cinipide, il cui controllo - aggiunge - è in via di realizzazione anche nei castagneti mugellani grazie alla positiva diffusione del suo specifico antagonista, il Torymus”.

In occasione della 50° edizione sono previste iniziative collaterali:

Tutte le domeniche sarà possibile visitare le seguenti mostre fotografiche presso il Teatro degli Animosi:
“1963-2013: 50 anni di Sagra delle Castagne”: verranno esposti materiali e foto che ripercorrono i 50 anni di storia di questo evento;
“Faentina Cento20 anni attraverso l’Appennino”: celebra i 120 anni della storica Ferrovia Faentina che collega Firenze a Ravenna.
Inoltre:
Dal 6 al 27 ottobre “Libri e Castagne:” Mostra mercato del libro presso Centro Culturale Dino Campana con orario 16,00-19,00 dal lunedì al sabato e 10,30-18,00 la domenica;
Domenica 13 e 20 ottobre dalle 15 alle 16.30 presso la Biblioteca Comunale: “Cartone che passione!” Laboratorio creativo per bambini da 3 a 8 anni.: costruzione di libri con la tecnica del collage, ritaglio e cartapesta veloce;
Domenica 13 ottobre sarà ospite la delegazione di Castelnaudary, il Comune francese con cui è gemellata Marradi: sarà possibile degustare e acquistare le loro prelibatezze eno-gastronomiche;
Domenica 20 ottobre la Pro Loco di Roccavaldina, piccolo Comune in provincia di Messina, presenta il suo stand per la degustazione e vendita dei propri prodotti tipici: Profumi e sapori di Sicilia “Col nostro sole coloriamo la vita”
Ancora: al Centro Culturale Dino Campana, oltre alla Mostra mercato del libro, sarà possibile visitare il Museo di Arte Contemporanea Artisti per Dino Campana e la Sala Galeotti a cura del Centro Studi Campaniani “Enrico Consolini” così come il Centro Studi e Documentazione sul Castagno, la mostra di aeromodellismo “Il Mito del Volo” a cura del Comitato Amici di Lanfranco Raparo.
Ma già il sabato un ‘assaggio’ della festa con alcuni appuntamenti:

sabato 5 ottobre si svolgerà un convegno organizzato da Agricomes su “Progetti di Filiera e Agricoltura sociale";
sabato 12 ottobre l'Associazione ANUU di Marradi organizza “In Cammino verso le Caldarroste”: un percorso suggestivo tra castagneti e pinete immersi nei colori dell’autunno. Partenza alle ore 14 e rientro alle ore 17 circa;
sabato 12 ottobre alle ore 21, a cura e presso il Centro Studi Campaniani “Enrico Consolini, avrà luogo la presentazione del libro di Alberto Vincenzoni “Dino Campana e Luigi Tenco – Poeti allo specchio”;
sabato 19 ottobre presso il Teatro degli Animosi alle ore 21 si terrà un concerto, gratuito, di musica classica ad opera degli allievi del Conservatorio “Luigi Cherubini” di Firenze all'interno della rassegna Musica Insieme.
Marradi sarà collegata alla città di Firenze dal tradizionale treno a vapore che, come ogni anno, attraverserà l’Appennino Tosco-Romagnolo. Info presso l'agenzia “Antologia Viaggi” al numero0573/367158 per i treni in partenza domenica 13 ottobre da Bologna e domenica 20 ottobre da Rimini e Pistoia-Firenze.

Redazione Nove da Firenze