Firenze Marathon, Nardella: ''Sarà una bella giornata di sport per la città''

Percorso più veloce per la classica fiorentina, in programma il 28 novembre e giunta alla sua XXVII edizione, propone quest’anno un percorso più scorrevole e ricco di fascino. Divieti di circolazione in città.


ATLETICA — Un nuovo volto per la Firenze Marathon. La classica fiorentina, in programma il 28 novembre e giunta alla sua XXVII edizione, propone quest’anno un percorso più scorrevole e ricco di fascino. Un nuovo tracciato che si annuncia molto più veloce e con un dislivello, fra partenza e arrivo, di circa 40 metri, nel pieno rispetto delle regole Iaaf. Si tratta di una grande novità nata dal comune impegno fra l’Amministrazione Comunale e gli organizzatori per dare un ulteriore impulso e prospettive di maggior qualità, all’evento internazionale della Firenze Marathon.
Il ritrovo è previsto nella stupenda terrazza panoramica di piazzale Michelangelo, elemento caratteristico e insostituibile di quella che è una delle 42 chilometri più affascinanti del mondo, con la linea di partenza nel viale Michelangelo da dove si scenderà verso piazza Ferrucci. Un’inversione che porterà gli atleti ad affrontare per la prima volta i viali fiorentini, ideali per rendere agevole il passaggio dei maratoneti ancora raggruppati, accompagnandoli, dopo aver sfiorato alcune delle antiche porte della città, verso la spettacolare area verde del parco delle Cascine. Da qui, un tuffo nella caratteristica atmosfera dell’Oltrarno e poi verso l’area di Varlungo, prima di tornare verso il cuore della città e affrontare il suo centro storico, attraverso strade ricche di storia, prima dell’arrivo nel palcoscenico di piazza Santa Croce.
Firenze Marathon 2010 è stata presentata oggi in Palazzo Vecchio dal vicesindaco e assessore allo sport Dario Nardella, dal presidente del Coni provinciale Eugenio Giani e dal presidente del comitato organizzatore Giancarlo Romiti.
“L’edizione di quest’anno – ha sottolineato il vicesindaco Nardella – apre un ciclo nuovo per questa manifestazione, che si avvia a competere con le grandi maratone del mondo. Un passo avanti coraggioso che porta a compimento un lavoro complesso avviato fin dall’inizio di quest’anno fra gli uffici sport e mobilità e gli organizzatori. Per la prima volta i maratoneti transiteranno dagli storici viali del Poggi e fin d’ora posso assicurare la massima attenzione da parte dell’Amministrazione Comunale e della macchina organizzativa per ridurre al minimo i disagi. E in tal senso sarà importante l’opera di informazione e comunicazione che metteremo in atto da qui al 28 novembre. Benvenuti quindi ai maratoneti che saranno i protagonisti assoluti e faranno vivere alla città un’altra bella giornata di sport”.

Oltre alla Firenze Marathon si svolgeranno anche la Ginky Family Run (gara di 2 chilometri non competitiva dedicata a bambini, ragazzi e famiglie) e la Marathonabile (per atleti disabili). Inoltre, anche quest’anno si svolgerà la manifestazione “I più veloci e i più forti di Firenze”, giunta alla seconda edizione e riservata a bambini e ragazzi delle scuole cittadine che, venerdì 26 novembre, animeranno la pista e lo stadio “Luigi Ridolfi” vicino al Marathon Expò.

Nell’edizione 2010 lo sport si “sposa” con l’arte. La Firenze Marathon e il Comune di Firenze offrono infatti un’opportunità unica a tutti i maratoneti che si iscrivono alla classica fiorentina. A partire dal 26 novembre e fino al 5 dicembre presentando alla cassa un coupon della rivista Firenze Marathon gli atleti potranno visitare, con un biglietto ridotto a 2 euro, il Museo di Palazzo Vecchio, Museo Stefano Bardini, Museo di Santa Maria Novella, Cappella Brancacci e la Fondazione Salvatore Romano.

Il percorso
Il percorso si snoderà dal viale del piazzale Michelangelo a piazza Ferrucci e, attraversato l’Arno su Ponte San Niccolò, transiterà sui viali Giovine Italia, Gramsci, Matteotti, Lavagnini, Strozzi (sottopasso), Fratelli Rosselli, via Ponte alle Mosse, via delle Cascine per poi entrare nel parco. Al termine del tracciato interno delle Cascine, gli atleti attraverseranno l’Arno su Ponte alla Vittoria per poi imboccare via della Fonderia, costeggiare il fiume (lungarni Santa Rosa e Soderini) e una volta arrivati in piazza Nazario Sauro entreranno in via dei Serragli. Percorsa tutta questa strada arriveranno in piazza della Calza dove svolteranno per riprendere via Romana. L’itinerario continua su piazza Pitti, via Guicciardini, via dei Bardi, piazza Santa Maria Soprarno per poi tornare a costeggiare il fiume (lungarni Torrigiani, Serristori, Cellini) e attraversarlo di nuovo su Ponte San Niccolò. Da qui gli atleti percorreranno i lungarni del Tempio, Colombo, Aldo Moro fino a via della Casaccia per poi tornare indietro da via Aretina, transitando da via Mannelli e attraversando Ponte al Pino, arrivare in zona Campo di Marte. Dopo essere transitati in via Campo di Arrigo, i maratoneti percorreranno il perimetro dello stadio Franchi (viali Malta; Fanti; Paoli; Maratona; Fanti) e continueranno in largo Gennarelli, via Frusa; via San Gervasio, piazza Antonelli; via Volturno; viale Fanti; viale Cialdini per poi arrivare in viale De Amicis e da lì attraversare la linea ferroviaria grazie al cavalcavia di piazza Alberti. L’itinerario prosegue in via Piagentina fino alla svolta in via Fra’ Giovanni Angelico: questa strada sarà percorsa interamente fino all’intersezione con viale Amendola. Da qui gli atleti arriveranno in viale Giovine Italia da cui imboccheranno via dell’Agnolo per proseguire sulla direttrice via Santa Verdiana-piazza D’Azeglio-via della Colonna-piazza Santissima Annunziata-piazza San Marco fino a raggiungere il cuore del centro storico: via Ricasoli via de’ Pucci; via Martelli; piazza San Giovanni; via Roma; piazza della Repubblica; via Strozzi; via della Vigna Nuova; piazza Goldoni. La gara proseguirà in Borgo Ognissanti, via il Prato, piazzale di Porta al Prato, via Montebello, via Curtatone per poi tornare sui lungarni Vespucci e Corsini, attraversare il fiume su Ponte Santa Trinita e di nuovo su Ponte Vecchio (dopo aver percorso Borgo San Jacopo). A questo punto gli atleti saranno nuovamente nel cuore del centro storico: via Por Santa Maria, piazza della Signoria, via Calzaiuoli, piazza Duomo, via del Proconsolo da cui imboccheranno via Ghibellina. L’ultimo tratto prevede il passaggio in viale Giovine Italia, il lungarno della Zecca Vecchia, Corso Tintori e l’arrivo in piazza Santa Croce.

I provvedimenti
Questo nuovo percorso comporterà necessariamente alcune forti limitazioni alla circolazione cittadina nella giornata di domenica 28 novembre a partire dalle 8.30 fin verso le 16, anche se i provvedimenti termineranno in orari diversi a seconda della zona della città man mano cioè che gli atleti saranno transitati.

Il divieto di transito sarà totale sul viale Michelangelo, mentre i viali di circonvallazioni gli atleti percorreranno la semicarreggiata più vicina al centro ma in senso contrario rispetto a quello dei mezzi che l’utilizzano normalmente. I viali saranno quindi percorribili da piazza Beccaria a viale Redi ma soltanto nel senso dall’Arno verso la Fortezza. Nelle ore della gara l’unica viabilità che garantirà la percorrenza di entrambi i sensi di marcia sarà soltanto il passante autostradale.

Ecco il percorso consentito da e per l’autostrada: dal viadotto di Varlungo si dovrà svoltare a destra su via Generale Dalla Chiesa e raggiungere via Aretina. Da qui attraverso il sottopasso di via Spadaro si arriverà a Coverciano: quindi viale Verga, viale Volta fino alle Cure, viale Don Minzoni e, una volta arrivati a Ponte Rosso, obbligatoria la svolta in via Bolognese. Poi via Trieste, via Vittorio Emanuele II, piazza Dalmazia e viale XI Agosto (da cui si potrà raggiungere Ponte all’Indiano e quindi l’Isolotto, Scandicci ecc oppure entrare in autostrada).

Anche la stazione di Santa Maria Novella sarà off limits: per arrivare ai binari si dovrà utilizzare la rampa del binario 16 da piazzale Montelungo, raggiungibile da viale Strozzi (lato Mugnone). I veicoli per lasciare il piazzale utilizzeranno la rampa Caduti di Nassirya (dove per l’occasione, sarà invertito il senso di marcia) per raggiungere piazza della Costituzione e da qui la zona nord e ovest della città oppure Ponte Rosso.
Per quanto riguarda l’Oltrarno, piazza Gaddi sarà chiusa al traffico sul lato del ponte l’arrivo degli atleti diretti in via Fonderia. I veicoli in arrivo da viale Sanzio imboccheranno via del Ponte Sospeso e da qui svolteranno a sinistra verso via Bronzino (dove sarà invertito il senso di marcia) e tornare poi verso l’Isolotto. Sarà invece sempre percorribile l’itinerario via Pisana-viale Sanzio-viale Aleardi-viale Pratolini-viale Petrarca-piazzale di Porta Romana.

Nella zona di Campo di Marte-Gavinana, sarà garantita la viabilità locale ma per gli itinerari di attraversamento si dovrà raggiungere il Varlungo (e da qui l’autostrada o il percorso cittadino Coverciano-Cure-Ponte Rosso-Dalmazia). I divieti saranno in vigore dalle 8.30 e cesseranno in successione con il passaggio degli ultimi atleti.
Quindi, presumibilmente, entro le 10 dovrebbe tornare ad essere transitabile il tratto Michelangelo-Ferrucci (e quindi viene riaperto alla circolazione il viale dei Colli).
A seguire, intorno alle 11.30, torneranno percorribili i viali di circonvallazioni da piazza Beccaria a Ponte alla Vittoria e la rotatoria di piazza Gaddi. Intorno alle 13 sarà la volta dell’Oltrarno e intorno alle 14.30 della zona di Campo di Marte.
Il centro storico, viale Giovine Italia e i lungarni per raggiungere piazza Santa Croce rimarranno invece chiusi fino alle 16

Redazione Nove da Firenze