Consiel stoppato a Verona per 27 a 17

Punteggio duro da digerire. Il Consiel rientra dal Veneto con le ossa rotte, tanto nervosismo ma con una grande consapevolezza: questo gruppo accetta poco le sconfitte e pensa già alla prossima partita al ‘Padovani’.


RUGBY, A1 — Punteggio duro da digerire. Il Consiel rientra dal Veneto con le ossa rotte, tanto nervosismo ma con una grande consapevolezza: questo gruppo accetta poco le sconfitte e pensa già alla prossima partita al ‘Padovani’.

Il Cus Verona è stato avvantaggiato da un pacchetto di mischia più peso che specialmente nel primo tempo ha fatto guadagnare metri preziosi ai padroni di casa. Gli avanti biancorossi non hanno potuto giocare palla alla mano e col passare dei minuti il campo reso pesante dalla pioggia ha reso le azioni dei fiorentini ‘lente’ per una difesa rocciosa che è stata l’artefice dei quattro successi consecutivi del neo promosso Cus.

Con tanti nuovi acquisti una battuta d’arresto ci puo’ stare, senza contare l’infermeria fiorentina troppo ‘piena’ anche per una squadra di rugby.

“Hanno giocato meglio di noi e hanno interpretato la partita sia dal punto di vista tattico che tecnico in maniera perfetta. Il Verona ha fatto meno errori di noi, e quando all’inizio del secondo tempo abbiamo pareggiato eravamo sempre nervosi ed hanno approfittato di qualsiasi nostra ingenuità: è bastata una meta per disunirci. Chapeau a un quindici che ha condotto la partita giusta in un campo così pesante. In poche parole hanno semplicemente meritato”.

Parola chiare, sincere di coach Paolo Ghelardi che è consapevole della forza della squadra e di un progetto che vuole solo crescere insieme a tutta la squadra. Forza ragazzi.

Franklin & Marshall Cus Verona – Consiel Firenze 27 – 17 (5-0)

F & M Cus Verona: Pizzardo (75° Schiesaro), Lindaver, Corso, Michelini E., Doglioli, Bellini, Federzoni, Oliveira (50° Lorenzetto), Pauletti, Zardin (35° Paghera), Olivieri, Braghi (75° Martini Barzolai), D’Agostino (50° Michelini A.), Neethling, Mutascio (50° Cenedese). A disp.: Munteanu e Ferrari. All. Beretta

Consiel Firenze 1931: Wynne, Beretta, Nava, Fronzoni, Centorrino, Falleri, Billot (75° Morace), Moss, Ippolito (70° Ben Taleb, 77°-85° Paoletti)), Santi (35° Fortunati Rossi), Soldi, Parri, Cagna (65° Lunardi), Fanelli (65° Leoni), Paoletti (61° Chiostrini). A disp.: Nuti e Diodoro. All. Ghelardi

Arbitro: Traversi di Rovigo Giudice di Linea: Marattini e Fracasso di Este

Marcatori: I° T: 3’ piazzato Wynne (0-3), 9’ m. Michelini E. t. Bellini (7-3), 26’ p. Bellini (10-3); II°T: 7° m. Cagna t. Wynne (10-10), 16’ m. Lindaver (15-10), 27’ m. Doglioli t. Bellini (22-10), 33’ m. Moss t. Wynne (22-17), 40’ m. Michelini E. (27-17)

Note: pioggia battente per tutto il match, terreno in buone condizioni. Cartellini gialli: Ippolito (25’-35’), Braghi (40’ +3-50’), Billot (65’ – 75’), Lunardi (77’). Primo tempo: 10 – 3. Calci: Cus Vr 3/5 (Bellini: p. 1/1; t, 2/4), Firenze 3/4: (Wynne: p. 1/2; t. 2/2). Man of the match: Michelini Enrico

Serie A – Girone 1 – IV giornata – 24.10.10 – ore 15.30
Cammi Calvisano v San Gregorio Catania 41 – 09 (5-0)
M-Three Orved San Donà v Amatori Milano 39 – 21 (5-0)
Med Italia Pro Recco v ST Udine 28 – 16 (4-0)
Fiamme Oro v Rugby Banco di Brescia 67 – 12 (5-0)
Franklin&Marshall Cus Verona v Consiel Firenze 27-17 (5-0)
Livorno v Zhermack Badia 23 – 10 (4-0)

Classifica:
Cammi Calvisano punti 18; Fiamme Oro Roma e Franklin&Marshall Cus Verona punti 17; San Gregorio Catania punti 15; Orved San Donà punti 12; Banco di Brescia e Firenze rugby punti 10; Dolmen Med Italia Pro recco punti 5; Amatori Milano punti 4; Ts Udine punti 1; Livorno punti 0; Zhermack Badia punti -4.

***Livorno e Badia 4 (quattro) punti di penalizzazione.

Redazione Nove da Firenze