Beni culturali: qualità valore e sviluppo economico per il rilancio del Paese


Come affrontare la concorrenza di paesi molto meno ricchi di beni culturali e paesaggistici, ma che riescono a valorizzare maggiormente i propri luoghi e ad intercettare flussi turistici sempre più importanti? Come sviluppare l’attrattività, la qualità della vita delle nostre città, dei territori, del patrimonio culturale e paesaggistico - una delle principali risorse strategiche del nostro paese - utilizzando anche le tecnologie più avanzate? Questi alcuni dei temi che verranno trattati nella quarta edizione del Lu.Be.C. 2008, organizzato da Promo PA Fondazione a Lucca il 23 e 24 ottobre 2008, presso il Real Collegio, un appuntamento che si è ormai inserito con autorevolezza nel dibattito internazionale, trattando ogni anno i temi più attuali del settore.
A Lu.Be.C. si affianca, già dalla precedente edizione, il LuBeC Digital Technology, la prima rassegna europea dedicata agli operatori dell’ICT – Information, Communication & Media Technology per la valorizzazione dei beni culturali.
A Lucca, nei suggestivi spazi del Real Collegio, il 23 e 24 ottobre si terranno due giornate intense di incontri e convegni durante le quali parleranno, racconteranno le loro esperienze, e si confronteranno alcuni tra i più importanti rappresentanti delle istituzioni culturali, e alcune delle voci più competenti su questi argomenti. Da Ferruccio De Bortoli, che aprirà i lavori insieme a Gaetano Scognamiglio (Presidente di Promo PA Fondazione), a Salvatore Settis che parlerà della necessità di ripartire dal paesaggio, attraverso il recupero, una pianificazione e una progettualità mirata alla valorizzazione del paese. Paolo Crepet, Oliviero Toscani, e Salvatore Carrubba discuteranno insieme a Patrizia Asproni (Presidente di Confcultura) e ad altri rappresentanti del mondo della cultura sul tema delle Città d’arte, su come conservarne la specificità e la bellezza promuovendo al contempo “il turismo della conoscenza”. E la promozione del Paese non può non attivare la discussione sul “Brand Italia” che ci offrirà, tra le altre, la testimonianza di Marina Mongiu, assessore alla cultura della Regione Sardegna; si discuterà con Riccardo Bedrone (Presidente del XXIII Congresso mondiale di architettura UIA Torino 2008) del caso Torino, che ha ormai dimostrato a tutti la sua capacità dinamico/creativa tanto da meritarsi il motto “Torino non sta mai ferma”, e poi ancora sarà affrontata la delicata questione dei flussi turistici, del turismo di qualità e degli strumenti di valorizzazione e comunicazione connessi. Altri dibattiti saranno dedicati a Turismo e cultura digitale, al quale è invitata anche Michela Vittoria Brambilla, a Musica e management, a Integrazione dei percorsi tra Beni Culturali e Luoghi della fede; sarà affrontato il tema del rapporto tra Musei e territorio visto dalla parte dell’utenza contemporanea, un’utenza sempre più sollecitata da una crescente offerta internazionale, ma con sempre minor tempo libero a disposizione, di cui discuteranno protagonisti del settore museale pubblico e privato internazionale.
La sessione plenaria del 23 mattina ci regalerà anche due eventi speciali fuori convegno: la consegna del “Lubec 2008” premio dato a un personaggio del mondo della cultura che si è contraddistinto per il suo impegno nel settore della valorizzazione dei Beni Culturali e l’inaugurazione del Virtual Sculpture Museum (VMS) di Pietrasanta. Il VMS consente al visitatore di trovarsi immerso in un’ambientazione virtuale tridimensionale, rappresentata da una piazza delle sculture evocativa di Pietrasanta, in cui è libero di muoversi ed esplorare, con elevato livello di realismo, i modelli tridimensionali delle opere presenti. E’ un'estensione del concept del Museo delle Pure Forme (realizzato dal laboratorio PERCRO della Scuola Superiore S.Anna nell'ambito di un progetto europeo relativo all'esplorazione di nuovi paradigmi d’interazione con opere d'arte), applicato alla promozione culturale ed economica del territorio. L'utilizzo di percorsi narrativi didattici, l'interazione, le esposizioni virtuali, rappresentano importanti strumenti per fornire contributi ad un settore che oggi attraversa un periodo di crisi.
La prima giornata si chiuderà con un momento spettacolare in linea con il legame tra cultura e tecnologia: alle 21.30 nello splendido Auditorium di San Romano si terrà il concerto Armoniose Luminescenze, a cura del Festival Boccherini, con la partecipazione straordinaria Son et Lumiere.
LuBeC Digital Technology ‘08
Ruolo comprimario ha con i convegni LuBeC Digital Technology ‘08, la rassegna espositiva dedicata esclusivamente alle nuove tecnologie che si pongono al servizio delle bellezze artistiche e paesaggistiche del nostro territorio e che da quest’anno è inserita nelle attività istituzionali del MiBAC. La rassegna vuole essere un momento particolare d’incontro tra enti pubblici, aziende e operatori del settore coinvolti nel rapidissimo processo evolutivo innescatosi con la diffusione del Digital Life Style, e consapevoli della necessità di una profonda riforma nelle procedure tradizionali e di un aggiornamento continuo delle professionalità. Saranno presentate, attraverso oltre 40 espositori, le novità che la tecnologia ha lanciato per sostenere lo sviluppo concreto di tutta la filiera beni culturali – turismo – tecnologia. L’Università di Catanzaro, ad esempio, ha realizzato un sistema per mettere in rete riproduzioni virtuali in 3 D di reperti archeologici: si tratta di un tastatore, una punta che vede in 3 D, sfiora l’oggetto e lo trasferisce a uno schermo; usando occhiali stereoscopici anche l’utente può vederlo in 3 D su un monitor posizionato in una qualunque parte del mondo. Verranno presentate in anteprima le installazioni-riproduzioni dell’Annunciazione di Leonardo, e del Tondo Doni di Michelangelo su touch screen: gli schermi interattivi che permettono, ad esempio al visitatore di una mostra, di interagire con le immagini dei dipinti, spostarle, girarle, ingrandirle come su un i-phone di grandi dimensioni e a risoluzione altissima, di studiare i dettagli delle opere, di cancellare il visibile e mostrare ciò che sta sotto la tela. E ancora la copia materica della statua di Priscilla Soror della Basilica dei Bassi, realizzata con sistemi robotici ScultoRob, che uniti a sistemi di scansione laser, permettono di realizzare qualsiasi riproduzione materica. L’allestimento sarà completamente ecosostenibile, realizzato in cartone per promuovere contemporaneamente il comparto cartario della lucchesia (il secondo in Europa).
Gli espositori di LuBeC Digital Technology ‘08 sono: A&G soluzioni digitali, Acme 04, APT Lucca, APT Versilia, Architettura II - Politecnico di Torino, Associazione città italiane UNESCO, Camera di Commercio di Lucca, Centrica Srl, Comune di Lucca, Comune di Carpi, Comune di Ferrara, Contemporanea Progetti, Dedem, D'Uva Workshop srl, GisItalia, Exibart-EMMI, Infobyte, Laboratorio Percro, Lucense, Leica, Geosystems, Liberologico, Mediateca Regionale Toscana Film Commission, M.E.T.A. srl, MiBAC - Dipartimento Beni Librari, MiBAC - Dipartimento per l'Innovazione Tecnologica, Microsoft Srl, Model Idea, Tecnostudio 77, SM Scienzia Machinale, Nemes, Net 7, Noè Multimedia, Parco Regionale del Beigua, Parco del Delta del Po’, Provincia di Lucca, Provincia di Massa Carrara, R.C.L Ricerca Controllo Lavori, Regione Sardegna, Simpletech, Son et Lumiere, Togunà interactive, Università Suor Orsola Benincasa.
Con questa quarta edizione, si conferma ancora di più l’obbiettivo del progetto LuBeC, ovvero quello, attraverso il connubio convegno e rassegna, di promuovere ed approfondire la conoscenza dello scenario complessivo del settore, sia sotto il profilo dell’innovazione tecnologica e gestionale, sia sotto quello dell’integrazione tra le diverse tipologie di risorse turistico-culturali, inscindibilmente legate agli strumenti dell’economia, del marketing, della comunicazione.

Redazione Nove da Firenze