Cortona: Robert Redford leggerà poesie di Giacomo Leopardi al Tuscan Sun Festival


La prima parte del programma dell’8 agosto, che avrà luogo nell’intimo scenario dell’ottocentesco Teatro Signorelli nel cuore di Cortona, includerà anche poesie recitate da una delle maggiori stelle del cinema e del teatro italiano, Gabriele Lavia.
Un appuntamento singolare, un recital tra poesia e teatro che vede il connubio del pianoforte di Nicola Luisotti, carriera sfolgorante che lo ha visto su tutti i podi più prestigiosi del mondo anche come direttore d’orchestra e le voci recitanti di due attori così diversi. Una serata dedicata a Giacomo Leopardi che si annuncia densa di emozioni poetiche.
Nella magica atmosfera della piccola città gioiello di Cortona, ormai affermata sulla scena musicale internazionale, anche quest’anno ritorna (VI ed.) l’appuntamento con il Tuscan Sun Festival, fondato e diretto da Barrett Wissman che ha dato vita anche a un Tuscan Sun Festival a Napa Valley in California (3° ed. quest’anno) e a Singapore (2° ed.), fitto di ospiti di spicco e articolato in più sezioni oltre la musica: arte, letteratura, discipline orientali e una raffinata sezione sul gusto. Sempre ricco di grandi sorprese, per questa edizione il Festival ha riservato al suo pubblico una serata inaugurale d’eccezione ospitando per la prima volta la DANZA e che avrà come protagonisti i grandi ballerini russi del Teatro Bolshoi di Mosca, eredi di un’antica tradizione tutt’ora vitale e nota in tutto il mondo.
La sera del 2 agosto, in un atteso concerto open air con un allestimento spettacolare in piazza Signorelli, il pubblico apprezzerà la magia del Lago dei cigni, il sogno etereo de Lo Schiaccianoci di Tchaikovsky, le memorie eroiche rievocatrici della gloria di Roma dello Spartacus di Khachaturian, l’incantesimo dell’amore della Cenerentola di Prokofiev, così come l’avventura mista al grottesco del Don Chisciotte di Minkus. Memorabili brani e ‘Pas de deux’ estrapolati da questi pilastri del balletto verranno eseguiti da star del calibro di Alexander Volchkov, Anna Nikulina, Maria Allash, Ekaterina Shipulina e Natalia Osipova.
Ma, nel suo dispiegarsi, il Festival lascerà spazio soprattutto alla grande musica sinfonica e da camera.
Ritorna a Cortona il 3 agosto l’Orchestra Barocca di Venezia, magistralmente diretta da Andrea Marcon e affiancata da solisti di grande rilievo quali Danielle de Niese, soprano australiano dalla straordinaria presenza scenica, e il giovane e possente basso partenopeo Vito Priante. L’ensemble eseguirà un programma interamente dedicato a Georg Friedrich Händel, con i Concerti Grossi n°1 e n°4, splendidi highlights dall’Ariodante, opera seria ispirata alle vicende dell’Orlando Furioso di Ariosto e la cantata di origine ovidiana Apollo e Dafne.
Grande attesa, in un Festival che si è distinto negli anni anche per la bellezza e il fascino dei suoi protagonisti, per l’arrivo della de Niese, giovane (28 anni) e affascinante soprano dalla forte espressività, grande carisma e talento e innato sex appeal.
Anche il violino e il pianoforte saranno al centro di questa sesta edizione del festival, con virtuosi dello strumento ad arco di grande valore quali Joshua Bell e Pinchas Zukerman (protagonista quest’anno di una serata tutta ‘da camera’ il 5 agosto) e maestri della tastiera come il famosissimo Piotr Anderszewski, ormai icona del pianismo internazionale (non a caso scelto per la serata di chiusura di questa edizione), la singolare Gabriela Montero, venezuelana virtuosa della tastiera, dal carisma naturale, notissima per le sue trascinanti improvvisazioni pianistiche e l’astro nascente del panorama internazionale Natasha Paremski, pianista russa di soli vent’anni dalla tecnica impeccabile.
Di grande rilievo i virtuosi del belcanto in calendario; oltre ai già citati Priante e de Niese, si annuncia quest’anno un’altra presenza destinata a suscitare grande entusiasmo tra il pubblico, quella del soprano Ana Maria Martinez, entrata nel panorama internazionale per essersi aggiudicata il Grammy Award. Dai più prestigiosi palcoscenici internazionali, come la Royal Opera House di Covent Garden e il Metropolitan di New York, il 7 agosto arriva a Cortona per esibirsi insieme a Josè Cura in un recital accompagnato dalla Verbier Festival Orchestra. Il Tuscan Sun Festival 2008 è anche l’edizione dei grandi ritorni: ecco nelle due ultime serate, il 9 e il 10 agosto, l’affezionato Joshua Bell, star tra le più amate dal pubblico, accompagnato dall’Orchestra da camera di Mantova e dalla Verbier Festival Orchestra diretta da Stéphane Denève, direttore resident nelle passate edizioni, nelle famosissime Quattro stagioni vivaldiane.
E a proposito di star che hanno scelto Cortona e il suo Festival come culla della grande musica, e che tornano proprio per il piacere di “fare musica insieme” di nuovo quest’anno sul podio del Teatro Signorelli Antonio Pappano che ha eletto Cortona suo amato retiro estivo.
Sono molti gli ospiti internazionali che hanno voglia di ritornare ad esibirsi al Festival del Sole proprio per il fascino che suscita sia tra il pubblico che tra gli artisti. Una sorta di magia data proprio dalla corrispondenza tra l’incanto del paesaggio, l’atmosfera raccolta e intima in simbiosi con la grande musica di tutti i tempi interpretata da artisti di straordinaria caratura: un privilegio che solo il Tuscan Sun Festival riesce a dare.

Redazione Nove da Firenze