Un esposto sull'assassinio del carabiniere Cerciello Rega

Il Capogruppo della Lega in Palazzo Vecchio, Federico Bussolin, denunciato dal consigliere Palagi per istigazione all'odio razziale. Tema di attualità a Firenze dopo il sequestro di Radio Studio 54


FIRENZE- Ancora strascichi polemici sull'assassinio del carabiniere Cerciello Rega, a causa delle dichiarazioni di esponenti dalla Lega Salvini, nell'immediatezza dei fatti, prima di sapere che i responsabili del delitto erano invece di nazionalità USA. Della questione si erano occupati i consiglieri comunali della sinistra fiorentina Antonella Bundu e Dmitrij Palagi, chiedendo alla giunta comunale e al sindaco di difendersi dall'attacco che gli avevano rivolto i consiglieri della Lega quali corresponsabili morali dell'omicidio a causa della tolleranza "all'immigrazione incontrollata a Firenze".

La vicesindaca Giachi era poi intervenuta sulla comunicazione del Gruppo Sinistra Progetto Comune minimizzando le dichiarazioni degli esponenti leghisti. Tuttavia, nella sua risposta scritta, invitava il consigliere Palagi -qualora avesse rilevato istigazione all’odio razziale nelle parole dei colleghi leghisti- a "provvedere a un esposto informativo alle forze dell'ordine", nonostante il reato sia perseguibile d'ufficio.

Dmitrij Palagi ha seguito alla lettera il consiglio di Cristina Giachi e oggi si è recato a depositare una denuncia contro il Capogruppo della Lega in Palazzo Vecchio, Federico Bussolin per istigazione all'odio razziale.

Questione -si può dire- di grande attualità a Firenze, dopo che nei giorni scorsi Radio Studio 54, l’emittente radiofonica già posta sotto sequestro con l’accusa di diffamazione e odio razziale, è ulteriormente tornata sotto l’attenzione del Tribunale di Firenze, che ha disposto anche l’oscuramento delle piattaforme digitali su cui l’emittente di Guido Gheri aveva continuato a trasmettere.

Redazione Nove da Firenze