Tramvia Firenze: la Linea 1 arriverà fino all'ospedale Meyer?

Approvata a maggioranza la Legge di stabilità toscana: dalla Regione contributi straordinari all’estensione della rete tramviaria nell’area metropolitana fiorentina: 7milioni e 200 mila nel biennio 2021-2022 per lo sviluppo della progettazione e 100mila nel 2021 per la fattibilità del prolungamento


Firenze – Il Consiglio regionale ha approvato a maggioranza la legge di stabilità per il 2021. Il provvedimento è passato a conclusione della seduta di ieri sera, con 24 voti favorevoli e 13 voti contrari. Approvati alcuni significativi emendamenti presentati dalla Giunta regionale e dalla maggioranza, respinti i numerosi ordini del giorno e le proposte di emendamento di Fratelli d’Italia e Lega.

La legge interviene, semplificandola, sulla disciplina dei contributi per investimenti ai piccoli comuni e alle unioni dei comuni, alla luce dell’emergenza sanitaria. Istituisce inoltre un fondo di rotazione per gli Atc, che potranno trovarsi in difficoltà finanziarie a causa delle limitazioni statali all’attività venatoria, con 25mila euro per ciascuno degli anni 2021, 2022, 2023. 

Alcune modifiche tecniche permetteranno di utilizzare tutte le risorse dei contributi e dei canoni geotermici, che restano dopo aver pagato le attività di Arpat e Cosvig, per progetti di miglioramento ambientale. Interventi di manutenzione anche sulla normativa sul trasporto pubblico locale. Per dare continuità alle azioni previste, viene esteso a tutto il 2023, con 200mila euro di risorse, il programma pluriennale previsto dalla legge regionale sulla lotta alla povertà e al disagio sociale attraverso la redistribuzione delle eccedenze alimentari. Anche gli interventi contro la discriminazione e la violenza di genere sono prolungati per tutto il 2023 con la somma di 205mila euro.

Seguono una lunga serie di rimodulazioni di vari interventi sulla viabilità. Per la tangenziale di Lucca, 11 milioni si spostano sul 2022 e 4 sul 2023. La variante alla strada regionale Cassia per superare l’abitato di Staggia senese nel comune di Poggibonsi ha bisogno di un approfondimento progettuale sull’impatto sonoro. Per questo si aggiungono 195mila 684 euro all’importo già stanziato di 310mila euro, che copre il 3 per cento della spesa complessiva dei lotti 1 e 2. Anas potrà contare sul contributo straordinario di 3milioni e mezzo nel 2022 invece che nel 2021 per la realizzazione del ponte sull’Arno a Fibbiana, nel comune di Montelupo Fiorentino. Slitta di un anno anche il contributo straordinario massimo di 4milioni di euro che la provincia di Pisa riceverà (nell’anno 2022, invece che nel 2021) per la viabilità locale fra Madonna dell’Acqua, nel comune di San Giuliano, e l’ospedale di Cisanello, nel comune di Pisa. Il contributo massimo di 800mila euro ai comuni di Pisa e San Giuliano slitta anch’esso al 2021 invece del 2020.

Gli interventi sul porto di Livorno slittano di un anno. La spesa massima della Regione è fissata quindi in 12 milioni e mezzo per ciascuno degli anni dal 2022 al 2041. Per l’abbattimento delle barriere architettoniche in ambito portuale sono previsti 100mila euro nel 2021 e 200mila euro per ciascuno degli anni 2022 e 2023.

Contributi straordinari all’estensione della rete tramviaria nell’area metropolitana fiorentina: 7milioni e 200 mila nel biennio 2021-2022 per lo sviluppo della progettazione e 100mila nel 2021 per la progettazione di fattibilità del prolungamento della linea 1 all’ospedale pediatrico Meyer.

Per la manutenzione della via Francigena saranno disponibili ogni anno 120mila euro a partire dal 2020 e fino al 2023. Alla manutenzione delle ciclovie di interesse regionale (Ciclovia dell’Arno e Ciclovia Tirrenica) sono destinati 255mila euro nel 2021, 340mila euro nel 2022 e 400mila euro nel 2023.

Il fondo straordinario per contributi all’acquisto di autoveicoli, nuovi e usati, per il trasporto dei disabili sarà finanziato anche nel 2023 con 200mila euro. Per il rinnovo della vita tecnica degli impianti di risalita sono aumentati fino a 200mila euro i contributi nel 2021. Per riqualificare spazi urbani colpiti dalla desertificazione commerciale, i comuni potranno contare su 300mila euro nel 2023 per i relativi progetti.

Per la gestione della laguna di Orbetello è confermato per ciascuno degli anni 2021, 2022 e 2023 il finanziamento di un milione e 120mila euro.

Sono iscritte negli elenchi regionali 13 associazioni di ricostruzione storica con 15 manifestazioni e 66 associazioni di rievocazione storica con 126 manifestazioni. Tutte potranno contare su 500mila euro per ciascuno degli anni 2021, 2022 e 2023. Visti i buoni risultati ottenuti, il contributo straordinario al Comune di Volterra di 250mila euro per il recupero e restauro dell’anfiteatro romano viene confermato anche per l’annualità 2021. La fondazione Guido d’Arezzo riceverà nel 2021 un contributo straordinario di 200mila euro per il completamento del percorso espositivo ‘Oro d’autore’.

Il contributo regionale straordinario una tantum previsto nell’anno 2022, per la realizzazione del nuovo ospedale di Livorno sarebbe passato da 50 a 40 milioni, ma con l’emendamento più rilevante, all’articolo 23, si recuperano 30milioni per il patrimonio strutturale delle aziende sanitarie. L’emendamento è stato presentato in Aula dal presidente della Toscana, Eugenio Giani: “Nell’impostazione originaria di bilancio avevamo previsto che la parte più consistente degli investimenti per edilizia sanitaria – con priorità per l’ospedale di Livorno e le Scotte di Siena – si riducesse l’ammontare complessivo da 50 a 40milioni di euro, togliendo da questo capitolo 10milioni per destinarli ad altri capitoli d’investimento: parcheggi, patrimonio abitativo, città murate. Ora interveniamo, portando questo stesso capitolo a complessivi 71milioni, grazie al recupero di 30milioni non impegnati nel 2020”. Sul punto, il vicepresidente Marco Casucci ha lamentato la modalità “che ci porta a conoscere un intervento di questa portata solo in questo momento, mentre niente era stato annunciato in commissione. In prima commissione manca un chiaro interlocutore politico”. Anche Alessandro Capecchi (Fratelli d’Italia) ha annunciato il voto di astensione, “perché ci troviamo davvero in difficoltà di fronte a un emendamento con il quale non si spostano 300mila euro per una palestra, ma milioni di euro”. Il plauso per la modifica dell’articolo 23 è arrivato da Francesco Gazzetti (Pd): “Si dà priorità a interventi anche consistenti in campo ospedaliero. Questo bilancio ci consente di realizzare opere che abbiamo nel programma di mandato e saranno una delle caratteristiche più importanti e rilevanti di questa legislatura”.

Tra gli altri emendamenti approvati, l’introduzione di 300mila euro per le cooperative di comunità (voto favorevole anche dal gruppo Lega). Ancora, un emendamento della Giunta prevede uno stanziamento per la realizzazione di tre progetti, “in conseguenza del protocollo d’intesa firmato con il procuratore generale Viola a metà dicembre”. Si tratta del piano straordinario di controllo per il lavoro sicuro nell’area Toscana centro; del progetto speciale sulle cave per il Piano straordinario per la sicurezza nella lavorazione del marmo nel distretto Apuo-Versiliese; e del progetto per la repressione delle frodi agroalimentari con la collaborazione tra Regione e Procura Generale di Firenze con le procure della Repubblica di Siena, Grosseto e Arezzo. L’emendamento ha ottenuto il voto favorevole anche del gruppo della Lega.

Redazione Nove da Firenze