Sinagoga di Firenze: incontro su accoglienza, integrazione ed antirazzismo

Tema della serata “Come si arriva alle leggi razziali: il colonialismo italiano in Africa”


 Una serata all’insegna dell’accoglienza, dell’integrazione e dell’antirazzismo declinati nelle espressioni del confronto, del teatro e della musica all’ombra della Sinagoga di Firenze. Giovedì 2 agosto nuovo appuntamento con il Balagan Cafè, la rassegna cultural gastronomica ideata dalla Comunità ebraica di Firenze in collaborazione con Comune di Firenze e Regione Toscana (ingresso gratuito su prenotazione sinagoga.firenze@coopculture.it, 055 2346654 o 055 2466089).

Confronto Il tema della serata è “Come si arriva alle legge razziali: il colonialismo italiano in Africa”: a parlarne saranno il giornalista Raffaele Palumbo, il drammaturgo Daniele Timpano, l’autrice e performer Elivira Frosini e l’assessore all’istruzione del Comune di Scandicci Diye Ndiaye. Ad introdurre l’incontro sarà l’assessore all’accoglienza e integrazione del Comune di Firenze Sara Funaro.

A precedere la conversazione sarà l’apericena a base di prelibatezze della cucina ebraica preparate dagli chef del Balòagan cafè Jean Michel Carasso e Michele Hagen (ore 19,30 – offerta consigliata 10 euro).

Teatro Alle ore 21 nei giardini della Sinagoga andrà in scena lo spettacolo, ad ingresso gratuito, dal titolo ”Zibaldino africano” di Timpano e Frosini. Uno spettacolo dedicato al colonialismo italiano, una storia rimossa e negata, che dura 60 anni, inizia già nell'Ottocento, ma che nell'immaginario comune si riduce ai 5 anni dell'Impero Fascista. Vista dall'Italia, l'Africa è tutta uguale, astratta e misteriosa come la immaginavano nell'Ottocento; Somalia, Libia, Eritrea, Etiopia sono nomi, non Paesi reali, e comunque “noi” con “loro” non c'entriamo niente; gli africani stessi sono tutti uguali. E i profughi, i migranti che oggi ci troviamo intorno, sull'autobus, per strada, anche loro sono astratti, immagini, corpi, identità la cui esistenza è irreale: non riusciamo a giustificarli nel nostro presente. Come un vecchio incubo che ritorna, incomprensibile, che ci piomba addosso come un macigno.

Musica Il confronto tra diverse culture si sposterà poi dal teatro alla musica. A seguire, alle ore 22, la Toungan Sira Band si esibirà in concerto con musica dal Burkina Faso.

Durante la serata, realizzata con i fondi 8xmille dell'Unione delle Comunità ebraiche italiane, sarà possibile effettuare visite guidate in Sinagoga alle ore 20,45 (costo 6,50 euro).

Programma completo e info su www.balagancafe.it www.firenzebraica.it www.jewishtuscany.it Informazioni e prenotazioni sinagoga.firenze@coopculture.it, 055 2346654 o 055 2466089. Pagina Facebook “Balagan Cafè”.

Redazione Nove da Firenze