Rubrica — Editoria Toscana

Premio Letterario Castelfiorentino: il «Premio speciale» 2018 ad Antonio Prete

Sabato 12 maggio (ore 21.00, Teatro del Popolo) un’unica grande serata conclusiva, con la proclamazione dei vincitori per l’inedito e la premiazione del Concorso Scuola


E’ considerato uno dei maggiori esperti italiani di Giacomo Leopardi, delle sue opere, del suo “pensiero poetante” secondo una felice espressione da lui stesso coniata. E’ lo scrittore Antonio Prete il vincitore del «Premio speciale» alla carriera della XVIII edizione del Premio Letterario Castelfiorentino 2018. La premiazione avrà luogo a Castelfiorentino sabato 12 maggio 2018, alle ore 21, nella magnifica cornice del Teatro del Popolo. Nella stessa serata è prevista la premiazione del XVIII Concorso Letterario giovanile e la la proclamazione dei vincitori per l’inedito, di cui sono giunti numerosi elaborati da ogni regione d’Italia.

Scrittore e saggista internazionalmente noto, poeta, narratore e traduttore, Antonio Prete è nato a Copertino, in provincia di Lecce, nel 1939. Ha insegnato per molti anni Letterature comparate all'Università di Siena, tenendo corsi e seminari in prestigiosi atenei stranieri, tra cui la Harvard University, il Collège de France, l'Università di Salamanca. Ha collaborato a varie riviste letterarie e filosofiche. Per la trasmissione Fahrenheit di Rai Radiotre cura la rubrica Scuola di lettura. Vive e lavora tra Siena e la Francia.
Studioso di alto profilo, Prete è noto soprattutto – come dicevamo all’inizio - per i suoi studi sull'opera di Leopardi, ma anche di Baudelaire. Dopo la curatela delle Operette morali (Feltrinelli, 1976) ha dedicato al poeta di Recanati due monografie: Il pensiero poetante. Saggio su Leopardi (1980, più volte riedito), il suo libro più famoso e più tradotto, a cui è seguito Finitudine e infinito. Su Leopardi (1998). Ha poi pubblicato Il deserto e il fiore. Leggendo Leopardi (2004), raccolta di saggi in cui l'autore torna a sondare il pensiero tragico leopardiano in relazione al “fiore” della poesia, e Sulle Operette morali. Sette studi (2008).
Di Baudelaire si è occupato in due volumi di saggi, L'albatros di Baudelaire (1994) e I Fiori di Baudelaire. L'infinito nelle strade (2007), e in traduzioni culminate con la versione dei Fiori del male (Feltrinelli, 2003) a cui ha atteso per anni. Tra i poeti contemporanei l'autore ha rivolto costante attenzione all'opera di Edmond Jabès, con il quale ha intrattenuto un legame di duratura amicizia, curando in particolare la versione italiana de Il libro del dialogo (1987, 2016) e Il libro dell’ospitalità (1991, 2017).
La fiducia da sempre riposta nella poesia, sede esclusiva di moralità secondo l'amato Leopardi, è sfociata in anni recenti nella pubblicazione di due libri di versi, Menhir (2007) e Se la pietra fiorisce (2012), mentre come narratore Antonio Prete ha pubblicato L'imperfezione della luna (2000), Trenta gradi all'ombra (2004), L'ordine animale delle cose (2008).

Il «Premio Letterario Castelfiorentino»
Con il Patrocinio della Regione Toscana e della Città Metropolitana di Firenze, il Premio Letterario Castelfiorentino, giunto oggi alla sua XVII edizione, è organizzato dal Comune di Castelfiorentino e dall’Ente Cambiano scpa. La sua giuria è composta da Marco Marchi (presidente), Claudia Centi, Nicoletta Mainardi, Mariella Migliorini, Marco Menicacci, Giacomo Trinci, Paolo Marini (segretario).
Vincitori del «Premio speciale» del «Castelfiorentino» nelle precedenti edizioni sono stati Mario Luzi, Maria Luisa Spaziani, Edoardo Sanguineti, Dacia Maraini, Tonino Guerra, Claudio Magris, Franco Loi, Vincenzo Cerami, Alberto Bevilacqua, Alberto Arbasino, Andrea Camilleri, Patrizia Valduga, Roberto Vecchioni, Valerio Magrelli e Gianrico Carofiglio, mentre nella sezione inediti sul tema In Toscana: storie e impressioni si sono affermati nel corso degli anni, conseguendo il 1° premio, Francesco Ciulli e Fabio Sassetti, Giacomo Trinci, Alberto Arletti, Eugenio De Signoribus, Ettore Baraldi e Patrizia Ferrando, Francesco Camerini e Marco Giovenale, Valentino Ronchi, Francesco Scarabicchi, Paolo Di Paolo, Cynthia Collu, Giacomo Leronni, Franca Mancinelli, Valter Ferrari, Sandro Campani, Anna Elisa De Gregorio e Giulio Maffii, Matteo Mazzone
.

La grande serata conclusiva di sabato 12 maggio 2018 con la premiazione del Concorso Scuola
Le premiazioni del Premio Letterario Castelfiorentino e del Concorso Scuola ad esso tradizionalmente collegato avranno luogo in un’unica grande serata sabato 12 maggio 2018, ore 21, al Teatro del Popolo di Castelfiorentino, Piazza Gramsci. Alla serata, condotta dal Presidente del Premio Marco Marchi, interverranno il Sindaco di Castelfiorentino Alessio Falorni e il Presidente dell’Ente Cambiano scpa Paolo Regini. L’ingresso alla manifestazione è gratuito e aperto a tutti. Per informazioni: tel. 0571-631731 e 338-4293724.

Redazione Nove da Firenze