Rubrica — LifeStyle

Pitti Immagine, il centro di Firenze in festa con tanti eventi dedicati alla moda, allo stile ma anche all’arte, analogica e digitale

Fotogallery Alessandro Rella - PhotoPress.it

Viaggio tra i principali vernissage, djset in luoghi storici, sfilate nelle strade della città della seconda serata


All’Obica , noto locale in via Tornabuoni, Moaconcept Foundation ha premiato la vincitrice di “Body Diversity”, il primo contest internazionale dedicato ai giovani graphic designer, durante il vernissage all’Obica in via Tornabuoni. Il concorso, patrocinato dal Comune di Firenze e aperto ai giovani artisti europei di età inferiore ai 30 anni, ha ricevuto un ampio consenso e le opere giunte per la selezione provengono da tutti i Paesi dell’Unione. La vincitrice ha ricevuto un assegno del valore di Euro 8.000 da investire nella propria attività artistica. Il contest “Body Diversity” si propone lo scopo di selezionare e premiare opere d’arte in forma digitale che siano espressione di nuove e originali interpretazioni del corpo umano, attraverso la realizzazione di una grafica, una fotografia o un’opera digitale.

Moaconcept Foundation è un’organizzazione non lucrativa e di utilità sociale, fondata dal proprietario dei fashion brand di sneaker Master of Arts e Playground. La fondazione nasce nel 2018 e persegue finalità di utilità sociale, in ambito di valorizzazione della natura e dell’ambiente, proponendo e realizzando la formazione, la ricerca, la divulgazione di attività culturali ed artistiche.La sua missione consiste nel diventare una piattaforma a sostegno dell’arte e della creatività,dell’innovazione e del design, per far emergere nuovi artisti e nuove forme espressive, moderne e contemporanee.

Alla boutique Monblanc, sempre in via Tornabuoni, il cocktail-evento per mostrare in anteprima scoprire la nuova collezione di strumenti da scrittura StarWalker e la campagna #Reconnect2TheWorld. Il nuovo starwalker è dedicato a una delle avventure più accattivanti dell'umanità, ovvero l’ esplorazione spaziale. Seguendo l’hashtag sui social network è possibile leggere tutte le storie scritte con e per celebrare questo tema. I cocktail serviti erano conseguentemente molto “spaziali”, e come ormai accade negli eventi più smart, ai partecipanti era offerta la possibilità di farsi fotografare in ambiente dedicato, in questo caso “stellare”.

Save The Duck, il primo brand internazionale animal friendly, ha presentato la collezione che celebrala collaborazione con Sea Shepherd, la più attiva e agguerrita organizzazione per la tutela degliOceani e della fauna marina, fondata nel 1977 dal Capitano Paul Watson. La flotta di Sea Shepherd è composta da tredici navi con a bordo equipaggi di volontari provenienti da tutto il mondo, disposti a rischiare la vita per la causa. Sea Shepherd non protesta ma agisce utilizzando tattiche di azione diretta, per investigare, documentare e impedire attività illegali ai danni degli Oceani. Questa collaborazione permetterà di supportare le sue attività in difesa degli animali marini. Savethe Duck ha dedicato una è una collezione di alcuni capi essenziali a Sea Shepherd composta da parka antipioggia, smanicati, felpe e T-Shirt, a cui infonde un forte valore simbolico il logo della flotta di Sea Shepherd e i claim condivisi dalle parti: Defend – Conserve –Protect e We Respect Animals.

LifeStyle — rubrica a cura di Francesca Cecconi

Francesca Cecconi

Francesca Cecconi — Fiorentina. Giornalista pubblicista con la passione per il rock'n'roll

E-mail: nuppolina@gmail.com