"Le Cascine? Ormai sono il parco degli spacciatori"

Forza Italia dopo il ferimento di tre vigili ieri sera: "A Firenze serve il centro di identificazione ed espulsione". La Lega: "Questo episodio è un pericosolo salto di qualità della delinquenza. In piazza Vittorio Veneto serve un presidio fisso delle forze dell'ordine". Solidarietà agli agenti da tutto il Consiglio Comunale


“Agli agenti feriti la nostra più sentita solidarietà. È chiaro, se mai ce ne fosse stato bisogno, che il Parco delle Cascine è una zona franca in mano a spacciatori e immigrati irregolari” affermano Jacopo Cellai, Capogruppo di Forza Italia, Giampaolo Giannelli, vicecoordinatore e responsabile immagine azzurro e Giulio Sbal, responsabile sicurezza. “E la colpa non è solo di politiche di immigrazione sbagliate ma di una riqualificazione mancata”.

“Ancora una volta il Parco delle Cascine diventa teatro di episodi di violenza. Si tratta però solo dell’ultimo in ordine di tempo. Oramai le risse sono diventate una costante del più grande parco cittadino. Ne ricordiamo una, solo per rinfrescare la memoria, nella quale in pieno giorno a ottobre del 2018 si sono fronteggiati due gruppi, albanesi contro africani, con diversi feriti. La riqualificazione del Parco – attaccano Cellai, Giannelli e Sbal – che, a detta dell’ex sindaco Matteo Renzi, avrebbe dovuto restituirlo ai fiorentini e renderlo appetibile per i turisti è rimasta lettera morta. O meglio anziché luogo per fiorentini e turisti è diventato il parco degli spacciatori”.
Forza Italia Firenze ha lanciato nei mesi scorsi una proposta concreta per la sicurezza: il centro di identificazione ed espulsione. “Si tratta di una soluzione concreta per un problema sicurezza che al momento il PD non riesce a risolvere. Solo così possiamo identificare chi sta nel nostro territorio e allontanare chi non deve starci o chi commette reati” concludono gli esponenti azzurri.

“C'è voluto un massiccio intervento di Polizia Municipale, Carabinieri e Polizia di Stato per sedare la maxi-rissa, con tanto di aggressione ad agenti della Polizia Municipale - dichiara il consigliere della Lega Antonio Montelatici - scatenata dagli spacciatori e dai clandestini che occupano in pianta stabile le Cascine”.

“Questo episodio gravissimo - continua il consigliere - rappresenta un pericoloso salto di qualità della delinquenza, che considera evidentemente come propri alcuni territori cittadini. È la conseguenza della colpevole inerzia della Giunta Nardella, che ha purtroppo sempre ignorato l'allarme criminalità. Avevo chiesto e ottenuto, con l’approvazione del Consiglio comunale, l'attivazione di un presidio fisso delle forze dell'ordine in Piazza Vittorio Veneto”.

“Ma questa dilagante violenza è anche e soprattutto il risultato della nefasta politica dell'accoglienza indiscriminata di clandestini, praticata dalla Sinistra di governo, la cui ideologia buonista ha provocato danni che rischiano di essere irreparabili in tutti i campi del vivere civile”.

“Nell'esprimere quindi solidarietà e vicinanza alla Polizia Municipale e agli agenti aggrediti e a tutte le forze dell'ordine, io e il Collega Cocollini rinnoviamo la nostra richiesta di un presidio di ordine e legalità in Piazza Vittorio Veneto, sollecitando il Sindaco ad attivarsi in tal senso presso il prefetto”.

“Ma al Sindaco chiediamo, con uno spirito di collaborazione - conclude Montelatici - anche di venire urgentemente in Consiglio Comunale per affrontare seriamente la questione sicurezza alla luce degli odierni e inquietanti accadimenti. Prima che sia troppo tardi”. 

Piena solidarietà agli agenti della Polizia Municipale feriti presso il Parco delle Cascine è stata espressa dal presidente del Consiglio comunale Luca Milani.

“L’importanza del lavoro svolto dai vigili urbani è sotto gli occhi di ogni fiorentino. La Polizia Municipale – sottolinea il presidente del Consiglio comunale Luca Milani – sta avendo un ruolo centrale per la collettività in questa fase drammatica caratterizzata dall’emergenza Coronavirus. Condanno, a nome di tutta l’assemblea di Palazzo Vecchio, il vile attacco subito ieri dagli agenti al Parco delle Cascine ed esprimendo solidarietà e vicinanza approfitto per rinnovare piena fiducia per il determinante lavoro svolto in questa difficile fase che stiamo attraversando”.

Redazione Nove da Firenze