Rubrica — LifeStyle

In piazza della Signoria l'evento di Dolce e Gabbana

Progetto filantropico privato intorno all'alta moda. Una vetrina per il turismo di lusso. Gli eventi saranno trasmessi in streaming. Contromanifestazione sotto Palazzo Vecchio


È tutto pronto per l'evento “Il Rinascimento e la Rinascita”, che porterà in passerella a Firenze le creazioni alta moda di Domenico Dolce e Stefano Gabbana: un omaggio alla storia e all'arte, all'eleganza senza tempo della città e alla maestria dei suoi laboratori artigiani.

“Il Rinascimento e la Rinascita”, dal 2 al 4 settembre porterà a Firenze l'Alta Sartoria maschile e l'Alta Moda femminile di Dolce & Gabbana. 38 artigiani, scelti personalmente dai due stilisti, sono gli artefici di opere uniche, che sfileranno in veste inedita. Terracotta, seta, oro, argento, cuoio, pelle, paglia, vimini, cristallo, porcellana, vetro, legno, broccato, piume, perline, pietre dure e tarsie marmoree: materie preziose, raccontate anche in un volume a tiratura limitata e in una mostra in Palazzo Vecchio. Per l’evento speciale di Pitti Immagine, insieme alle creazioni di Dolce & Gabbana, sfileranno in passerella quelle di un selezionato gruppo di artigiani, scelti proprio dai due stilisti visitando le loro botteghe. Un connubio di eccellenze artigiane ed un riconoscimento al saper fare della tradizione italiana e di quella fiorentina, che da sempre comprende una vasta abilità artigiana.

Il Rinascimento fiorentino per noi rappresenta lo straordinario, la creatività pura, l'abilità manuale di altissimo livello, così come l'amore per l'arte, il Fatto a Mano e l'Italia sono da sempre punti fermi del nostro lavoro. Coinvolgere gli artigiani è stata una scelta naturale, siamo stati conquistati dalla loro sapienza, maestria e devozione”, commentano Domenico Dolce e Stefano Gabbana.

Gli eventi di Dolce&Gabbana si terranno, con annessi cocktail party, in Palazzo Vecchio e Palazzo Gondi. Non più la cena in piazza della Signoria come si era ipotizzato inizialmente. Questo appuntamento costituisce il primo tassello della strategia Rinasci Firenze, presentata dal Sindaco qualche mese fa. La delibera di Giunta prevede l'apertura della ZTL, costo per l’occupazione di suolo pubblico ridotto del 50%, messa a disposizione gratuita dei beni del Comune (a partire dalle transenne e dalle piante, per arrivare agli spazi degli edifici storici).

Gli eventi organizzati dalla Fondazione Pitti e da Dolce e Gabbana hanno in programma: mercoledì 2, l'alta gioielleria avrà come palcoscenico d'eccezione il chiostro dell'Officina del profumo di Santa Maria Novella. In serata, il Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio ospiterà l'alta sartoria maschile, accompagnata dalle opere dei migliori artigiani fiorentini. Giovedì 3, infine, nella splendida Villa Bardini verrà svelata l'alta moda femminile. Gli eventi saranno trasmessi in streaming sulle piattaforme web di Dolce&Gabbana e di Pitti Immagine.

Cuoio di Toscana, il Consorzio leader assoluto nella produzione di cuoio da suola, con quote di mercato pari al 98% di quello italiano e oltre l'80% a livello europeo e che ha come partner le principali griffe internazionali, è stato scelto per la propria natura di eccellenza per la realizzazione di alcuni pezzi esclusivi – un capospalla e due accessori – che Domenico Dolce e Stefano Gabbana hanno inserito nella straordinaria collezione maschile di Alta Sartoria e per la copertina di un libro, edito in edizione limitata, dedicato agli artigiani di Firenze.

La tre giorni di eventi Dolce&Gabbana, in collaborazione con Pitti Immagine e il Comune di Firenze, ha portata internazionale - spiega Antonio Quirici presidente del Consorzio Cuoio di Toscana - promuove l'immagine della città e del suo indotto in maniera alta e importante. Per questo è in linea con gli obiettivi del Consorzio che promuove il valore di una materia prima così iconica e sostenibile, apprezzata e riconosciuta su tutti i mercati. Questo evento è per noi motivo di orgoglio perché celebra la maestria e il prestigio del Made in Italy e del Made in Tuscany, valori che sono comuni.”

Alta sartoria, alta moda, alta gioielleria, ma anche alta distilleria. Il distillato gin Peter in Florence, fiore all’occhiello della produzione italiana, è stato scelto perché è un gin tradizionale, ma totalmente Made in Tuscany.

Contromanifestazione mercoledì 2 settembre alle 19:00 in piazza della Signoria per difendere i beni collettivi. “Non siete stati invitati al cocktail in Palazzo Vecchio? Vi invitiamo noi all’aperitivo popolare” Così Francesca Conti (Potere al Popolo e Perunaltracittà), candidata nel collegio di Firenze città per Toscana a Sinistra di Tommaso Fattori presidente, sull’evento vip organizzato dagli stilisti Dolce e Gabbana a Palazzo Vecchio. “Nonostante i proclami del sindaco Nardella sulla Rinascita di Firenze, il vizio di privatizzarla a uso e consumo dell’industria del turismo di lusso non è affatto venuto meno. Il ritorno economico sarà risibile per la città che per l’ennesima volta verrà trasformata nel parco giochi dei ricchi”. Conclude Conti: “Per far rinascere Firenze occorre un piano comunale e regionale per la rivalorizzazione del patrimonio pubblico, in modo da farne delle case popolari e dei servizi per la residenza in tutta la città, e un sostegno reale alle attività artigianali che solo con una redistribuzione verso il basso della ricchezza potrebbero veramente rinascere”.

Redazione Nove da Firenze