Rubrica — Spettacolo

Jazz: in Oltrarno il Fringe Festival

Cinque giorni per 70 ore di musica, 150 artisti che si esibiranno in 12 luoghi per oltre 150 performance. Maria Pia De Vito apre il Grey Cat Jazz Festival a Rocca Di Frassinello. “Phonema”, un disco aretino chiude il Jazz On The Corner Festival. A Siena si esibiscono i “Siena Jazz Masters”. Dal 7 al 9 settembre Orbetello Jazz Festival


Fjff, il festival diffuso nato da un’idea del contrabbassista jazz Furio Di Castri che nella prima edizione ha animato piazze, chiese e locali dell’Oltrarno registrando 25.000 presenze, torna dal 5 al 9 settembre, per l’Estate Fiorentina 2018: 5 giorni per 70 ore di musica, 150 artisti che si esibiranno in 12 luoghi per oltre 50 performance, con un programma che punta all’originalità della musica grazie a nuove produzioni e performance site specific con artisti di fama internazionale. FJFF è una manifestazione innovativa e sostenibile in cui prevalgono il coinvolgimento del pubblico e il desiderio di proporre un’alternativa culturale. A partire dalla forza espressiva di musicisti del calibro di Enrico Rava, Francesco Bearzatti, Peppe Servillo, Javier Girotto, Natalio Magalavite, Fabio Morgera, Nico Gori, John De Leo, Rita Marcotulli, Simone Graziano, Mauro Ottolini, Alessandro Lanzoni, Pietro Tonolo, Stefano Cocco Cantini, Alessandro Galati, Francesco Maccianti e tantissimi altri prestigiosi nomi del jazz nostrano, nasce un festival che è anche una festa per il pubblico, coinvolto dalle animazioni pomeridiane, dai concerti, dai dj set e dalle jam session che si susseguiranno fino a tarda notte. L’inaugurazione il 5 settembre, h. 21.00 dall’alto della Basilica di San Miniato al Monte, è una straordinaria anteprima affidata alla tromba di Enrico Rava le cui note si diffonderanno nella città dando l’avvio a un Festival che, come da tradizione, sarà aperto a tutti e tutti cercherà di coinvolgere con le sue musiche.

Un settembre all’insegna della grande musica jazz in uno dei luoghi più suggestivi della Toscana: è quanto propone la seconda edizione di Orbetello Jazz Festival, una rassegna voluta dal Comune di Orbetello per la direzione artistica di Paolo Rubei, che i prossimi 7, 8 e 9 settembre offre tre imperdibili appuntamenti. Roberto Gatto New Quartet, Gege Telesforo e New Talents Jazz Orchestra ft Javier Girotto sono gli ospiti che si alterneranno nella meravigliosa terrazza sulla Laguna della Polveriera Guzman (via Mura di Levante – Orbetello) che si trasforma in palcoscenico d’eccezione per tre serate piene di emozioni. Ad aprire la rassegna venerdì 7 settembre arriva il Roberto Gatto New Quartet.

A Siena intanto proseguono i concerti della 48^ edizione dei seminari internazionali estivi di Siena Jazz: mercoledì 25 luglio nella meravigliosa Piazza Provenzano, primo appuntamento con “Siena Jazz Masters”, le esibizioni dei grandi maestri internazionali che animano i seminari senesi. Due le formazioni impegnate: il primo set propone un inedito quartetto con Fulvio Sigurtà (tromba), Roberto Cecchetto (chitarra), Joe Martin (contrabbasso) e Ettore Fioravanti (batteria). La seconda parte sarà affidata alla voce di Diana Torto con Miguel Zenon (sax alto), Matt Mitchell (pianoforte), Matt Penman (contrabbasso) e Henry Cole (batteria). Il progetto dei “Siena Jazz Masters” vedrà due nuove formazioni di musicisti internazionali anche giovedì 26 luglio all’interno del Cortile del Rettorato, grazie alla collaborazione con l’Università degli studi di Siena. Due le formazioni nate appositamente per questa serata che si scambieranno il palco: l’apertura è affidata Ralph Alessi (tromba), Achille Succi (clarinetti), Furio Di Castri (contrabbasso) e Henry Cole, (batteria). Nella seconda parte: Ralph Alessi (tromba) sarà con Theo Bleckmann (voce), Stefano Battaglia (pianoforte), Gilad Hekselman (chitarra) e Matt Penman (contrabbasso). Sono numeri da capogiro quelli dell’edizione 2018: in programma 64 laboratori musicali per oltre 100 ore complessive di attività didattiche, che portano alla formazione delle 64 classi di musica d’insieme. La città intera vive una vera e propria “invasione” musicale grazie all’arrivo di 34 docenti internazionali scelti tra i migliori musicisti del mondo e 115 allievi (il massimo di posti disponibili) provenienti da 18 diverse nazioni. I seminari saranno accompagnati da un cartellone di 16 spettacoli tutti ad ingresso libero che si svolgeranno in luoghi inediti e suggestivi e che vedranno esibirsi star internazionali e ben 104 gruppi musicali di allievi e docenti. Gli studenti sono provenienti da tutti e cinque i continenti e in particolare oltre all’Italia sono presenti le seguenti nazioni: Stati Uniti d’America, Australia, Canada, Belgio, Olanda, Slovenia, Spagna, Svizzera, Brasile, Grecia, Hong Kong, Israele, Gran Bretagna, Germania, Turchia, Tunisia, Corea,Taiwan.

Le note aretine chiudono il Jazz On The Corner Festival. La rassegna jazzistica, giunta alla sesta edizione, terminerà con l’ultimo concerto di mercoledì 25 luglio che vedrà salire sul palco di piazza Sant’Agostino il Francesco Giustini Organ Trio per presentare per la prima volta in città il suo più recente disco “Phonema”.  ’appuntamento è ad ingresso gratuito e prenderà il via dalle 22.00, permettendo di scoprire un album che è stato pubblicato lo scorso maggio e che ha già riscontrato ottime recensioni da parte della critica. Protagonista della serata sarà la band capitanata dall’aretino Francesco Giustini che, insieme all’organo hammond di Manrico Seghi e alla batteria di Giovanni Paolo Liguori, ha realizzato “Phonema”; al loro fianco saranno presenti anche due musicisti di calibro internazionale come il leader dei Funk Off Dario Cecchini (a sax baritono e flauto) e Massimo Morganti (al trombone) che hanno contributo al progetto discografico.

Benny Golson, Steve Coleman, Paolo Fresu, Enrico Rava: sono solo alcuni dei protagonisti del cartellone 2018 di Grey Cat Festival, sempre di più punto di riferimento per il live Jazz in Toscana ed in Italia. 22 concerti e tanti altri eventi all’insegna della musica di qualità, la valorizzazione del territorio e delle sue ricchezze. Il concerto di apertura di questa nuova edizione vedrà protagonista la cantante e compositrice Maria Pia de Vito con il suo progetto “So Right” e sarà ospitato nella suggestiva barricaia della Rocca di Frassinello. La seconda data sarà tutta dedicata a due giovani e promettenti formazioni: “Lilac for People” della cantante Francesca Gaza e “In the Eyes of the Whale” di Michelangelo Scandroglio. Questo sarà anche il primo di 7 appuntamenti che coinvolgeranno il comune di Follonica: una giornata che vede nello stesso programma una masterclass dedicata all’improvvisazione avanzata, guidata da Stefano Cantini, la presentazione della nuova pubblicazione ispirata al lavoro teatrale e musicale “Io, John Coltrane” e un originale progetto con al centro la straordinaria fotografia di Pino Ninfa insieme a Giovanni Falzone e Alessandro Rossi; importante il calendario degli altri artisti in concerto: il Paolo Fresu Devil Quartet (a presentare il suo nuovissimo CD), il quartetto del leggendario Benny Golson (per la prima volta a Grey Cat) e “Dream Weavers” il progetto del sassofonista sardo Gavino Murgia, con il percussionista franco brasiliano Mino Cinelu ed il chitarrista vietnamita Nguyen Le. I giorni 2 e 3 agosto ancora una volta vedranno il quartiere Senzuno di Follonica protagonista di una vera immersione totale nella live music e nelle arti: con Grey Cat Street Club una due giorni densi di concerti e performance; tra i protagonisti la Fantomatik Orchestra. Il tutto curato da Cantiere Cultura ed Associazione Real Giallu. Il Cassero Senese di Grosseto ospiterà lo straordinario duo formato da Stefano Cantini e Antonello Salis ed una serata tutta dedicata al funk con la White Orcs (sul palco i migliori jazzmen toscani insieme al vocalist - ex Incognito – Momrelle). Anche il Castello di Scarlino sarà la suggestiva location per due concerti che spazieranno dal funk dei Funk Off accompagnati dalla voce di Karima al nuovissimo progetto che unisce Enrico Rava, uno dei più importanti trombettisti italiani e la pianista giapponese Makiko Hirabayashi. A Scarlino Scalo in occasione de “Lo scalo dei sapori” saranno protagonisti della serata il quartetto di Romina Capitani e il funk del progetto Superbad. Sarà il quintetto del newyorkese Steve Coleman il protagonista del concerto presso il suggestivo scenario del Teatro delle Rocce di Gavorrano, anche per questo 2018 in collaborazione con il Festival Time in Jazz di Berchidda, mentre sempre a Gavorrano, presso la ex miniera di Ravi Marchi, si terrà una grande festa swing con la presenza del Nico Gori Swing Tentet con tanti ospiti. Straordinario l’evento programmato a Castelnuovo val di Cecina: la storia musicale di Gino Paoli e la sua inconfondibile voce dialogano con Danilo Rea, uno dei più grandi protagonisti della scena musicale italiana. L’appuntamento nel nuovo spazio della Fortezza Aldobrandesca di Monterotondo Marittimo vedrà protagonista il pianista Dado Moroni con il suo trio, la piazza Solti di Castiglione della Pescaia vedrà impegnata la cantante Alessia Martegiani con il chitarrista Nicola Stilo, mentre a Vetulonia sarà il contrabbassista Raffello Pareti a presentare un nuovissimo trio con Roberto Cecchetto e Fulvio Sigurtà. Al debutto anche il progetto di Fabio Morgera, con un omaggio ad uno dei suoi ispiratori, Joe Henderson (presso il Parco Fonte di Vandro a Sassofortino) mentre nel Museo di S.Pietro all’Orto a Massa Marittima, che sarà sede di una importante mostra dedicata al Lorenzetti, sarà la volta di Mauro Grossi a presentare il suo quartetto con il sassofonista Gianluca Esposito.

Redazione Nove da Firenze