“Parlare di Cinema a Castiglioncello”, Stefania Rocca ospite d’onore

Al via domani l’ottava edizione. Inaugurerà la manifestazione e la mostra fotografica “Viaggio in Italia 3: Cinema sulle strade”


CINEMA — Si apre ufficialmente martedì 19 giugno l’ottava edizione di Parlare di cinema alla presenza dell’attrice Stefania Rocca, madrina della mostra fotografica “Viaggio in Italia 3: Cinema sulle strade”.
Appuntamento alle 18.00 presso La Limonaio del Castello Pasquini per i saluti di rito del direttore artistico Paolo Mereghetti e delle autorità cittadine, a seguire Stefania Rocca e il curatore della mostra Antonio Maraldi accompagneranno il pubblico di Castiglioncello in un affascinante percorso tra le 55 fotografie (a colori e in bianco e nero) scattate in differenti set cinematografici della penisola.

Il progetto propone implicitamente un interessante interrogativo: può il cinema raccontare ancora il paese reale e le sue problematiche? Rendere conto della sua straordinaria ricchezza culturale e paesaggistica?
La mostra, immortalando vent’anni di cinema, raccoglie istantanee di un territorio eterogeneo, abitato da un’umanità spesso lontana da riflettori mediatici e facili stereotipi. Uno sguardo su un paese più variegato e sconosciuto di quanto siamo spesso portati a immaginare. Esposti, fra gli altri, gli scatti sui set di La stazione di Sergio Rubini e Caro Diario di Nanni Moretti (foto di Sandro Borni), Il postino di Michael Radfor (foto di Mario Tursi), Io ballo da sola di Giuseppe Bertolucci (foto di Angelo Novi), La vita è bella di Roberto Benigni (foto di Sergio Strizzi), Il ciclone di Leonardo Pieraccioni (foto di Franco Bellomo), Radiofreccia di Ligabue, Il partigiano Johnny di Guido Chiesa e Lo spazio bianco di Francesca Comencini (foto di Chico De Luigi), I cento passi e La meglio gioventù di Marco Tullio Giordana e La stanza dello scirocco di Maurizio Sciarra (foto di Angelo Turetta), Pane e tulipani di Silvio Soldini e Io non ho paura di Gabriele Salvatores (foto di Philippe Antonello), La stanza del figlio di Nanni Moretti (foto di Umberto Montiroli), La vita che vorrei di Giuseppe Piccioni (foto di Moris Puccio), Il divo di Paolo Sorrentino e Benvenuti al sud di Luca Miniero (foto di Gianni Fiorito).

A corollario della mostra il pubblico avrà l’occasione in serata (Cinema Castiglioncello, ore 23.30) di rivedere sul grande schermo La stazione (1990), esordio dietro la macchina da presa di Sergio Rubini.

In serata, ore 21.30 al Cinema Castiglioncello, primo film degli esordienti di questa edizione: Scialla! opera prima di Francesco Bruni con Fabrizio Bentivoglio, Barbora Bobulova e il giovane rivelazione Filippo Scicchitano.
Il film – vincitore della sezione Controcampo Italiano all’ultima Mostra del Cinema di Venezia – racconta con ironia e tenerezza il rapporto tra un padre e un figlio che non si conoscono e sono costretti loro malgrado a una convivenza forzata di alcuni mesi, durante i quali impareranno molte cose l’uno dell’altro.
Il regista Francesco Bruni sarà a Castiglioncello per l’incontro di venerdì 22 giugno dedicato agli esordi cinematografici.

Il film sarà preceduto dalla proiezione del cortometraggio Dell’Ammazzare il maiale di Simone Massi. Il corto di animazione – reduce dal successo in numerosi festival internazionali e vincitore del David di Donatella 2011 – narra gli ultimi istanti del maiale che, trascinato a forza dalla sua stalla, vede le cose del cielo e del mondo che lo circonda, prima di essere ammazzato.

“Viaggi in Italia 3: Cinema sulle strade. Set del cinema italiano 1990-2010” a cura di Antonio Maraldi
Dal 19 al 24 giugno 2012 – ore 10.00-13.00 17.00-23.00
Centro per l'arte Diego Martelli (“Virgola”) - Piazza della Vittoria, Castiglioncello
INGRESSO LIBERO

Redazione Nove da Firenze