Il meglio del Chianti nel cuore di Firenze

Olio, vino, miele, salumi, mobili, tessuti, ceramiche, cotto: le produzioni tipiche e le peculiarità del Chianti in mostra a “Emozioni dal Chianti”. L’iniziativa è promossa dai Comuni di Bagno a Ripoli, Barberino, Impruneta, San Casciano e Tavarnelle.


“Emozioni dal Chianti è un’occasione importante che porta il Chianti nel cuore della Toscana, valorizza Firenze e intensifica il rapporto tra la città e il suo contado”.
Sono le parole di cinque sindaci del Chianti fiorentino che ieri si sono ritrovati in piazza della Repubblica per fare da promoter ai loro territori. Luciano Bartolini (Bagno a Ripoli), Maurizio Semplici (Barberino Val d’Elsa), Ida Beneforti (Impruneta), Massimiliano Pescini (San Casciano Val di Pesa) e Sestilio Dirindelli (Tavarnelle Val di Pesa) hanno inaugurato la vetrina promozionale allestita nella centralissima piazza della Repubblica: “Emozioni dal Chianti” che fino a domenica 12 metterà in mostra le eccellenze dei territori chiantigiani.

“È una bella iniziativa – hanno commentato i sindaci - che si svolge in un palcoscenico prestigioso come piazza della Repubblica attraversata ogni giorno da migliaia di cittadini e di turisti. Un manifestazione che permette di conoscere le eccellenze di un territorio, famoso in tutto il mondo, anche fuori dai propri confini. Il Chianti è presentato come un unicum che mette in evidenza lo stretto legame tra Firenze e la sua campagna caratterizzata da produzioni tipiche di alta qualità sul piano naturalistico, enogastronomico e artigianale".

“Emozioni dal Chianti” è la prima edizione di una vetrina promozionale che si estende per 160 metri quadri. Una galleria di espressioni che mescola sapienza agricola e abilità artigianale, promozione turistica e accoglienza istituzionale. All’interno degli stand oltre trenta aziende, tra attività agricole, agrituristiche e artigianali, sono impegnate a dispensare emozioni, a coinvolgere i sensi di cittadini e turisti. Gli espositori offrono degustazioni di olio, vino, prodotti di cinta senese, formaggi, miele, vin santo, grappa, zafferano, specialità realizzate con i petali di rose (gelatine, aceto, sciroppo, confetture). Nei giorni della rassegna, oltre ai prodotti si possono degustare i piatti della tradizione chiantigiana come il peposo dell’Impruneta e altre prelibatezze proposte da alcuni ristoratori del Chianti. Si possono ammirare anche le produzioni artigianali realizzate da intagliatori, restauratori, ceramisti, sarti, operatori del cotto e del tessile. L’esposizione è arricchita da una carrellata di proiezioni video inerenti le ricchezze paesaggistiche e storico-artistiche del Chianti.
Gli stand sono aperti dalle 10 alle 22.

Redazione Nove da Firenze