Accademia Italiana, la scuola di moda di Firenze dal 1984

Uno dei principali istituti europei di formazione nel campo del design e delle arti applicate di livello universitario e post-secondario


FIRENZE- Era venuto a Firenze per diventare stilista nel 1991. Anche Izzeddin Elzir, per due volte Presidente dell’Unione delle Comunità Islamiche d’Italia, è stato uno studente dell’Accademia Italiana, l’istituto universitario che ha sede in piazza Pitti, dove da decenni centinaia di giovani italiani e stranieri partecipano ai corsi di primo livello nel settore della moda, del design e della fotografia. L’Accademia Italiana è stata la prima accademia privata di moda e design in Toscana autorizzata dal M.I.U.R. al rilascio di titoli di studio legalmente riconosciuti ed equipollenti alle lauree triennali italiane.

L’istituto, opera da oltre trent’anni nelle sedi di Firenze e Roma, con corsi organizzati in classi multietniche, composte al massimo da 20-25 alunni. Nella formazione delle discipline artistiche (fra cui moda, arredamento e grafica) la scuola fiorentina offre un corso di laurea che deve rispondere agli input dei settori industriali e commerciali, con l’ambizione di rappresentare un’incubatrice di progetti spendibili a livello internazionale.

Accademia Italiana promuove il lavoro degli allievi attraverso gli eventi di fine anno accademico (sfilata di moda e mostre di design, grafica e fotografia) e attraverso un “open day” dedicato alle aziende che cercano nuovi contatti. Operatori nei vari segmenti del design prendono visione dei progetti finali dei laureandi in un’esposizione che l’istituto organizza presso la propria sede dopo gli esami finali, quest’anno il 18 aprile al Fashion show al Tuscany Hall. Ad aprile la Palazzina Reale ospiterà una mostra di design, foto e grafica in collaborazione con l’Ordine degli Architetti, alla presenza di un testimonial vip. Mentre nei mesi scorsi gli studenti del corso di fotografia sono stati protagonisti di uno shooting fotografico allo Student Hotel di Firenze.

A giugno 2019 gli studenti di fotografia avranno a disposizione una fotocamera Leica per quattro settimane per realizzare uno shooting di moda con la collaborazione del denim brand F.G. 1936, che verrà esibito in mostra in occasione di Pitti Immagine Uomo. Intanto a Reggio Emilia altri allievi dell’Accademia esporranno nei chiostri di San Pietro per Fotografia Europea 2019

Altre occasioni d’interazione tra allievi e mondo del lavoro sono i concorsi e progetti interdisciplinari attivati tra Accademia Italiana e le aziende del territorio. Nell’ottobre scorso i ragazzi dell’Accademia hanno progettato una campagna di comunicazione sociale per la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori. A dicembre due studenti hanno vinto uno stage in azienda alla Pink Memories di Lastra a Signa, grazie ai modelli da loro realizzati e selezionati dal brand fiorentino. E proprio in queste settimane una studentessa dell’Accademia è in stage in un’azienda empolese, la Stephen 1986, come vincitrice di un contest per la progettazione di un cappotto in pelle. Intanto altri 15 giovani sono a Parigi per collaborare al back stage di Vivienne Westwood nel corso della Fashion Week.

“L’istituto è in contatto con aziende operanti nei diversi settori del design a cui sono inviati regolarmente i profili dei nuovi laureati -spiega a Nove da Firenze il presidente dell’Accademia, Vincenzo Giubba- Queste collaborazioni si traducono in concrete opportunità di lavoro per gli studenti, che anche all'interno dell'Accademia si sentono spesso coinvolti in un gruppo di lavoro, che ha il sapore di una grande famiglia”.

Nicola Novelli