Consiag entra al 50% in Fonteolica


Prato, 2 luglio 2008- Consiag investe nella produzione di energia da fonti rinnovabili ed entra al 50% in Fonteolica, società costituita da Enermia di Milano ed Enermill di Torino per lo sviluppo di siti eolici con impianti ‘a misura’ di territorio. Tra le energie rinnovabili l’eolica è, oggi, l’energia che può maggiormente competere con le fonti convenzionali per la produzione di energia elettrica. Ecco perché Consiag, che da anni investe molte delle sue risorse nello studio e nella ricerca in materia di fonti rinnovabili di energia oltre che nella realizzazione di progetti e iniziative che riducano le emissioni inquinanti (è infatti una Esco), ha scelto di fare il suo ingresso in Fonteolica, di cui ha acquisito il 50%. La società, costituita da Enermia di Milano ed Enermill di Torino, ha come obiettivo la ricerca, caratterizzazione e sviluppo di siti eolici finalizzati alla realizzazione di impianti per la produzione di energia elettrica. Con un valore aggiunto: in linea con le strategie di Consiag, il progetto su cui si basa Fonteolica è infatti quello di realizzare impianti di dimensioni calibrate al territorio e nel rispetto della tipicità ambientale e paesaggistica che coinvolgano il più possibile l’economia locale, privilegiando quindi siti piccoli ma di buona producibilità non presi in considerazione dai tradizionali operatori del settore. In poche parole si tratta di realizzare piccole unità produttive, non invasive dal punto di vista paesaggistico, situate in aree marginali e con impianti di poche macchine, che possano essere utilizzate anche per i consumi locali e capaci di coniugare con equilibrio i molteplici interessi del territorio.
Gli obiettivi
L’obiettivo da cui nasce questo progetto è quello di posizionare in un periodo di tre/cinque anni 15-20 impianti per un totale di 80/100 MW distribuiti in più aree territoriali con dimensioni pari a quelle di una provincia caratterizzate da buona ventosità e delle quali sono già a disposizione dati e caratteristiche. Obiettivi non di poco conto tenendo presente che in media, vista la lentezza del processo di adozione e di autorizzazione delle iniziative proposte sul territorio, occorrono circa 5/6 anni da quando un progetto viene avviato (con le misurazioni) fino all’inizio dei lavori.
I progetti in corso
La società dispone di una notevole banca dati eolica (misurazioni del vento) con valori storicizzati e consolidati nel tempo e relativi a molte zone del territorio nazionale e in particolare nel Centro e nel Sud Italia dove sono già stati individuati siti eolici e sono in corso studi. Sono inoltre stati già presentati progetti per la produzione di energia elettrica.

Redazione Nove da Firenze