Rifiuti: il commissario De Gennaro e l'esercito in Campania.
Domani incontro tra i Presidenti delle Regioni e Romano Prodi


Ad annunciare il ''piano operativo'' del governo Prodi al termine di un vertice a Palazzo Chigi. La regione sarà dotata di almeno tre termovalorizzatori e per fronteggiare l'emergenza ci sarà anche il concorso dell'Esercito. Pecoraro: ''Scelte di qualità, ora agire per limitare i danni''. Ancora blocchi a Pianura. Nella notte fiamme, tafferugli e feriti. Sassi contri i vigili del fuoco; Arrestato un ragazzo di 25 anni.
Maurizio Dinelli lancia un monito al Presidente Martini in vista dell’incontro di domani tra i Presidenti delle Regioni e Romano Prodi sull’emergenza rifiuti in Campania. “La Toscana – ricorda Dinelli – ha già dato. Le vasche di colmata del Porto di Piombino sono state infatti scelte dagli amministratori locali e dal Governo nazionale di centrosinistra come luogo idoneo a ricevere, già dal mese di gennaio, rifiuti industriali provenienti dall’ex Ilva di Bagnoli. Non solo. La nostra Regione ha conquistato anche il triste primato, secondo il rapporto di Legambiente sui reati di eco-mafia, di essere crocevia di traffici illeciti di rifiuti. In toscana, sono almeno 2 milioni e settecento mila i rifiuti speciali di cui si perdono le tracce. Martini quindi deve dire no a qualunque “richiesta di asilo” per i rifiuti provenienti da altre regioni, tanto più che la stessa Giunta ha denunciato il pericolo per la Toscana di piombare nella stessa grave emergenza rifiuti della Campania. È necessario – conclude Dinelli – che il Consiglio regionale indaghi a fondo, con ogni mezzo a sua disposizione, per far chiarezza sulla situazione rifiuti nella nostra Regione al fine di prevenire ogni possibile situazione di crisi, che ad oggi appare invece quasi inventabile. L’incapacità di decidere, come nel caso della Giunta Bassolino, sulle soluzioni migliori per lo smaltimento dei rifiuti affligge anche il nostro governo regionale che ha scelto, con l’entrata in Giunta di Rifondazione, di tirare a campare per non scontentare nessuno”.
«In via di Novoli sacchi di rifiuti abbandonati perché sono stati eliminati i cassonetti». E' quanto denuncia, in una interrogazione, il consigliere di Forza Italia Marco Stella. «Tale scelta si è resa necessaria per i cantieri della tramvia - scrive l'esponente del centrodestra - ma i cittadini sono stati avvertiti e non sono state fornite le opportune indicazioni sui luoghi di deposito alternativi». «In via di Novoli - prosegue Stella - sono già presenti numerosi sacchi di rifiuti abbandonati dai cittadini che non hanno trovato più i cassonetti nelle postazioni consuete». Il consigliere di Forza Italia vuole sapere «quali sono le soluzioni alternative per i residenti»; «in quale forma e in quali tempi si intende informare i cittadini sulle postazioni alternative»; «se è stata predisposta la raccolta dei rifiuti già presenti in strada visto che non sarà utilizzabile l'ordinario mezzo di svuotamento automatizzato dei cassonetti e quali sono i costi aggiuntivi previsti per l'effettuazione del servizio».

Redazione Nove da Firenze