Rubrica — Editoria Toscana

Pitti Immagine: a modern man’s wardrobe

Mercoledì 13 giugno la presentazione del libro a Pitti Immagine Uomo


CAOSORDINATO, il libro curato nel 2016 da Stefano Chiassai e Corinna Chiassai ha segnato l’inizio di un progetto culturale di ampio respiro, che dopo una serie di eventi ed installazioni ha stimolato il dialogo tra persone legate al mondo della moda, del design e dell’arte. 

RITMOEMOTIVO è il secondo lavoro editoriale di questo progetto - pubblicato anch’esso da Nuova Libra Editrice –, proseguendo l’attività di contaminazione creativa e culturale di Stefano Chiassai in collaborazione con la figlia Corinna.

Il lavoro dei curatori parte, anche in questo secondo capitolo, dai capi storici e dagli accessori (15.000 in tutto) che rappresentano l’archivio privato del fashion designer, una collezione che a breve diventerà aperta a tutti, come hub di lavoro e ricerca per tutto il mondo della moda e del design.

Il nuovo libro – che contiene la prefazione di Raffaello Napoleone e una introduzione di Giuliana Parabiago – è un’antologia di nuovi outfit, espressione della contaminazione tra epoche, stili, tendenze che si sono susseguiti nella storia della moda.

RITMOEMOTIVO racconta attraverso i look presentati un iter suddiviso in tre sezioni – Jacquarding, Uniforming, Sporting - mettendo in luce il profilo della moda ed il suo potere espressivo, con uno sguardo a-temporale e una matrice culturale autonoma.

Secondo Stefano Chiassai, l’operazione compiuta sui capi e sugli accessori permette di “far rivivere le loro storie, narrarne la provenienza, le tradizioni, le diverse culture ed epoche in un gioco di abbinamenti e cadenze che creano, dopo aver “rimesso in ordine il caos”, un ritmoemotivo che non si ferma mai”.

In un gioco di ‘cromiedicolore’ emergono le tecniche di lavorazione oppure la particolarità dei filati e degli accessori, ognuno per ritrovare una ‘fantasiacreativa’ indipendente e libera. Il vecchio, il contemporaneo ed il nuovo si intrecciano e si raf­forzano a vicenda, creando una concezione di ricerca a-tempo­rale in cui niente si identifica più con l’età ma con il contenuto che ha da trasmettere: Tutto è in ordine - tutto è in disordine. Tutto è abbinabile - tutto è disabbinabile. Tutto è giusto - tutto è sbagliato.

In questo secondo progetto editoriale è risultata molto significativa l’esperienza della mostra ‘UNAVITADALEM’ realizzata in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Brera nata dall’incontro del Progetto Culturale CAOSORDINATO con il lavo­ro degli studenti del Corso di Design del Tessuto. La mostra era incentrata su LEM, acronimo di “little ego man”, come richiamo simbolico all’indivi­dualità, poi diventato il ‘te­magioco’ dei lavori presentati dagli studenti.

In RITMOEMOTIVO ritroveremo LEM come miniatura colorata che si nasconde tra i dettagli di alcuni degli outfit proposti in questo volume.

Ogni completo, nella sua unicità, racconta così un uomo che nonostante l’appari­re estroso è fortemente con­nesso al proprio little ego man: una specie di coscienza positi­va verso noi stessi ed il mondo circostante.

Stefano Chiassai

Stefano Chiassai inizia il suo percorso da giovanissimo nell’impresa di famiglia. Cresciuto tra tavoli da taglio, macchine da cucire e sarte comincia a sperimentare accanto alla madre ed al padre il significato del “saper fare” italiano, toccando da vicino la realtà dei piccoli ma grandi laboratori artigiani a tradizione familiare. Respirare l’atmosfera creativa degli anni ‘60 e ‘70 ed entrare a contatto con le persone della moda che contribuiscono sia a crearla che a produrla, è la sua scuola più vera. La sua strada è ormai decisa: riuscire a fare della passione per la moda la sua professione. All’inizio degli anni ‘80 Stefano lancia la sua prima collezione, conquistando credito per l’innovazione dei suoi total look futuristici. La sua è una carriera velocissima che lo vede protagonista sul palcoscenico di Pitti Immagine Trend, di Pitti Immagine Uomo e della Men Fashion Week milanese, consolidando la sua esperienza in dimensioni sempre diverse del fashion. L’incontro con la moglie Alessandra dà una svolta de­cisiva non solo alla sua vita ma anche al suo percorso professionale che lo porta ad aprire il suo studio stilistico. Stefano Chiassai Studio è oggi uno tra gli hub di creatività più prolifici del panorama italiano, dedicato alla concezione di idee, al design e allo sviluppo di progetti che Stefano, insieme ad Alessandra, al suo team e alla figlia Corinna, segue per brand internazionali della moda maschile. Stefano Chiassai può essere definito un creativo alla continua ricerca di nuove espressioni estetiche. Alla base della sua filosofia ci sono ricerca ma anche un forte attaccamento alla re-interpretazione della tradizione artigianale attraverso l’esplora­zione di nuove tecnologie. Dirige la sua attività di Creative Director focalizzando la propria espressività nel settore luxury e in progetti con impronta urbana legati alla sperimentazione. Il progetto culturale CAOSORDINATO, di cui questo volume fa parte, è stato inaugurato nel 2016 e costituisce la piattaforma espressiva libera da ogni vincolo sulla quale Stefano può sviluppare tutta la sua energia creativa.

Corinna Chiassai

Corinna Chiassai è nata in una famiglia “modaiola” proprio come suo padre. Crescendo in un ambiente stimolante tra vestiti, colori e disegni, è stato chiaro sin da subito che avrebbe trovato la sua strada nel campo creativo. Ha studiato arte a Firenze e Design di Moda all'Istituto Marangoni di Milano, curiosa e sempre alla ricerca di nuove esperienze, si è spostata tra diverse città per cogliere opportunità che la arricchissero sia a livello personale che professionale. Dopo aver lavorato a Milano e Como per alcune rinomate case di moda, Corinna si trasferisce ad Amsterdam con il marito per intraprendere una carriera internazionale. Qui ricopre per diversi anni il ruolo di designer responsabile del team di Tommy Hilfiger Runway. Oggi lavora come consulente per vari progetti tra i Paesi Bassi e l'Italia, ed è entrata a pieno titolo a far parte dello Stefano Chiassai Studio. Il progetto culturale CAOSORDINATO ha costi­tuito per Corinna Chiassai un’ulteriore occasione per mettersi alla prova in un ambito multidisciplinare che comprende non solo moda ma anche arte, design ed exhibition.

Redazione Nove da Firenze