25 aprile: i programmi della Festa della Liberazione

Un ricco programma di iniziative in Toscana. Lunedì film e concerto dell'Ort al Teatro Verdi. Sala strapiena per la proiezione del docufilm “Kia Ora! La Liberazione attraverso la storia del 28° Battaglione Maori” che si è tenuta ieri al cinema di Tavarnelle


Firenze, 22/04/2016- 25 aprile 2016: 71 anni dalla Liberazione dall'occupazione nazista, all’insegna del passaggio del testimone tra generazioni. E' ricco il cartellone di eventi promosso per ricordare il settantunesimo anniversario.

Torna al Teatro Verdi di Firenze il tradizionale appuntamento con il concerto del 25 aprile, organizzato da Regione Toscana e Orchestra regionale della Toscana. Il concerto, lunedì 25 alle ore 21.00, è ad ingresso libero e ci sono ancora posti disponibili. Gli inviti sono in distribuzione presso la biglietteria del Teatro Verdi, ma possono essere scaricati anche direttamente dal sito dell'Ort. L'appuntamento di quest'anno è dedicato al film "Why Worry?" (1923) di Fred Newmeyer e Sam Taylor, con protagonista il famoso attore del cinema muto Harold Lloyd. La colonna sonora è stata composta nel 2014 da Carl Davis, che dirigerà l'Ort nell'esecuzione dal vivo. La storia narra di un ricco ipocondriaco che va in vacanza in un paese tropicale e si trova coinvolto suo malgrado in una rivoluzione.

In occasione dell’anniversario della Festa della Liberazione e a un anno dalla collocazione dell’installazione site-specific dell’artista Alberto Garutti in piazza Santa Maria Novella (nella foto), i Musei Civici Fiorentini e l’Associazione MUS.E propongono uno speciale laboratorio artistico per famiglie con bambini al Museo Novecento, dalle ore 10.30 alle 13.30 di lunedì 25 aprile. Prendendo spunto dalle numerose opere presenti nel Museo di artisti che hanno vissuto in prima persona il regime fascista, chi da dissidente, chi da allineato, chi in una posizione oscillante tra i due schieramenti, i bambini saranno invitati a un’azione collettiva di collage sul tema della libertà e della pace in chiave tricolore. L’iniziativa servirà per riscoprire quanto l’espressione libera, che non è sempre stata scontata, sia importante per vivere bene con gli altri e che, come recita l’articolo 21 della Costituzione della Repubblica Italiana, “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto, e ogni altro mezzo di diffusione”. Oltre ai bambini e alle famiglie in visita al Museo Novecento, l’anniversario coinvolgerà attivamente anche piazza Santa Maria Novella: durante tutto l’arco della giornata gli esercenti della zona esporranno volantini e tovagliette con i colori della bandiera italiana, che recheranno un testo legato all’installazione di Alberto Garutti e al tema del coraggio, come un invito a ricordare.

Anche quest'anno Arci celebra il 25 aprile con tante iniziative sui territori, che mettono insieme cultura, cinema, letture, teatro, musica e buona cucina. La giornata della Liberazione è la Festa in cui si celebra la liberazione dal nazifascismo, che ha portato alla rinascita democratica del nostro Paese, segnando la possibilità e l'opportunità di rivendicare i nostri diritti ed esercitare i nostri doveri di cittadini. Diritti e doveri che ancora oggi devono essere difesi ogni giorno, per non incorrere nel rischio di recrudescenze di ideologie neofasciste e per non lasciare spazio a qualunquismo e indifferenza. Nei Circoli Arci il 25 aprile sarà festeggiato nella maniera che ci piace e che ci riesce meglio: promuovendo la partecipazione e la cittadinanza attiva, consapevole e informata. Per questo, quest'anno, oltre alle celebrazioni per ricordare il sacrificio dei tanti partigiani che dettero la vita per consentirci di nascere e vivere in un Paese libero e democratico, vogliamo anche celebrare uno dei punti cardine della nostra democrazia che sul loro sacrificio si fonda: il voto alle donne. Nel 2016 saranno infatti trascorsi 70 anni dal voto alle donne in Italia e Arci ha deciso di dedicare alle donne partigiane e costituenti, alle cittadine che si impegnarono in prima fila per il conseguimento di questo diritto fondamentale in un Paese schiacciato da un ventennio di dittatura fascista, l'immagine della festa. Oltre al tradizionale pranzo in Piazza Poggi a Firenze, organizzato da Arci Firenze, Anpi provinciale e Url San Niccolò, ci sono tante altre iniziative da segnalare. Dallo spettacolo teatrale al Circolo La Pace di Compiobbi, in collaborazione con Casa del Popolo di Fiesole e Teatro Solare, “I nostri giorni migliori. Lettera non scritta sulla Resistenza” alla Camminata della Memoria con pranzo nel bosco con la Casa del Popolo di Mercatale e il pranzo Resistente del Circolo 4 maggio di San Piero, passando per il pranzo con concerto e reading alla Casa del Popolo di Fiesole. Per arrivare poi alla miriade di iniziative messe in piedi dai circoli di Vicchio– Circolo 12 marzo delle Caselle, Circolo Arci Cistio, Circolo Arci il Tiglio – che insieme all’ANPI locale, al gruppo escursionistico vicchiese, Ass. Oltre e il Comune hanno organizzato la camminata dei partigiani, un pranzo a base di tortelli, il concerto di Giorgio Canali e Rosso Fuoco, e un aperitivo in terrazza. Su tutto il territorio, insomma, sono tantissime le iniziative con cui Arci, insieme ad Anpi e alle Istituzioni locali, festeggia il giorno della Liberazione.

L’ambasciatore della Nuova Zelanda in Italia Patrick Rata, cittadino Maori, è stato l'ospite d'onore dell'evento che si è tenuto ieri sera al Cinema Olimpia, in occasione della proiezione del docufilm “Kia Ora! La Liberazione attraverso la storia del 28° Battaglione Maori”. Alla serata, dedicata al settantunesimo anniversario della Liberazione nell’ambito del cartellone di eventi promosso dall’Unione comunale del Chianti Fiorentino, sono intervenuti i sindaci David Baroncelli e Giacomo Trentanovi, gli assessori di San Casciano e Montespertoli Chiara Molducci ed Elena Ammirabile, gli autori del progetto Stefano Fusi, Claudio Teobaldelli e Manuela Critelli, alcuni testimoni, Simone Neri Serneri, direttore dell'Istituto Storico per la Resistenza in Toscana e altri rappresentanti istituzionali dei comuni partner. L'evento è stato caratterizzato da una folta partecipazione del pubblico. Il progetto di documentazione e produzione cinematografica racconta la liberazione dei territori chiantigiani attraverso le storie del 28mo Battaglione Neozelandese, formato esclusivamente da Maori, arrivato dall’altro capo del mondo per liberare l'Italia dall'occupazione nazifascista. Promosso da una ricco partenariato istituzionale (Comuni di Barberino Val d’Elsa, Tavarnelle Val di Pesa, San Casciano Val di Pesa, Montespertoli, Scandicci e Firenze, Impruneta, Provincia di Firenze e Regione Toscana), il documentario è un’opera collettiva a cui hanno collaborato Manuela Critelli che ha curato la regia, Claudio Teobaldelli che ne ha diretto le musiche e Stefano Fusi che ha condotto il percorso di ricerche storiche e di testimonianze. Il film vuole far rivivere i rapporti, le relazioni fra le storie dei due popoli e di come essi, nonostante la morsa ed il dramma della guerra, nell’estate del ’44, riuscirono ad integrarsi mostrando reciprocamente rispetto, concretezza, dignità, amicizia e lealtà. Un'importante occasione di riflessione e confronto è offerta dall'incontro con il giornalista antimafia Pino Maniaci, direttore dell'emittente Telejato di Partinico. L'evento è in programma sabato 23 aprile alle ore 16 presso il Cinema Olimpia di Tavarnelle ed è curato dal Circolo La Rampa Tavarnelle e Anpi Sezione Barberino Tavarnelle. Lunedì 25 aprile è in programma il ciclo di cerimonie per la deposizione delle corone ai monumenti ai caduti nei Comuni di Barberino e Tavarnelle, con la partecipazione della Filarmonica Giuseppe Verdi di Marcialla. Il programma prevede la partenza alle ore 9 al cimitero di Vico d'Elsa e al Largo Caduti nei Lager di Tavarnelle. A Barberino le celebrazioni proseguono alle ore 10,45 in piazza Mazzini, con il corteo fino al monumento ai caduti, e si concludono alle ore 12 a Marcialla in piazza Brandi. A Tavarnelle la deposizione delle corone farà tappa a San Donato in Poggio, Sambuca, Pratale, nel luogo dell'eccidio nazifascista, e a Tavarnelle nei pressi dei rispettivi monumenti ai caduti. Alle iniziative sarà presente il Consiglio Comunale dei Ragazzi dell'Istituto Comprensivo Don Milani.

Ecco le iniziative promosse dal Comune di Lastra a Signa in occasione del 71° Anniversario della Liberazione. Lunedì 25 aprile alle 10 in sala consiliare si terrà un consiglio comunale aperto durante il quale interverranno il sindaco Angela Bagni, la presidente del consiglio comunale Gemma Pandolfini, il senatore e viceministro alle Infrastrutture e Trasporti Riccardo Nencini e Mauro Marzi della sezione Anpi di Lastra a Signa. Alle 11 sarà inaugurata la nuova denominazione dell’area compresa tra via Matteotti, via Cadorna e via Livornese intitolata a “Sandro Pertini presidente della Repubblica Italiana”, con l'intervento del presidente del Consiglio Regionale Eugenio Giani e la partecipazione della Filarmonica Verdi di Signa. Alle 11.30 si terranno le deposizioni delle corone d’alloro ai cippi e monumenti sul territorio comunale. Nel pomeriggio, alle 16, sempre in sala consiliare, si terranno le premiazioni del concorso letterario “Una storia partigiana”, a cura dell’Anpi Bruno Terzani di Lastra a Signa.

Il Comune di San Casciano celebra il settantunesimo anniversario della Liberazione con un ricco programma di eventi, in programma lunedì 25 aprile a San Casciano e Mercatale. Le celebrazioni si aprono alle ore 10 con il corteo per le vie del centro storico, accompagnato dal Corpo Musicale Oreste Carlini e successivamente la deposizione della corona al Monumento ai Caduti. Alle 12,30 il percorso della memoria dedicato alla Liberazione prosegue al Piazzale Dante Tacci e al Cimitero Americano, al Tondo delle Corti, al cimitero di San Piero a Calcinaia, a Fabbrica, al giardino Rina Morelli a Cerbaia. Il 25 aprile è un'occasione anche per la comunità di Mercatale di ritrovarsi e condividere il significato dell'anniversario con un programma di attività per l'iintera giornata dalle ore 9 alle ore 18, organizzato dall'Anpi di Mercatale con il patrocinio del Comune. Alle ore 10 è prevista la camminata sui luoghi della memoria con partenza dal rifugio Il Ginepro (Valigondoli) e attraverso il percorso Greve in Chianti- Monte Fili. Seguirà il pranzo al rifugio. Nel pomeriggio alle ore 18,00 l'ex sindaco Remo Ciapetti incontrerà nella sala della Casa del Popolo i giovani che hanno partecipato al viaggio-studio a Mauthausen.

Giornata dal profondo significato quella del prossimo 25 Aprile quando anche a Borgo San Lorenzo verrà celebrato il 71esimo anniversario della liberazione. Le manifestazioni prederanno avvio alle 9,45 presso la Pieve di San Lorenzo con la santa Messa in suffragio dei caduti. Alle 10,30 è prevista la partenza del corteo per la deposizione delle corone di alloro al Monumento ai Caduti, alla Cappella Ossario Partigiani, al Monumento alle Vittime civili di tutte le guerre e al Monumento alla Resistenza. La chiusura è prevista, con la celebrazione ufficiale, per le 11,30 davanti al Palazzo Municipale. Per consentire lo svolgimento del corteo sarà istituito, dalle 10 alle 13 del 25 Aprile, un divieto di sosta con rimozione forzata in Piazza Martiri della Libertà, per mt. 20 di fronte al Monumento della Resistenza, in piazza Dante, per mt. 20 corrispondenti al fronte e per mt. 20 corrispondenti al retro del Monumento ai Caduti, in Piazza Dante su ambo i lati nel tratto antistante il palazzo comunale e in Piazza del Poggio. Previsto inoltre il divieto di transito dalle 08.00 alle 13.00 del 25/04/2016 in Piazza Dante nel tratto antistante il palazzo comunale oltre che la soppressione, nello stesso giorno e orario, delle fermate Sita, Cap, Autolinee Toscane e del servizio urbano in Piazza del Poggio e Piazza Martiri della Libertà. Allo scopo le società interessate provvederanno a dare tempestiva comunicazione all'utenza.

Reggello ricorda il 71° anniversario della Liberazione dal Nazifascismo. Le celebrazioni si svolgeranno, naturalmente, il 25 aprile: alle 9 da piazza IV novembre partirà il bus che si dirigerà a Secchieta per la deposizione della corona di alloro al Cippo dei Partigiani, con l’accompagnamento musicale dell’Ensemble di ottoni della Filarmonica “Giuseppe Verdi” – Associazione Musicale Giovanni da Cascia”. Subito dopo si tornerà a Reggello dove alle 11,30 ci sarà il saluto delle autorità comunali, successivamente saranno deposte le corone di alloro ai monumenti dedicati ai caduti. In conclusione ci sarà l’esibizione della Filarmonica “Giuseppe Verdi”.

Dopo aver commemorato la settimana scorsa l’eccidio di Castagno D’Andrea, il Comune di San Godenzo celebra il 71° anniversario della Liberazione dal nazifascismo. L’appuntamento è per lunedì 25 aprile alle 10,30 a San Godenzo in piazza Dante dove ci sarà il concentramento delle autorità partecipanti. Alle 11 nella bellissima Abbazia Benedettina sarà celebrata la Santa Messa in suffragio dei caduti. Al termine alle 12 intervento del Sindaco Alessandro Manni e la deposizione delle corone ai Monumenti del caduti. La manifestazione sarà accompagnata dalla Banda Musicale “G.Verdi” di San Godenzo. Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare.

Tre giorni per ricordare la Liberazione dal Nazifascismo. Il Comune di Dicomano darà il via alle celebrazioni per il 72 anniversario della Liberazione con due giorni di anticipo. Si inizierà, infatti domani, sabato 23 aprile, alle 17 nella sala del Consiglio Comunale con la presentazione dell E-Book “Fogli Ribelli. Firenze 1944: la stampa clandestina tra guerra e Resistenza” di Eugenia Corbino e Paolo Mencarelli. Oltre ai due autori sarà presente anche il Professor Matteo Mazzoni dell’Istituto Storico della Resistenza Toscana onlus.

Il giorno successivo: domenica 24 aprile alle 17 in Biblioteca Comunale andrà in scena uno spettacolo contro la guerra per grandi e piccini dal titolo “Tamburino magico” a cura di Tania Cecconi. Infine lunedì 25 aprile, le celebrazioni ufficiali: alle 9 ci sarà la Santa Messa in ricordo dei caduti nella sala del Consiglio Comunale, alle 10 partirà il corteo con la deposizione delle corone. Infine, alle 12 in piazza della Repubblica concerto della Taka Band.

Dopo le premiazioni di ieri, che hanno visto protagonisti gli studenti delle scuole e i giovani ANPI, la giornata della Liberazione (lunedì 25 aprile) coinciderà a Castelfiorentino con la prima uscita pubblica del nuovo Consiglio Comunale e del Sindaco dei ragazzi, che affiancheranno il Sindaco Alessio Falorni nei vari momenti della cerimonia. Il programma, che prenderà il via alle 12.30 con il pranzo partigiano “Bella Ciao” al Circolo Arci “Puppino” organizzato dall’ANPI (prenotazioni: Ivana 333.4516858), contempla alle ore 16.00 la partenza da Piazza Gramsci del corteo automobilistico per la deposizione delle corone di alloro a cippi e monumenti: Nello Niccoli (Cimitero Comunale), Aladino Bartaloni (Granaiolo), Caduti in guerra (Castelnuovo d’Elsa), Mario Bustichini (Dogana). Alle 16.45 è previsto il rientro in Piazza Gramsci e il corteo a piedi, per la deposizione delle corone di alloro al cippo di Cesare Manetti, al Monumento ai Caduti e alla lapide di Giuseppe Garidbaldi (quest’ultima in Piazza del Popolo). A seguire il concerto in Piazza Gramsci della Filarmonica “G. Verdi” e gli interventi del Sindaco Falorni, di un rappresentante dell’ANPI e infine di Adele Montanero (Sindaco dei ragazzi). Il coinvolgimento pieno e attivo del Consiglio dei Ragazzi nella Festa della Liberazione ha preso il via – come ricorda il presidente del Consiglio Comunale, Alessandro Ginori – una decina di giorni fa, nel corso di una riunione congiunta tra il CCR e l’Assemblea dei rappresentanti che si è tenuta presso il Ciaf. Con l’ANPI di Castelfiorentino è stata tra l’altro organizzata questo pomeriggio (venerdì 22 aprile – ore 16.45) una breve gita a Petrazzi insieme al presidente onorario, Floriana Garosi, che in passato ha rivestito il ruolo di staffetta partigiana e racconterà in quel luogo simbolico (è ancora visibile su un muro una scritta dell’epoca “W i partigiani”) la sua esperienza.

Per celebrare la Festa della Liberazione Nazionale, lunedì 25 aprile la città di Prato prevede un ricco programma di appuntamenti:

Alle 8:30 con il rintocco della campana di Palazzo Pretorio "La Risorta" il presidente del Consiglio Comunale Ilaria Santi partirà da Piazza del Comune con la rappresentanza per deporre le corone di alloro ai monumenti e alle lapidi commemorative sul territorio comunale.

Alle 9:30 si terrà la S. Messa nella Cattedrale di Santo Stefano.

Alle 10:30 seguirà il corteo composto dalle autorità, dal gonfalone del Comune di Prato con i valletti comunali, partirà per Piazza delle Carceri, dove alle 11 si terrà la cerimonia militare solenne, con l'alzabandiera, l'"Onore ai caduti" e la deposizione della corona di alloro al Monumento a cura del Prefetto di Prato Maria Laura Simonetti, del sindaco Matteo Biffoni, del Comandante Militare e del vicepresidente della Provincia Emiliano Citarella.

Il corteo ripartirà poi verso Piazza del Comune, dove alle 11:45 ci saranno gli interventi del presidente dell'ANPI provinciale Angela Riviello e del sindaco Matteo Biffoni.

Il pomeriggio alle 17 in Piazza del Comune avrà luogo il concerto bandistico del "Concerto Cittadino E. Chiti" di Prato.

Alle 18, infine, in Piazza delle Carceri la cerimonia di ammainabandiera. Durante tutta la cerimonia e alla sfilata sarà presente la Filarmonica "G.Puccini" di Galciana.

 Anche quest’anno il Comitato di coordinamento provinciale senese promuove un ricco cartellone per celebrare la Resistenza e la guerra di Liberazione dall’occupazione nazifascista. Si parte sabato 23 Aprile con una iniziativa presso l’Aula Magna dell’Istituto Sarrocchi dal titolo “L’A.N.P.I. incontra le scuole” mentre domenica 24 Aprile si svolgerà la “65° Traversata della Città”, gara podistica organizzata da UISP Siena che partirà da Porta Camollia alle 20,30 per arrivare in Piazza del Campo, attraversando le vie cittadine. Lunedì 25 aprile le celebrazioni inizieranno alle ore 10 con la passeggiata cittadina organizzata dall’”ISRSEC” che, partendo da Via Malavolti 9, percorrerà i luoghi della memoria degli anni del fascismo e della Liberazione. Dalle 10,30 alle 12,30 e dalle 15 alle 16,30 l’apertura de Le Stanze della Memoria, in Via Malavolti 9, permetterà di visitare gli spazi e ripercorrere la storia senese del Ventesimo secolo attraverso manifesti e documenti e di depositare la propria memoria sugli anni del Fascismo e della Liberazione di Siena e provincia. Alle ore 11,15 la Banda Città del Palio, diretta dal Maestro Giuseppe Baldesi, si esibirà in concerto in Piazza Salimbeni. Le celebrazioni riprenderanno nel pomeriggio, alle ore 15,45, con il ritrovo dei partecipanti ai Giardini della Lizza, presso l’ “Asilo Monumento” dove sarà reso omaggio ai Caduti e saranno deposte le corone di alloro. Il corteo, preceduto dalla Banda “Città del Palio”, sfilerà poi lungo le vie del centro, facendo tappa nel cortile del Rettorato dell’Università degli Studi di Siena e alla Sinagoga nel Vicolo delle Scotte per la deposizione delle corone. Alle ore 17 è prevista la cerimonia ufficiale in Piazza del Campo, aperta dai saluti del sindaco di Siena e del presidente della Provincia di Siena. Seguiranno le testimonianze di due alunni dell’istituto Marconi che hanno partecipato alla giornata regionale “Meeting della memoria”. Conclude il partigiano e presidente provinciale dell’Anpi Vittorio Meoni. La giornata si chiuderà alle ore 18 presso il Teatro dei Rozzi con lo spettacolo musicale offerto dalla sezione soci di Siena dell’Unicoop Firenze. Eseguita dall’Unione corale senese l’esibizione sarà così composta: Prima parte “Romancero gitano”, sette brani per coro e chitarra solista – Seconda parte “Trio”, voce-mezzosoprano e chitarra. In caso di pioggia, la cerimonia ufficiale del 25 aprile prevista nel pomeriggio in Piazza del Campo si terrà al Teatro dei Rozzi, in Piazza Indipendenza, 15.

Redazione Nove da Firenze