Rubrica — In cucina

Ora Bistrot: in San Frediano il vinaino che coniuga sapori e viaggi

Apre sabato 28 aprile il nuovo locale di due giovani fiorentini: “Un inno alla vita, qui e ora”. Vini e cibi locali accompagnati da guide e riviste di viaggio


Sorseggiare un bicchiere di vino leggendo una guida di viaggio, degustare salumi e formaggi sfogliando una rivista di turismo, fantasticando il prossimo Paese da visitare, il nuovo itinerario da esplorare. In San Frediano apre ‘Ora Bistrot’, il nuovo "vinaino" pensato da due fiorentini, Chiara e Filippo, giovani con la passione per l’arte del cibo e del viaggio. Il nuovo locale si trova in via Pisana 48r, e aprirà ufficialmente i battenti con una serata evento in programma sabato 28 aprile (ingresso con aperitivo e degustazioni 10 euro, info 339-5823076).

'Ora Bistrot', aperto tutti i giorni dalle 18 a mezzanotte, propone sia l’aperitivo con assaggi di schiacciatine, sia la cena con taglieri di affettati e formaggi, accompagnati con sottoli, marmellate e miele, oppure con i crostoni caldi, specialità della casa. Sono tutti prodotti del territorio toscano, dai formaggi di Pienza al pecorino dell’Amiata, dal lardo di Colonnata al prosciutto dop toscano. C’è poi un'ampia selezione di vini rossi e bianchi, anch'essi legati alla storia del territorio grazie alla collaborazione con Marchesi Antinori e Compagnia del Vino.

L’arredamento del locale sarà corredato con le guide turistiche e le riviste di viaggio, che chiunque potrà consultare. Il nome del locale, Ora Bistrot, prende spunto dalla canzone di Jovanotti intitolata ‘Ora’. “Questo nuovo locale è un sogno che vogliamo realizzare – raccontano i titolari Chiara e Filippo – Come dice la canzone, non c’è montagna più alta di quella che non scalerò, non c’è scommessa più persa di quella che non giocherò. Noi vogliamo provare a scalare la montagna e realizzare il nostro sogno: allietare le serate delle persone offrendo vino, cibo e viaggi. Il nostro è un inno alla vita, un inno a vivere ogni momento con passione e intensità. Non a caso, il nostro motto è ‘qui e ora’”.

Redazione Nove da Firenze